eventi

Anticipo di Fiorita a Castelluccio, tappa de "Il Cammino nelle Terre Mutate"

martedì 18 giugno 2019
di Davide Pompei
Anticipo di Fiorita a Castelluccio, tappa de "Il Cammino nelle Terre Mutate"

Il culmine sarà raggiunto tra fine mese e l'inizio di luglio ma, complici le temperature di questi giorni che ricordano che giugno è preludio di estate, la popolare Fiorita di Castelluccio di Norcia è già ben visibile. A farla da padrone, per ora, è il giallo. Colore della senape selvatica e del dente di leone, piante che a macchia di leopardo nascono a quasi 1500 metri di quota. Seguirà la raccolta della Lenticchia Igp, seminata su circa 500 ettari dei 650 a disposizione dei coltivatori. E seguiranno i mantelli rossi e violacei dei fiori spontanei che tanto fanno impazzire turisti e fotografi. Poesia della natura nursina che fa delle sue stagioni un evento storico-culturale e forma di attrattiva per risollevare la testa dalle ferite inferte dal sisma.


Notevole, ogni volta, l'impatto cromatico che domina il Pian Grande, antipasto della fioritura vera e propria. Sempre alle pendici del Monte Vettore, oltre a questa estesa spianata, il Pian Piccolo e il Pian Perduto, meno conosciuti ma ugualmente dipinti di suggestione da genzianelle, narcisi, violette, papaveri, ranuncoli, asfodeli, trifogli, acetoselle e quant'altro. Quanto basta per ammirare la monotonia cromatica del pascolo che viene spezzata da un mosaico di variazioni di toni di colore. È, questa, una delle 14 tappe de "Il Cammino nelle Terre Mutate", la guida a un itinerario "solidale e di conoscenza" lungo oltre 200 chilometri, che sarà presentata martedì 18 giugno alle 18 al nuovo Spazio Mogrè Arte e Cultura (Via Sant'Agata, 1 - Perugia).

Un'infrastruttura verde, il cammino da Fabriano a L'Aquila, realizzata da Movimento Tellurico, Federtrek e Ape Roma in seguito agli eventi sismici del 2016/2017. Quanto alla tradizionale Festa della Fioritura, in programma per domenica 30 giugno, che si accompagna alla degustazione delle prelibate lenticchie, parteciperà quest'anno anche la Fipac Confesercenti Viterbo. In collaborazione con il Comitato Provinciale Aics promuove, infatti, una camminata nell'Altopiano di Castelluccio con annessa visita a Norcia, uno de "I Borghi più belli d'Italia". Il raduno è per le 8 alla sede di Viale Bruno Buozzi, 113/115 e mezz'ora dopo la partenza con il pullman, a bordo del quale alle 8.45 saliranno anche altre persone in località Pallone di Vitorchiano.

Altre si aggiungeranno al parcheggio del casello autostradale di Orte, dove alle 9 è prevista un coffee break, e di lì a poco un gruppo da Terni. Arrivo previsto alle 11.30. Dopo un ampia camminata nella valle, alle 13.30 si riparte per il pranzo all'Agriturismo "Il Casale degli Amici". Segue alle 15.30 la visita al centro storico di Norcia della durata di un paio d'ore. Gruppi organizzati ed escursioni simili si moltiplicheranno nelle settimane a venire. Nella stessa giornata partirà anche un gruppo di appassionati di trekking fotografico da Bolsena, alle 7 in Piazza Matteotti. L'invito che giunge puntuale ogni anno dai Sibillini a chi si recherà in visita è quello di non calpestare né i fiori, né le piante della lenticchia. Non addentrarsi, cioè, nei terreni coltivati ma utilizzare i "corridoi" presenti tra un appezzamento e l'altro per non danneggiare tanta bellezza.

Per ulteriori informazioni e prenotazioni (entro martedì 25 giugno):
0761.187831 – info@confesercentiviterbo.it

Commenta su Facebook