cultura

Torna il concorso fotografico "Emilio Valerioti". Tre immagini, quattro temi

giovedì 7 febbraio 2019
Torna il concorso fotografico "Emilio Valerioti". Tre immagini, quattro temi

È il concorso fotografico per eccellenza di Tarquinia. La manifestazione dedicata a una persona che ha fatto della fotografia un’arte. Torna il memorial “Emilio Valerioti”, che giunge quest’anno alla decima edizione, con il patrocinio dell’Amministrazione comunale e in collaborazione con le associazioni DotRaw e Viva Tarquinia.

“Siamo partiti dieci anni fa – dice Maria Antonietta Valerioti, figlia di Emilio e organizzatrice della manifestazione –. Da allora ho visto centinaia di immagini, che mi hanno lasciato un ricordo o un qualcosa di bello da raccontare. Hanno partecipato professionisti, appassionati e anche persone che si erano avvicinate da poco al mondo della fotografia. Il concorso è aperto a tutti. L’unica regola è prendere in mano una macchinetta per fotografare quello che emoziona”.

Sono quattro i temi scelti per il concorso. “Il canto del mare”, “Ritratti”, “Il meglio della natura”, “Foto-racconta una città”. “Quello de “il canto del mare” mi è stato suggerito dall’Assonautica, che sostiene il concorso e ringrazio – afferma l’organizzatrice del concorso -. Il mare, poi, è un elemento imprescindibile dell’identità culturale di Tarquinia e del nostro territorio. Le altre categorie danno la più ampia libertà. Possono essere scatti fatti a persone, animali, paesaggi, scorci della nostra o di altre città. Insomma il mondo che ci circonda”.

Ogni partecipante potrà proporre fino a tre foto, anche per categorie diverse, nel formato 20x30cm, da spedire o portare a Foto Ottica Valerioti (corso Vittorio Emanuele n. 7) entro e non oltre giovedì 7 marzo 2019.

“Tutte le foto saranno esposte in una mostra – conclude Valerioti –. Le più belle, tra le varie categorie, saranno scelte da una giuria composta dalIa fotografa Francesca Mauri, dalla pittrice Barbara Mellace, dal coreografo Antonio Natali, dallo stilista Roberto Prili di Rado, dal giornalista Fabrizio Ercolani e dal presidente dell'associazione fotografica DotRaw Tiziano Crescia. Ci sarà anche un vincitore votato dalle persone che visiteranno l’esposizione”. Per informazioni è possibile chiamare lo 0766 840848 o scrivere a otticavalerioti@gmail.com.

Commenta su Facebook

Accadeva il 15 febbraio

Le Velette e Il Botto, nuova escursione ed assemblea dei soci per il CAI di Orvieto

Italia Nostra solleva il caso sul rifacimento delle facciate in piazza Duomo

Nella Cripta del Santo Sepolcro. Dall'articolo su "MedioEvo" alle riflessioni in biblioteca

"Scoperte di Gusto", il calendario della seconda edizione

"Incredibili Ars e Arpat, sulla geotermia tirano dritti come nulla fosse"

Rubinetti a secco a Ciconia, sospensione dell'erogazione idrica dalle 22 alle 7

Corso di distillazione delle piante aromatiche ed officinali. Teoria e pratica a Villa Paolina

Collina e sole

L'opposta Elisa Mezzasoma felice per il primo posto della Zambelli Orvieto

Al Teatro Boni Seven Cults porta in scena "Maria Stuarda. Le donne e il potere"

"La Gazza Ladra" di Rossini apre il ciclo di ascolti "Nonsololirica in Sala Eufonica"

Il reparto manutenzioni del Comune si rafforza, in arrivo più mezzi e personale

Karate, 576 atleti in gara a Orvieto. Qualificazioni provinciali del Comitato FIK Viterbo

Nasce il "Circolo Arci Bene Comune Porano". Festa del tesseramento in Via Petrarca

Presentazione bandi regionali per le aziende. Incontro pubblico per micro, piccole e medie imprese

Il Cannara alza la voce, l'Orvietana fuori dalla Coppa

58° Charter Night del Lions Club di Orvieto, nuovi soci e rinnovati impegni

Corteo, la proposta di Ettore della Casa: "Rifare lo Statuto e abolire il collegio dei Decani"

Doppio gioco

A scuola con il tablet. Beneficiano dei vantaggi gli alunni della Primaria e Secondaria di primo grado

Giallo di San Valentino. Indagini non escludono nessuna pista: disposta autopsia sulla 17enne

Sull'Alfina ritorna il sorriso per il Castel Giorgio Volley

Presente e futuro dell'ospedale di Acquapendente a 15 mesi dalla riapertura