economia

Mercato del lavoro in Umbria: i dati ISTAT confermano un andamento positivo nel secondo trimestre 2007

domenica 23 settembre 2007
L’Umbria conferma anche nel secondo trimestre del 2007 un andamento positivo del mercato del lavoro: l’occupazione continua a crescere in maniera rilevante, mentre l’incremento della disoccupazione deriva dall’aumento della partecipazione attiva della popolazione residente. Questo il quadro della situazione del mercato del lavoro umbro secondo i dati forniti dall’Istat e relativi al secondo trimestre 2007. Rispetto al corrispondente trimestre del 2006, l’occupazione regionale è aumentata di ben 10mila unità toccando quota 362mila, un livello inferiore di sole 3mila unità al massimo storico toccato nell’ultimo trimestre dello scorso anno. Secondo l’Osservatorio sul mercato del lavoro della Regione Umbria l’incremento percentuale (3%) è risultato ben più elevato di quello medio del paese (+0,5%) e di un punto superiore a quello medio del centro (2%), che a sua volta risulta l’area del paese che ha registrato la miglior “performance”. A livello regionale si tratta della maggior crescita dopo quella del Lazio (4,9%). Ne è derivato un aumento del tasso di occupazione di 1,8 punti (pari a 64,1%), un valore di solo mezzo punto inferiore al massimo storico del quarto trimestre 2006. Il livello attuale assunto da questo indicatore in Umbria risulta di quasi un punto superiore a quello medio del centro (63,2%), sebbene registri ancora un gap importante verso quello del nord (66,7%) e nella graduatoria delle regioni del centro-nord l’Umbria precede solamente il Lazio. Così come nel primo trimestre a beneficiare della congiuntura positiva sono state le donne, il cui livello occupazionale è salito in un anno di 12mila unità raggiungendo quota 157 mila; si è trattato della crescita (+8,3%) percentualmente più rilevante di tutte le regioni italiane. Il tasso di occupazione femminile, quindi, è sensibilmente aumentato passando dal 51,8% al 55,9%. Anche nel secondo trimestre, invece, l’occupazione maschile ha registrato una contrazione (-0,8%) scendendo da 207 mila a 205 mila unità. Ne è seguita una contrazione di 4 decimi del tasso di occupazione (ora al 72,3%), un valore che, come nel primo trimestre, è inferiore alla media del centro (73,7%), sostanzialmente invariata rispetto al 2006. Si evidenzia inoltre – affermano dall’Osservatorio sul mercato del lavoro della Regione Umbria - una sostituzione di notevole rilievo di lavoro dipendente a lavoro autonomo, molto più importante di quelle registrate in altre aree del paese. L’occupazione alle dipendenze è aumentata del 7,6% portandosi al massimo storico di 274 mila (+20 mila); di contro quella autonoma è calata del 9,3% scendendo a quota 88 mila (-9 mila). Ne è seguita una contrazione del peso della componente autonoma dal 27,7% al 24,4%, che ora risulta più contenuto di quello del centro (26,8%) e del paese (26,4%). Si conferma anche che tale sostituzione riguarda entrambi i sessi ed è stata prodotta unicamente nel terziario, settore a cui si deve la maggior parte della crescita occupazionale. Qui operano 234 mila lavoratori (+13 mila), pari al 64,6% dell’occupazione totale; in particolare il maggior contributo è venuto dai settori extracommerciali il cui numero di addetti ha raggiunto quota 182 mila (+8mila), ma importante è stata anche la crescita dell’occupazione nel commercio (5 mila). Il numero degli addetti in agricoltura è invece sceso (-4mila) a quota 11 mila (3% dell’occupazione regionale); l’occupazione industriale, invece, è aumentata di 2 mila unità portandosi a quota 117 mila grazie alla crescita nell’industria in senso stretto che ha più che compensato la flessione dell’occupazione edile (da 35 mila a 30 mila). La crescita del terziario ha interessato soprattutto le donne che hanno beneficiato dei 3/4 dell’importante saldo positivo dei servizi extracommerciali e dei 2/5 di quello del commercio. La flessione registrata nel settore agricolo, infine, ha riguardato per 3/4 gli uomini. La presenza femminile risulta quindi sensibilmente aumentata nell’occupazione terziaria, dove le donne rappresentano il 53,5% degli addetti, e dove lavorano quasi l’80% degli occupati di questo sesso; la presenza di donne è aumentata anche nell’industria dove però sono ancora gli uomini a prevalere nettamente (77% degli addetti) dato il ruolo superiore che questo settore ha nell’occupazione maschile (44,1% dei lavoratori a fronte del 17,2% delle lavoratrici umbre). La crescita delle forze di lavoro in Umbria (+4%) è stata la più rilevante del paese. Rispetto al corrispondente trimestre del 2006 le forze di lavoro sono aumentate di 15 mila unità raggiungendo quota 382 mila. Tale crescita è stata generata principalmente dalla maggiore partecipazione della popolazione autoctona come testimoniato dalla contemporanea contrazione registrata dalle non forze di lavoro in età attiva (da 194 mila a 180 mila). Il tasso di attività è aumentato di 2,7 punti portandosi al 67,7%, un valore che risulta di soli 3 decimi di punto inferiore al massimo storico regionale toccato nel quarto trimestre 2006, intermedio tra quello del centro (66,4%) e quello del nord (68,9%) e che pone l’Umbria al pari della Toscana al settimo posto della graduatoria nazionale. La crescita delle forze di lavoro è stata determinata quasi unicamente dalla componente femminile che ha raggiunto quota 170 mila (+14 mila), con un tasso di attività femminile salito al 60,6% (+4,6 punti) e risulta di 4,1 punti superiore alla media del centro e 1,2 in di quella del nord. Il tasso maschile si è portato al 74,8% (+0,7 punti), un livello superiore di soli 3 decimi alla media del paese ma inferiore sia a quello del nord (78,3%) sia a quello del centro (76,6%). Si noti che per entrambi i sessi alla crescita delle forze di lavoro è corrisposta una flessione delle non forze di lavoro in età attiva (quelle femminili sono calate di 12 mila unità e quelle maschili di 2 mila). Poiché l’incremento delle forze di lavoro è stato superiore a quello dell’occupazione, il numero delle persone in cerca di lavoro è aumentato, passando dal minimo storico di 16 mila unità toccato nel secondo trimestre 2006 alle attuali 20 mila: il tasso di disoccupazione è così risalito al 5,2% (+9 decimi) e risulta ora leggermente superiore alla media del centro (4,8%). Data la dinamica di occupazione e forze di lavoro il numero dei disoccupati è aumentato di 3 mila unità per gli uomini e mille per le donne. Per i primi il numero dei disoccupati è quindi salito a quota 7 mila, per le seconde si è attestato a quota 13 mila; per entrambi i sessi tale crescita ha riguardato principalmente la componente con esperienze pregresse. Il tasso di disoccupazione maschile è così passato dal 1,9% al 3,2%, un valore che si mantiene, comunque, inferiore alla media del centro (3,7%) pur risultando ora più elevato di quella del nord (2,3%); più contenuta la crescita del tasso femminile (+3 decimi) che però ora risulta superiore alla media del centro (7,7% a fronte del 6,3%) dato che nello stesso periodo quest’ultima è sensibilmente diminuita (-1,3 punti). All’aumento della disoccupazione Eurostat – sottolineano dall’Osservatorio sul mercato del lavoro della Regione Umbria - ne è corrisposto uno meno pronunciato della disoccupazione allargata a seguito del sopra ricordato passaggio da non forze a forze di lavoro della popolazione residente. Ovviamente – concludono - anche questa volta si ricordano le cautele richieste da una lettura dei dati trimestrali. Non si può non sottolineare comunque la positività del quadro che ne emerge, confermata anche dalle medie mobili dei dati trimestrali, che ovviamente forniscono stime più “robuste”.

Commenta su Facebook

Accadeva il 16 ottobre

Bazar

La Zambelli Orvieto combatte ma si piega al forte Cuneo

Tecnici dell'Orvieto FC alla Parma Academy per un weekend di aggiornamento

Ecco i Comuni umbri da dove fuggono i giovani tra 25 e 40 anni

Sulla fecondità morale di una non più rinviabile rivoluzione culturale

Vendemmia vita

I violini barocchi vanno in mostra all'Antiquarium di Tenaglie

Nuovo parroco ad Allerona Scalo, alla guida della parrocchia don Eugenio Campini

Chiusa per lavori la Chiesa di San Pancrazio Martire. Riaprirà a dicembre

"Via Signorelli chiusa h24. Perché?". Olimpieri (IeT): "Danni e disagi per i cittadini"

La Narnese rovina la festa all'Orvietana, 4 - 2: biancorossi ko

Tra mistero e racconto, l'universo femminile di Pietro Archis

Via ai lavori sulla strada regionale 205 Amerina. Interventi per quasi 70.000 euro

Noto professionista stroncato da un malore, inutili i soccorsi

Buona la prima per la Vetrya Orvieto Basket

Di nuovo "On Air". Radio Orvieto Web riprende le trasmissioni

Il Castello di Torre Alfina diventa fiaba per "The Hunting. Il Gioco dell'Amore" dei Cherries

Scuola, concluse le conferenze d'ambito. A giorni, il Piano complessivo da trasmettere in Regione

Chianella al convegno di Alta Scuola: "Maggiore attenzione al dissesto idrogeologico"

Fondazione Giovanni Paolo II e Centro Peres per la Pace, si firma l'accordo

"Cannabis, il farmaco e la droga". Uil presenta il corso di formazione

Inaugurato il nuovo campo in erba dello Stadio "Luigi Muzi"

"Omaggio a Stefano Rodotà". Doppio appuntamento in Sala Consiliare e al Palazzo dei Sette

Festival Nazionale del Gioco e delle Tradizioni, "un'esperienza da ripetere"

Asl 2, i sindacati dei pensionati chiedono il rispetto degli impegni presi

La Azzurra Ceprini torna da Bologna a mani vuote

Simon Picone, mediano di mischia della Nazionale, incontra i rugbysti al De Martino

Giornate della Castagna, primo weekend da incorniciare

Al via pulizia e taglio della vegetazione presso il Belvedere del Moai

Mostra fotografica e brindisi a "La Casella" per festeggiare trent'anni di attività

Dall'Otto per Mille, oltre 480.000 euro al Parco di Vulci

Con "CamminainTuscia", la Via Francigena è sulla buona strada

Arriva "Box 18". Il Comune regala la Costituzione ai neo-maggiorenni

"Alternanza Day" alla Camera di Commercio, tra scuola e lavoro

Sul timpano spunta "Il gruccione". L'arte di strada per migliorare il decoro urbano

Inaugurato il giardino inclusivo della Scuola dell'Infanzia di Ammeto

Ricci (RP): "La Regione si attivi per valorizzare Parco e Museo Vulcanologico"

Nuovo libro per Claudio Lattanzi, "Orvieto nel Medioevo. Ascesa e declino"

"Occhi allo Specchio". Descrizioni dal vero Orvieto-Montecchio - 16

Il clero della Diocesi elegge il nuovo consiglio presbiteriale

Nucci (San Venanzo Viva): "Il sindaco se ne infischia dell'opposizione"

Il Comune dichiara guerra alle biciclette: "Via dal parcheggio di Via Roma"

Tordi (M5S) replica a Bizzarri: "Segnaletica inesistente e monumenti bistrattati"

Incontro partecipativo per costruire insieme la "mappa di comunità"

Foto, storie e ricordi di Orvieto fuori dai cassetti. Il primo ad aprirli è Reno Montanucci

Si presenta il restauro artistico e architettonico di San Giovenale

Il Centro Antiviolenza di Orvieto apre le porte

Alert System, cosa è e come funziona. Rischio denuncia per chi procura falsi allarmi

Al Mancinelli Pino Strabioli e Alice Spisa portano in scena "L'abito della sposa"

Vergaglia (M5S): "Portiamo Orvieto a Bruxelles. Nota stonata la bocciatura dell'Ufficio Europa"

Vertenza Ast, Orvieto aderisce allo sciopero. Germani: "Sostegno ai lavoratori"

In arrivo la prima edizione del festival del dialogo "CuriosaMente"

Prima giornata per il festival del dialogo CuriosaMente

Seconda giornata per il festival del dialogo "CuriosaMente"

Terza giornata per il festival del dialogo "CuriosaMente"

Al via la 24esima edizione della Mostra Micologica

Le cooperative di Orvieto: "Lo sciopero sortisca effetti"

La Libertas Pallavolo Orvieto se la vede con il Clitunno Volley

Cgil, Cisl e Uil: "Dalla mobilitazione una proposta alternativa per il futuro della nostra comunità"

Un convegno per riflettere su "Alzheimer. Una lotta contro la disabilità"

Al Giubileo del Malato le testimonianze di Giosy Cento

Gioventù nazionale insieme all'associazione "Non c'è fango che tenga"

A Morre la castagna è regina dell'autunno

Ars Wetana, una tradizione ritrovata. Alla ricerca delle artigiane artiste del prezioso merletto orvietano

Breve storia dell'Ars Wetana

Trasferimento dei rifiuti campani. Nettamente contraria Altra Città: 'Le ecoballe dirigetele altrove'

Yunus, un esempio per tutti: i veri grandi non hanno presunzione

Il comunicato del Comune di Orvieto sull'assegnazione del Premio per i Diritti umani 2004 a Muhammad Yunus

Prime giornate cardiologiche orvietane: il progetto Orvieto Cittàcardioprotetta si presenta a livello nazionale

Si mobilita l'UDC. Enrico Melasecche: occorre difendere Orvieto dalla falsa solidarietà ambientale della sinistra

27-29 ottobre. Convegno a Collevalenza sulla prima Enciclica di Benedetto XVI DEUS CARITAS EST

La Romeo Menti a Collescipoli viene raggiunta nei minuti finali

Prova maiuscola della Romeo Menti che in juniores regionale batte la capolista Nestor

Debutto in scioltezza per i maschi del volley orvietano: la Libertas Pallavolo Orvieto schiaccia il Gualdo Tadino per 3-0

Abile excursus pianistico nella forma Fantasia. Pieno successo del Concerto del maestro Cambri al Festival Valentiniano

Diffondere la cultura d'impresa tra i giovani. L'impegno congiunto dell'amministrazione orvietana e Novaumbria

Insediamento della Coop centro Italia sull'Amerina: la Conferenza dei Servizi ha detto sì. Al via la megadistribuzione

Il piano integrato del sistema commerciale del Comune di Orvieto: le linee

La lavorazione del merletto orvietano

Velia Pollegioni

Renata Cardarelli

Maria Piacentini

Antonietta Burattino Ubaldini

Manuela Ciotti

Scrosci di applausi per Luca De Filippo al Mancinelli. Il lavoro della Te.Ma comincia a dare buoni frutti