cultura

Il Granduca di Lussemburgo visita la mostra dedicata a Campo della Fiera

lunedì 9 luglio 2018
Il Granduca di Lussemburgo visita la mostra dedicata a Campo della Fiera

Continua a riscuotere consensi la mostra "Le Lieu Céleste. Les Etrusques et leurs Dieux. Le Sanctuaire Fédéral d’Orvieto" allestita Musèe National d’Histoire et d’Art a Lussemburgo e visitata, in forma privata, martedì 3 luglio da una figura d'eccezione come Sua Altezza Reale il Granduca Enrico di Lussemburgo, accompagnato dall’Ambasciatrice italiana in Lussemburgo Rossella Franchini Sherifis e dal direttore del Museo Michel Polfer.

Come è noto, la mostra sui risultati degli scavi di Campo della Fiera alle pendici della Rupe di Orvieto, area sacra riconosciuta come il Fanum Voltumnae, il santuario federale degli Etruschi, è curata dalla Prof.ssa Simonetta Stopponi, direttore scientifico delle campagne archeologiche ed è organizzata dall’Associazione “Campo della Fiera – Onlus”, in stretta collaborazione con: Ambasciata d’Italia in Lussemburgo, Musée National d’Histoire et d’Art – Luxembourg, MiBACT, Regione Umbria, Comune di Orvieto, Camera di Commercio Italo-Lussemburghese, Fondation Cavour, Istituto Nazionale di Studi Etruschi ed Italici, Fondazione per il Museo “Claudio Faina” di Orvieto, Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto, Cargolud, Generali, Cassa di Risparmio di Orvieto e gode dell’Alto Patronato di Sua Altezza Reale il Granduca di Lussemburgo e del Presidente della Repubblica Italiana.

Una mostra unica che, attraverso strutture archeologiche e circa 1300 reperti (statuette, terracotte, rilievi, ceramiche) frutto di 18 anni di scavi, invita i visitatori ad immergersi nell’universo culturale, religioso ed estetico del popolo etrusco, è stata molto apprezzata da Sua Altezza Reale il Granduca di Lussemburgo.

Visitabile fino a domenica 2 settembre prossimo al Musèe National d’Histoire et d’Art, la mostra ricostruisce in diciassette sezioni, secondo un rigoroso percorso articolato in ordine cronologico, il ruolo politico e il significato religioso del santuario nel corso della storia, mettendo in luce il compito straordinario rivestito dal Fanum Voltumnae il santuario federale dedicato al dio Veltune (Voltumna o Vertumnus per i Romani) dove si riunivano i rappresentanti delle dodici maggiori città etrusche per assumere importanti decisioni comuni, e denominato Luogo Celeste in lingua etrusca, come testimoniato da un’epigrafe dedicatoria alla fine del VI secolo a.C. rinvenuta nel corso degli scavi che si svolgono su concessione ministeriale con il sostegno finanziario della Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto.

L’indagine archeologica riguarda infatti un vasto periodo storico, dal VI sec. a.C. al XIV, cioè dal santuario etrusco alla chiesa di San Pietro “in vetere”. Il “Fanum Voltumnae”, influente dal VI al IV sec.a.C., dopo la prevalenza di Roma nel III sec.a.C., riuscì a mantenere vitalità in età romana repubblicana e imperiale. Trasformatosi successivamente in luogo di culto cristiano, in epoca medievale fu anche “campus nundinarum”, adibito allo svolgimento di mercati stagionali.

Una base lapidea di statua bronzea, rapinata dai conquistatori romani, accompagna il visitatore nel cuore della mostra. Incisa sulla base, una lunga iscrizione in lingua etrusca databile al 510 a.C. ha rivelato il nome con cui gli Etruschi chiamavano il santuario, definito appunto “Luogo Celeste”. Il percorso prende avvio dal periodo di maggiore fioritura, fra VI e IV sec. a.C., con un’ampia selezione di reperti di eccezionale qualità tra cui un braccio di grandi dimensioni appartenente a una statua di culto, teste femminili in terracotta e preziosi vasi greci.

In un’importante sezione dedicata alla Via Sacra, vengono mostrati altari, frammenti marmorei greci e terrecotte architettoniche. Numerose basi in pietra documentano quanto ricordato da Plinio: il saccheggio di oltre duemila statue di bronzo da parte dei Romani al momento della presa della città e ulteriori materiali attestano la continuità di culto non solo in epoca romana, ma anche in età cristiana con testimonianze di quella che è stata riconosciuta come la Chiesa di San Pietro in Vetere, eretta fra XII e XIII secolo.

L’ultimo documento che menziona la Chiesa risale al 1350, data che coincide con la deposizione multipla di vittime della peste nera del 1348. In seguito, il sito continuò ad essere sede di mercati e proprio a ciò si deve l’attuale toponimo Campo della Fiera.
Completa la mostra, l’esposizione di numerose monete rinvenute negli scavi che narrano più di 2000 anni di storia, dai bronzi premonetali di V sec. a.C. ai 10 centesimi di Vittorio Emanuele III.

Commenta su Facebook

Accadeva il 18 luglio

Alla Zambelli Orvieto il preparatore atletico è Ivan Guzzo

Di giustizia non ci si deve mai stancare di discuterne

TerniOn Festival premia l'arte. Spazio ad artisti e studenti delle scuole superiori

Aspettando La Carrareccia, in scadenza le iscrizioni a prezzo ridotto

Al Palazzo dei Sette inaugurata la mostra di Gene Pompa. Bella come un sogno felice

Allerona ricorda i caduti della Grande Guerra. Nuovo numero per i Quaderni Alleronesi

Fiumi di birra e musica dal vivo nel centro storico di Baschi con "In Bocca al Luppolo"

"Teverina Rock Festival. I giovani e il rock contro le mafie", via alla prima edizione

"Insieme per un Sorriso". Cena di beneficienza a Canonica a sostegno delle popolazioni del Camerun

A scuola di salute, la Regione approva lo schema di protocollo per favorire la lettura

Mercurio nel Paglia. Italia Nostra: "Dal focus dati allarmanti, occorrono ordinanze più restrittive"

Biglietto ridotto al Pozzo di San Patrizio per i possessori di "Umbria Green Card"

"OrvietoVIE, museo diffuso", affidata all'associazione "Orvieto Carta Unica" la gestione dei servizi

Caso quote Bpb, le rassicurazioni della presidenza del consiglio comunale

Risparmio energetico, il Comune entra in Consip. I primi interventi nel 2017

Arrivano gli autovelox, ecco dove. "Le postazioni attive saranno sempre segnalate"

Al Parco San Marco, decima edizione per "The Grove Festival"

Concerti estivi, spettacoli e incontri senza confini. I nomi in arrivo tra Umbria e Lazio

Al Santuario dell'Amore Misericordioso, secondo Convegno per Confessori

Non credere

Desiderandola

Baseball, i Rams concludono a testa alta il campionato di serie A

Pugilato, presentazione umbra per la squadra olimpica di Rio 2016

Al via "Tuscia in Jazz Festival". A Civita di Bagnoregio torna la Notte Bianca del Jazz

Meteo

mercoledì 07 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.1ºC 94% discreta direzione vento
15:00 8.8ºC 90% discreta direzione vento
21:00 4.4ºC 97% buona direzione vento
giovedì 08 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 8.6ºC 87% buona direzione vento
15:00 12.6ºC 55% buona direzione vento
21:00 7.5ºC 84% buona direzione vento
venerdì 09 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.7ºC 81% buona direzione vento
15:00 12.8ºC 69% buona direzione vento
21:00 6.6ºC 97% buona direzione vento
sabato 10 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.5ºC 92% buona direzione vento
15:00 11.6ºC 94% buona direzione vento
21:00 10.0ºC 98% foschia direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni