editoriale

Come difendersi dalla zanzara tigre

sabato 16 agosto 2003
di Gianni Cardinali

Negli scorsi giorni, quando il caldo e l'umidità relativa hanno raggiunto i massimi livelli, oggettivamente insopportabili anche in ambienti ombrosi come alcuni nostri giardini, ho avuto l'occasione di fare la conoscenza della "famosa" e "famigerata" zanzara tigre (Aedes albopictus).

Proprio nel giardino di casa mia, in un tardo pomeriggio, mentre tentavo di leggere un giornale al "fresco", per la prima volta, ho sentito un punzecchiare fastidioso, in particolare nelle parti inferiori delle gambe. Con comprensibile curiosità ho tentato di indagare e, soprattutto, catturare l'agente del fastidio. Ci sono riuscito e l'ho anche fotografato in condizioni tali da poter fare una piccola ricerca per il riconoscimento. Si trattava della zanzara tigre che ripropongo con un confronto scaricato da internet, insieme a quello di una comune zanzara (del genere culex), per intenderci quelle che ronzano intorno al capo nelle notti caldi, pungono in ogni dove e, su molte persone più sensibili di altre, procurano quegli edemi fastidiosi che noi chiamiamo "brolloni" o cosa del genere. Per informazione è bene sapere che, fortunatamente, il fastido che può procurare una zanzara tigre non è confrontabile con quello delle zanzare che sono sempre vissute dalle nostre parti. Intanto le punture non portano malattie particolari, danno pruriti fastidiosi che durano poco tempo, tendono a pungere di giorno, non entrano nelle case, sembra non vengano attratte dalla luce, bensì da superficie nere (vedi i copertoni ammasssati che, come raccolte d'acqua, possono essere stati veicoli per il trasferimento dall'Asia e, da noi, focolai per la riproduzione).

Propongo queste notizie per invitare a non drammatizzare e non seguire le mode di una presunta informazione che tende ad ingigantire ed a terrorizzare.

Occorre dire che, ormai, quando un essere vivente, sia esso uno pianta o un animale, si naturalizza,(la globalizzazione è nata con Cristoforo Colombo!!) cioè acquista la capacità di riprodursi in un territorio geograficamente diverso da quello originario, non c'è più nulla da fare: occorre trovare il sistema di conviverci, adottando quando occorre, sistemi di controllo.

Per una riflessione si pensi alle nutrie, introdotte dall'america meridionale per la loro pelliccia ed oggi naturalizzate in tutta Europa; si pensi a Metcalfa pruinosa, un insetto parassita delle piante (diffusissimo sulle cime di innumerevoli piante arboree), introdotto dall'america centrale, parente dei più comuni afidi ("pidocchi delle rose"!!), che produce una melata ricercata dalle api per produrre grandi quantità di miele che viene regolarmente venduto nei mercati europei.

Ritornando alla zanzara tigre o più generalmente alle zanzare, occorre sapere che, per procurare fastidio ad un intero quartiere, è sufficiente una piccola raccolta di acqua che ristagna con materiale putrescente (foglie in decomposizione per esempio). Ecco perché ciascuno di noi si deve fare carico di controllare anche i sottovasi e tenerli puliti. Non occorrono veleni: è sufficiente controllare che dentro queste acque non si osservino larve o pupe di zanzare (vedi foto)che si muovono velocemente come "vermetti". A quel punto occorre solo gettare l'acqua con il contenuto: le larve e le pupe muoiono e si interrompe il ciclo riproduttivo. Per finire occorre insistere sul fatto che la condizione è l'acqua che ristagna con materiale putrescente, senza predatori. Dove l'acqua scorre le zanzare non si riproducono; quindi non si prendano di petto fiumi, torrenti, fontane o fontanili, o anche supefici paludose dove vivono i pesci: questi ambienti non sono adatti per le zanzare.

Non è un caso che gli ambienti più "famosi" e "fastidiosi" per la presenza di zanzare sono quelli relative alle enormi superfici della tundra, dove nell'estate sopra il circolo polare, si formano enormi superfici paludose con i muschi, licheni e licopodi della stagione precedente, morti, ma ben conservati dal gelo, in decomposizione ma senza pesci. In quelle acque ci sono indescrivibili quantità di larve di zanzare, ottimo cibo proteico per i piccoli delle anatre selvatiche perchè facciano migliaia di chilometri per andare a riprodursi  da quelle parti.

 

 


Questa notizia è correlata a:

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 settembre

Sfilata di moda lungo Corso della Repubblica per Duedimè Concept Store

Amici della Terra: "Finalmente riconosciute le nostre ragioni"

Paolo Ricci, il gioiellino di Orvieto dagli Allievi Elite del Montefiascone al Savio

Cena del Serancia a Torre San Severo. Palazzo Simoncelli si veste di bianco rosso

No al terzo calanco, "Sentenza che cambierà la storia dei rifiuti in Umbria"

Al PalaPapini Zambelli Orvieto fa le prove generali col Baronissi

Festa dell'Arte all'Università della Tuscia, per sentire e vedere

Cane malato e abbandonato. L'appello: "Fate qualcosa per aiutarlo"

Con Maria a Roma, da Papa Francesco a bordo del treno storico

Incendio alla Piscina, in corso i lavori di pulitura. Si riapre ad ottobre

Pulizia del centro, troppo rumore e disagi. Germani: "Verifiche in corso"

Inquinamento acustico in Strada del Piano, soluzioni in alto mare

Varchi in Via Soliana e Via Malabranca, partiti i lavori

Contributo all'Associazione Lea Pacini, botta e risposta in Consiglio

"Ticket sanitari, il problema esiste". Il 5 ottobre incontro tra Conferenza dei sindaci e Usl Umbria 2

Prelevati soldi dal fondo di riserva: spesi in cultura, servizi e sport

Ratificata dal Consiglio la variazione di bilancio per la manutenzione della Scuola Barzini

Niente Stati Generali del Turismo. "Non c'è alcuna intenzione di ascoltare"

Verso il "Patto per la Sicurezza" del territorio, va avanti la burocrazia per la video-sorveglianza

Liste d'attesa sulle prestazioni sanitarie. Sì unanime del consiglio all'ordine del giorno

Tappa nell'Orvietano per il "Press Tour Umbria" sulla Via Romea Germanica

In mostra alla Casa del Vento due capolavori del Rinascimento

"Come mia madre", una mostra per celebrare il mese mondiale dell'Alzheimer

La Sezione Comunale Avis di Giove festeggia vent'anni di attività

Galgano (CI): "Bene lo stop al terzo calanco, ha vinto la comunità"

Sicurezza urbana, la Regione Umbria vara il piano di programmazione

Settore estrattivo, interrogazione di Nevi (FI) sugli intendimenti della giunta regionale

Adesione "Puliamo il Mondo 2017". Grassotti: "Un'occasione importante"

Ippocastani secchi in Viale IV Novembre, disposta l'ordinanza per l'abbattimento

L'esperienza di gestione di lupi e cinghiali del Parco dei Sibillini approda in Portogallo

Laureati, in Umbria 1.320 assunzioni nel trimestre. Ecco dove

"Sharper 2017". Duecento volontari per la Notte Europea dei Ricercatori

Premi alle associazioni in cammino lungo la Via Francigena

Sanità, Cittadinanzattiva e TdM incontrano i cittadini al Circolo di Ciconia

Interventi sulle condotte idriche, possibili interruzioni del servizio

Addio alla Scuola per Adulti: la denuncia "Il Comune rinuncia senza reagire"

Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto, Marco Fratini entra nel consiglio di indirizzo

Frate Alessandro Brustenghi, la voce di Assisi dona voce all'organo del Duomo

Le Giornate Europee del Patrimonio 2016 portano "Sotto e Sopra la Città"

Con "ChocoMoments Orvieto", scatta l'ora dei golosi. Tre giorni da leccarsi i baffi

L'Unitre inaugura il 26esino anno accademico. Recital al Palazzo Comunale

Michele Fattorini in Sicilia: "L'errore ci può stare, proveremo a rifarci"

Istruzioni per l'uso del compleanno

La Zambelli Orvieto torna in campo a Firenze

Poggio Gramignano, Chiesa della Collegiata e musei aperti per le Giornate Europee Patrimonio

"Orvieto sempre più distante da Roma". Sacripanti chiede conto della soppressione dei treni

Come un tremore

Province, entro fine mese tutto il personale avrà la sua destinazione

"AMAtriciana della solidarietà" in Piazza Roma

Memorial Alessio Corradini, il programma della giornata

"Architettura e Natura", chiusa la quarta edizione. Positivo, il bilancio [Video]

Seconda edizione per la Giornata della promozione dello sport e delle attività ricreative

Corso sulla cura dell'ictus e integrazione interna all'Usl 2

Ricordando Margherita

"Orvieto diVino". I vini della Rupe al simposio internazionale in Ambasciata d'Italia presso la S.Sede

Ultimo saluto all'uomo schiacciato dal crollo del solaio della propria abitazione

Promozione e marketing turistico, incontro in Comune per gli operatori del settore

Ventennale di OCC. Nel fine settimana, stand Fisar e incontro "Oltre il cancro...10 anni dopo”

Festa della Madonna della Mercede. Il programma completo, l'ordinanza della viabilità

Meteo

mercoledì 07 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.1ºC 94% discreta direzione vento
15:00 8.8ºC 90% discreta direzione vento
21:00 4.4ºC 97% buona direzione vento
giovedì 08 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 8.6ºC 87% buona direzione vento
15:00 12.6ºC 55% buona direzione vento
21:00 7.5ºC 84% buona direzione vento
venerdì 09 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.7ºC 81% buona direzione vento
15:00 12.8ºC 69% buona direzione vento
21:00 6.6ºC 97% buona direzione vento
sabato 10 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.5ºC 92% buona direzione vento
15:00 11.6ºC 94% buona direzione vento
21:00 10.0ºC 98% foschia direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni