economia

Tendenza inflattiva più fredda e maggiore prudenza dei consumatori

mercoledì 12 ottobre 2005
Un incremento dei prezzi al consumo leggermente più basso di quello nazionale e quindi una tendenza inflattiva “più fredda”, ed un atteggiamento più “prudente” dei consumatori che acquistano prodotti scegliendoli tra quelli compresi nel livello medio del prezzo di vendita. Sono questi i principali elementi che emergono nel 2005, in Umbria, dal secondo monitoraggio compiuto dall’“Osservatorio regionale dei prezzi”, promosso dalla Regione Umbria, in collaborazione con l’Istat regionale e l’Università di Perugia. I risultati dell’indagine, che analizza il periodo gennaio-luglio 2005, sono stati illustrati stamani a Palazzo Donini nel corso di una conferenza stampa cui hanno partecipato il preside della Facoltà di economia dell’Università di Perugia, Pierluigi Daddi e la responsabile dell’Istat regionale Rita Bartoloni.

Lo studio elaborato dall’Osservatorio analizza due elementi: l’andamento dell’indice dei prezzi al consumo, e quello relativo alle quotazioni dei prodotti e ai relativi comportamenti di acquisto dei consumatori. L’andamento dell’indice dei prezzi al consumo viene effettuato su otto Comuni (Perugia, Terni, Spoleto Foligno, Città di Castello, Narni, Orvieto e Todi); il “paniere” di prodotti di riferimento è “analogo a quello nazionale” ed è composto da circa 500 prodotti suddivisi in dodici capitoli merceologici. L’elemento di novità, rispetto a quello adottato dall’Istat nazionale, del metodo di rilevazione dell’Osservatorio regionale sta nel fatto che vengono inseriti nella rilevazione anche i dati di sei comuni non capoluogo, permettendo una più ampia valutazione della dimensione regionale. Il secondo campo di indagine è effettuato sulla base di rilevazioni, compiute sempre negli otto Comuni, e riferite ad un “minipaniere” di 38 prodotti di largo consumo, individuati dai promotori dell’Osservatorio in collaborazione con le associazioni dei consumatori, le organizzazioni sindacali, la Consulta regionale dei consumatori e utenti e con l’Anci.

“La rilevazione dei prezzi al consumo nel periodo gennaio-luglio 2005 – ha detto il professor Daddi – fa registrare rispetto al 2004 (base dicembre) un incremento complessivo dell’1,5 per cento, dato leggermente inferiore a quello nazionale che è dell’1,7, e questo ci può far prudentemente affermare che in Umbria la dinamica dell’inflazione è più fredda e ‘sotto controllo’”.” Fra gli elementi che concorrono a determinare questa tendenza – ha spiegato Daddi – possiamo ipotizzare la forte propensione degli umbri a rivolgersi al piccolo dettaglio, che è un settore meno reattivo della grande distribuzione alle variazioni dei prezzi, la riduzione della domanda che frena l’aumento dei prezzi ed anche quel circuito di distribuzione legato alla produzione di prodotti tipici”. “Nel 64 per cento dei prodotti – ha spiegato ancora Daddi - si registrano variazioni più basse o uguali al livello nazionale, mentre solo nel 23 per cento dei casi l’aumento è superiore. Gli incrementi più alti si sono registrati nel settore abitazioni ed energie (+5,3), nei trasporti (+2,8) e nei servizi ricettivi e di ristorazione (+2,1). Mentre i comuni capoluogo sono allineati sostanzialmente con la tendenza nazionale, gli altri sei contribuiscono, con discrete variazioni, a rendere più basso l’indice regionale.

I consumatori umbri – come spiega Bartoloni dell’Istat regionale – secondo i risultati dell’indagine condotta sul “minipaniere” regionale 2005, manifestano una tendenza più ‘prudente’ rispetto allo scorso anno: scelgono prodotti con un prezzo che si avvicina a quello medio, con una particolare attenzione al rapporto qualità-prezzo. Si tende a spendere di più solo per la carne, per i prodotti ‘fior di latte’ e per il parmigiano. Per quanto riguarda le oscillazioni dei prezzi tra il minimo ed il massimo rilevato, si va, ad esempio, per la carne bovina da 3,36 euro (gennaio) a 16,50, per caffè e cornetto da 0,60 euro a 1 euro, per la carne suina da 2,95 euro (febbraio) a 15,90. Per i prodotti ‘fior di latte’ da 3,09 euro (gennaio-giugno) a 11,84, il latte a lunga conservazione oscilla tra 0,39 euro a 1,94, il costo del pasto in pizzeria (margherita, birra e coperto) è variato da un minimo di 5,30 euro a 11,50, mentre il prezzo dell’olio extravergine di oliva è variato da 2,3 euro a 9,50. Discrete le differenziazioni tra diversi comuni, che sono determinate dalle differenti caratteristiche della rete distributiva e dai mesi presi in considerazione.

Commenta su Facebook

Accadeva il 16 febbraio

Escursione nel Parco Fluviale del Tevere, tra il Campione e la Canepaccia

"Orvieto is our home". Non dobbiamo deluderli…

In tanti all'Unitre per l'incontro con la Guardia di Finanza

In arrivo l'Isola Ecologica comunale, dalla Regione 200.000 euro

"Frammenti d'un mosaicista morto dal freddo" al Teatro Comunale

Sei totem per la sicurezza e la "cardio-protezione" del paese

Unione Intercomunale del Trasimeno, "il territorio c'è"

Orvieto e Allerona in onda su "Sereno Variabile", fra tradizioni e bellezze

Frecciarossa Perugia-Milano: 3.200 prenotazioni. Chianella: "Numeri straordinari"

Riparto fondo sanitario nazionale, all'Umbria oltre 1,6 milioni di euro

"Un sorriso per Raffaella. I clown di corsia arrivano a Orvieto!"

Quattordici "occhi" sul territorio. Potenziato il sistema di video-sorveglianza

Intitolate ad Eugenio Fumi, piazza e area di ricerca e sviluppo in Vetrya 2

Via agli incontri per la Cabina di regia per la programmazione della rete scolastica

Orvietana in pausa. Il Campionato riprende il 25 febbraio

Differenziata, novità in vista. Per i commercianti c'è tanto da migliorare

Carta Tutto Treno, "la strada è quella del reddito individuale"

Wine Show, da Orvieto a Todi. "Prendere impegni era un salto nel buio"

Chiusura dell'Archivio di Stato, la palla ora passa al Ministero

Rti avanza richieste economiche al Comune, la questione approda in Consiglio

Contratto di fiume Paglia, sì del consiglio al secondo report intermedio

Destinazioni d'uso per Villa Valentini e Casale Trentavizi. Strade al demanio, sì del Consiglio

Centro storico in affanno, ma il Consiglio boccia la mozione e non torna indietro

Sì del Consiglio alla mozione che dice no a impianti geotermici

"Vincere la sfida del lavoro significa sostenere la cultura agricola della Tuscia"

"Il Modello Civita deve servire da traino a tutto il resto della Tuscia"

Comitato pendolari Orte: "Siamo alla frutta"

Borgo Hescana, ancora nessuna videosorveglianza. Olimpieri (IeT): "Solite promesse non mantenute"

Tra Oasi e Castello di Alviano, un "Tandem" di bellezze in concorso fotografico

Roberto Ciufoli da solo si moltiplica. Sul palco del Mancinelli arrivano i suoi "Tipi"

Discarica "Le Crete", le minoranze chiedono la convocazione della Commissione speciale di studio

"Le Grandi Firme della Tuscia". In distribuzione il quinto numero dell'aperiodico di Letteralbar

Orvieto Fc al PalaPapini contro il Montebello. Nobuyuki Hayashi traccia il punto

Un volo troppo lungo

Blitz della polizia contro la banda dei tir, trovato un mezzo rubato alla ditta Ciotti

Vetrya incrementa i ricavi del 54%

Furto nelle campagne orvietane, ladri in fuga con trattore e salumi

Partenariato tra Allerona e Castel Viscardo per la promozione di prodotti agro alimentari filiera corta

La differenziata sale al 75%, Castel Viscardo nella top ten dei Comuni più virtuosi

Emergenza terremoto, via al dialogo per salvare il patrimonio dell'Umbria

Dal 21 febbraio, Urp e Anagrafe di Orvieto Scalo aperti solo di martedì

Piazza della Pace, via ai lavori di riqualificazione delle strutture

"It's time. Questo è il momento!!!". Orvieto Fotografia-Convention FIOF fa tredici

"Scolar-mente". Al Csco incontro su "Matematica e metodo scientifico"

Province, Lattanzi: "Il Governo fermi i tagli e dia risorse agli enti, ricorso al Tar contro provvedimenti non costituzionali"

Variati (Upi): "Manca un miliardo e 300 milioni, aspettiamo il Governo fino a fine febbraio, poi esposti in procura"

Bando speciale servizio civile, 208 volontari richiesti per progetti di assistenza alla popolazione colpita dal sisma

Uisp Scherma, il Trofeo Pegaso fa centro. Tutti i premiati

Tesori nascosti tornano alla luce, riscoperto l'Ambulacro sotterraneo

Acque e seno