economia

Abba annuncia un marchio. "Non siamo d'accordo con il teorema di Federalberghi"

martedì 18 giugno 2019
Abba annuncia un marchio. "Non siamo d'accordo con il teorema di Federalberghi"

ABBA (Associazione  Bed & Breakfast e Affittacamere), presieduta temporaneamente da Giuseppe Ricci, interviene in materia di turismo. Lo fa sulla scorta delle recenti affermazioni di Federalberghi con l'intenzione di avviare una presenza sempre più organica dell'associazione nel dibattito sullo sviluppo del turismo orvietano, di cui il settore extra-alberghiero è parte importante.

"Abbiamo atteso la conclusione della fase elettorale - affermano dall'Associazione Abba - per esprimere la nostra posizione su alcune affermazioni contenute in interviste e comunicati di Federalberghi circa il sommerso e l'evasione nel settore turistico nel nostro territorio. Lo facciamo oggi affinchè le affermazioni che esprimiamo possano essere valutate al netto di strumentalizzazioni politiche comprensibili nell'ultima fase di un'infuocata campagna elettorale.

Iniziamo dicendo subito che siamo d'accordo con tutti coloro che si propongono di combattere e denunciare gli operatori del settore turistico non in regola e che a qualsiasi titolo evadano la tassazione prevista ed utilizzino personale irregolare. Non siamo, però, d'accordo con il teorema proposto da Federalberghi secondo il quale gli operatori dell'extralberghiero sono quasi tutti evasori ed abusivi (e quindi la parte cattiva) e gli albergatori sono tutti in regola e a posto con tutti gli adempimenti (e quindi la parte buona).

Ma vogliamo davvero metterci a discutere su questo terreno? E' questo il livello della discussione che vogliamo proporre alla città ed alle istituzioni sul futuro del settore turistico? E poi, se proprio la vogliamo dire tutta, non era un albergatore l'ultimo apparso sulla stampa a non effettuare la comunicazione alla questura e a non pagare la tassa di soggiorno? Vedete, non conviene a nessuno agitare fantasmi che possono in ogni momento ritorcersi contro...

E infine, siccome parliamo di un settore economico in cui ogni dato statistico è riscontrabile, forse conviene informarsi meglio prima di basare i propri ragionamenti su dati assolutamente fasulli: difatti a fronte dei dati proposti da federalberghi che parla di oltre 400 strutture pubblicizzate contro 51 strutture denunciate abbiamo chiesto agli uffici comunali preposti la situazione attuale e ci sono state comunicati i seguenti dati:
- poco meno di 200 fra appartamenti a uso turistico e case vacanza;
- oltre 30 affittacamere;
- oltre 40 bed & breakfast.

E' evidente che il dato del sommerso nel settore è ben diverso... Ed è partendo da questo dato, dai quasi 300 operatori regolari dell'extralberghiero, che vogliamo esprimere loro un ringraziamento per l'offerta che mettono in campo; un'offerta che permette a tantissima gente di sostare a orvieto, condividere la nostra città, mangiare nei nostri ristoranti, bere il nostro vino, fare acquisti nei nostri negozi. Abbiamo mai pensato quante persone in meno arriverebbero ad Orvieto, a visitarla e a spendere soldi, senza questa offerta ricettiva?

Cogliamo l'occasione per invitare tutti gli operatori che ancora non si sono associati all'ABBA a farlo, all'insegna della legalità e della qualità delle strutture proposte. La nostra associazione oggi conta oltre 50 associati con un numero in continuo aumento; associa esclusivamente strutture in regola con le normative vigenti e che si impegnino sempre ad effettuare la comunicazione alla questura ed alla turismatica versare l'imposta di soggiorno.

Chiediamo quindi a tutti gli operatori del settore non solo di rispettare le regole ma anche di denunciare chi non lo fa (siano essi affittacamere, B&B, case vacanze, alberghi, ecc.):
- chi non è iscritto negli albi previsti dalla legge regionale vigente;
- chi non versa la tassa di soggiorno o evade le tasse in qualsiasi altra forma;
- chi utilizza personale irregolare (al nero!).
 
Infine, vorremmo annunciare una nostra iniziativa che prevede la realizzazione di un marchio dell'Associazione ABBA. Un marchio che ogni associato dovrà esporre all'interno della propria struttura, sul proprio sito e su tutti i portali di prenotazione che utilizza. Questo marchio garantirà al cliente la regolarità della struttura che si appresta a prenotare ed il rispetto di uno standard qualitativo adeguato. L'associazione convocherà apposita conferenza stampa per illustrare questa iniziativa".

Commenta su Facebook