cultura

Verso un festival delle storie per bambini. "Cantiere Orvieto" partecipa l'idea progettuale

mercoledì 27 giugno 2018
Verso un festival delle storie per bambini. "Cantiere Orvieto" partecipa l'idea progettuale

Un festival nazionale delle storie per bambini da 0 a 10 anni, da tenersi a primavera 2019 negli scorci più belli del centro storico, scenario ideale per racconti e animazioni da integrare con la promozione di alcuni siti archeologici e monumentali della città. Nome provvisorio, "Nel Paese delle Meraviglie".

È l'idea progettuale destinata ai giovanissimi alla quale sta lavorando la neonata associazione di cittadini "Cantiere Orvieto" che sarà partecipata alla città venerdì 29 giugno alle 18 nell'Atrio del Palazzo dei Sette in collaborazione con gli Assessorati alla Cultura e alla Pubblica Istruzione del Comune. L'ingresso è libero.

L'appuntamento arriva a poche settimane dalla prima iniziativa destinata soprattutto agli adolescenti che il mese scorso ha riportato a Orvieto, il giornalista Emilio Casalini, autore del libro "Rifondata sulla Bellezza" per presentare il progetto "Cantieri di Narrazione Identitaria" che prenderà il via nelle scuole superiori di Orvieto con il nuovo anno scolastico.

Al momento il progetto esiste solo nelle sue linee generali, dal momento che è intenzione dell'associazione costruirlo insieme a tutti coloro che vorranno farne parte. Fondamentale, la collaborazione tra biblioteche, librerie, scuole, enti ed associazioni che, al livello locale, si occupano di promozione della lettura. Tra queste rientra a pieno titolo anche un'esperienza in cerca di rinascita come il Centro Studi "Gianni Rodari".

“Per creare un’occasione di sintesi che veda protagoniste in un unico evento le tante competenze in ambito della promozione culturale presenti nel territorio e valorizzare quanto di buono è stato messo in campo negli ultimi anni dagli stessi attori – spiegano dall'associazione – chiediamo che si lavori congiuntamente all’organizzazione di una vera e propria festa che vedrebbe la città per un fine settimana, trasformarsi nell’epicentro italiano della lettura per bambini".

In termini di partecipazione numerica, l'evento attirerebbe anche le rispettive famiglie con una ricaduta interessante anche sull’economia e sul turismo. Si tratta, inoltre, di una tipologia di manifestazione sulla quale si può far convergere il mondo del volontariato, con ripercussioni positive sia in termini di risparmio economico, che di coinvolgimento dal basso dei cittadini alle prese con letture animate, giochi a tema narrativo, piccole rappresentazioni teatrali in piazza.

E ancora mostre e performances di illustratori, nonché laboratori per genitori ed insegnanti legati ai nuovi modelli educativi. "Una manifestazione come questa - proseguono da 'Cantiere Orvieto' - andrebbe a coprire un vuoto di offerta. Esperienze simili altrove hanno già funzionato. In Umbria e nel vicino Lazio, manca un festival di questo genere di livello nazionale". "Nel Paese delle Meraviglie" sarebbe supportato per una parte minoritaria con risorse pubbliche, per il resto da sponsor privati tra cui i più importanti operatori italiani del settore che hanno già manifestato interesse per l'iniziativa.

Per ulteriori informazioni: info@cantiereorvieto.it

Commenta su Facebook