economia

La nascita del Consorzio universitario, una nuova politica di sviluppo territoriale

domenica 19 marzo 2006
di Roberto Montagnoli
Riceviamo e volentieri pubblichiamo una nota di Roberto Montagnoli, Capogruppo DS al Consiglio Provinciale, sulla nascita del Consorzio universitario ternano. Di seguito la nota:
L’adesione al Consorzio per lo sviluppo universitario del ternano da parte del Consiglio Comunale di Narni, chiude una lunga fase che ha visto convergere tutte le amministrazioni locali verso un nuovo grande progetto di rilancio del territorio. In questi giorni di accesa campagna elettorale, ormai tutti sappiamo quanto questo Paese sia staccato di molte lunghezze dagli altri partner europei in tema di innovazione e qualificazione delle sue risorse umane, con le percentuali più basse di laureati e la perdita continua di competitività nell’export di prodotti ad alto contenuto tecnologico. Le ripetute crisi in campo industriale, che ormai da vent’anni attanagliano il territorio di Terni e Narni con conseguenti emorragie di produzioni e posti di lavoro, dimostrano che è il tempo di spingere l’acceleratore verso un progetto di medio lungo periodo, che vicino al consolidamento delle infrastrutture materiali costruisca un ambiente favorevole all’innovazione e allo scambio fra ricerca universitaria e impresa. Questo è il nodo politico che i contenuti del Patto di Territorio hanno posto alla riflessione delle classi dirigenti locali. Una Università autonoma, coerente con i caratteri peculiari di un’area a forte vocazione industriale, è quello che serve al ternano per guardare al futuro con maggior fiducia. Solo la messa a sistema dei centri di ricerca pubblici e privati (specie quelli delle grandi multinazionali presenti nell’area), di agenzie vocate al trasferimento tecnologico, associazioni di categoria e gruppi di imprese, troppo piccole da sole per stare sul mercato, può prefigurare un rilancio economico di questo territorio ancora prima dei costi delle materie prime o dei fattori di produzione. Serve un cambio culturale in chi guida questo territorio. Serve quindi uscire dalla logica degli interventi tampone, o del vivacchiare attraverso fondi esterni capaci di traghettare il sistema imprenditoriale al di là delle congiunture ma poco adatti al suo consolidamento strutturale. Cosa sarà questa parte dell’Umbria fra 10 o 15 anni, quale funzione svolgerà in ambito regionale e interregionale? La risposta sta nella capacità di trasformare il distretto tecnologico, le questioni della logistica, quello delle fonti rinnovabili, in progetti di lavoro veri e non solo sbandierati. L’università è l’inizio quindi di un percorso che vuole dotare un’area territoriale così importante allo sviluppo regionale, di quegli elementi necessari al suo ricambio culturale: in campo imprenditoriale, politico e perché no amministrativo abdicando a vecchi schemi autarchici che vedevano singole municipalità impegnate in fantomatici piani di sviluppo senza una visione di sistema territoriale. A partire dal 10 aprile, approfittiamo dei prossimi anni, senza la spada di Damocle del perenne elettoralismo, per fare scelte coerenti con obiettivi di medio lungo periodo, per fare cioè scelte coraggiose e come tali poco misurabili nell’immediato ma qualificanti per il futuro. Quello che si è fatto con l’Università, mettendo d’accordo il sistema istituzionale locale, può rappresentare lo schema entro il quale favorire un ambiente più aperto all’ascolto e alla progettazione di un modello di sviluppo finalmente nuovo, dove convivono industria, piccola impresa innovativa, valorizzazione del territorio e qualità della vita. Un modello di sviluppo in cui le istituzioni sempre più accompagnano le imprese in azioni coerenti agli obiettivi di crescita del sistema e sempre meno nell’esigenza di pareggiare i bilanci, compito di manager d’azienda e non di assessori, presidenti o sindaci. L’università, il distretto tecnologico e la sua governance, devono necessariamente consolidarsi in un livello territoriale specifico, dove convivono gli attori dello sviluppo. Questo è l’altro grande tema che avremo di fronte nei prossimi mesi, ovvero quello di abbandonare logiche d’apparato per abbracciare un metodo di lavoro che coinvolga tutta una comunità intorno alla progettazione del suo futuro.

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 marzo

"Ficulle, Borgo del Belvivere". Progetto aperto, verso l'Ospitalità Diffusa

Al Mancinelli, "Ferite a Morte" di Serena Dandini. Con Lella Costa per dire "No" al femminicidio

"Le Elezioni viste della Rete", gli esiti del seminario all'Unitus

La Fit'n Dance Academy vola a Barcellona per il Campionato Mondiale di Danza

Paparelli al food show "Ciao Italia": "Grande vetrina per le produzioni umbre di qualità"

Vetrya, nuovo contratto con Vodafone Spagna per erogazione servizi mobile payment

Da Allerona Scalo, gli indirizzi pastorali del nuovo parroco

Le more

Le opere di Rita Paola in esposizione al Museo Colle del Duomo

Apertura straordinaria ed eventi in Biblioteca per la Settimana dell'Arte

"Orvieto per Tutti" sul centro storico: "Quale è il progetto?"

"Esercizio in tre atti per ritrovare le ragioni del legame tra luogo e comunità"

Pantano

Al Museo Civico di Zoologia presentazione del libro "Il mio primo grande libro sugli pterosauri"

Nuova seduta per il Consiglio Provinciale. L'ordine del giorno

Torna "Storie Sottobanco", i giovani studenti umbri diventano scrittori e si mettono in gioco

Alluvione, sei anni dopo. Il Comitato 12 Novembre 2012 sollecita interventi

Nessun dietro front su Piazza del Popolo. Aperto il confronto anche sul commercio

Inizia dal Porto Romano di Pagliano, la sensibilizzazione sull'Art Bonus

La soprintendente Margherita Eichberg in visita al Parco di Vulci

"Maremma d'aMare". Al via la quinta fiera delle tradizioni maremmane

L'Asd San Venanzo festeggia mezzo secolo di storia

Orvietana, Fatone spara sui "gufi"

Ingresso gratuito per tutti gli studenti per il docufilm "Pertini. Il Combattente"

A Magione si accendono i motori, driver e scuderie orvietane non stanno a guardare

"Coloriamoci di lilla". Luce accesa sui disturbi del comportamento alimentare

Brunori Sas, sold out la tappa umbra di "A Casa Tutto Bene Tour"

Michel de Montaigne per il secondo incontro dell'Osteria Philo

Alla Casa Laboratorio "Il Cerquosino", torna il progetto Erasmus Plus

Valeria Deanesi pronta al gran finale della Zambelli Orvieto

Il vescovo Benedetto Tuzia visita il Vicariato di San Terenziano

Under 20, seconda giornata del concentramento interregionale

A Villalba la “Sagra della Primavera”

Parlando di una lei

Nuovo team ufficiale Osella, a Fattorini la guida della PA30 V8 Zytek Evo

Ultimi giorni per visitare la mostra "Etruschi à la carte" e una nuova esposizione di carattere archeologico

Spacciavano droga a minorenni, in manette giovani orvietani

Quaresima: la guarigione pericolosa

Operazione Albornoz, tutti i dettagli del blitz

Lavori pubblici, quasi mille imprese iscritte nell'elenco regionale

"Slow life / Slow city. Ambiente, architettura, paesaggi del cibo: le piccole città del buon vivere come modello per le comunità urbane"

Eccidio di Camorena, corteo cittadino e presentazione del libro "Gli uomini di Mussolini"

La droga veniva nascosta nelle batterie, le foto

"Mille giorni di fallimenti politici e di arroganza". Olimpieri (IeT): "Germani alla frutta"

"Respira Parrano", Comune ed Università avviano lo studio aerobiologico dell'aria

Provincia, mobilitazione no tagli. "Niente più risorse per le strade", venerdì iniziativa per le scuole

Marcia per l'Europa, nel 60esimo anniversario dei Trattati di Roma

Bellezza ferita dal sisma, visita alle opere d'arte custodite a Santo Chiodo di Spoleto

Convenzioni tra ospedali, ad Acquapendente due medici specialisti di Orvieto

Riunito il "Tavolo Verde", dai provvedimenti post-sisma forte accelerazione pagamenti Psr

Asd Pm Pertica Orvieto: Vice Campioni Nazionali al campionato italiano a staffetta di pentathlon moderno

Settimana dell'Arte all'Istituto di Istruzione Artistica Classica e Professionale

È @governo.it, bellezza!

Al via la terza edizione del Master per gli "investigatori dell'arte"

Terza edizione per il Festival Nazionale dell'Educazione

"Fiorito è bello". Laboratorio di Primavera alla Biblioteca Ragazzi

Dio

Porano

Ampliata l'offerta di trasporto pubblico tra San Venanzo e Marsciano