cultura

Nuova luce sul Castello di Bartolomeo. Visitabili anche i Bastioni

giovedì 7 novembre 2019
di Davide Pompei
Nuova luce sul Castello di Bartolomeo. Visitabili anche i Bastioni

Tirata su in pieno Medioevo, come fortezza militare, ad opera del Conte Offredo sceso dalla Germania e ricostruita poi nel 1490 da Bartolomeo d'Alviano, l'antica rocca con cui si identifica il vicino Comune umbro conserva intatte ancora oggi le caratteristiche di baluardo difensivo e di palazzo residenziale. Pianta trapezoidale, quattro torri circolari, angolari, bastionate e un cortile rinascimentale fanno del Castello di Alviano una solida dimora gentilizia.

Il complesso che domina il borgo – acquistato nel 1654 dalla Principessa di San Martino Olimpia Pamphili, potente cognata di Papa Innocenzo X – gode da sempre di "posizione strategica in quanto sovrasta la Valle del Tevere, ed è proprio questo che lo ha reso spettatore di numerose battaglie locali, soprattutto tra Guelfi e Ghibellini". A tutto ciò vanno aggiunti adesso anche una nuova illuminazione e nuovi spazi visitabili, ovvero i bastioni della fortezza rinascimentale.

È attesa, infatti, per giovedì 7 novembre alle 18 l'inaugurazione dell'intervento realizzato grazie al GAL Ternano, attraverso la "Misura 19 – Sottomisura 19.1 – Tipo di Intervento 19.2.1 – Azione 19.2.1.1 – Recupero dei beni culturali minori al fine della loro conservazione e fruizione". Ad organizzare l'evento, che si concluderà con un'apericena conviviale, il Comune. "La gente – sottolinea il sindaco, Giovanni Ciardoama esplorare tutti gli angoli e gli spazi di un castello come il nostro. A maggior ragione, uno spazio come quello dei bastioni, siamo sicuri conquisterà cittadini e visitatori.

Un percorso nuovo intorno al maniero, che offre una vista unica sulla Valle del Tevere e l'Oasi WWF Lago di Alviano. A ciò si aggiunge una nuova illuminazione che, grazie alla collaborazione con Enel X, ha valorizzato in maniera spettacolare l'esterno del castello. Un'imponenza, la sua, illuminata magistralmente, che spicca nella notte. Per questo ringraziamo tutti coloro che hanno reso possibile questo traguardo".

All'evento di inaugurazione sono attesi anche Massimo Bruno, responsabile Sostenibilità e Affari Istituzionali di Enel, e Francesca Migliorato, responsabile Illuminazione Artistica di Enel X – la divisione del Gruppo Enel dedicata all’illuminazione pubblica ed artistica, alla mobilità elettrica, ai servizi innovativi e alla digitalizzazione – grazie alla quale è stato possibile realizzare il nuovo impianto di illuminazione esterno, ottenendo un risultato di grande impatto.

Con un significativo risparmio energetico. Accanto ai rappresentanti istituzionali interverranno poi l'architetto Rodolfo Bellini e i responsabile della Ditta Ciorba Srl che ha eseguito l'intervento di riqualificazione degli spazi esterni del castello. Nel dettaglio, l’intervento di Enel X è consistito nel restyling completo di alcune linee di alimentazione, la sostituzione di 40 corpi illuminanti con nuovi apparecchi a led di ultima generazione, di cui 8 da 28W installati su palo tecnico per illuminare, anche a colori, la facciata rivolta verso il centro storico.

I restanti apparecchi – da 35W ciascuno e con temperatura di colore di 3000k che garantisce una resa di luce ideale e non impattante – sono stati posizionati a proiezione intorno alla fortezza, sia sui tetti degli edifici prospicenti sia su alcuni sostegni esistenti ma con linee dedicate e in posizioni perimetrali scelte ad hoc per permettere l’illuminazione completa delle superfici in pietra dell’esterno dell’edificio.

Rispetto all’impianto precedente, che aveva una potenza installata di circa 4kW distribuita su meno di 10 corpi illuminanti, si è ottenuta così una riduzione della potenza installata passando a 1,3kW per 40 proiettori e un’illuminazione artistica completa per le quattro facciate e le rispettive torri merlate. Per quanto riguarda la facciata rivolta verso la piazza del paese, sono state programmate scene a colori. Tricolore ma non solo, così come richiesto dall’Amministrazione Comunale.

Commenta su Facebook