eventi

Guardea Paese Cardioprotetto. Tra la scuola e il campo da calciotto, arrivano defibrillatore e teca

lunedì 22 maggio 2017
Guardea Paese Cardioprotetto. Tra la scuola e il campo da calciotto, arrivano defibrillatore e teca

La Direzione del Gruppo Volontari di Guardea (Stefania Santi, Diego Canali e Daniele Bernardini) in collaborazione con il Comune di Guardea e della Croce Rossa di Guardea-Alviano è lieta di inaugurare domenica 28 maggio alle 12.10 il progetto "Guardea Paese Cardioprotetto" con la messa in funzione di un defibrillatore e una teca di supporto presso le scuole elementari di Guardea, rispettivamente sul lato di Via del Giuoco e in prossimità del campo da calciotto, per il benessere non solo dei più piccoli, ma anche di tutti gli sportivi che frequentano il luogo.

"Il defibrillatore - è detto in una nota - è stato interamente donato dal gruppo volontari Guardea, costituito da oltre 80 persone, alla Croce Rossa di Guardea-Alviano grazie ai fondi dei partecipanti del corso per beneficienza di inglese e da fondi privati di persone residenti e non residenti di Guardea. La teca è stata donata dal gruppo volontari di Guardea al Comune. Un ringraziamento al sindaco Giampiero Lattanzi e all’amministrazione comunale che hanno accordato la messa in opera del defibrillatore con i conseguenti lavori tecnici e di struttura. Grazie al tecnico del Comune Fabrizio Volpi per il coordinamento dei lavori e la copertura dei sistemi di vigilanza con le telecamere. Ricordiamo che qualsiasi atto di vandalismo è punibile severamente grazie ai sistemi di videosorveglianza. Grazie a tutti coloro che credono nel volontariato di Guardea che riesce in modo costante, con l’aiuto di tantissime persone, a realizzare tanti sogni e donarsi al prossimo per il benessere delle persone e della nostra Guardea".

Proprio a Guardea, negli ultimi due anni, il volontariato ha permesso la realizzazione di numerose opere e donazioni: porta, cancelli e muri delle chiese di Guardea, il rifacimento di piazze, parchi, giardini, oltre 600 libri alla biblioteca, numerosa cancelleria per bambini della scuola di infanzia, un olivo della pace, sei posaceneri in ferro battutto, trenta libretti portamarce per la banda, il rifacimento di muro perimetrale, cancello e interni del cimitero nuovo, la teca in ferro battuto e vetro antisfondamento per la chiesa centrale, verniciature legno e ferro di varie strutture. Più di sei corsi per beneficenza (due edizione di AttaccaBottone, due del corso di decoupage, pasta di zucchero, pronto soccorso,...), cene con oltre 300 persone, l'evento annuale Intortaci e quello sui passi di San Francesco. Opere a favore della popolazione ma soprattutto dei bambini, nell'idea che "il volontariato è aperto a tutti per un nuovo modo di fare aggregazione senza distinzioni di sesso, razza, età e ideologie".

Commenta su Facebook