eventi

Al Castello di Torre Alfina si presenta il libro "I Monaldeschi dell'Aquila"

martedì 30 ottobre 2018
di Davide Pompei
Al Castello di Torre Alfina si presenta il libro "I Monaldeschi dell'Aquila"

"Sfuggono del tutto le circostanze delle origini, ma la posizione strategica a guardia di importanti vie di comunicazione, che attraversano anticamente il territorio, ne indica la funzione difensiva in un sistema facente capo a Orvieto. Una cronaca del '500 fa risalire la fondazione della prima torre detta 'del Cassero' all'VIII secolo, ma le prime testimonianze documentarie compaiono nel 1200. Ed è a partire da questo periodo che la storia del castello e del borgo si intreccia con quella dei Monaldeschi".

Non poteva che avere luogo in un ambiente così carico di fascino e storia come il Castello di Torre Alfina, la presentazione de "I Monaldeschi dell'Aquila", la pubblicazione curata da Mario Montalto con il prezioso ausilio di Maria Teresa Moretti, sua la prefazione, e dell'architetto Alberto Satolli, presidente dell'Istituto Storico Artistico Orvietano che firma la presentazione del volume, in programma per giovedì 1° novembre alle 15, alla presenza tra gli altri di Luca Giuliani, archivista esperto della Diocesi di Orvieto-Todi.

Il volume in arrivo amplia una bibliografia tutt'altro che nutrita e si basa sul ritrovamento di un antico documento a Roma, nel Fondo Orsini. Un atto notarile del 1349 relativo all'atto di vendita di alcuni beni nel Castello di Torre Alfina che costituisce una fonte documentaria particolarmente importante dal momento che descrive accuratamente buona parte del palazzo che domina il borgo dell'Alto Lazio, per come doveva presentarsi all'epoca.

Con tanto di ponte levatoio e cisterna al centro della piazza. Ma anche entro le mura, in quella che era la residenza privata venduta da Giacomo Monaldeschi a Cataluccio di Galasso dei Bisenzi. È da qui che prende le mosse il racconto dell'autore che fornisce notizie sui quattro rami della famiglia - Cervara, Aquila, Vipera, Cane - concentrandosi sui Monaldeschi dell'Aquila, approfondendone i protagonisti, le genealogie e le zone citate nel documento tra cui quelle dell'Alfina e l'antico Piviere di San Donato.

Ovvero il centro religioso più importante di tutto l'Altopiano, almeno sino al XV secolo. Interessante, l'apparato fotografico relativo agli stemmi familiari che riporta alla memoria, fosse solo nella toponomastica, zone e poderi al confine di Umbria e Lazio altrimenti dimenticati. E poi immagini inedite di Torre Alfina, le cui prime notazioni storiche relative all'esistenza di una torre fortificata trasformata in castello affondano le radici nel VIII secolo.

Commenta su Facebook

Accadeva il 24 aprile

"Gli Ordini mendicanti e predicatori nella Diocesi di Orvieto-Todi: la povertà come ricchezza"

Anche la Compagnia delle Lavandaie della Tuscia alla Sagra dell'Aparago Verde

Alla Festa della Birra Artigianale di Piazza del Popolo, anche "I Fritti della Castellana"

"Una birra per piacere, senza sballo si può". Se ne parla con Cittaslow e A.Ge.

"Occhi sulla Luna. Un omaggio al nostro satellite naturale"

Soffiava il vento

Nei weekend estivi, i giovani del Servizio Civile aprono la Torre e il Palazzo Comunale

"Diversità e integrazione" a Rocca Ripesena, in festa per "Il Paese delle Rose"

Il Palio dei Comandi ai runners della Scuola Sottufficiali dell'Esercito

Guasti alla linea telefonica, è possibile contattare il Comune da Facebook

La Zambelli Orvieto volta pagina, la semifinale comincia a San Giovanni in Marignano

Per "Parrano Feudo 900" iniziativa con le scuole dell'Alto Orvietano a "La Badia" di Ficulle

Festa della Liberazione, pomeriggio di iniziative alla Fortezza Albornoz

La Corte dei Conti accerta il ripiano finanziario e la conclusione del Piano di riequilibrio pluriennale

"Claudia Giontella, una archeologa e la sua dialettica del territorio"

Match point al PalaPorano per la Vetrya Orvieto Basket

Cinema Teatro Turreno, la Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia dona l'immobile a Comune e Regione

Per "San Pellegrino in Fiore", sei visite guidate tra chiese, fontane e palazzi

Chiusura temporanea del casello autostradale di Orvieto per lavori di pavimentazione

Inaugurato il Polo tecnologico per l'Umbria dell'Università Internazionale Uninettuno

Caso discarica, ancora 10 giorni. Italia Nostra contesta la Soprintendenza

Il direttivo Fisar si rinnova: 5 su 7 sono nuovi consiglieri, Amilcare Frellicca nuovo delegato

Disabilità, le famiglie in presidio sotto il palazzo della Regione

Venticinque secco al Lotto

Orvieto FC, prima vittoria per le ragazze del calcio a 11. Big match contro il Ciconia

Punture di vespe, "l'Ospedale è in grado di affrontare con efficacia queste situazioni"

'Sette giorni di... vini nella provincia di Terni'. Dal 24 al 30 aprile degustazioni con prelibatezze a Orvieto, Ficulle, Amelia e Terni

Il programma della manifestazione

'Umbria, verde rinascita dell'italico vino': convegno giovedì 26 aprile

Il Team Eurobici Orvieto si fa onore alla ‘10° gran fondo dei Colli Albani’

Soddisfazione dello SDI per Ségolène Royal candidata alle presidenziali francesi. Lo segnala il consigliere provinciale Marinelli

Supera le 179 mila adesioni la raccolta firme per la Legge di iniziativa popolare per la tutela e la gestione pubblica dell’acqua. Obiettivo: 500 mila firme per dare più forza alla proposta di legge

Convegno del Centro studi Gianni Rodari venerdì 27 aprile: 'La mente scientifica - Come fare Scienze a scuola'

Ripartito il fondo regionale 2007 alle Comunità montane. Oltre 535 mila euro alla Monte Peglia e Selva di Meana

All'insegna del rinnovamento nominata la nuova segreteria dell'Unione Comunale DS Orvieto. I FORUM CIVICI altro elemento di novità

Villa San Giorgio in cantiere. Pronti tra 450 giorni la nuovissima Residenza Protetta e il Centro Riabilitativo

Voci su un'ipotetica cava di basalto in località Biagio: un'interpellanza del consigliere Imbastoni per saperne di più

Contraddittorio educare gli studenti al riciclaggio e al mangiar sano e farli mangiare con stoviglie di plastica. Perché non si installa una lavastoviglie all'Ippolito Scalza?

Bella affermazione per l'orvietano Gian Marco Fusari, vincitore del Premio Nazionale Musica d'Autore