economia

Montegabbione si fa virtuosa. Giovedì l'inaugurazione della fontanella di acqua alla spina

lunedì 16 dicembre 2013
Montegabbione si fa virtuosa. Giovedì l'inaugurazione della fontanella di acqua alla spina

Sarà inaugurata giovedì 19 dicembre, alla presenza delle scuole, la nuova fontana per l'erogazione di acqua pubblica, installata in via Amendola a Montegabbione. "L'iniziativa rientra nella campagna di riduzione dei rifiuti alla fonte - spiega il sindaco di Montegabbione Andrea Ricci - promosso dalla Regione Umbria, in collaborazione con ATI 4 e i Comuni interessati. Abbiamo invitato a partecipare anche l'Assessore all'Ambiente della regione Umbria Silvano Rometti, una presenza per noi molto gradita per un progetto così importante non solo per il nostro comune, ma per tutta la Regione".

La fontanella andrà a distribuire la cosiddetta "Acqua del Sindaco", acqua naturale, frizzante e refrigerata, proveniente dalla rete pubblica (dall'acquedotto di Montarale), di assoluta qualità e costantemente controllata (http://www.lacquachebevo.it/). Il costo è di 5 centesimi di euro, ogni litro. Si tratta di un sistema che parte dall'acqua potabile e la tratta togliendo particelle in sospensione, elimina l'odore del cloro e abbatte la carica batterica residua con l'uso di una lampada a raggi ultravioletti.

"Il progetto di ridurre i rifiuti alla fonte - afferma il sindaco - non è solo ecologico, in termini di minor consumo di bottiglie di plastica e di minori costi legati agli imballaggi, ma permette anche un notevole risparmio per i cittadini. In questo momento di particolare difficoltà economica delle famiglie ogni piccola cosa diventa una grande cosa: si ipotizzano risparmi per diverse centinaia di euro per ogni nucleo, all'anno. Abbiamo scelto di erogare l'acqua al litro e non a litro e mezzo, come fanno altri Comuni, proprio per evitare che le persone continuino ad usare le bottiglie di plastica".

Secondo il sindaco, questo è un primo step di questo progetto che prevede anche la distribuzione del latte. "Speriamo - dice - di poter, a breve, riuscire a chiudere questo circolo virtuoso con la distribuzione del latte alla spina. Crediamo molto in questa campagna che non solo riduce fortemente l'utilizzo delle bottiglie di plastica e il conferimento in discarica, contribuendo alla tutela dell'ambiente, ma è anche un reale sostegno delle fasce più deboli ed esalta la qualità della nostra acqua potabile. Un ritorno alle origini per un futuro più sostenibile". Si ringraziano per la concretizzazione del progetto: il presidente Ati 4, sen. Leopoldo Di Girolamo, Acqua Si dell'azienda Lorenzoni e la Regione Umbria.

Commenta su Facebook