interviste

Vita privata e pubbliche virtù: intervista all’Assessore Pier Paolo Vincenzi

mercoledì 21 novembre 2007
di giulia
A sei mesi dalla nomina ad Assessore allo Sviluppo economico e del commercio, dell'industria e artigianato intervistiamo il giovane Pier Paolo Vincenzi divenuto assessore presso il Comune di Orvieto a soli 26 anni. Così giovane e già ricopri un ruolo così importante e impegnativo, quali sono state le ripercussioni sulla tua vita privata? Credevi potesse essere così impegnativo, ma soprattutto quali sono i vantaggi e gli svantaggi di essere diventato personaggio pubblico? Ho sempre pensato alla politica come momento attivo, come governo delle cose e dei processi. Tuttavia, un conto è vivere tutto ciò da militante, seppur fortemente impegnato, altro è ricoprire un ruolo istituzionale con i suoi ritmi, le sue tensioni, le sue responsabilità. Ti cambia la vita. Perdi la leggerezza dell’età giovane ed entri nella “sala delle macchine” nella quale dovremmo esercitare quel mimino di saggezza e intelligenza che ci è stata concessa. Per quel che mi riguarda, la sfida è molto stimolante. Spero di poter fare bene… Secondo te sono giuste le polemiche dei commercianti sull'immissione dei varchi elettronici ZTL? Quali ripercussioni avranno? A questo proposito ho una domanda con la quale rispondere: un esercizio commerciale acquista o no un valore aggiunto se inserito in un ambiente cittadino in cui la vivibilità, la tranquillità e l'arredo urbano sono tutelati con efficacia? Fermo restando la volontà di ragionare su suggerimenti, puntualizzazioni, osservazioni da parte degli operatori commerciali, è indubbio che il progetto di riqualificazione del centro storico non possa prescindere da una razionalizzazione del traffico urbano. Il progetto di IV fase di mobilità alternativa va in questa direzione, e a trarne beneficio saranno i cittadini come i commercianti! Finalmente un assessore così giovane che può portare la nostra "parola": hai in mente di fare qualcosa, proporre iniziative, avviare progetti per questa categoria, i giovani? I giovani non sono una categoria ma una colossale opportunità per la città e per il territorio. Lo sono perché spetta a loro, a noi, di riaprire un futuro in cui non regni solo l’incertezza o la conservazione ma il progetto, la speranza e il sogno. Da questo punto di vista Orvieto dovrebbe avere più coraggio, la politica dovrebbe avere più coraggio. C’è molta retorica sui “giovani” tanto da diventare, spesso, una foglia di fico usata per coprire intenzioni “pudibonde”… Noi giovani dovremmo osare di più ed esercitare anche in politica la creatività e quella leggera forma di sapiente iconoclastia tipicamente dell’età più giovane senza attendere il plauso di mentori o tutori. Osservo con soddisfazione alcune belle iniziative imprenditoriali e commerciali nate dall’entusiasmo dei giovani e penso che un po’ di “rock” messo a fianco allo “slow” non sia poi così male. La questione oggi è quella di allargare la “piazza” per far posto ai giovani: nell’imprenditoria, nel commercio, nella formazione, nelle professioni. Ci troviamo nel periodo delle opportunità “contratte” e di una mobilità sociale molto meno fluida: questa situazione colpisce anzitutto i giovani. Non possiamo quindi far finta di nulla… Cosa fare? Anzittutto capire, ascoltare e offrire strumenti per cogliere delle opportunità. Poi, progettare con loro. Ci sono bravissimi giovani artigiani, imprenditori e professionisti in gamba che hanno idee e proposte. La politica non fa miracoli e nemmeno il mio assessorato. Mi piacerebbe lavorare per un evento sulla creatività giovanile nell’artigianato e sulle esperienze più interessanti nell’agricoltura di qualità. Inoltre vorrei proporre, concordandola con gli assessori al turismo e ai grandi eventi, la realizzazione di una guida alla città fatta dai giovani per i giovani. Potrebbero essere coinvolte le scuole, le associazioni culturali, le organizzazioni di categoria. Una piccola esperienza per conoscere e conoscersi. Quali ripercussioni ha avuto il turismo sul commercio negli ultimi anni anche secondo il Bollettino Economico che avete presentato una settimana fa? Diciamo che ai fini della stesura del bollettino economico non vengono fatte rilevazioni sui flussi commerciali come nelle analisi nazionali. Non abbiamo, per intenderci, dati riferiti al nostro territorio sulle esportazioni o le vendite al dettaglio. Abbiamo tuttavia dati sul turismo, i quali evidenziano come questo settore continui ad essere un pilastro della nostra economia. Credo vada fatta una riflessione, a questo proposito, non solo su quanto il turismo possa trainare l’economia del territorio, ma anche su quanto debba essere integrato nelle varie economie del territorio. Sappiamo che non esiste un solo tipo di turismo sul quale possiamo puntare, ma il concetto stesso di turismo si articola in varie forme: ve ne è uno di tipo monumentale, uno di tipo eno-gastronomico, c’è un turismo legato agli eventi, e un turismo di tipo commerciale. Ora, nessuno pensa di trasformare il centro storico in una boutique a cielo aperto, tuttavia è innegabile che anche innalzare la qualità dell’offerta commerciale nella città contribuisce ad alimentare questo tipo di economia del turismo. Giungiamo quindi alla conclusione che non è solo il turismo che fa bene al commercio, ma il commercio stesso, qualificato e valorizzato, fa bene al turismo. A che punto è il progetto del mercato coperto? E quello delle filiere corte come interferirà sul mercato tradizionale? Il progetto relativo al mercato coperto è in fase di studio ed approfondimento, e per nulla accantonato, come qualcuno ha voluto farmi dire. Il progetto del mercato delle filiere corte è un’altra idea che sto sviluppando e spero possa vedere la luce in tempi brevi. Risponde ad altre esigenze e non va ad interferire col mercato tradizionale. Diverso il target, differenti le modalità, due progetti assolutamente complementari e per nulla in concorrenza. Come tanti fra noi orvietani anche tu ancora vivi con i tuoi genitori, commentami l'affermazione di Padoa Schioppa sui "bamboccioni". Io credo che la questione in oggetto sia più seria e complessa di quanto non sia emerso a seguito del dibattito sulla frase del ministro Padoa Schioppa. A questa situazione concorre sicuramente, da un lato, un fattore, diciamo così, culturale. Non posso però non vedere come la mancanza di tutele e sostegno per i giovani che entrano nel mondo del lavoro condizioni in maniera determinante certe scelte di vita. Non credo che un contratto a progetto di durata annuale con un compenso di 600/700 Euro mensili sia il punto di partenza migliore per costruirsi un futuro indipendente dalla famiglia. Sono convinto che un giovane che non ce la fa a uscire di casa per questioni oggettive non possa essere liquidato come “bamboccione”.

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 settembre

Sfilata di moda lungo Corso della Repubblica per Duedimè Concept Store

Amici della Terra: "Finalmente riconosciute le nostre ragioni"

Paolo Ricci, il gioiellino di Orvieto dagli Allievi Elite del Montefiascone al Savio

Cena del Serancia a Torre San Severo. Palazzo Simoncelli si veste di bianco rosso

No al terzo calanco, "Sentenza che cambierà la storia dei rifiuti in Umbria"

Al PalaPapini Zambelli Orvieto fa le prove generali col Baronissi

Festa dell'Arte all'Università della Tuscia, per sentire e vedere

Cane malato e abbandonato. L'appello: "Fate qualcosa per aiutarlo"

Con Maria a Roma, da Papa Francesco a bordo del treno storico

Incendio alla Piscina, in corso i lavori di pulitura. Si riapre ad ottobre

Pulizia del centro, troppo rumore e disagi. Germani: "Verifiche in corso"

Inquinamento acustico in Strada del Piano, soluzioni in alto mare

Varchi in Via Soliana e Via Malabranca, partiti i lavori

Contributo all'Associazione Lea Pacini, botta e risposta in Consiglio

"Ticket sanitari, il problema esiste". Il 5 ottobre incontro tra Conferenza dei sindaci e Usl Umbria 2

Prelevati soldi dal fondo di riserva: spesi in cultura, servizi e sport

Ratificata dal Consiglio la variazione di bilancio per la manutenzione della Scuola Barzini

Niente Stati Generali del Turismo. "Non c'è alcuna intenzione di ascoltare"

Verso il "Patto per la Sicurezza" del territorio, va avanti la burocrazia per la video-sorveglianza

Liste d'attesa sulle prestazioni sanitarie. Sì unanime del consiglio all'ordine del giorno

Tappa nell'Orvietano per il "Press Tour Umbria" sulla Via Romea Germanica

In mostra alla Casa del Vento due capolavori del Rinascimento

"Come mia madre", una mostra per celebrare il mese mondiale dell'Alzheimer

La Sezione Comunale Avis di Giove festeggia vent'anni di attività

Galgano (CI): "Bene lo stop al terzo calanco, ha vinto la comunità"

Sicurezza urbana, la Regione Umbria vara il piano di programmazione

Settore estrattivo, interrogazione di Nevi (FI) sugli intendimenti della giunta regionale

Adesione "Puliamo il Mondo 2017". Grassotti: "Un'occasione importante"

Ippocastani secchi in Viale IV Novembre, disposta l'ordinanza per l'abbattimento

L'esperienza di gestione di lupi e cinghiali del Parco dei Sibillini approda in Portogallo

Laureati, in Umbria 1.320 assunzioni nel trimestre. Ecco dove

"Sharper 2017". Duecento volontari per la Notte Europea dei Ricercatori

Premi alle associazioni in cammino lungo la Via Francigena

Sanità, Cittadinanzattiva e TdM incontrano i cittadini al Circolo di Ciconia

Interventi sulle condotte idriche, possibili interruzioni del servizio

Addio alla Scuola per Adulti: la denuncia "Il Comune rinuncia senza reagire"

Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto, Marco Fratini entra nel consiglio di indirizzo

Frate Alessandro Brustenghi, la voce di Assisi dona voce all'organo del Duomo

Le Giornate Europee del Patrimonio 2016 portano "Sotto e Sopra la Città"

Con "ChocoMoments Orvieto", scatta l'ora dei golosi. Tre giorni da leccarsi i baffi

L'Unitre inaugura il 26esino anno accademico. Recital al Palazzo Comunale

Michele Fattorini in Sicilia: "L'errore ci può stare, proveremo a rifarci"

Istruzioni per l'uso del compleanno

La Zambelli Orvieto torna in campo a Firenze

Poggio Gramignano, Chiesa della Collegiata e musei aperti per le Giornate Europee Patrimonio

"Orvieto sempre più distante da Roma". Sacripanti chiede conto della soppressione dei treni

Come un tremore

Province, entro fine mese tutto il personale avrà la sua destinazione

"AMAtriciana della solidarietà" in Piazza Roma

Memorial Alessio Corradini, il programma della giornata

"Architettura e Natura", chiusa la quarta edizione. Positivo, il bilancio [Video]

Seconda edizione per la Giornata della promozione dello sport e delle attività ricreative

Corso sulla cura dell'ictus e integrazione interna all'Usl 2

Ricordando Margherita

"Orvieto diVino". I vini della Rupe al simposio internazionale in Ambasciata d'Italia presso la S.Sede

Ultimo saluto all'uomo schiacciato dal crollo del solaio della propria abitazione

Promozione e marketing turistico, incontro in Comune per gli operatori del settore

Ventennale di OCC. Nel fine settimana, stand Fisar e incontro "Oltre il cancro...10 anni dopo”

Festa della Madonna della Mercede. Il programma completo, l'ordinanza della viabilità

Meteo

mercoledì 07 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.1ºC 94% discreta direzione vento
15:00 8.8ºC 90% discreta direzione vento
21:00 4.4ºC 97% buona direzione vento
giovedì 08 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 8.6ºC 87% buona direzione vento
15:00 12.6ºC 55% buona direzione vento
21:00 7.5ºC 84% buona direzione vento
venerdì 09 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.7ºC 81% buona direzione vento
15:00 12.8ºC 69% buona direzione vento
21:00 6.6ºC 97% buona direzione vento
sabato 10 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.5ºC 92% buona direzione vento
15:00 11.6ºC 94% buona direzione vento
21:00 10.0ºC 98% foschia direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni