cultura

La quercia secolare di Monteleone. Il ricordo a venti anni dalla caduta

domenica 7 ottobre 2018
di Sergio Giovannini
La quercia secolare di Monteleone. Il ricordo a venti anni dalla caduta

Dai ricordi della scuola emergono ancora i versi del Pascoli che il maestro Franco ci fece imparare: "Dov’era l’ombra or sé la quercia spande / morta, né più coi turbini tenzona …", quasi presagio a ciò che il 15 settembre 1998, giusto venti anni fa, è accaduto alla bellissima quercia imponente, maestosa, forte, da sembrare immortale, che sorgeva lungo il viale d’ingresso di Monteleone, accanto alla scuola.

La grande quercia secolare, della specie "Quecus pubescens", comunemente denominata Roverella, che aveva un’età stimata di circa 300 anni, accoglieva chiunque arrivava in paese con i suoi due grandi tronchi protesi come due braccia aperte e accoglienti, la sua folta chioma ha offerto, nel tempo, ombra e sollievo al viandante ed accoglieva, nelle caldi estate tutti i paesani che l’avevano eletta quale luogo di appuntamento e di incontri, "Se vedemo sotto la cerqua" era un ritornello consueto dei monteleonesi.

In una manifestazione organizzata dalle scuole e dal Comune, alla quercia fu rilasciata una carta d’identità, proprio come se fosse stata un cittadino del paese, una carta grande, proporzionata alla grandezza della pianta; nella fantasia dei bambini si raccontò, quel giorno, che in gioventù l’aveva colpita un fulmine che la spezzò in due ma sopravvisse e generò due grossi tronchi uniti però alla base. Nel suo libro Monteleone, Luigi Lemmi, tra storia, racconti e aneddoti, ci informa che "dei boschi che coprivano un tempo ormai lontano, la zona, resta, al limite del borgo, solo una quercia secolare dalla chioma grande e viva".

Un aneddoto ricordano i monteleonesi che io voglio scrivere, così come me lo hanno raccontato: quando il comune nel dopoguerra decise di riordinare l’area intorno alla quercia ingaggiò due lavoranti: Nazzareno Maresci, Neno, e Luigi Amandolini, il Bigi, entrambi personaggi simpatici, scherzosi e ironici che di buon mattino si misero all’opera. Ad un certo punto scorsero, in lontananza, il sor Piero, Pietro Momaroni, ricercatore e scrittore della storia paesana, che faceva la sua passeggiata mattutina. Conoscendo la persona, lasciarono gli attrezzi, misero in bella mostra il segaccio, grossa sega a due manici adatta per tagliare i tronchi, presero in mano due grosse asce, gli accettoni, e confabulando, col sorriso sotto i baffi, si fecero vedere intenti e indaffarati a decidere il da farsi del loro lavoro.

Il sor Piero non tardò ad arrivare e, come dalle aspettative, con la sua solita curiosità subito chiese: "E … cosa state facendo" e i due all’unisono risposero: "Eh! sor Piè, sapeste, el Comune c’ha dato l’incarico de buttà giù la cerqua". Con le mani alzate quasi inorridito: "Per carità, fermate tutto, chiamate il sindaco, non toccate niente!", rispose gridando il sor Piero, che fu poi subito rassicurato dai due che se la ridevano godendo di quella simpatica pausa lavorativa.

In realtà forse già quel lavoro e le successive sistemazioni del terreno dove sorgeva la quercia, compreso tra via Roma e la Strada Umbro Casentinese, come la costruzione di un muro di contenimento intorno alle radici della pianta, inconsapevolmente ne cominciarono a minacciare la salute divenendo con il tempo la causa di quella “carie fibrosa” che si è sviluppata nei tessuti interni della base e che ha determinato lo strappo e la caduta di uno dei due tronchi e la conseguente decisione di abbattere anche l’altro considerato ormai instabile e quindi pericoloso.

Un velo di tristezza reale scese nel paese e nei monteleonesi quel 15 settembre di venti anni fa e non era difficile vedere molti volti rigati dalle lacrime agli occhi. Nella concitazione del momento, nella frenesia di voler fare cassa a tutti i costi fu anche subito deciso di vendere i poveri resti della quercia caduta. Forse si poteva riflettere un po’ e magari usare il legname che se ne poteva ricavare per fare i tavoli e i banchi per la sala del Consiglio Comunale, così la vecchia quercia, "la cerqua", avrebbe continuato a vivere tra la nostra gente, ma chissà, forse per realizzare questa idea siamo ancora in tempo.

Commenta su Facebook

Accadeva il 18 ottobre

"Come difendersi da truffe e raggiri". Incontro all'Unitre con il maggiore Rovaldi

Un progetto di formazione per operatori del sociale porta "attimi di resilienza" a Parrano

"Sulle Tracce del Mistero. Una settimana dedicata a ignoto, mistero e paranormale"

Terminati i lavori sulla SR 205 Amerina, sistemate barriere di sicurezza e paramassi

Fissate al 26 ottobre le elezioni del Consiglio Comunale dei Ragazzi

Carta Tutto Treno Umbria sospesa, Sacripanti (GM): "Il sindaco si attivi"

Karate, la Scuola Keikenkai in partenza per i Mondiali Iku a Kilkenny

Venticinque candeline per Umbria jazz Winter, nel segno di Thelonious Monk

Cambio al vertice di Ance Umbria. Stefano Pallotta succede a Massimo Calzoni

Orvieto per Tutti: "Varco di Via Malabranca, nuovo provvedimento disomogeneo"

Infoteam della Scuola Sottufficiali dell'Esercito per la Giornata Tricolore

#UjW25, ricco programma di star per celebrare un grande anniversario

Umbria Jazz Winter, storia di passioni e successi

Quattro passi tra le meraviglie di Viterbo. Visita guidata nel centro storico

Turismo, Anci e CAI rilanciano quello sostenibile dei 110 mila chilometri di sentieri italiani

Cammini ed escursioni, intesa tra Pro Loco e CAI per la valorizzazione

Modifiche allo statuto dell'Associazione "Lea Pacini", prima la Commissione costituente

Umbria Jazz Winter # 25, un connubio indissolubile con la Città del Duomo

Quattro giorni nel Villaggio del Teatro con Isola di Confine

"Campioni in Cattedra". I più piccoli intervistano il campione di pallavolo Jack Sintini

Accanto al Duomo, Ippolito Scalza "perde" la testa

Mogol si racconta ad Alessandra Carnevali: "Il mio mestiere è vivere la vita"

Ripartono le attività del Lions Club Orvieto. Anno lionistico 2016/17 dedicato ai giovani

All'Unitre torna "Solo solo canzonette?". La quarta puntata del format è dedicata agli anni '80

Incontro sul Soccorso Alpino e Speleologico Umbria "Sasu" promosso dal CAI

I ladri colpiscono ancora. Nel mirino bar e tabaccherie ai piedi della Rupe

Il Comitato per il No di Parrano diventa sempre più grande

Il patto scellerato

Viabilità, lavori per 250mila euro sulle strade regionali 79 e 61

L'associazione Ippocampo presenta i corsi di teatro per bambini, ragazzi e adulti

Editoria, preadottata la nuova legge regionale. Via alla partecipazione

Nuova seduta per il consiglio provinciale. L'ordine del giorno dei lavori

Tutto pronto per "Zafferiamo". Colori, aromi e sapori invadono Città della Pieve

Umbria Jazz Winter #24, dal 20 ottobre via alle prevendite. Tutto il Programma

Nuove attività all'Unitre. Il plauso del sindaco Gianluca Filiberti

Stella al Merito Sociale al giornalista orvietano Stefano Corradino

Informazione locale, Asu: "Bene la preadozione del Ddl regionale"

"Orvieto sotto le stelle", quaranta auto storiche per la terza edizione

Nuovo incontro ISAO: Agostino Paravicini Bagliani e "Il Bestiario del Papa"

Testate giornalistiche digitali locali, Anso protagonista a Dig.it

Sciopero FS, Trenitalia regionale: "Frecce e servizi locali regolari"

Teatro Null, si riparte. Laboratorio di Teatro al Palazzo della Cultura

Legambiente fa le pulci alla differenziata dell'Umbria. "E i Comuni che fanno?"

Il volo nascosto

Il Grand Tour di Dodecapoli arriva a Vigevano. Ambra Laurenzi e Laura Ricci alla Cavallerizza del Castello Ducale per la rassegna letteraria “Italia Italiae”

Continua la raccolta tappi. I risultati dei primi due anni della benefica iniziativa

Bagni, frazione dimenticata. Grido d'allarme dei Comunisti Italiani: "non c'è più nemmeno il cartello di località!"

Lei lo lascia, lui la insegue, lei chiama il 112. In manette trentottenne di Ficulle per stalking

Approvato il progetto preliminare per i lavori di completamento della Biblioteca "Luigi Fumi"

Energia da fonti rinnovabili, la Giunta individua alcune aree giudicate non idonee alla installazione di impianti

Linux Day #6. Approfondimenti su didattica e sicurezza informatica al Centro Studi

Il Gal Trasimeno-Orvietano finanzia 14 progetti "Cultura che nutre" nelle direzioni didattiche del territorio

Più potere alle donne. A Orvieto forum nazionale delle amministratrici del Partito Democratico

1° Forum nazionale delle Amministratrici democratiche - Programma

Turreni in merito alla falsa lettera attribuita al presidente Frizza: "Sfido il PD a denunciare la mia presunta incompatibilità"

Le produzioni di ArTè. Gli appuntamenti di Ottobre nei vari teatri

Confermare la cassa integrazione alle lavoratrici della Grinta. La CGIL torna sulla vicenda del tessile orvietano

I parlamentari umbri del PD chiedono un rapido intervento del Ministro della Giustizia: "fatti non parole per le carceri umbre"

"Sogni di Autori Vari". Parte il progetto finanziato dalla Fondazione CRO dedicato a ragazzi e ragazze con diversa abilità

"Sogni di autori vari" - Il progetto e le modalità di accesso ai corsi

Una diffusa esigenza di cambiamento

Presentato ad Allerona il progetto Parchi Attivi

Bilancio: Il riequilibrio del poco o niente

Ma secondo il PdL siamo a un passo dal risanamento