economia

La Fondazione per il Csco è di nuovo accreditata quale agenzia formativa presso la Regione

martedì 15 novembre 2016
La Fondazione per il Csco è di nuovo accreditata quale agenzia formativa presso la Regione

Si apre una nuova stagione di collaborazione tra il Centro Studi “Città di Orvieto” e le Scuole. Questo è il dato saliente che emerge dall’incontro tenutosi venerdì 11 novembre Palazzo Negroni con i dirigenti degli Istituti Scolastici dell’Orvietano in occasione della presentazione dei corsi d’informatica su tecnologie libere ed “open source”. Il Centro Studi è tornato a disporre di uno strumento fondamentale per la cooperazione con quei soggetti che, a cominciare dalle Scuole, sono istituzionalmente deputati a produrre ed erogare istruzione e formazione. È ormai ufficiale, infatti, che la Fondazione per il Centro Studi “Città di Orvieto” è di nuovo un’agenzia formativa pienamente riconosciuta ed accreditata presso la Regione dell’Umbria per la formazione superiore, continua e permanente.

Il riconoscimento è particolarmente importante perché permetterà al CSCO di accedere ai finanziamenti pubblici partecipando con propri progetti agli appositi bandi emanati periodicamente dalla Regione, dai Ministeri e dall’Unione Europea. Più precisamente, l’accreditamento regionale segna un ulteriore passo in avanti per l’ente formativo orvietano, la cui “mission” è orientata sempre di più a promuovere – in sinergia con l’Università, le Scuole, il territorio e le imprese – la formazione superiore post-diploma e post-laurea (alta formazione), insieme a quella continua e permanente rivolta alle categorie organizzate in Ordini ed Associazioni Professionali.

In tal senso, l’incontro ha fatto registrare tre note positive: unità d’intenti; condivisione di metodi di lavoro ed obiettivi strategici; volontà di collaborare e di mettere in sinergia le risorse specifiche di ciascuno. Lo status di agenzia accreditata pone il Centro Studi come punto di riferimento territoriale per i soggetti interessati a promuovere ed organizzare attività formative extrascolastiche.
In concreto, la cooperazione con le Scuole dell’Orvietano potrà efficacemente svilupparsi sul terreno della progettazione a valere sui fondi strutturali ed i programmi comunitari, delle iniziative formative extrascolastiche di tipo prevalentemente specialistico, delle attività laboratoriali rivolte sia all’interno che all’esterno degli Istituti e della formazione continua del personale scolastico.
A tal fine saranno stilati appositi protocolli d’intesa ed accordi di programma tra la Fondazione CSCO e gli Istituti Scolastici.

Fonte: Comune di Orvieto

 

Commenta su Facebook

Accadeva il 26 maggio

L'Alta Tuscia riscopre i gioielli. Invito a Civita, Palazzo Monaldeschi e la Serpara

Due ori e tre bronzi per la Scuola Keikenkai al 2° Campionato Europeo di Karate Iku

Staffetta dei Quartieri. All'ombra del Duomo si corre la 51esima edizione

La Zambelli Orvieto si ferma sul più bello col Casal De' Pazzi

"Focus on pain" a Palazzo Alemanni. Seconda edizione per il congresso medico

Piazza del Popolo, parcheggi a disco orario non più a pagamento

"L'Eucarestia nell'arte cristiana". Conferenza Rotary in Duomo

Corso da tecnico audio e corso di informatica musicale al "Tuscia in Jazz 2016"

Alla Galleria Falzacappa Benci di passaggio i pellegrini di Giorgio Pulselli

A Guardea ed Alviano le musiche di Piovani e Morricone per il Concerto di Primavera

"Basta un Sì per cambiare l'Italia". Incontro a Sferracavallo con Luca Castelli

La Kansas State University sempre più presente sul territorio orvietano

Legambiente denuncia gravi profili di illegittimità del calendario venatorio

Il Coro degli Alpini dei Monti Lessini in concerto

Filippo Orsini relaziona su "Bartolomeo d'Alviano, Todi e l'Umbria tra XV e XVI secolo"

"Una buona stagione per l'Italia. Idee e proposte per la ricostruzione del Paese e dell'Europa"

Alla scuola Frezzolini di Sferracavallo s'inaugura la biblioteca "Sheradzade"

Nasce l'Albo sostenitori "Orvieto Cittaslow". Ecco da chi è composta la commissione

Divieto di pesca per consumo alimentare sul Paglia, scatta l'ordinanza del sindaco

"Etruschi 3D". Presentata la mostra multimediale curata dall'Associazione Historia

Che cos'è "Etruschi 3D"