eventi

"Green Music", tris d'assi per il Concerto dell'Acqua alle Tane del Diavolo

venerdì 21 giugno 2019
di Davide Pompei
"Green Music", tris d'assi per il Concerto dell'Acqua alle Tane del Diavolo

L'Alto Orvietano apre le porte ad arte, musica, scienza e solidarietà. È il Parco Termale delle Tane del Diavolo di Parrano, infatti, a far da cornice al "Concerto dell'Acqua". Secondo dei 44 appuntamenti gratuiti del Festival Internazionale Ecosostensibile "Green Music"– organizzato dall’Associazione Culturale “I Mastri Musici” con il patrocinio di FAI, GAL Trasimeno-Orvietano, Regione Umbria, Provincia di Perugia, Comuni di Piegaro, Parrano, Ficulle e Passignano sul Trasimeno ed Enit – vedrà la luce domenica 23 giugno alle 18.

In programma, un recital durante il quale il giornalista Roberto Giacobbo, volto noto di "Voyager" intervisterà il luminare della medicina, Massimo Massetti, primario del Reparto di Cardiologia del Policlinico "A.Gemelli" di Roma. Sulla scena musicale sarà, invece, il Maestro Maurizio Mastrini, ideatore e direttore del festival, nonchè pianista di fama internazionale. In questa occasione sarà presentato anche il progetto pilotta di "ri-umanizzazione delle cure" della Fondazione Policlinico Universario per "invertire la consolidata tendenza di curare più la malattia che il malato".

Se il comfort sensoriale sarà uno dei temi affrontati, per l'appuntamento non poteva essere scelta scenografia migliore di quella naturale del sito termale di Parrano. Qui, in un articolato complesso carsico si trova una sorgente le cui acque sono caratterizzate da un fenomeno di termalismo piuttosto accentuato, sgorgando a una temperatura di 28°C e raccogliendosi in un laghetto. Un luogo unico, così come lo sono tutti quelli scelti come location del festival.

Oltre ai territori di Piegaro, Assisi, Città della Pieve, Marsciano, Montegabbione e Paciano, già toccati nelle prime due edizioni, la rassegna – in programma da sabato 22 giugno a giovedì 12 settembre – coinvolgerà per la prima volta anche quelli di Parrano, Ficulle, San Gemini, Nocera Umbra, Passignano sul Trasimeno e Perugia, offrendo uno spaccato del volto più autentico dell'Umbria lungo un insolito itinerario che attraversa il territorio delle due province.

Dodici comuni in tutta l'Umbria, il doppio rispetto alla passata edizione. "Un cartellone ambizioso – sottolinea il direttore artistico – molto più ricco dei precedenti, che risponde all'obiettivo di valorizzare il nostro territorio attraverso la musica". Una sorta di colonna sonora estiva per coronare la bellezza dei paesaggi umbri, che fa da eco alle parole del Washington Post, sulle cui colonne l'Umbria è stata definita come "la via del Paradiso", scavalcando in termini di gradimento per la sua autenticità, la vicina Toscana, "ovunque bella".

Cinguettii di uccelli, profumi di fiori selvatici, quinte con cascate di fiori di ogni colore, accompagneranno, dunque, le note musicali del festival invitando a scoprire luoghi naturalistici poco conosciuti e residenze storiche che costellano l'intera regione, cogliendone la sua essenza più profonda. Laghi, castelli, boschi secolari, parchi naturali, residenze d'epoca e sorgenti termali, saranno gli scenari nei quali si esibiranno talentuosi artisti, tra i quali giovani promesse della musica internazionale e che condurranno il pubblico verso un'esperienza multisensoriale.

Per ulteriori informazioni e prenotazioni:
075.5053355 – info@festivalinternazionalegreenmusic.com

Commenta su Facebook