economia

Bandiera verde a "Il Secondo Altopiano", qualità e impegno quotidiano per l'agricoltura naturale

martedì 15 novembre 2016
di Davide Pompei
Bandiera verde a "Il Secondo Altopiano", qualità e impegno quotidiano per l'agricoltura naturale

Marrone, come la terra. Verde, come la bandiera con tre colline stilizzate e sovrapposte che da qualche giorno sventola a Sugano, in località San Quirico, dove tra il 2007 e il 2010, da un'esperienza decennale e dal desiderio di "realizzare un progetto che non avesse solo un risvolto economico, ma anche etico e sociale", ha trovato posto un fazzoletto di paradiso a chilometri zero – anzi poco più di 4, vista la distanza con Orvieto – come la Fattoria "Il Secondo Altopiano".

Si tratta dell'unica realtà per quanto riguarda la provincia di Terni tra le 39 che venerdì 11 novembre a Roma, in Campidoglio, nella Sala della Protomoteca, sono state insignite della "Bandiera Verde Agricoltura", il marchio di riconoscimento istituito nel 2003 in collaborazione con la Confederazione Italiana Agricoltori e diventato premio nazionale dal 2007, con cui si valorizzano qualità e rispetto dell'ambiente da parte di enti – Regioni, Province, Comuni, Comunità Montane – ma anche parchi e aziende agricole. Realtà vive e vivaci che, con il loro agire virtuoso, riescono a distinguersi "nelle politiche di tutela dell’ambiente e del paesaggio anche a fini turistici, nell’uso razionale del suolo, nella valorizzazione dei prodotti tipici legati al territorio, nell’azione finalizzata a migliorare le condizioni di vita ed economiche degli operatori agricoli e più in generale dei cittadini".

"È sempre una bella emozione quando il nostro impegno viene premiato" commentano, soddisfatti, i titolari dell'azienda, Alessandra Rabitti e il compagno Emanuele La Barbera. Non nuovi, per la verità, a riconoscimenti. Già lo scorso anno, infatti, lo yogurt artigianale prodotto era valso loro il primo posto nella categoria yogurt di capra alla sesta edizione del concorso nazionale "Agri Yogurt" riservato agli yogurt di fattoria.

"Possedere una piccola azienda a dimensione e conduzione familiare – confidano – è di per sé faticoso. Di questi tempi, poi, non è facile riservare attenzione a tutto ciò che è realmente biologico ed eco-sostenibile. Ma noi ci crediamo. Così come crediamo nel percorso di filiera completo, dalla lavorazione della terra finalizzata alle esigenze dell'allevamento, e quindi dal controllo dell'alimentazione e del benessere degli animali, alla produzione di formaggi, fino alla distribuzione e alla vendita diretta in azienda. Ci rende, dunque, comprensibilmente felici quando queste scelte quotidiane vengono riconosciute come valore".

Una vera e propria filosofia, la loro, legata al sogno fattosi sempre più concreto di creare un sistema di agricoltura modello e polifunzionale. Produttivo e protettivo, nei confronti dell'ambiente. Parsimonioso, nell'uso di energia. Sano, ovvero capace di fornire cibi di qualità. Lontano da ogni retorica di cui gronda il settore. Con le capre da latte – razza camosciata delle Alpi – allevate e le galline nere che le seguono nella rotazione dei pascoli.

E svolgono, in stalla, la preziosa funzione di predatori naturali di insetti, larve e parassiti. Una lotta biologica. Così come biologica – e biodinamica – è l'azienda e l'agricoltura che porta avanti. "L'insieme delle pratiche agricole e i nostri metodi di allevamento – spiegano – sono rigorosamente naturali e si svolgono nel pieno rispetto della salute degli animali, dell’ambiente e del consumatore. Il nostro progetto è di far diventare 'Il Secondo Altopiano' un modello di agro-ecosistema in cui tutti gli elementi naturali siano ben integrati fra loro e funzionali uno all'altro".

In quest'ottica, l'apertura della bio-azienda al pubblico serve non solo a far conoscere i prodotti, ma anche a divulgare il progetto etico-culturale che sottende l’azienda stessa, ossia la possibilità concreta di uno sviluppo moderno e sostenibile. "Per lo stesso motivo – dicono – abbiamo scelto di proporre e organizzare attività rivolte ai bambini: ci dedichiamo con passione ai laboratori didattici perché crediamo che proprio i bambini siano il nostro pubblico più prezioso.

Tra i progetti per l'agricoltura naturale a cui lavoriamo c'è anche la coltivazione di varietà antiche di cereali minori quali farro, orzo e segale con cui facciamo realizzare da un mulino a pietra e da un pastificio artigianale piccole quantità di farine integrali e di pasta. E poi la produzione di frutta di varietà ormai scomparse che trasformiamo con metodi artigianali in marmellate, composte, mostarde. Nella formaggeria trasformiamo esclusivamente il latte delle nostre capre per la produzione artigianale di formaggi caprini a pasta molle e crosta fiorita, e di yogurt".

Pubblicato da gaia il 15 novembre 2016 alle ore 10:47
I loro prodotti sono fantastici, parola di una grande amante dei formaggi, tra i più buoni che abbia mai mangiato.
Il progetto è ambizioso e ammirevole, una visita alla fattoria fa uscire ristorati, negli occhi e nello stomaco, ma anche rincuorati e motivati nel vedere due persone che realizzano un progetto pieno di significato e di valore.
In mezzo a tanto biologico da supermercato o fatto solo di moda, il Secondo Altipiano è una perla di vera agricoltura biodinamica in cui tutto ciò che vive fa parte del ciclo produttivo e in cui la Natura viaggia accanto all'uomo in un ritmo fluido, scandito dal lavoro e dalle stagioni. Il risultato: una delizia da lasciare a bocca aperta. Da visitare assolutamente.
Pubblicato da luca rossi il 15 novembre 2016 alle ore 12:33
La passione rende liberi, l'amore per la terra rende gli uomini migliori. Brava Alessandra, bravo Emanuele.
Pubblicato da alejandro il 15 novembre 2016 alle ore 18:10
Se merecen todos los elogios por que trabajan para construir un buen futuro para sus hijos y este bendito pais, felicidades , ALE e EMANUELLE.
Pubblicato da antonio tiberi il 15 novembre 2016 alle ore 21:26
ho provato e assagiato i vs prodotti e sono veramente eccezionali,questa è la prova che con amore e passione si possono raggiungere risultati eccellenti.grazie per tutto quello che fate.

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 25 febbraio

Meteo

domenica 25 febbraio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento

--

--

--

--

--

--

--

--

--

--

--

--

21:00 -2.5ºC 92% discreta direzione vento
lunedì 26 febbraio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 -3.7ºC 71% buona direzione vento
15:00 -3.7ºC 64% buona direzione vento
21:00 -8.0ºC 95% buona direzione vento
martedì 27 febbraio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 -3.4ºC 69% buona direzione vento
15:00 -1.6ºC 63% buona direzione vento
21:00 -7.8ºC 87% buona direzione vento
mercoledì 28 febbraio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 -2.7ºC 67% buona direzione vento
15:00 0.4ºC 66% buona direzione vento
21:00 -3.7ºC 87% buona direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni