cultura

Celleno ricorda il Maestro Enrico Castellani, a un anno dalla sua scomparsa

giovedì 6 dicembre 2018
Celleno ricorda il Maestro Enrico Castellani, a un anno dalla sua scomparsa

Ad un anno dalla sua scomparsa, Celleno ricorda Enrico Castellani, uno dei più grandi artisti italiani del Novecento, noto in tutto il mondo,  protagonista e animatore del mondo dell'arte dagli anni Sessanta, insieme, tra gli altri, a Lucio Fontana e al coetaneo Piero Manzoni. Castellani aveva scelto "Il Borgo Fantasma" di Celleno ed in particolare il Castello Orsini, dove viveva e realizzava le opere da oltre 40 anni. Le sue opere, apprezzate in tutto il mondo, valgono milioni di euro.

"Noi di Celleno – ricorda il sindaco Marco Bianchi – oggi, come un anno fa, rendiamo omaggio al nostro maestro, che ha saputo amare questo territorio prima di noi, quando venne negli anni Settanta ad acquistare, recuperare e abitare il Castello Orsini nel vecchio borgo abbandonato. E ci piace pensare che l'opera di Castellani abbia trovato ispirazione proprio nei nostri straordinari paessaggi. L'amministrazione tutta, in accordo con gli eredi, nel prossimo futuro, renderà formale riconoscimento al grande artista intitolandogli la piazza principale del centro storico, proprio di fronte al castello degli Orsini, che fu per oltre 40 anni la sua residenza e il suo laboratorio".

Di seguito un estratto dell'articolo scritto dall'arch. Massimo Fordini Sonni e pubblicato su Cyllenum, rivista ufficiale del Comune di Celleno:
 
L'artista oggi ha molte soddisfazioni. È la sola attività in cui si inventa il proprio mestiere e il proprio modo di vivere.È con questa frase che la rivista online Artribune ha reso omaggio al maestro Enrico Castellani nelle ore successive alla sua morte. Se non avessimo conosciuto Enrico come il più discreto dei Cellenesi si potrebbe pensare che uno dei più straordinari artisti italiani del dopoguerra avesse una vita sopra le righe, come spesso è avvenuto in passato per altri illustri contemporanei. In verità l'ingegnere, come soleva chiamarlo Plinio, era schivo e di poche parole, sempre dedito alla sua arte che, durante i suoi 45 anni a Celleno, ha praticato tra il castello ed il borgo, tra il torracchio e la "casa del prete".

Una presenza costante per il paese con i suoi rituali; lo potevi incontrare, sempre alla stessa ora, scendere dal ponte del castello quando andava a comprare il quotidiano all'edicola oppure a pranzo insieme a Roberto,  in una delle trattorie di Celleno con orari da civiltà contadina. Sempre disponibile nei confronti dell'amministrazione o della proloco per qualunque richiesta. Ho avuto la fortuna di poterlo frequentare in varie fasi della mia e della sua vita. Il mio primo approccio, ancora giovane studente, fu annichilente; con ridotte conoscenze del mondo dell'arte contemporanea sfrontatamente gli chiesi se era interessato ad organizzare una mostra delle sue opere a Celleno. Ebbi chiaramente una risposta negativa, anche un po stizzita, di cui compresi l'essenza solo qualche anno dopo.

Alla fine degli anni Ottanta invasi il suo spazio vitale, in quella piccola residenza fortificata che è il castello degli Orsini. Con l'aiuto di Roberto rilevai nei minimi dettagli la rocca per discutere, qualche anno dopo, la mia tesi di laurea. Mi diede la sua totale disponibilità perché era cosciente che quel monumento era anche la memoria storica di una intera comunità. Suppongo che sentisse peraltro il peso di una damnatio memoriae che aveva colpito un intero popolo nell'immediato dopoguerra allorchè si decretò la morte dell'antico insediamento di origine etrusca.

Dobbiamo ringraziarlo di quanto fatto: Enrico iniziò una non facile campagna di recupero del castello a partire dal 1973 impegnando le maestranze attive di Celleno, Plinio Poldo Francesco,  convinto che nel "sapere" degli artigiani locali risiedesse l'autenticità di quel posto. Molto divertito, per breve tempo, partecipò alla mia festa di laurea che tenni nel fossato nel luglio del 1993 prima di ritirarsi nella camera da letto all'interno della torre d'angolo del castello.
Amava la sua solitudine all'interno della sua "fortificazione" che riscaldava fino all'inverosimile; ricordo alcune conversazioni in cucina dove sul tavolo trovavi sempre l'"Unità" e di sottofondo si sentiva radio radicale con gli interminabili monologhi di Pannella.

A differenza di Plinio io lo chiamavo "architetto" compiacendomi della sottile soddisfazione nel sentirmi suo collega, anche se lui non aveva mai praticato la professione dopo la laurea in Belgio nel 1956. Peraltro, ho sempre trovato che le sue "superfici estroflesse" il suo "minimalismo" non sarebbero state la stessa cosa senza i suoi studi di architettura. In tutti questi anni, a chi me lo chiedeva, ho sempre risposto che Castellani era l'artista contemporaneo che preferivo, indipendentemente dalla sua presenza a Celleno.

Mi ha sempre entusiasmato quell'ambiente milanese dal quale proveniva e del quale lui era stato protagonista insieme ad altri mirabili attori quali Lucio Fontana e Manzoni, "Piero quello vero" per citare una  canzone dei Baustelle. Al tempo stesso mi ha sempre emozionato la sua geometria spinta, dove nulla è casuale e dove ti rendi conto che quel chiodo non può avere altra collocazione. Un entusiasmo dilagato in tutto il mondo, ma cresciuto all'ombra del castello di Celleno, quanto mai oggi declinabile quale "bottega d'artista". Se ce ne fosse bisogno, da un articolo di settembre dell'edizione online del Sole24ore, si comprende la grandezza del maestro Castellani, indicato come primo artista italiano e 19° nel mondo come fatturato nell'anno 2016.

Una grandiosità della quale si accorse la Japan Art Association che nel 2010 gli volle consegnare il Premio Imperiale, per importanza considerato il Premio Nobel nel campo artistico. In quell'anno Enrico venne premiato insieme all'immensa Sofia Loren  ed al pianista Maurizio Pollini. Le foto che lo ritraggono mentre riceve il premio e poi intento a colloquiare con Sofia Loren lo ritraggono in un raro atteggiamento sorridente. Negli ultimi anni finalmente portò a compimento una sua idea già maturata negli anni Settanta, quella di restaurare il palazzetto di fronte al castello. Insieme ad Alessandra abbiamo condiviso il progetto con Enrico e mi è parsa sempre spiazzante la sua percezione della modernità: tanto essenziale, minimalista, geometrico, quanto ancorato all'antico quando si parlava dell'architettura del suo Celleno vecchio.

Mi piace infine ricordare che dal 5 ottobre 2017 nello spazio infinito ci sono due asteroidi che portano il nome di Enrico Castellani e di Roberto Joppolo, altro artista di fama internazionale legato indissolubilmente alla nostra comunità. Se dal 1 dicembre il mondo ha perso un'artista straordinario, Celleno ha perso quell'amico riservato, burbero, apparentemente distaccato, invece attento partecipe della vita di Celleno, custode del cuore antico della città e illuminato e appassionato precursore di una campagna di recuperi. Il mio saluto più caro va ai suoi figli Francesca e Lorenzo ed a tutti i suoi familiari, sentendomi di cuore di poter esprimere il sentimento di gratitudine di tutta la nostra comunità.
 
Celleno, 1 dicembre 2017
Massimo Fordini Sonni

Commenta su Facebook

Accadeva il 10 dicembre

L'ambasciatore della Repubblica Ceca in Comune, Orvieto tende la mano a Praga

Il Lions Club dona una macchina dattilo-braille all'Istituto comprensivo Orvieto-Baschi

Carabinieri in festa per la Virgo Fidelis patrona dell'Arma. Consegnati due attestati di merito

Partito democratico, è tempo di conferenza programmatica tra dissapori e speranze

Porte aperte al Majorana e al Maitani per l'orientamento scolastico

Insieme per un Cambiamento Progressivo

"Riservato A. Lattuada". A Orvieto una mostra e una rassegna nel centenario della nascita

Da Cardèto un'etichetta speciale per omaggiare il grande maestro del cinema

Proposta di struttura ed organizzazione del PD di Orvieto

Per tre giorni Orvieto capitale dell'archeologia italiana ed europea

Lo "slow-travel" del treno a vapore di Gianni Morcellini: dalle pagine di "Signori in carrozza!" alla stazione di Fabro-Ficulle

Taglio del nastro per il pozzo medievale di Piazza IV Novembre e la ristrutturazione delle scuole

Per anni è mancata una strategia turistica e ci si è adagiati su Umbria jazz winter

Al Teatro del Carmine per "Coesioni in musica" è l'ora di Max Manfredi

Eleonora Fastellini predica pazienza alla Zambelli Orvieto

Comincia con la trasferta di Rieti il girone di ritorno dell'Orvieto Basket

Al Palazzo del Capitano del Popolo torna la "Festa del Baschettaro"

Premiata la scuola "Pascoli". I giovani diventano campioni di energia con "Play Energy Enel"

Il Presepe Blu Notte di Guido Strazza nei sotterranei del Duomo di Orvieto

L'Albero di Antonia apre le iscrizioni al corso di autostima al femminile "Il potere di cambiare"

Ecco le linee di indirizzo del progetto preliminare delle opere di messa in sicurezza del Paglia

"As you like it" al Teatro Mancinelli: così Shakespeare parla con grande attualità alla nostra sensibilità moderna

Rivestimenti in ceramica per il "Giardino dei lettori" alla Biblioteca Fumi

A Orvieto il 21esimo convegno internazionale di archeologia italiana ed europea

Incontro su "La dignità della differenza: le ragioni di un dialogo"

Operazione anti-camorra, arrestato a Orvieto un 58enne

La polizia arresta in flagranza topo d'appartamento

Una partita a scopone scientifico

Il video del Progetto Memoria del Cesvol tra i finalisti del Festival "Raccorti sociali"

Digital divide. Convenzione tra il Ministero e la Regione sblocca 10 milioni di euro per le reti in Umbria

Nuovi sommelier e cena degli auguri per la Fisar di Orvieto

Yes men, yes sir

Meffi capisce o no di politiche di bilancio?

Il Liceo Artistico di Orvieto ospite al Sottodiciotto FilmFestival di Torino

Un arresto e tre denunce da parte dei carabinieri. Sventato un furto di rame sulla Roma-Firenze

Presentato a Firenze il contratto di fiume del Paglia

"Destinazione Uganda. Viaggio alle origini, tra cooperazione e rispetto di una identità"

Differenziata: sanzioni per i Comuni, Guardea è il secondo Comune più virtuoso

Il bilancio del Comune di Orvieto in sintesi

L'Ospedale di Orvieto presenta la riorganizzazione e il potenziamento dei servizi

Alla Scuola romana di fotografia e cinema, l'anteprima del film musicale "Pergolesi Stabat Mater" di Giovanni Bufalini

Trovato morto in un casale di San Venanzo. Ha ustioni di terzo grado su tutto il corpo

"Diversamente...italiani": sabato 11 dicembre a Orvieto la premiazione del Concorso Comunicare in Umbria e i risultati della ricerca sull'immigrazione dell'UniPg

"La Scala di Napoleone. Spettacoli a Milano 1796-1814". Disponibile la nuova pubblicazione strenna degli "Amici della Scala"

Conoscere per comprendere. Media e immigrati: quali i dati reali e quali gli stereotipi. Sabato 11 dicembre, ore 10,30 a Palazzo dei Sette

RAI in sciopero generale. Contro il degrado, gli sprechi, le ingerenze politiche, il lavoro a rischio per i dipendenti interni

A Orvieto Capodanno con 5 giorni “Singolari”: dal 29 dicembre al 2 gennaio a Palazzo Caravajal Simoncelli letture, concerti, pranzi, cene, aperitivi

Vertice in Provincia per la situazione del Parco Urbano del Paglia dopo le esondazioni del fiume

Avviso per la concessione di posti auto nei parcheggi comunali di Campo della Fiera e via Roma

1° Incontro di formazione dell'Ufficio Catechistico: domenica 12 dicembre nella ex chiesa di Santa Lucia

Tg Lab Fiscasat, in primo piano il Rapporto Censis 2010, focus su lavoro femminile

"Le zone umide, fucina di biodiversità". Concorso fotografico promosso dall'Oasi WWF di Alviano

La Polizia Locale nazionale a convegno a Orvieto. Il Colonnello Vinciotti: "Importante sostenere con questo tipo di incontri la formazione professionale. I settori più delicati velocità e uso di alcol e droghe

A Orvieto i Comunisti Italiani e Rifondazione avviano una riflessione per un percorso unitario: "Riportare l'attenzione sulle gravi condizioni in cui versa il territorio orvietano"

Dedicata a Giandomenico Pistonami la Biblioteca militare di presidio nella Scuola sottufficiali dell’esercito in Viterbo

L'importanza delle radici: al Libro Parlante Susanna Tamaro presenta il suo "grande albero"

Un patto civico per la Città: la proposta del gruppo PD esplicitata dal capogruppo Germani

Le lettere inviate a Radio Torre Vetus: su Radio Orvieto Web giovedì alle 21 una puntata straordinaria di Libere Veramente

Il Sindaco Concina illustra le sue linee programmatiche - Energia (Prima Parte)

Il Sindaco Concina illustra le sue linee programmatiche - Caserma Piave e Turismo (Seconda Parte)

Apre la pista sul ghiaccio. Risolti gli ultimi cavilli burocratici

Chiarimenti in merito alle contestazioni rivolte alla pista. La Libertas pronta a ribattere

Germani commenta le Linee Programmatiche del Sindaco (Prima Parte)

Germani commenta le Linee Programmatiche del Sindaco (Seconda Parte)

Tutti insieme per addobbare l'albero di Natale di Piazza della Repubblica

Concina parla della recente Notte Bianca e della pista sul ghiaccio

Un dicembre tutto di gusto. Dalla Cucina di Natale a Umbria Jazz tutte le iniziative a Il Palazzo del Gusto

"Pulizia di fondo" delle vie e piazze del centro storico. La città si rifà il trucco in vista delle Festività

Viabilità, 500.000 euro per le strade dell'Orvietano

Arriva a Orvieto "La casa dei bambini". "Orvieto Bilingue" presenta il suo progetto di scuola bilingue montessoriana

Il "Metodo Montessori"

Il "Parto delle Nuvole Pesanti" in concerto a Orvieto. In anteprima i brani del nuovo album "magnagrecia"

Breve biografia de Il parto delle nuvole pesanti

Le società dilettantistiche nelle piccole realtà. Incontro-dibattito ad Allerona Scalo organizzato dal GSD "Romeo Menti"

"Giovani generazioni in Umbria", Venerdì iniziativa del PD su valori, culture, stili, relazioni, linguaggi dei giovani umbri

Shlomo Venezia a Orvieto: il numero 182727 di Auschwitz

Valorizzazione del settore Turismo. "Orvieto Libera" chiede in Consiglio quali sono le iniziative dell'Assessorato

Un incontro per mettere a fuoco i problemi del servizio idrico. L'assessore Zazzaretta risponde al capogruppo di Orvieto Libera

Prima nazionale a Venti Ascensionali. Intrigante appuntamento della rassegna Migrazioni con "Voluttà"

Apre la pista di pattinaggio