cultura

"Il Colore della Magia". Educare alla bellezza attraverso la bellezza

giovedì 13 giugno 2019
"Il Colore della Magia". Educare alla bellezza attraverso la bellezza

Una scuola che funziona è la scuola del benessere, dove bambini e insegnanti stanno bene, dove si vive in semplicità, dove si apprezzano e si fanno apprezzare le piccole cose di ogni giorno, dove ci si meraviglia ancora delle cose banali, dove si educa alla bellezza attraverso la bellezza. Secondo questi principi sono stati condotti vari laboratori artistici nella Scuola dell'Infanzia "Regina Margherita" di Orvieto dall’artista Salvatore Ravo e dall'illustratrice Agnieszka Zawisza.

Entrambi hanno lavorato per l'intero Anno Scolastico 2018/2019 con i bambini di 3 e 4 anni, facendo esperienze attraverso il motto "Aiutami a fare da solo!", dando ai più piccoli la possibilità di concentrarsi divertendosi in piena libertà per scoprire cosa loro piace fare di più. Lavorando su colore e emozioni, segno e suoni, movimento e corpo, parole e pensieri, concentrazione e dialogo,  con fantasia e giochi sono stati attivati in modo naturale tutti i sensi dei bambini.

"Occorre educare i bambini a esperienze di bellezza - afferma Salvatore  - a cercarla anche dove non sembra ci sia proprio perché la bellezza è inevitabilmente un processo di ricerca. Bellezza è ciò che il corpo comunica, esprime, realizza; è ciò che  emoziona: la bellezza è emozione. Educare alla bellezza dell’arte equivale a stimolare nei bambini curiosità e stupore. È necessario allargare al massimo le loro esperienze, se si vogliono costruire basi solide per la sua attività creativa.

Più ricche saranno le esperienze di ciascun individuo, più abbondante sarà il materiale di cui la sua immaginazione potrà disporre. E la scuola che desideriamo tutti deve far conoscere quella bellezza che solo l’arte, la conoscenza e la cultura, possono dare. La bellezza non è un discorso, ma un fatto: e i bambini, i ragazzi, i giovani non vogliono discorsi, ma hanno bisogno di vedere fatti, accadimenti, attraverso cui toccare con mano che gli adulti, gli insegnanti, i maestri hanno a cuore il loro bene".

I laboratori sono stati incontri dove si è rafforzata  l’autostima e la fiducia nelle proprie capacità, e i bambini sono stati esploratori, curiosi, concentrati, immaginativi, sognatori, emozionati. "Noi insegnanti e genitori - aggiunge Aga - dovremmo prestare molta più attenzione alle cose che dicono e sentono e imparare da loro".

Ai piccoli nasce la voglia di esprimersi e di condividere idee e pensieri nei laboratori di Aga e Salvatore, che, insieme, contribuiscono a formare una mentalità più elastica, più libera, più colorata: il loro lavoro educativo ed artistico è un’operazione creativa e efficace, in grado di trasformare l’ordinarietà in straordinarietà. La capacità di provare stupore è essenziale nel processo della creatività.

Aga e Salvatore insegnano ai bambini ad esprimere l’intero potenziale della propria personalità e a praticare l’attività immaginativa. Nei laboratori il gioco è un mezzo per allenare il pensiero creativo con l’obiettivo di creare personalità autonome capaci di accogliere le idee altrui e di confrontarsi con esse. "È nel gioco infantile - spiegano - che nasce l’esperienza culturale: non occorre dare al bambino  quantità di sapere ma strumenti per ricercare". Alla fine dell'Anno Scolastico appena terminato, Aga e Salvatore hanno organizzato un incontro speciale: bambini e genitori insieme hanno eseguito un macro disegno collettivo, su rotoli di carta bianca scenica di circa 80 metri, una pratica già efficacemente sperimentata in passato nei laboratori tenuti fuori d'Italia.

Ad Orvieto, nell'occasione, hanno interagito 130 persone. I due formatori si dicono molto soddisfatti del progetto "Il Colore della Magia" svolto nella Scuola dell'Infanzia Regina Margherita di Orvieto con il gruppo di 60 bambini di 3 e 4 anni. "La felicità è sentirsi bene insieme agli altri", sottolineano Salvatore e Aga, ricevendo conferma dai genitori che hanno lasciato le testimonianze:

Carissimi Aga e Salvatore, è una parola così breve "Grazie" e così bella e necessaria, in questa occasione più che mai. Grazie per la preziosità di quanto avete donato e condiviso con i bambini. è stato bello osservare come piano piano tutti noi genitori ci siamo sciolti in quella sana leggerezza che è emersa dai vostri incontri con i bambini. All'inizio ci si sentiva un po' ingabbiati, ingessati nella stanza poi il video  ci ha fatto assaporare quei momenti speciali insieme a voi. Sana ( e necessaria)  leggerezza, generosissima creatività , queste sono le sensazioni che porto a casa oggi dopo l'incontro insieme. Non avevo dubbi, perché Franci era felice ogni volta che venivate a scuola. La giocosità, l'accoglienza , la possibilità di scoprire e scoprirsi attraverso il fare, toccare, guardare, ascoltare, muoversi. Oro prezioso per i nostri bambini. Mi hanno colpito tantissimo anche le tante esperienze diverse che avete fatto vivere ai bambini e tutto con un'abilità che è arrivata così naturale, spontanea, vera. Ecco autenticità, un'altra qualità preziosa che sento emergere in questi incontri. Che sia solo l'inizio di un percorso ben più lungo, che possa continuare a nutrire i semini messi. 
Un abbraccio dal cuore,
L. M.
PS: Ci tenevo a dirvi che vedervi insieme al lavoro è stato molto bello, nutriente, emozionante. Siete bravissimi ed è stata bella anche tutta l'emozione trasmessa

Bello vedere tutti i genitori seduti con i bambini a condividere qualcosa di bello come disegnare
Bello tutti sullo stesso piano, orvietani e non…
Io sono abituata a fare questo tipo di attività con Gemma, sempre e da sempre... quindi come emozione sono sincera, non diverse da ogni giorno, ma so di essere fortunata... l'emozione più grande è stata vedere che siete riusciti a farlo fare a chi non lo fa mai... e sono tanti
Un'altra emozione il video, grazie... è stato bellissimo vederli così felici di stare con voi... e soprattutto con voi 2, che non siete semplici colleghi di lavoro ma che trasmettete amore.
E.L.

Ogni volta che partecipo ad un laboratorio penso che abbia già visto molto e che difficilmente riuscirò a stupirmi. Oggi è stata invece l'ennesima occasione per ricredermi e sorprendermi. Mi sorprende la gioia che i bambini sprigionano con semplici gesti, la loro forza esplosiva nel mostrare il loro essere e la loro espressività che ha spesso volti sconosciuti anche per noi genitori. E ancor di più oggi avverto la gioia di avere tempo per studiarsi, per guardarsi negli occhi e condividere con gioia il tempo passato insieme. Lo stupore e la bellezza, condivido...... Rendono bello il mondo. Grazie di cuore
I. A.

Salvatore e Aga lasciano la possibilità ai bambini di esprimersi liberamente, semplicemente incanalando la loro immaginazione, il loro sguardo ed emozioni davanti e verso i genitori.  Un laboratorio d’arte davvero magico, insomma, la condivisione di un momento ludico, dove prevalgono l’intuito e l’istinto creativo nei bambini, e nell'adulto il loro bambino interiore. Tornano in mente le parole di Bruno Munari: "Un bambino creativo è un bambino felice. Vorrei aggiungere che non solo i bambini sono felici, ma anche gli adulti lo sono quando possono risvegliare la loro creatività".

Commenta su Facebook