eventi

"Rischio idraulico. Sicurezza", si riunisce il tavolo di lavoro del contratto di fiume

venerdì 20 novembre 2015
"Rischio idraulico. Sicurezza", si riunisce il tavolo di lavoro del contratto di fiume

Martedì 24 novembre alle ore 16 presso la sede dell’Alta Scuola situata nell’edificio della ex Madonna del Velo in via delle Conce n. 5, si riunisce il Tavolo di lavoro del Contratto di Fiume sul "Rischio idraulico - Sicurezza" scaturito dall’Open Space Conference del 14 luglio scorso.

“L’incontro a cui parteciperanno tecnici del Consorzio di Bonifica, CNR, Università di Perugia e delle Autorità Idrauliche competenti della Regione Umbria, della Protezione Civile Regionale e dell' Autorità di Bacino del Tevere insieme a vari tecnici e liberi professionisti – spiega il Dott. Geol. Endro Martini, Presidente di Alta Scuola che coordina i lavori del Tavolo - è volto ad effettuare una attività di SWOT ANALYS partecipata rispetto alle criticità e opportunità relative al tema in argomento, partendo dal report dell’Open Space, per andare avanti e approfondire con maggior dettaglio, integrando, ove necessario, sulla base di nuove criticità e valutando anche nuove ‘opportunità’ da cogliere. L’attività sarà condotta in relazione anche al quadro di riferimento delle risorse potenzialmente attivabili sui nuovi Programmi in fase di avvio (PSR-POR FERS-FSE-AREE INTERNE, ecc.) per  ricercare e trovare una auspicabile condivisione su alcune idee-progetto o progetti già in stato avanzato di elaborazione, ai fini di una loro possibile attuazione nel breve periodo”.

Di seguito le indicazioni emerse nell’Open Space Conference del luglio scorso, relativamente al tema rischio idraulico - sicurezza, da risolvere attraverso il “Contratto di Fiume”:

Criticità:
- la conoscenza del Fiume e della sua storia evolutiva e comportamentale nel tempo ricostruita dagli studi recenti e passati, ritenuta fondamentale per la costruzione del futuro piano di Azione. Si sono ritenuti necessari dei seminari brevi di illustrazione del Fiume per approfondirne e condividerne la “Conoscenza” con gli altri Gruppi di Lavoro, aperti anche a chi vive il fiume e nel fiume (residenti di prossimità-pescatori, ecc.) più da vicino per raccogliere ogni dettaglio conoscitivo;
- è stata segnalata come criticità non ancora completamente risolta per i residenti la strettoia esistente all’altezza del Ponte dell’Adunata (argine in sinistra idrografica);
- è stata segnalata come criticità la mancata realizzazione della diga dell’Alfina che avrebbe contribuito anche alla laminazione delle piene;
- segnalata come criticità anche la situazione dei versanti in parte calanchivi, nudi e degradati esistenti in sinistra idrografica, oggetto di lisciviazione e di fortissimi apporti idrici al fiume in occasione di eventi idrologici eccezionali. E’ stata suggerita la necessità di valutare con approccio geologico-ambientale ed ecosistemico la possibilità di ridurre queste ampie superfici con interventi vegetativi (progetto pilota di rivegetazione);
- l’insufficiente coinvolgimento delle popolazioni rivierasche (agricoltori, imprese agricole residenti in prossimità del Fiume);
- l’esistenza di previsioni urbanistiche che prevedono occupazione di suolo e aumento dell’impermeabilizzazione in prossimità del fiume;
- la non ancora intrapresa strada della perequazione urbanistica come intervento alternativo alle opere passive che fronteggiano gli effetti per liberare suoli all’esondazione anche parziale;
la non efficacia del sistema di smaltimento delle acque reflue e delle acque di prima pioggia;
- l’assenza dei Comuni e delle Regioni a monte del territorio Orvietano (Lazio e Toscana) in quanto il Paglia può essere “curato” solo attraverso un approccio integrato multigovernance come richiama l’art. 7 del decreto “Sblocca Italia”.

Potenzialità da sviluppare:
- La riduzione del rischio idraulico-geologico genera effetti positivi in termini di attività e di sviluppo dell’economia locale. Il territorio è nella condizione di basare parte dello sviluppo locale anche sulla ricostruzione dopo i disastri. Le esperienze, ancorché negative, possono accrescere la resilienza delle popolazioni locali e incrementare la capacità di convivere con i rischi facendo crescere la cultura della cura e della manutenzione partecipata e programmata del territorio a rischio, come altra potenzialità. Prevenzione mirata e tutela attiva del territorio, necessità di una gestione controllata della vegetazione in ambito ripariale e perifluviale.
- Dalle esperienze negative connesse agli episodi alluvionali e dalle conoscenze evolutive e comportamentali del Paglia si possono trarre informazioni per allestire corsi di formazione e di educazione a convivere con i rischi idraulici-idrogeologici della zona da effettuare nelle scuole primarie e secondarie nel territorio del Paglia.
- Ultima potenzialità è rappresentata dalla interregionalità del Paglia che andrebbe a costituire il primo esempio Italiano di Contratto di Fiume Interregionale con la partecipazione di Lazio e Toscana

Soggetti da coinvolgere:
le tre Regioni Umbria, Toscana, Lazio con i loro Servizi competenti;
l’Autorità Idraulica Regionale; l’Autorità di bacino del Tevere; i Comuni, l’Università di Perugia e il CNR di Porano. Le associazioni locali, gli agricoltori e le imprese agricole; i pescatori e i frequentatori del fiume.

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 febbraio

"Tuscia Etruria". Presentata la guida ai sapori e ai piaceri di Repubblica

Orvieto ai Campionati della Cucina Italiana, medaglia di bronzo per Consuelo Caiello e Angelo D'Acquisto

Al Teatro Santa Cristina, è di scena "Riccardo (Lunga Vita al Re)"

Tre ori per Emanuela Marchini ai campionati di nuoto FISDIR

Sentenza del Tar, incontro pubblico con i cittadini

Di fiori e di altri profumi

Musica e solidarietà in Carcere, con il concerto dei Maleminore

Cresce la richiesta per gli asili nido, liste d'attesa in aumento

Cala la popolazione, cala il numero delle pratiche

Una Zambelli Orvieto carica e determinata si reca alla corte del Chieri

"Alba Etrusca" al Museo "Claudio Faina". In mostra le pitture di Renato Ferretti

Il Comune annuncia l'arrivo della carta d'identità elettronica

Il vino è condivisione, gemellaggio tra "Wine Show" e "Due Mari WineFest"

Salto con l'asta, Eugenio Ceban (Libertas Orvieto) torna a volare ai Campionati italiani assoluti

"Il Forno" presenta "Due", il nuovo libro di Carlo Pellegrini

Riaperta al culto la chiesa parrocchiale di San Pancrazio

"Croce e delizia, signora mia", l'omaggio a Verdi di Simona Marchini

"Il Liceo Artistico non è merce politica di scambio"

Dopo "Frammenti d'un mosaicista morto dal freddo", "Inseguivo il vento pei campi"

A 12 anni dalla morte, i genitori di Luca Coscioni depositano il loro biotestamento ad Orvieto

La chiesa di San Pietro è di proprietà comunale. Grassotti: "Fatta luce dopo anni di incertezza"

"Orvieto in Danza". Prima rassegna nazionale al Teatro Mancinelli

Ferretti, Vezzosi e Bonifazi in cima alle classifiche 2017. Ricco di aspettative il 2018

Centro Congressi, incontro sul futuro del turismo congressuale a Orvieto

I tesori di Campo della Fiera in mostra in Lussemburgo

Luci spente e camminate per "M'illumino di meno 2018"

La Uil fa rete e si mobilita per i territori tagliati fuori dall'Alta Velocità