editoriale

Io Carlo Giuliani, Pier Paolo Pasolini e i poliziotti incazzati col Palazzo.

lunedì 18 novembre 2002
di Fausto Cerulli
Gesů, pensavo che da quassů si vedesse anche quello che fanno di notte i poliziotti della Digos, e invece ho dovuto aspettare il quotidiano “ Il Tempo Eterno” per sapere che avevano arrestato mezzo movimento no global. Mamma, ti prego, non ti preoccupare, io non ero un associato a delinquere contro l’ordinamento costituzionale dello Stato. Come dicono che sia Caruso, il Pino Daniele del no global.

Quassů siamo in molti a domandarci come mai i magistrati, sapendo Che avevano a che fare con dei guastafeste, non li hanno arrestati prima. Prima delle manifestazioni di Firenze: aspettavano forse di coglierli in flagranza di reato? O pensavano che ad arrestarli prima avrebbero agitato troppe acque. Una cosa č arrestare la gente mentre sfila in mezzo a migliaia Di altri, e una cosa diversa arrestarli cosě alla chetichella, e dopo la tempesta. Ma queste sono Questioni di avvocati.

E quassů abbiamo solo la Madonna “ advocata nostra” Lo sapevo, che andava a finire cosě. Nella mia lettera avevo cercato di spiegare che mi sentivo in qualche modo fuori dal gioco. E non solo e non tanto perché sono morto, quanto perché non mi piace, dopo lo strazio con cui conclusi la mia giovane vita, che anche la mia morte sia in qualche modo straziata.

Anche quassů, da dove tutto si vede, capita di leggere un giornale on line, di una cittŕ che non conosco, Orvieto, dove invece mi conoscono tutti e tutti parlano di me. Anche mia madre doveva conoscere Orvieto, perché l’ha scelta per presentare un suo libro su di me. Mia madre…capisco il suo dolore, la sua rabbia, un figlio č un figlio, e come dicono a Napoli, nu piezz’ e core.

Gli altri, tutti gli altri li capisco un po’ meno, e faccio eccezione per una signora Laura Ricci, che ha parlato di me con la mia mamma, e le donne, quando parlano tra loro dei figli, non fanno chiacchiere al vento. Leggo di un signore che si lamenta perché mi hanno dedicato un albero, e poi magari vorrebbe una foresta di alberi, un albero per ogni morto ammazzato inutilmente. Roba che se fossimo in Afghanistan o in Serbia, verrebbe fuori una foresta amazzonica. Ma almeno questo signore, che mi dicono sia scrittore e musicista, ha fatto solo una specie di revival di quando si facevano le “feste dell’albero”. E parlando di alberi, di me ha parlato solo di sfuggita.

Sembra che il Sindaco, invece, abbia sottolineato alcuni aspetti della mia persona che non conoscevo. Pare che mi abbia visto e descritto come una specie di Che. Cristo, se mi piaceva, il Che; ma da questo a pensarmi simile a lui, cristo se ce ne corre. Io ero un bravo ragazzo, come tanti che sono ancora vivi e che saranno dei bravi mariti, dei bravi padri, dei bravi sudditi. Tutto qui. Poi un brutto giorno che era cominciato come un bel giorno, č successo quello straccio di casino. Ed io sono stato ammazzato da qualcuno che magari poteva essere ammazzato anche lui.

Qualcuno che non aveva nessun motivo per ammazzarmi, come non ci sarebbero stati motivi per ammazzare lui. Lo so, certe cose le aveva giŕ dette Pier Paolo Pasolini: che oggi nessuno si ricorda che era comunista e che prima di fare anche lui quello straccio di fine, proprio qualche giorno prima, era andato al Congresso dei radicali. E anche lě aveva parlato del Palazzo, ed aveva chiesto che si distinguesse, sempre e comunque, tra uomini del Palazzo ed uomini che dal Palazzo neppure si vedono. Studenti incazzati, meravigliosamente incazzati, e poliziotti e carabinieri che sono incazzati anche loro, magari con lo stesso Palazzo, ma non lo possono dire perché il Palazzo li sfama.

Cristo, non mi direte che questa č retorica…Retorico Pasolini? Con quella crudezza sua di vita e di pensiero, con quel suo comunismo insultante ed insultato, con quella rabbia di chi ha capito quasi tutto, e pochi gli credono? Da quassů posso dire che Pisolini aveva ragione. Capiva che gli studenti, gli operai, i poliziotti e i carabinieri non hanno un segno particolare. Ed anche la divisa conta poco, quando gli studenti si mascherano da guerrieri, e i guerrieri si vestono da studenti, un po’ per infiltrarsi un po’ per vedere cosa si prova.

Pasolini aveva ragione quando diceva che i denti del Palazzo macinano tutto. E forse sbagliava solo su un punto, ché i Palazzi sono tanti, e sono alti alti alti. Cosě alti che dai loro balconi la gente come noi sembra un popolo di formiche, e le nostre piccole battaglie, anche quando costano qualche morto come me, sono battaglie piccole piccole.

Altro che le Guerre grandi grandi che vengono preparate nei Palazzi. Da gente che non si sporca le mani con un povero sangue, di studente o poliziotto che sia. Salvo appropriarsi di quel sangue per interessi di bottega. E in genere il Palazzo del potere di turno si appropria del sangue delle “forze dell’ordine”, e il Palazzo dell’opposizione di turno si appropria del sangue degli studenti e degli operai. In un caso e nell’altro una bassa operazione di appropriazione indebita. Su quel giornale on line i sopravvivi si dividono la mia morte. E dimenticano che la mia morte non č una morte in divisa.

Cristo, ma possibile che sia cosě difficile capire che io sono stato il morto che ci voleva, per qualcuno. Come la morte di un poliziotto sarebbe stata la benvenuta, per qualcun altro. L’avevo scritto anch’io, nella mia prima lettera. Avevo cercato di dire che le morti come le mie servono sempre a nascondere qualcosa. Et voilŕ. In questi giorni in cui si č parlato tanto della mia morte ( e ringrazio tutti del pensiero) succedono in questa Italia cose strane: operai che occupano le stazioni e le fabbriche, e i borghesi che s’incazzano come i francesi di Iannacci, perché debbono fare la fila in autostrada.

Succedono cose strane, per tutti i Palazzi; che fanno finta di non vedere, e si coprono il viso anche con il viso della mia morte. E nel mondo, anche, succedono cose strane: come la storia di Bush che finge di non voler cominciare una guerra che non č mai finita. Da quassů certe cose si vedono chiare. E questa chiarezza mi pesa, perché i miei compagni brancolano in qualche nebbia, mentre i signori dei Palazzi si strofinano le mani e preparano interventi umanitari .

E, in tutto questo, la mia morte rischia di diventare una scommessa perduta, da me e dalla mia mamma. E non solo. Caruso, a quanto pare, l’hanno mandato a Trani: c’č una chiesa bellissima, un gotico ardito che si specchia nel mare. E c’č anche un carcere duro. Della serie la clemenza invocata dal Papa davanti al Parlamento osannante.

A proposito, quassů dicono tutti che č la prima volta che un Parlamento batte 35 volte le mani ad un uomo in sottana. Anche se č, come dicono quassů, un Sant’Uomo. Ma quassů, o quaggiů, ci sono molti Protestanti, che non possono vedere il Santo Padre, sennň che protestanti sarebbero…

Commenta su Facebook

Accadeva il 21 febbraio

Serena Autieri, doppia principessa del popolo. Al Lyrick, "Diana & Lady D"

Interventi antisismici sui beni culturali. Oltre 2 milioni di euro a Orvieto, più di 18 nella Tuscia

Concorso fotografico "Quel filo sottile…che ci unisce"

Pd Orvieto: "Apprezzamento e soddisfazione per il finaziamento del Mibact"

"No alla geotermia, difendiamo il nostro territorio"

Arriva il ticket online per Civita, la presentazione nello spazio Lazio Innova

Confcommercio: "Occorrono un metodo rigoroso e risorse certe per rilanciare il turismo"

"Monastero Invisibile", una rete di preghiera diocesana per tutte le vocazioni

Cafè Loti in "concerto al buio" al Teatro Boni per "M'illumino di meno"

Gianna Paola Scaffidi e Rosario Galli al Teatro Boni sono "Prigionieri al 7° piano"

"Oltre i confini della pena". Quando il lavoro cambia i destini delle persone

Il Museo Geologico e delle Frane guida le scuole della Teverina alla scoperta del territorio

La Confraternita di San Martino raccontata da Colombo Bastianelli

Museo vulcanologico e illuminazione pubblica spenta un'ora per "M'illumino di meno"

Dal Gal ternano fondi per la Chiesa di San Giovanni Battista e strutture adiacenti

Nella Chiesa di San Giovenale l'ultimo saluto a Marcella Rotili

Sarà l'Unione dei Comuni a gestire le funzioni in carico alla Provincia

Presentata alla Camera dei Deputati la mostra che porta Campo della Fiera in Lussemburgo

Testamento Biologico, registro delle dichiarazioni in Comune

Festival dello Street Food, non c'è l'accordo per l'edizione 2018

Aperte le iscrizioni al Corso di percezione visiva per appassionati di fotografia

Verini (Pd): "Un intervento di grande rilievo"

Comune e Opera del Duomo: "Riconoscimento importante per la tutela della città"

Piazza del Popolo senza auto dal 24 marzo. Orvieto per Tutti: "L'agorà è altrove"

Orvieto FC, sfida contro il Clt per aprire la seconda parte del Campionato

Al Palazzo dei Sette "Riformare la politica in Umbria, in Italia, in Europa"

Spazi pubblici ad associazioni private? Olimpieri (IeT) presenta un'interpellanza

"La traduzione plastica dell'anima". Si presenta il libro dedicato all'arte di Antonio Ranocchia

Brillano stelle tifernati al Premio per la Danza "Città di Orvieto"

La Zambelli Orvieto continua a stupire ed espugna Chieri

Alla Bottega Michelangeli, il FAI Giovani apre "I luoghi di Orvieto che devi proprio scoprire"

Sole e itudine

La Vetrya Orvieto non trova le contromisure, la Favl straripa

"Analytiques and Reflections upon Orvieto". La Kansas State University in Italy alla Bottega Chioccia Tsarkova

"Quando i soldi ci sono, e tanti, ma i risultati lasciano a desiderare...."

“Economia e politica in dialogo”, nell’incontro di Nova Civitas

Edilizia residenziale pubblica, revocata la sospensione delle assegnazioni nei Comuni fuori dal "cratere" sisma

Sanità, avviata la partecipazione sul regolamento per accreditamento strutture sanitarie e socio sanitarie

Triplicate le presenze ai musei del territorio, boom di visitatori nel 2016

"Erborando" all'Orto Botanico Rambelli. Corso per riconoscere le piante commestibili

Sisma, la Regione attiva tre tavoli per la ricostruzione e lo sviluppo delle zone colpite

"Invito a palazzo da Donna Olimpia". Conferenza-incontro e momento conviviale

Furti, truffe e prostituzione preoccupano gli orvietani: “Aumentate i controlli”

"Umbria Jazz Spring" a Terni. "Così si potenzia l'offerta turistica in Umbria"

Quattro nuovi cantieri. "Le risposte ai cittadini arrivano dai lavori in corso"

"L'arte del narrare. Il significato della fiaba di tradizione popolare"

Arriva Umbria Jazz Spring, a Terni 14-17 aprile

Terremoto, Confindustria propone di estendere la "no tax area" anche ad altre zone umbre

Letteralbar e Comune indicono il premio letterario per racconti e poesie brevi a tema libero

Lavori al Palazzo dei Sette, traffico vietato lungo corso Cavour

Il tennis dà spettacolo. Via al Torneo Open BNL 2017 al Club Opensportvillage

Palloncini bianchi per l'ultimo saluto a Laura. "Solo Dio conosce la verità"

Il Ricordo di Luca Coscioni. Note dopo il VI Congresso dellÂ’Associazione Coscioni, Salerno 15-17 Febbraio

Medaglia dÂ’oro al merito civile a Luca Coscioni. Il Sindaco di Orvieto comunica lÂ’intenzione di avviare lÂ’iter

Le iniziative dell'Umbria alla Bit di Milano

Luca Coscioni. Combattente per la vita. Orvieto

Disabili penalizzati da una cultura poco attenta. Odg in Provincia della Sinistra Arcobaleno per l'attuazione della convenzione ONU

Sabato 23 febbraio nella chiesa della Madonna della Cava Concerto della Scuola di Musica 'Adriano Casasole'

Corso di laurea in Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni : superata quota 100

Nuovo traguardo per l’Uisp Scherma Orvieto. L’atleta Ceccaroni 3° a Salerno al Trofeo nazionale “Montepaschi Vita”

Un atto di indirizzo del Consiglio per dare maggiore valenza al Giorno del Ricordo e ad altri particolari eventi del Novecento. Lo sollecita il sindaco Mocio rispondendo a un'interpellanza di AN

Approvate in Consiglio l'acquisizione dell'ex Ospedale e la relazione del Sindaco sulla valorizzazione del patrimonio pubblico a Orvieto

Riqualificazione urbana da Piazza Cahen alle aree commerciali di Corso Cavour nel PUC 2008 del Comune di Orvieto

Dalla Protezione Civile oltre un milione e 500 mila euro per interventi di difesa idraulica e ripristino di aree in frana

Sicurezza sul lavoro: se ne parla sabato 23 febbraio con il Sottosegretario alla Salute Gian Paolo Patta in un'iniziativa della Sinistra Arcobaleno

Festival dei Complessi Bandistici Umbri: domenica al Mancinelli secondo appuntamento di Scorribanda. Alle ore 18,00 il Concerto Musicale di Cannara

A Roma fino al 2 marzo gli inquietanti tableaux di Gregory Crewdson. Unica tappa europea del fotografo americano