interviste

Giovani e lavoro. Tanto per cominciare la baby sitter... Intervista

mercoledì 16 agosto 2006
di davidep
Breve viaggio tra i principali mestieri che per tradizione, convenzione e prassi, sono svolti abitualmente dai giovani. Si parte con uno dei lavori temporanei più gettonati, che impiega soprattutto le ragazze: la baby-sitter. Per aiutare i genitori che lavorano e non sanno a chi affidare i figli in mancanza di nonni e parenti, la soluzione si chiama Mary Poppins o giù di lì e in genere, è invocata per le serate, i fine settimana, i compiti del pomeriggio o quando il piccolo è malato. Se aumentano le mamme lavoratrici, aumentano le richieste di intervento di tate in momenti particolari, ma sempre più spesso le mamme si rivolgono alle baby-sitter non solo per essere sostitute un paio d’ore, ma anche per affiancarle quando sono in casa, magari in altre faccende affaccendate. Benché questo sia spesso considerato un “non lavoro” da improvvisare e svolto senza una formazione adeguata, in realtà la baby-sitter, se ha un contatto prolungato e continuo con lo stesso bambino, può avere un ruolo molto importante nel suo sviluppo. La baby-sitter non ha una funzione educativa specifica, ma può trovarsi ad insegnare molte cose. Se l’esperienza piace, si può pensare di pubblicizzare la propria disponibilità presso parenti e amici, oppure nei negozi del vicinato. Esistono anche corsi di formazione regionali e agenzie che fanno da tramite tra domanda e offerta di lavoro, le occasionali esperienze di custodia dei bambini possono tramutarsi in un possibile impegno lavorativo a patto di creare in proprio un’attività e investire sulla formazione specifica. Racconta la sua esperienza Donatella, una ragazza di 26 anni che svolge questo lavoro da diverso tempo. Spesso si comincia a fare la baby-sitter occupandosi casualmente dei figli di amici o conoscenti. Tu come hai iniziato? Ho cominciato a fare la baby-sitter circa sei anni fa, in maniera del tutto casuale. Mia sorella aveva svolto lavoretti di questo tipo e improvvisamente non potendolo più fare mi ha chiesto se ero interessata alla cosa. In breve mi sono ritrovata tra le braccia un bimbo di pochi mesi e il fratello di quattro anni. Pur non avendo mai pensato di fare la baby-sitter in vita mia, la cosa non mi dispiaceva più di tanto. Anzi, pensavo di poter mettere a frutto la situazione traendo spunto dai bambini come soggetti per il tipo di studio che stavo facendo, la Scuola Internazionale di Comics, e poi qualche soldo in più non guasta mai. Ovviamente all’inizio il “lavoro” era molto più impegnativo data l’età dei bambini, soprattutto il piccolo, in quanto totalmente privo di autonomia. Giornate intere  passate con loro, incastrate tra le lezioni del mio corso. Non nego che a volte erano giorni veramente sfiancanti (dalle 8 di mattina a pomeriggio inoltrato è un periodo piuttosto lungo e a volte interminabile - colazione, cambiali, vestili, leggi loro le favole, giocaci, prepara il pranzo, falli addormentare - senza addormentarti -, la merenda, rigiocaci....).  C’è un aspetto di questa professione che molti sottovalutano? Spesso  si dimentica che gli orari e le necessità di un bambino sono ben diversi da quelle di un adulto e che il potere è solo nominalmente in tuo possesso. Inoltre non vorrei tralasciare il fatto che fare la baby-sitter implica anche avere un legame stretto con il resto della famiglia (da cui è sempre difficile staccarsi) e che c’è sempre una linea di confine tra quello che puoi o non puoi fare. La discrezione e il senso del dovere sono assolutamente necessari e la puntualità è d’obbligo. Ma è anche vero che dipende molto dai casi e devo ammettere che sotto questo aspetto non mi posso lamentare. Hai detto di svolgere questa attività da circa sei anni. Fin quando hai intenzione di proseguire? Nonostante tutto non ho mai pensato a questa attività come un lavoro e  forse anche per questo non ho ancora deciso d’interrompere la cosa. Certo se mi si chiede se lo vorrò fare per tutta la vita, la mia risposta è senz’altro no. In molte altre occasioni mi è stato proposto di seguire altri bambini ed entrando in contatto con l’ambiente scolastico di queste proposte capitano molto spesso, ma se c’è una cosa che ho capito è che dire di sì vuol dire prendere un impegno piuttosto gravoso e costante. I bambini vogliono sicurezza ed essere seguiti con costanza, non è una cosa che puoi fare tanto per fare. Il rapporto affettivo che si instaura con i bambini di cui ci si occupa spesso è fortissimo, per cui è indispensabile saper gestire la relazione senza creare competizioni con la figura materna. Tu diventi per loro un altro punto di riferimento e non puoi decidere che non ti va più e prendere ed andartene all’improvviso. Il bambino ideale non credo esista, tutti hanno i propri momenti di stanchezza ed il proprio lato oscuro. Credo si tratti unicamente di entrare in confidenza, capire i loro gusti e gli atteggiamenti. Come si svolge normalmente la tua giornata-tipo di baby sitter? Attualmente l’impegno consiste nel prenderli a scuola nel primo pomeriggio, aspettare che si svolga la “compravendita” fra i genitori dei bambini all’uscita del tipo: “io prendo quelli grandi, in cambio ti do quelli piccoli” o “io li prendo oggi poi domani vengono da te”. La giornata prosegue accompagnandoli alle loro attività dopo-scuola o ai loro impegni: chi calcio, chi palestra, chi catechismo oppure portarli ai giardini quando la giornata lo permette o viceversa rincasarli e cercare d’intrattenerli per quanto possibile fino all’arrivo di un genitore. Crescendo, chiaramente, i bambini acquisiscono sempre maggior autonomia, ma hanno comunque bisogno di qualcuno che li incoraggi o semplicemente che li ascolti. A te è servita come esperienza formativa? A chi la consiglieresti e cosa occorre? Complessivamente sono molto soddisfatta di questo tipo di attività, sinceramente non so cosa ha sviluppato in me, forse mi ha reso cosciente dei problemi legati alla maternità, mi ha reso un po’ più paziente e responsabile, ma soprattutto mi ha insegnato a mantenere la calma, più che per me stessa per gli altri, quando la situazione lo richiede. Magari a chi sente di non aver sviluppato a sufficienza queste caratteristiche direi di provare a seguire un paio di bambini...non si sa mai. A coloro che si vogliono cimentare dico che non è necessaria un passione smodata per i bambini, basta solo un po’ di creatività, pazienza e capacità di adattamento: il resto viene da sé. Per quanto riguarda la questione-soldi, non è un lavoro che si fa per diventare ricchi, ma se si mettono in chiaro subito lo cose, ci si dà da fare e si è capaci di organizzarsi  tutto è possibile. Fare la baby-sitter richiede maturità, pazienza e capacità organizzative, senso pratico e una buona dose di energia mentale e fisica, ma dà anche molto. La vignetta è stata realizzata in esclusiva per orvietonews.it da Chiara Piunno

Commenta su Facebook

Accadeva il 23 gennaio

Differenziata, la media si attesta al 78,12 per cento. Filiberti: "Non ci fermiamo qui"

Si è casta quando non si ha una solida formazione etica, politica e culturale

Danilo Giulietti relaziona su "Luce e colore". Conferenza ISAO a Palazzo Coelli

"Ricordiamoci di ricordare". Spettacolo al Palazzo Baronale

Pronta la nuova convenzione per l'adesione alla Centrale unica di committenza

Giorno della Memoria, due giorni di eventi per ricordare la Shoah

Nuovo Comitato Uisp Orvieto Mediotevere, Federica Bartolini presidente

Di un Eden

Bandiera Canadese

Allora non esisteva l'Erasmus

La Vetrya Orvieto Basket viene travolta dal Bastia

Lucetta Scaraffia ospite del ritiro mensile del clero della Diocesi di Orvieto-Todi

Una sconfitta, una vittoria e un pareggio per l'Orvieto FC. In settimana esordio per gli Allievi

"Dall'Amiata alla Valle del Tevere: ancora geotermia industriale o un altro sviluppo è possibile?"

Al Mancinelli Ashira Ensemble propone "Un volo leggero...Per rispondere con la vita"

Omaggio alla Catalogna. Musica, letture e mostra per il Giorno della Memoria

Esperti a convegno al Palazzo dei Congressi su "Nuove prospettive in Neonatologia"

L'Unitre Orvieto presenta il secondo quadrimestre di attività

Nasce l'associazione "Orvieto Runners". Tra gli obiettivi, la promozione del Trail Running

Letture e film a scuola per non dimenticare

Design, Verdi, Pissaro e Santa Rosa. La settimana allo Spazio Pensilina

Province, con tagli previsti a rischio blocco servizi al cittadino. Il dossier Upi presentato in Commissione Parlamentare

Terremoto, Rifondazione si appella al Consiglio Regionale: "Riappropriamoci di un intervento autonomo come nel 1997"

Fine settimana da dimenticare per la Cestistica Azzurra Orvieto

Consegnato a Cascia il secondo modulo abitativo provvisorio

"Fermate il pagamento della Tosap: poca comunicazione, cittadini in difficoltà"

Sul ruolo delle associazioni in generale e sulla Val Di Paglia Bene Comune in Particolare. Meglio chiarire

Terzo calanco? Redde rationem nel PD

Dal 12 febbraio a Orvieto il nuovo Corso di qualificazione professionale per sommelier

Imu agricola: il Tar del Lazio non conferma la sospensiva

Servizio idrico: il recupero del deposito cauzionale crea problemi agli utenti. Luciani interroga il sindaco

Ciconia - Umiltà, impegno e lavoro: la strada del successo secondo Francesco Romanini

Truffa dell'incidente alla figlia, anziana ci rimette 600 euro. Indagini a tutto campo

Opere previste dal Consorzio Val di Chiana per la mitigazione del rischio di esondazione del fiume Paglia, argomento su cui riflettere

Cordoglio per la scomparsa dell'agente di Polizia, Lorella Manglaviti

Imu agricola: il Consiglio dei Ministri cambia le altimetrie

Nel "Giorno della Memoria", Augusto Cristofori riceverà la medaglia d'onore della Repubblica

Polizia Provinciale: oltre 7 mila controlli in un anno, ma ora c'è il rischio che tutto svanisca

Orvieto Basket. L'under 19 torna alla vittoria nella trasferta contro Ponte Vecchio

Da Miami all'Azzurra Orvieto, Joanna Harden è pronta a scendere in campo

Altro derby umbro per Zambelli Orvieto che ospita il Trevi

"Il ricordo del gesto eroico di Aldo e Francesca Faina" e proiezione di "Corri ragazzo corri"

L'Istituto d'istruzione superiore scientifico e tecnico presenta il "Progetto formativo d'istituto"

Avvio partenopeo per "Risate & Risotti", poi a Orvieto per San Valentino

Azzurra Ceprini Orvieto – Reyer Venezia, palla a due iniziale al PalaPorano

Letture, flauto e violoncello al Museo delle Terrecotte