cultura

Monte Castello di Vibio, il paese a forma di cuore, in onda su "Parola di Pollice Verde"

giovedì 6 dicembre 2018
di Davide Pompei
Monte Castello di Vibio, il paese a forma di cuore, in onda su "Parola di Pollice Verde"

Non mollano l'Umbria le telecamere di Rete 4. Dopo Città della Pieve, Alviano e Orvieto a cui è stato dedicato ampio spazio nelle puntate di "Ricette all'Italiana" la trasmissione condotta da Davide Mengacci ed Anna Moroni e dopo "I Viaggi del Cuore" con don Davide Banzato che ha portato i telespettatori alla scoperta dei santuari e delle natività più suggestive del “polmone spirituale” d'Italia – con tappa obbligata al Presepe nel Pozzo della Cava – i riflettori si accendono su Monte Castello di Vibio.

È prevista, infatti, per sabato 8 dicembre alle 12 la messa in onda della puntata registrata nei giorni scorsi dalla troupe di "Parola di Pollice Verde", la seguitissima trasmissione che ogni settimana fa tappe nelle località più suggestive del Belpaese per promuovere il "Made in Italy" e mostrare eccellenze paesaggistiche ed agroalimentari. Vista la gran mole di riprese fatte, non è da escludere che parte del materiale sarà utilizzato anche per appuntamenti successivi. Non mancherà, ovviamente, il piccolo Teatro della Concordia.

Simbolo di uno de "I Borghi più belli d'Italia" che attrae numerosi viaggiatori del turismo culturale. I contributi raccolti lo hanno dipinto come "un luogo dell’anima". Così è descritto anche dai suoi visitatori e nel libro "Co-creare la cultura: storytelling sul teatro più piccolo del mondo" (Cesvol Perugia Editore). All'agronomo col basco Luca Sardella, ideatore e conduttore della trasmissione, insieme a Chiara Comparozzi sono state consegnate le targhe di "Amico del teatro più piccolo del mondo". La visita, però, ha cercato di valorizzare anche gli scorci dei vicoli in pietra, le botteghe artigianali con artisti e pittori all'opera.

E gli immancabili prodotti tipici del territorio, dal Pomodoro Cesarino al vino e all'olio delle aziende montecastellesi. Sulla tavola imbandita per l'occasione hanno fatto bella mostra di sé anche prodotti di nuova generazione come la pasta ricavata da coltivazioni biologiche, i prodotti da forno e i sapori della norcineria. Tradizione, dunque, ma anche nuove tecnologie dal momento che sono state effettuate anche riprese in volo con il drone per evidenziare la caratteristica forma di cuore del piccolo borgo, fiero di mostrare in tutta la sua imponenza la cinta delle mura medievali.

Con l'approssimarsi delle festività natalizie, il "paese del cuore nel cuore dell’Umbria, cuore verde d’Italia" – questa la definizione data, insieme a quella di "paese gentile" – ha aperto, inoltre, le porte della Casa di Babbo Natale. Ad accogliere in grande stile il conduttore, nei costumi tipici di fine 1400, il Podestà e Michelotta di Biordo, la valorosa castellana che nella prima metà del XIV secolo tenne testa agli attacchi nemici. Forte, la soddisfazione espressa dal sindaco di Monte Castello di Vibio Daniela Brugnossi.

"Il ringraziamento – ha detto – va come sempre per la grande disponibilità dimostrata ai tanti volontari che si impegnano costantemente per animare il nostro paese e che hanno contribuito agli allestimenti per la buona riuscita delle riprese. Un plauso particolare va rivolto alle aziende agricole locali e ai commercianti che hanno supportato l'organizzazione e alla nostra speciale cabina di regia guidata dal presidente della Società del Teatro della Concordia Edoardo Brenci e dal presidente della Pro Loco Marco Rengo".

Commenta su Facebook