interviste

Giovani e lavoro. Tanto per cominciare la baby sitter... Intervista

mercoledì 16 agosto 2006
di davidep
Breve viaggio tra i principali mestieri che per tradizione, convenzione e prassi, sono svolti abitualmente dai giovani. Si parte con uno dei lavori temporanei più gettonati, che impiega soprattutto le ragazze: la baby-sitter. Per aiutare i genitori che lavorano e non sanno a chi affidare i figli in mancanza di nonni e parenti, la soluzione si chiama Mary Poppins o giù di lì e in genere, è invocata per le serate, i fine settimana, i compiti del pomeriggio o quando il piccolo è malato. Se aumentano le mamme lavoratrici, aumentano le richieste di intervento di tate in momenti particolari, ma sempre più spesso le mamme si rivolgono alle baby-sitter non solo per essere sostitute un paio d’ore, ma anche per affiancarle quando sono in casa, magari in altre faccende affaccendate. Benché questo sia spesso considerato un “non lavoro” da improvvisare e svolto senza una formazione adeguata, in realtà la baby-sitter, se ha un contatto prolungato e continuo con lo stesso bambino, può avere un ruolo molto importante nel suo sviluppo. La baby-sitter non ha una funzione educativa specifica, ma può trovarsi ad insegnare molte cose. Se l’esperienza piace, si può pensare di pubblicizzare la propria disponibilità presso parenti e amici, oppure nei negozi del vicinato. Esistono anche corsi di formazione regionali e agenzie che fanno da tramite tra domanda e offerta di lavoro, le occasionali esperienze di custodia dei bambini possono tramutarsi in un possibile impegno lavorativo a patto di creare in proprio un’attività e investire sulla formazione specifica. Racconta la sua esperienza Donatella, una ragazza di 26 anni che svolge questo lavoro da diverso tempo. Spesso si comincia a fare la baby-sitter occupandosi casualmente dei figli di amici o conoscenti. Tu come hai iniziato? Ho cominciato a fare la baby-sitter circa sei anni fa, in maniera del tutto casuale. Mia sorella aveva svolto lavoretti di questo tipo e improvvisamente non potendolo più fare mi ha chiesto se ero interessata alla cosa. In breve mi sono ritrovata tra le braccia un bimbo di pochi mesi e il fratello di quattro anni. Pur non avendo mai pensato di fare la baby-sitter in vita mia, la cosa non mi dispiaceva più di tanto. Anzi, pensavo di poter mettere a frutto la situazione traendo spunto dai bambini come soggetti per il tipo di studio che stavo facendo, la Scuola Internazionale di Comics, e poi qualche soldo in più non guasta mai. Ovviamente all’inizio il “lavoro” era molto più impegnativo data l’età dei bambini, soprattutto il piccolo, in quanto totalmente privo di autonomia. Giornate intere  passate con loro, incastrate tra le lezioni del mio corso. Non nego che a volte erano giorni veramente sfiancanti (dalle 8 di mattina a pomeriggio inoltrato è un periodo piuttosto lungo e a volte interminabile - colazione, cambiali, vestili, leggi loro le favole, giocaci, prepara il pranzo, falli addormentare - senza addormentarti -, la merenda, rigiocaci....).  C’è un aspetto di questa professione che molti sottovalutano? Spesso  si dimentica che gli orari e le necessità di un bambino sono ben diversi da quelle di un adulto e che il potere è solo nominalmente in tuo possesso. Inoltre non vorrei tralasciare il fatto che fare la baby-sitter implica anche avere un legame stretto con il resto della famiglia (da cui è sempre difficile staccarsi) e che c’è sempre una linea di confine tra quello che puoi o non puoi fare. La discrezione e il senso del dovere sono assolutamente necessari e la puntualità è d’obbligo. Ma è anche vero che dipende molto dai casi e devo ammettere che sotto questo aspetto non mi posso lamentare. Hai detto di svolgere questa attività da circa sei anni. Fin quando hai intenzione di proseguire? Nonostante tutto non ho mai pensato a questa attività come un lavoro e  forse anche per questo non ho ancora deciso d’interrompere la cosa. Certo se mi si chiede se lo vorrò fare per tutta la vita, la mia risposta è senz’altro no. In molte altre occasioni mi è stato proposto di seguire altri bambini ed entrando in contatto con l’ambiente scolastico di queste proposte capitano molto spesso, ma se c’è una cosa che ho capito è che dire di sì vuol dire prendere un impegno piuttosto gravoso e costante. I bambini vogliono sicurezza ed essere seguiti con costanza, non è una cosa che puoi fare tanto per fare. Il rapporto affettivo che si instaura con i bambini di cui ci si occupa spesso è fortissimo, per cui è indispensabile saper gestire la relazione senza creare competizioni con la figura materna. Tu diventi per loro un altro punto di riferimento e non puoi decidere che non ti va più e prendere ed andartene all’improvviso. Il bambino ideale non credo esista, tutti hanno i propri momenti di stanchezza ed il proprio lato oscuro. Credo si tratti unicamente di entrare in confidenza, capire i loro gusti e gli atteggiamenti. Come si svolge normalmente la tua giornata-tipo di baby sitter? Attualmente l’impegno consiste nel prenderli a scuola nel primo pomeriggio, aspettare che si svolga la “compravendita” fra i genitori dei bambini all’uscita del tipo: “io prendo quelli grandi, in cambio ti do quelli piccoli” o “io li prendo oggi poi domani vengono da te”. La giornata prosegue accompagnandoli alle loro attività dopo-scuola o ai loro impegni: chi calcio, chi palestra, chi catechismo oppure portarli ai giardini quando la giornata lo permette o viceversa rincasarli e cercare d’intrattenerli per quanto possibile fino all’arrivo di un genitore. Crescendo, chiaramente, i bambini acquisiscono sempre maggior autonomia, ma hanno comunque bisogno di qualcuno che li incoraggi o semplicemente che li ascolti. A te è servita come esperienza formativa? A chi la consiglieresti e cosa occorre? Complessivamente sono molto soddisfatta di questo tipo di attività, sinceramente non so cosa ha sviluppato in me, forse mi ha reso cosciente dei problemi legati alla maternità, mi ha reso un po’ più paziente e responsabile, ma soprattutto mi ha insegnato a mantenere la calma, più che per me stessa per gli altri, quando la situazione lo richiede. Magari a chi sente di non aver sviluppato a sufficienza queste caratteristiche direi di provare a seguire un paio di bambini...non si sa mai. A coloro che si vogliono cimentare dico che non è necessaria un passione smodata per i bambini, basta solo un po’ di creatività, pazienza e capacità di adattamento: il resto viene da sé. Per quanto riguarda la questione-soldi, non è un lavoro che si fa per diventare ricchi, ma se si mettono in chiaro subito lo cose, ci si dà da fare e si è capaci di organizzarsi  tutto è possibile. Fare la baby-sitter richiede maturità, pazienza e capacità organizzative, senso pratico e una buona dose di energia mentale e fisica, ma dà anche molto. La vignetta è stata realizzata in esclusiva per orvietonews.it da Chiara Piunno

Commenta su Facebook

Accadeva il 19 aprile

Convegno sul Porto Romano di Pagliano. Riflessioni alla luce delle nuove scoperte

Passeggiata della Sicurezza. Cobas e Assemblea Antifascista: "No alla giustizia fai da te"

Concerto del Coro Polifonico "San Gavino Monreale" a Collevalenza

Conferenza nazionale sulle malattie infettive emergenti e riemergenti

"Wilcock, Lubriano e la Valle dei Calanchi. La visione, il sogno e l'ironia"

Torneo regionale di pallavolo integrato Anpis, vince l'entusiasmo di stare insieme

"Omaggio ad Elena". Cultura e gastronomia all'ombra di Castello Misciattelli Orsini

Izzalini in festa per i 100 anni di mamma Elena

"La Zambelli Orvieto continua a stupire nell'indifferenza delle istituzioni"

Gabriella Carlucci presenta il libro "Amarilla, appunti di un viaggio a sei zampe"

Campionato regionale tiro a volo Anlc. In estate le finali nazionali

L'arte per lanciare un messaggio di tutela dell'ambiente dal cuore di Civita di Bagnoregio

Bruciano sterpaglie, Vigili del Fuoco e Protezione Civile al lavoro

Turismo, Paparelli: "Ultime rilevazioni confermano trend positivo, 2018 anno della rinascita"

M5S Orvieto sul sit-in contro l'ampiamento della discarica: "Non accettiamo strumentalizzazioni"

Successo all'Unitus per l'Open Day delle lauree magistrali

Terminato al Csco il corso di "Tecnico specializzato in accoglienza per rifugiati"

Omaggio a De André al Mancinelli. Ad OCC il ricavato di "Bocca di rosa e gli altri"

Orvieto a Lussemburgo, proficuo incontro tra Comune e Ambasciata

Aderisce al sit-in anche Cittadinanza a 5 Stelle del Comprensorio Orvietano

A Luca Tomassini di Vetrya la Medaglia dell'Università per Stranieri

Andrea Bocelli in Piazza Duomo per la quarta edizione di "Orvieto4Ever"

"Allerona verso lo sviluppo di comunità". Conferenza al Centro Polivalente

Pedalando indietro, "La Carrareccia" raddoppia. A settembre, edizione dedicata a Barbara e Matteo

"Ben Hur" al Mancinelli. Paolo Triestino e Nicola Pistoia chiudono la stagione teatrale

Nuovo look per la rete elettrica, Enel installa i DY900/1 per cabine tecnologiche

Esasperati dall'accattonaggio molesto, gruppo di commercianti scrive al Comune

Post-sisma, la Regione incontra gli ordini professionali nelle zone terremotate

Al via il progetto "Rete amica". Unicef, istituzioni e scuole insieme per un web più sicuro

Teatro Null pronto al debutto di "Osteria da Shakespeare & Co"

Sale la febbre da Palio di Sant'Anselmo. Conto alla rovescia per la Sagra del Biscotto

Fondazione Cro: "Cassa di Risparmio Spa deve permanere punto di riferimento degli Orvietani"

APEritivo nell'Oasi di Alviano, con vista sulla palude

Allerona sempre più cardioprotetta, la comunità si dota di tre defibrillatori

Alfina in festa per San Giorgio Martire. Programma civile e religioso

Post-sisma, Marini ed Errani incontrano gli abitanti di Norcia, Castelluccio e San Pellegrino

Accademia Kronos a "Villaggio per la Terra", per la sensibilizzazione alla tutela del Pianeta

La Polisportiva Castel Viscardo organizza il primo raduno in MTB dei Monaldeschi

"Nonsololirica in Sala Eufonica", video-ascolto di Leonard Cohen

Disco verde al bilancio di previsione 2017/2019. Ampia discussione in consiglio

Sì unanime all'ordine del giorno "Albornoz, un bene comune da restituire alla città"

Nel triennio 2017/2019 opere pubbliche per oltre 23 milioni di euro

Quantità e prezzo di cessione aree per residenza ed attività produttive, le tariffe

Sì al Piano delle alienazioni e valorizzazioni del patrimonio immobiliare

Ricognizione annuale delle società partecipate, presa d'atto in consiglio

Approvato il Documento Unico di Programmazione 2017/2019

Corso di formazione per volontari nella valorizzazione dei beni culturali ecclesiastici della Diocesi

Ecco i giovani bomber della Coar Orvieto. Pronti per il II Memorial Papini.

Azzurra nella storia, Orvieto Basket salvezza conquistata, Orvietana un punto prezioso, argento Savrayuk

Rita Levi Montalcini, un'innata ottimista

Torna a riunirsi l'esecutivo PD del Comprensorio Orvietano. In discussione molti temi "caldi" di urgente attualità

Grande successo per "La Domenica del Vulcano 2010". Incontri ed escursioni nel territorio di San Venanzo

Il Sindaco Concina sul Bilancio: "Orvieto non può permettersi il commissariamento"

Pozzo di San Patrizio: il biglietto intero aumenta di cinquanta centesimi dal 1° giugno

Sferracavallo. Mercato sì, mercato no. Proroga della sperimentazione fino al 30 marzo 2011. Via alla "filiera corta"

Continuano i controlli del Commissariato sul rispetto degli orari di chiusura dei locali

SII. Cresce il front-office: in aumento accessi al sito e mail. Lattanzi: "Grande sforzo per accorciare le distanze tra utenti e società"

Pubblicato il bando TAC II: interventi di promo - commercializzazione turistica per prodotti d'area di progetti integrati collettivi

Suggerimenti per il "Buon Politico"... ovvero esortazione all'On. Trappolino

Aumenti per alcuni settori amministrativi del Comune: i Comunisti Italiani vogliono sapere. Qualche lume dalla conferenza stampa del Sindaco Concina

"Alla scoperta dell'antico Egitto": gli Egiziani innamorati della vita. La Dott.ssa Pozzi, egittologa, illustra la mostra laboratorio

Rinnovato l'apparato didascalico del Museo etrusco Claudio Faina. Ne parla la Dott.ssa Nancy Leo