cultura

La quercia secolare di Monteleone. Il ricordo a venti anni dalla caduta

domenica 7 ottobre 2018
di Sergio Giovannini
La quercia secolare di Monteleone. Il ricordo a venti anni dalla caduta

Dai ricordi della scuola emergono ancora i versi del Pascoli che il maestro Franco ci fece imparare: "Dov’era l’ombra or sé la quercia spande / morta, né più coi turbini tenzona …", quasi presagio a ciò che il 15 settembre 1998, giusto venti anni fa, è accaduto alla bellissima quercia imponente, maestosa, forte, da sembrare immortale, che sorgeva lungo il viale d’ingresso di Monteleone, accanto alla scuola.

La grande quercia secolare, della specie "Quecus pubescens", comunemente denominata Roverella, che aveva un’età stimata di circa 300 anni, accoglieva chiunque arrivava in paese con i suoi due grandi tronchi protesi come due braccia aperte e accoglienti, la sua folta chioma ha offerto, nel tempo, ombra e sollievo al viandante ed accoglieva, nelle caldi estate tutti i paesani che l’avevano eletta quale luogo di appuntamento e di incontri, "Se vedemo sotto la cerqua" era un ritornello consueto dei monteleonesi.

In una manifestazione organizzata dalle scuole e dal Comune, alla quercia fu rilasciata una carta d’identità, proprio come se fosse stata un cittadino del paese, una carta grande, proporzionata alla grandezza della pianta; nella fantasia dei bambini si raccontò, quel giorno, che in gioventù l’aveva colpita un fulmine che la spezzò in due ma sopravvisse e generò due grossi tronchi uniti però alla base. Nel suo libro Monteleone, Luigi Lemmi, tra storia, racconti e aneddoti, ci informa che "dei boschi che coprivano un tempo ormai lontano, la zona, resta, al limite del borgo, solo una quercia secolare dalla chioma grande e viva".

Un aneddoto ricordano i monteleonesi che io voglio scrivere, così come me lo hanno raccontato: quando il comune nel dopoguerra decise di riordinare l’area intorno alla quercia ingaggiò due lavoranti: Nazzareno Maresci, Neno, e Luigi Amandolini, il Bigi, entrambi personaggi simpatici, scherzosi e ironici che di buon mattino si misero all’opera. Ad un certo punto scorsero, in lontananza, il sor Piero, Pietro Momaroni, ricercatore e scrittore della storia paesana, che faceva la sua passeggiata mattutina. Conoscendo la persona, lasciarono gli attrezzi, misero in bella mostra il segaccio, grossa sega a due manici adatta per tagliare i tronchi, presero in mano due grosse asce, gli accettoni, e confabulando, col sorriso sotto i baffi, si fecero vedere intenti e indaffarati a decidere il da farsi del loro lavoro.

Il sor Piero non tardò ad arrivare e, come dalle aspettative, con la sua solita curiosità subito chiese: "E … cosa state facendo" e i due all’unisono risposero: "Eh! sor Piè, sapeste, el Comune c’ha dato l’incarico de buttà giù la cerqua". Con le mani alzate quasi inorridito: "Per carità, fermate tutto, chiamate il sindaco, non toccate niente!", rispose gridando il sor Piero, che fu poi subito rassicurato dai due che se la ridevano godendo di quella simpatica pausa lavorativa.

In realtà forse già quel lavoro e le successive sistemazioni del terreno dove sorgeva la quercia, compreso tra via Roma e la Strada Umbro Casentinese, come la costruzione di un muro di contenimento intorno alle radici della pianta, inconsapevolmente ne cominciarono a minacciare la salute divenendo con il tempo la causa di quella “carie fibrosa” che si è sviluppata nei tessuti interni della base e che ha determinato lo strappo e la caduta di uno dei due tronchi e la conseguente decisione di abbattere anche l’altro considerato ormai instabile e quindi pericoloso.

Un velo di tristezza reale scese nel paese e nei monteleonesi quel 15 settembre di venti anni fa e non era difficile vedere molti volti rigati dalle lacrime agli occhi. Nella concitazione del momento, nella frenesia di voler fare cassa a tutti i costi fu anche subito deciso di vendere i poveri resti della quercia caduta. Forse si poteva riflettere un po’ e magari usare il legname che se ne poteva ricavare per fare i tavoli e i banchi per la sala del Consiglio Comunale, così la vecchia quercia, "la cerqua", avrebbe continuato a vivere tra la nostra gente, ma chissà, forse per realizzare questa idea siamo ancora in tempo.

Commenta su Facebook

Accadeva il 23 maggio

Addio a Sergio Riccetti, Orvieto piange il volto simbolo della città

Un ringraziamento all'Unità Spinale del Santa Maria della Misericordia

"Il Maggio dei Libri". Tre iniziative in arrivo per "leggere, e leggere ovunque!"

Giulio Basili, arriva da Porano il nuovo Valentino?

In Piazza della Pace si rinnova l'appuntamento con la "Fiera della Funicolare"

Germani: "Addio a una bella persona che ha rappresentato degnamente gli orvietani"

Serata jazz con Mauro Verrone & Friends

Si presenta il libro "L'Antilope e il Leone. Una vita da allergico"

Certamen Dantesco, al Palazzo dei Sette la premiazione del concorso

Gianfranco Gobbini tra i protagonisti de "L'Arte in Cucina". Dalla tela alla tavola, l'artista che dipinge con lo zafferano pievese

"Bimbi in cucina, mamme in classe". I più piccoli prepararano ricette locali

Il Comune pubblica il piano operativo conformato al Pit

"Orgoglioso di averlo conosciuto ed essergli stato vicino!"

"Sorgenti Cinematografiche" al Festival di Arte e Fede. Tutte le proiezioni in arrivo

Solennità del Corpus Domini 2018. Il programma delle manifestazioni, la disciplina della circolazione

Continua con successo la mostra "Magnifica Graeca. Capolavori greci dai magazzini dei musei dell'Umbria"

Giovedì 24 maggio alle 15.30 in Duomo i funerali di Sergio Riccetti

Nuova fototrappola per contrastare comportamenti illeciti nel conferimento dei rifiuti

Premiazione degli elaborati del Concorso di poesia e narrativa "Saverio Marinelli"

Firmato un nuovo protocollo d'intesa per il potenziamento dell'Ippovia Slow sulla Via di Francesco

Una nuova stagione per la sanità del Lazio. Panunzi: "Parte il ricambio generazionale"

Pagliara (Promotuscia): “Gli educational tour mirati sono uno strumento fondamentale di marketing territoriale"

Comitato sorveglianza Fse-Fesr 2014-2020. "Puntare su qualità investimenti ed efficacia risultati"

"Il gesto di Emos fa onore a lui e anche alla nostra comunità"

Taglio dell'erba nella zona di San Giovanni e Piazza Malcorini

Attesa finita, apre al pubblico la Tomba dei Demoni Azzurri

"Cantine Aperte" compie 25 anni. Festa "open air" insieme ad Airc nelle vigne

"Madonna della Cava", festeggiamenti 2017 concentrati in una sola domenica

"Fremito d'Ali", tra arte e natura all'Oasi WWF Lago di Alviano

Cascata delle Marmore, scoperta una nuova grotta

Comitato Risparmiatori: "Fondo di solidarietà BpB, apprezzabile ma non risolutivo"

Collaborazione fra CIA Umbria e Piemonte per la presenza in fiere e mercati di aziende delle zone terremotate

La FABI presenta i risultati dell'indagine "Quando lo stress diventa patologia?"

Presentazione del Meridiano Mondadori dedicato allo scrittore Luigi Malerba

Giustizia, la proposta di legge verso l'approvazione

A Sarnano vince il maltempo, Vezzosi lascia il trono per un soffio

Orvieto Fc. Secondo posto per la Categoria Juniores alla Coppa Umbria

Il Ministro dell'Interno Marco Minniti a Todi per parlare di legalità, sicurezza e giustizia

Provincia, sit-in dei dipendenti per protesta contro i tagli

Nuova segnaletica turistica pedonale nel centro storico, installate le mappe

Incontro tra l'Amministrazione Comunale e il Console USA in Italia Tavenner

Per "Cantine Aperte" modifiche alla circolazione sulla strada vicinale del Romitorio

Modifiche alla circolazione, il mercato trasloca in Piazza Cahen

"La Tuscia e i suoi fotografi" al Disucom, appuntamento a Santa Maria in Gradi

Nuovi ruoli in casa Azzurra. De Fraia: "Onorata di lavorare con coach Romano"

Leonardo Cenci incontra i detenuti del carcere con il magistrato Nicla Restivo

"La scuola che piace a noi". Un esempio virtuoso di collaborazione

Zaira Marchesini, maestra d'ironia. Dopo il convegno Fidapa, l'intitolazione della Confaloniera?

Zaira

Madre e figlio trovati morti, gli inquirenti si affidano all'autopsia per fare luce sul mistero

Coppia felice, come sopravvivere alla nascita dei figli

Mancata approvazione del preventivo, arriva la diffida dal Prefetto

La Marini a sostegno della lista di Filippetti, evento alla casa del Popolo

Alleanza tra Umanità e Ambiente, chiude il ciclo di incontri di Nova Civitas

Salute e discarica, il caso Bagni: Germani: "La Usl dovrà fornire i dati"

Aree Interne: ok del consiglio al Preliminare di strategia

Teatro Mancinelli, festa di compleanno. E basta?

Punto di ascolto sui disturbi alimentari, via al corso di formazione

Allo Scalo chiuso per due giorni lo sportello Anagrafe e Ufficio relazioni con il pubblico

Progetto "Viaggio nella natura". I bambini diventano ambasciatori dell'ambiente

Processione religiosa del Corpus Domini. Disciplina della circolazione

Asili Nido a porte aperte. Tre appuntamenti per conoscere le attività degli asili nido del Comune

Luce nuova per il centro storico. Due giorni di lavoro per le squadre Enel

Festa della Repubblica del Vino alla Tenuta Vitalonga

"L'Abbraccio del Padre". Musical nella basilica dell'Amore Misericordioso

Degustazioni, musica e visite all'ipogeo etrusco della cantina Poggiocavallo

Intitolata a Luca Coscioni, la "Sala Studio" della biblioteca "Fumi"

Il Memorial "Coscioni" si fa in 7. Ecco le stelle dell'atletica leggera in arrivo

Nasce l'albo sostenitori Cittaslow. In Comune la presentazione del progetto

Nuova riunione di zona per l'associazione "Orvieto per tutti"

"The latin we need". Disponibile la versione inglese del saggio di Mario Tiberi

Johnny DalBasso in concerto. Live al Valvola per presentare "IX"

Escursione al Castello di Corbara con l'Asds Majorana

Identità e Territorio: "Risoluzione fa rima con restaurazione"

L'Unitre festeggia Shakespeare con "Sonetti in un pomeriggio di mezza Primavera"

Giochi pubblici a Sferracavallo e Ciconia, gli interventi del Comune