eventi

"Animalesse", la forza di Lucia Poli in scena al Teatro Caffeina

venerdì 12 aprile 2019
"Animalesse", la forza di Lucia Poli in scena al Teatro Caffeina

Venerdì 12 aprile alle 21 al Teatro Caffeina di Viterbo arriva una delle voci più autorevoli della prosa italiana con "Animalesse". "In un atto unico di poco più di un’ora Lucia Poli rimbalza dai toni sussurrati al grottesco fragoroso, dalla satira all’introspezione, in una fattoria dove galline, asini, scarafaggi, gatte e topastre si raccontano. Sempre allegramente, ma con criterio. In stile Poli" ha scritto Natalia Distefano sul Corriere della Sera, parlando dello spettacolo.

Protagoniste dello spettacolo sono allora animali, o meglio, animali femmine che parlano e si raccontano al pubblico, mettendo in scena quell’incontro felice fra letteratura e teatro che da sempre è la cifra stilistica di Lucia Poli: ed è così allora che le animalesse mettono in scena testi di Giovanni Boccaccio, Aldo Palazzeschi, Mark Twain, Edmondo De Amicis, Oscar Wilde e Éric-Emmanuel Schmitt, oltre a Stefano Benni con le parole del quale lo spettacolo si apre e si chiude.

Giuseppe Ragazzini, scenografo e pittore, cura l’allestimento visuale dello spettacolo con illustrazioni, disegni e animazioni originali.  Rita Tumminia, con il suo organetto, proporrà scorci di famose canzoni e di motivi che richiamano, accompagnano e incorniciano la voce di ogni animale che salga sul palco. 

Lucia Poli nasce a Firenze dove si laurea in Filosofia, negli anni ’70 arriva a Roma dove porrà la sua principale sede artistica: inizia da subito le attività di autrice scrivendo trasmissioni culturali per la radio, oltre ad impegnarsi nella realizzazione di programmi televisivi; nel 1974 crea la sua compagnia teatrale indipendente e nel 1976 è insieme al fratello Paolo in “I tre moschettieri”. Da lì, una lunga scia di produzioni, spettacoli e parti in spettacoli teatrali e televisivi, oltre all’attività di docente e alle apparizioni in pellicole cinematografiche.


Per ulteriori informazioni:
0761.342681 - teatro@caffeinacultura.it

Commenta su Facebook