cultura

Un'utopia femminile nel romanzo di fantascienza di Nadia Tarantini

domenica 17 marzo 2019
di Ornella Cioni
Un'utopia femminile nel romanzo di fantascienza di Nadia Tarantini

"…la nostra intelligenza vive di un nesso mente - corpo inscindibile, inarrivabile per la macchina.  La connessione tra mente e corpo è condizionata dal sistema ormonale, il rappresentante biologico del campo emotivo. L’irriproducibilità e l’irrazionalità umane, ovvero il comparto biochimico specifico con cui siamo evoluti, ci rende imprevedibili ed esalta la nostra biodiversità intellettuale, la quale ci renderà sempre differenti dalle intelligenze artificiali". Così lo scienziato Roberto Cingolani in un'intervista rilasciata all’Espresso (Espresso n. 34, 19- 08-2018), ma a un presupposto simile si è  ispirata certamente Nadia Tarantini nel suo romanzo di fantascienza "Quando nascesti tu, stella lucente" (L'Iguana, 2017).

Sul Continente desertificato, l’antica Africa, si erge la Grande Calotta, un ambiente artificiale dove sopravvivono alcuni  superstiti del Grande Disastro del 2117, che ha definitivamente distrutto l’ambiente terrestre, e altri pionieri che  si erano già resi disponibili ad avviare un decisivo esperimento di Conservazine della Vita quando  nel 2050 il Governo Globale di un mondo appunto fortemente globalizzato e con allarmanti segnali di degrado aveva deciso l’esperimento.

Nella Grande Calotta regna un’apparente armonia, le emozioni, che avevano dato problemi fino al grande Disastro, sono tenute sotto controllo attraverso i Lavaggi delle Vite e l’abbandono delle memorie; per i giovani maschi poi è stato creato in Isole lontane un ambiente virtuale, quello delle Cacce, per controllare la loro aggressività. Romapur è la capitale, la maggiore città della Calotta, ma solo un pallido ricordo della grandiosità delle città del passato. A Romapur le strade meccaniche, come tapis roullants rendono superfluo il camminare e le platee case, piccoli cubicoli, danno ospitalità alla popolazione dei Galattiani, eternamente giovani per i numerosi interventi chirurgici e per le ripetute Ibernazioni, che permettono loro vite secolari, vite di cui però, ad ogni ciclo, perdono memoria o ne conservano labili tracce, spesso tormentose, in quanto frammentarie e difficili da collegare tra loro e ad altre tracce mnesiche.

Nei palazzi del potere risiede un governo autoritario, tenuto da Sirius, un sopravvissuto al Grande Disastro, circondato da un’oligarchia di Patriarchi  fondatori, politici  in stretto contatto con gli scienziati, i cui principali esponenti sono Magdalen e Faustinus. Costoro sono i responsabili dell’esperimento dei Cubi, quello che dovrà garantire la conservazione della Vita, il futuro per ciò che resta del pianeta Terra.

 Ma quale futuro? La Grande Calotta è attraversata da laceranti conflitti. Al mondo dei Galattiani fa da contrappeso il sotterraneo Mondo dei Sepolti, coloro che hanno rinunciato a vivere per sempre, ma non rinunciano alla memoria personale e collettiva. Dipendenti per la sopravvivenza materiale dalla Calotta e confinati  sottoterra, hanno patteggiato la loro esistenza con il Potere che li tollera, a differenza dei Devianti, coloro che individualmente o sediziosamente minacciano il Governo centrale e che sottoposti a un ferree forme di controllo, sono confinati in Isole lontane, almeno così si fa credere, ma anche intorno a questo punto si snoderà un mistero.

Alla scelta di terminare la loro vita nell’esperimento dei Cubi è chiamata la generazione dei Trentenni, la prima generazione che ha completato l’intero ciclo delle Ibernazioni tranne l’ultima, che darebbe loro l’accesso alla diciottesima vita, titolo iniziale del lavoro, poi la fine. In alternativa l’abbandono del corpo, della memoria, dell’identità e il trasferimento delle loro conoscenze scientifiche nell’appendice del Cubo garantirà loro una sorta di eternità. Della generazione dei Trentenni fa parte Marcela. Figlia di un Fondatore e di una Esploratrice, Marcela,  nota tra i Galattiani per il suo passato di grande atleta, è la protagonista del romanzo, insieme a una folta schiera di personagge e personaggi non meno incisivi e pieni di sfumature.

Fedele al potere galattico, ma anche sospettata di essere una potenziale Deviante, per questo non le viene concesso di procreare, in realtà Marcela è attraversata non solo da un rinnovato desiderio di maternità, ma anche da molti dubbi sul potere centrale e sull’opportunità della Scelta dei Cubi. Per la sua grande intuitività e perspicacia ha ricevuto l’incarico di ricercatrice ambientale nel Mondo dei Sepolti dove riceve l’eredità degli appunti di Karol, patriarca Fondatore della Calotta, in seguito Reggente del Mondo dei Sepolti. Marcela  può così indagare sul Rapporto sul Clima, da cui spera di trovare risposte sul Grande Disastro, sulle cui cause aleggiano ipotesi contraddittorie e inquietanti sospetti su passati complotti politici e sulla morte di suo padre. A lei spetterà un ruolo fondamentale per l’unificazione dei tre mondi: quello della Calotta , quello dei Sepolti e quello dei Devianti.

Molti sono i misteri che travagliano la Calotta: lotte di potere, verità celate, incertezze sul futuro, ombre sul passato di personalità di primo piano e i Galattiani appaiono insicuri e fragili, sia potenti che persone qualunque, travagliati da labili memorie di vite passate, da scelte di cancellazioni di identità richieste al momento delle Ibernazioni, ma riaffioranti insieme a vecchie emozioni che riemergono nonostante le tecniche di controllo della Calotta e li tormentano su loro lontane origini, su azioni compiute, identità passate.

In questo mondo che  inizialmente appare  distopico, in realtà utopico, lontano da noi solo alcuni secoli le premesse e le sfide sembrano essere le stesse che si profilano al nostro orizzonte. Una globalizzazione che cancella tutte le specificità, il cambiamento climatico e le conseguenze di un disastro ecologico, il potere politico sempre più occulto ed escludente, la lotta tra la Natura e la Tecnologia, la scommessa per un mondo che preservi la vita naturale o che punti su viaggi interstellari e sulla mente extracorporea.

Con un ritmo narrativo fortemente spezzato, che contribuisce a sostenere un’atmosfera di suspance e di misteri irrisolti Nadia Tarantini ci introduce in un mondo in cui si intrecciano le nostre utopie e i nostri peggiori incubi.

E’ il Mondo dei Sepolti a sostenere e difendere il nesso inscindibile mente- corpo che sarebbe irreparabilmente rotto dal progetto dei Cubi. La sacerdotessa di questo mondo è Amina, Reggente dopo la morte di Karol, che pratica il culto della Dea, che si può intendere anche come ritualità simbolica, che condensa tutta la sapienza femminile e che serve a preservare l’attaccamento al ricordo di un mondo naturale, insieme alla speranza di una rigenerazione della Terra, alla difesa delle emozioni, della sensorialità, unici veicoli che possono condurre alla realizzazione di questa speranza.

Sarà sul piano politico che si risolverà la sfida, ma sarà un canto antico a dare il segnale del risveglio e la sapienza delle donne a tracciare una via per la conservazione dell’umanità e la rigenerazione del pianeta . E’ un libro ricchissimo nella sua complessa creazione e descrizione di un mondo futuribile e ci lancia molte suggestioni inducendoci a riflessioni da approfondire anche con diverse letture. (Nadia Tarantini, Quando nascesti tu, stella lucente, L’Iguana 2017,pp.380,€ 17.00)                                                                                                                                                                                                                                                                    

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 aprile

Allarme sicurezza, sale in ospedale per una visita e le rubano l'auto

#OrvietoSocialTour. Occhi da top Instagramers per raccontare la grande bellezza

Luci basse per l'Earth Day. Al Colle del Duomo, di notte l'arte si racconta

Il nuovo tour dei Brahmanelporto parte dalla Germania

Modifiche temporanee alla circolazione stradale, il mercato trasloca in Piazza Cahen

Consenso al Pd su sostegno alle frazioni e gestione diretta dei servizi turistici e culturali

Orvieto dice addio ad Enrico Medioli

Festa della Liberazione, le iniziative a Todi per il 25 Aprile

Il Comune di Parrano per la libertà di Gabriele Del Grande

Al via "Il Maggio dei Libri". In Umbria una settantina di iniziative e la presentazione di kit-lettura per bambini

Usl Umbria 2: "Altre cinque strutture hanno superato le verifiche per l'accreditamento"

A scuola di sicurezza, con la Polstrada. Via a un nuovo ciclo di incontri di educazione stradale

In Duomo l'ultimo saluto. Germani: "La città lo ricorderà"

Geotermia. Nogesi: "Assalto alla diligenza con la complicità del postiglione"

Inaugurato il Centro di ricerca e documentazione sulla disabilità

"Aspettando i Pugnaloni 2017", presentazione dei bozzetti al Teatro Boni

Da Bardano al resto dell'Umbria, l'abbassamento delle temperature compromette la produzione agricola

Consap chiede l'istituzione di un presidio di polizia in ospedale

Orvieto4Ever 2017. È "Victory", il tema del concerto-evento con Andrea Bocelli

Pd, macchina organizzativa al lavoro in vista delle primarie

TeMa, lettera aperta di Calcagni al sindaco Germani

Madonna del Fossatello in festa per la 277esima ricorrenza

Buon lavoro al Laboratorio per la Biennale dello Spazio Pubblico

Dramma sulle strade orvietane, muore quarantenne in moto

Escursione guidata alla scoperta delle antiche miniere e fornaci di Vetriolo

Voleva gettarsi dall'Albornoz. Ragazzo orvietano salvato da agente di Polizia

Lotta all'abusivismo. I tassisti orvietani non ci stanno e alzano la voce

Furto nella notte in un'abitazione a Pianlungo. Oro e contanti nel bottino dei malviventi

Servizi migliori a costi più bassi. Avviato dal SII il monitoraggio dei contatori abusivi

Fabro. Dal 23 aprile al 22 maggio "Il Mito di Garibaldi". Mostra storica al Castello di Carnaiola

Svolgimento della "Via Crucis" nel Centro Storico e ad Orvieto Scalo. Indicazioni per la circolazione

La Giunta regionale approva il regolamento per contributi all'attività e all'impiantistica sportiva

Calandrino, Buffalmacco e la giostra del Presidente

Allerona. Mostra fotografica di Ellen Emerson dedicata alla magia dell'albero: 23 aprile - 8 maggio

L'Assessore al Turismo e Commercio Marco Sciarra interviene sulla questione "tassisti abusivi"

Confagricoltura Umbria in prima linea per la sicurezza in agricoltura. A breve l'avvio di nuovi corsi di formazione

Ultime partenze. Si conclude la gestione dei migranti tunisini al centro Caritas di Orvieto

Operazione "Pasqua sicura". Carabinieri in azione, due arresti per tentato furto

Continua la Conferenza programmatica del PD Orvieto. Prossime tappe centrate sull'ascolto dei cittadini

E' ancora possibile studiare e lavorare in democrazia?

Premiate le migliori pizze di Pasqua dell'Orvietano al Palazzo del Gusto

Il PdCI Orvieto su una battuta "infelice" di Fabio Fazio: "Il PdCI e Rifondazione comunista esistono ma Fazio non lo sa perché guarda troppa tv"

"Il Mosaico Risorto. Inediti di Cesare Nebbia tra restauro e valorizzazione". Spazio espositivo a Palazzo Coelli fino al 23 maggio

"Le vie della tessitura" a Palazzo dei Sette. Mostra di artigianato ed arte tessile

Settimana della Cultura. Il Duomo di Orvieto oggetto di una visita organizzata dal Comune di Castel Viscardo

Cordoglio per la scomparsa del collega Marcello Martinelli

Protezione Civile. Sabato 24 aprile ad Orvieto assemblea regionale del Volontariato

Local on line, la forza dell'informazione dal territorio. Al Festival del Giornalismo in corso a Perugia il punto su ruolo, problemi e prospettive delle news locali

Elogio dell'erba verde

Diserbo a raffica? No grazie!

"Non numeri ma persone". Mostra fotografica alla Chiesa di San Rocco

Verso OrvietoComics #2. Una locandina che farà storia

"Abruzzo un anno dopo" mostra fotografica della Protezione Civile di Orvieto

Avviato l'iter partecipativo per definire il Quadro Strategico di Valorizzazione del centro storico

"Il Ruggito dell'Eccellenza Italiana". Alla Tenuta Vitalonga festa in campagna in compagnia delle rosse di Maranello

Porano apre il progetto "Strade Sicure" nei piccoli Comuni della provincia di Terni. Intervista al presidente ACI Bartolini e al vice sindaco Conticelli

Venerdì a San Venanzo "La foresta incantata", spettacolo teatrale di Solidarietà

L'assessore Sciarra: "La legge 12 non prevede l'esclusiva alla partecipazione delle associazioni di categoria". Intanto il coordinamento dei commercianti convoca un'importante assemblea per il prossimo lunedì