eventi

"Omaggio all'Immacolata" nella Chiesa di Santa Maria della Verità

mercoledì 4 dicembre 2019
"Omaggio all'Immacolata" nella Chiesa di Santa Maria della Verità

Settima edizione di "Omaggio all'Immacolata" del Gruppo Consolare Touring di Viterbo con il patrocinio della Fondazione Carivit e la collaborazione della Parrocchia della Verità. Domenica 8 dicembre alle 16, a Viterbo, nella Chiesa di Santa Maria della Verità ad ingresso libero verrà eseguito un concerto per tre voci recitanti e soprano dedicato alla Vergine.    

Rino Galli ha allestito un testo con brani  dai Vangeli di Luca e Matteo, dalle laudi umbre e da  poeti e scrittori dell’età barocca e contemporanea tra cui Bernardino De Angelis (arciprete di Canepina XVI-XVII sec.) , Giovanni Prati, Giovanni Camerana, Matilde Serao, Grazia Deledda, Domenico Giuliotti, Giovanni Papini, Luigi Orione, David Maria Turoldo.  Gran finale col canto XXXIII del Paradiso “Vergine madre, figlia del tuo figlio …”

Voci recitanti Carlo Altomonte, Arcangelo Corinti e Chiara Palumbo. La colonna sonora è affidata all’organista Dimitri Desideri e al soprano Lucia Giorni che eseguirà tra l’altro la Lauda lirica (dal Laudario di Cortona), l’Ave Maria di Luigi Cherubini e quella di William Gomez. 

“Gli Omaggi – ricorda il console Touring Vincenzo Ceniti – sono iniziati nel 2013 con una conferenza di Marco Zappa ed Elisabetta Gnignera su ‘Lo Sposalizio della Vergine’ della cappella Mazzatosta di Viterbo. Piuttosto acclamato quello del 2016 dal titolo ‘Evviva Maria’ con alcuni gruppi folclorici della Tuscia. L’Omaggio all’Immacolata conclude l’attività Touring  2019 che quest’anno è stata più intensa del solito anche per le celebrazioni del 125 ° anniversario dello storico sodalizio”.

Rino Galli studioso di Storia del Teatro fu l’artefice nel 1975 della nascita a Viterbo del Centro di Studi sul Teatro Medioevale e Rinascimentale allora diretto da Federico Doglio. Alcuni passaggi del testo di questa edizione 2019 sono stati ripresi dalle Laude Perugine di quegli anni eseguite al palazzo dei Papi.

Commenta su Facebook