cultura

La fanciulla dal cuore pensante

sabato 30 dicembre 2017
di Mirabilia-Orvieto
La fanciulla dal cuore pensante

"...custodiva tutte queste cose, meditandole nel suo cuore" (Luca 2,19)

Coltellini Michele, presentazione di Gesù al tempio

Il racconto della nascita di Gesù riportato da Luca, peraltro brevissimo, quasi telegrafico, ruota attorno ad un annuncio, portatore di un evento meraviglioso.
Infatti, dice il Vangelo, "C’erano in quella regione alcuni pastori che vegliavano di notte. Un angelo del Signore si presentò davanti a loro egli disse: 'Non temete, ecco vi annuncio una grande gioia: oggi vi è nato nella città di Davide un salvatore...I pastori andarono dunque fino a Betlemme...e trovarono Maria e Giuseppe e il bambino, che giaceva in una mangiatoia. E dopo averlo visto, riferirono ciò che del bambino era stato detto loro'" (Lc 2,8-11).

Annuncio degli angeli ai pastori

Prima gli angeli e poi dei poveri pastori, ultimo gradino della società di quel tempo, diventano insieme i primi evangelizzatori della Buona Notizia, quasi a voler sottolineare che è tutta la creazione, dagli esseri celesti agli ultimi della terra, che si fa annunciatrice della novità assoluta portata da Cristo.
Allora nessuno si sarebbe stupito di trovare una giovane partoriente in una stalla, visto che luoghi simili venivano spesso utilizzati come ricoveri di fortuna per viaggiatori o pellegrini. I pastori, ospiti inaspettati, parlano di cose sorprendenti che suscitano stupore, mentre Maria rimane in silenzio e “da parte sua, custodiva tutte queste cose, meditandole nel suo cuore”.
Anche se molto giovane, la madre di Gesù non è una semplice spettatrice degli eventi; ella non disperde nulla di tutto ciò che avviene, ma al contrario lo fa scendere dentro di sé, tenendolo chiuso nel segreto.
Questo è l’atteggiamento delle persone veramente sapienti che sanno accogliere, senza difese e pregiudizi, fatti o parole che potrebbero turbare, come un lampo nel ciel sereno, la monotonia della realtà quotidiana, lasciando nell’inquietudine!
L’evangelista vuole far notare che anche Maria, come tutti i presenti, non capiva quello che stava succedendo, ma quelle parole, così sorprendenti, le ha subito catturate e impresse dentro di sé...e “dentro di sé” le confrontava.

Giuseppe Vermiglio, La visita dei pastori

Questo termine “confronto” viene da una parola greca (synbalein) che significa “gettare”. Si ha l’impressione che il cuore della donna, la sua interiorità, sia come una specie di fornace in cui vengono gettate queste parole perché si amalgamino a vicenda, quasi si fondino e, in qualche modo, si chiarifichino l’una con l’altra.
Il senso del “meditare” sta proprio qui!
Un’immagine che abitualmente utilizzano i Padri della Chiesa è quella delle pietre trascinate dal fiume; quando arrivano al mare esse sono a tal punto levigate da diventare addirittura luminose, portatrici di luce o “specchio” sul quale ci si può specchiare. In Maria le parole dei pastori si confrontavano, si limavano fino al punto di rendersi reciprocamente trans-luminose, cioè trasparenti l’una dell’immagine dell’altra.
La piccola donna di Nazareth è quindi sinonimo di sapienza, quella sapienza che non lascia passare o “cadere” le cose importanti, quella stessa Sapienza che l’Antico Testamento ama rappresentare con la figura di una donna.
Maria non comprende subito tutto, ma si lascia trapassare, si lascia ferire, si lascia penetrare dalla novità sconvolgente di quelle parole e di quei gesti che sapientemente e gelosamente custodisce nel suo cuore.
E’ questa la bellezza e la grandezza di Maria, si potrebbe dire il segreto di Maria! Tutte le virtù, tanto decantate dalla Chiesa lungo i secoli, non sono forse il frutto della “madre” di tutte le virtù che è la capacità di mettersi in ascolto della storia, degli uomini, di Dio e della sua parola?

Maria in meditazione

Certamente la sposa di Giuseppe non poteva non confrontare le parole dei pastori con tutto ciò che aveva pensato nei nove mesi della gravidanza, dal momento del concepimento (l’annunciazione) alla nascita di Gesù, l’idea con cui si era immaginata la vita del proprio figlio, un figlio veramente straordinario, anzi unico: il Figlio di Dio!
Ma la rivelazione fatta dai pastori è talmente grande e straordinariamente nuova che Maria intuisce subito che ciò che aveva udito sul proprio figlio non poteva essere definito da nulla, anzi andava lasciato depositare e macerare, per essere poi compreso veramente.
E fece bene, perché l’idea che il Figlio di Dio potesse essere un Messia pieno di gloria e di regalità, dominatore dei potenti e che avrebbe fatto dei propri nemici lo sgabello ai suoi piedi, così come se lo aspettava il popolo di Israele, venne inevitabilmente smentita da un’altra profezia.
Infatti, otto giorni dopo la nascita di Gesù e degli eventi sopra raccontati, Giuseppe e Maria portarono il bambino al Tempio per la circoncisione (Lc 2,22-35) e un uomo di nome Simeone, mosso dallo spirito, si recò anche lui al tempio e, trovato Gesù, lo prese inspiegabilmente tra le braccia dicendo: “Egli è qui per la rovina e la resurrezione di molti in Israele, segno di contraddizione, perché siano svelati i pensieri di molti cuori. E - rivolgendosi a Maria aggiunse - anche a te una spada trafiggerà l’anima”.

Giovanni Bellini, Simeone alla circoncisione di Gesù

La vita di Cristo non sarebbe stata dunque una rivelazione trionfale di Dio, tutt’altro!
Il Messia tanto atteso, che si sarebbe dovuto riconoscere per il suo successo, sarebbe stato in realtà causa di scandalo, un pericoloso de-stabilizzatore dell’ordine costituito, un sovvertitore della Legge, insomma fonte di guai per tutti, un enorme problema da cui difendersi, da eliminare nel più breve tempo possibile!
Proprio così. Il Dio di Gesù non è affatto corrispondente all’idea che gli uomini si possono fare di Lui, e questa verità non ha risparmiato neanche Maria.
Dal famoso viaggio a Gerusalemme dove, poco più che adolescente, Gesù disobbedisce ai genitori che lo cercano angosciati (Lc 2, 41-50), fino alla sua vita pubblica, quando Maria e i parenti, credendolo pazzo, andarono a cercarlo per riportarlo a Nazareth (Lc 8,19-21), tutto di lui usciva dalle aspettative, anzi le deludeva totalmente!
Attorno a quella mangiatoia tutti rimangono meravigliati dalle parole uscite dalla bocca dei pastori, ma quelle parole, così belle per la grande novità annunciata, non erano state ancora comprese. Maria però, fanciulla dal cuore pensante, comprende che è lei a non-comprendere le parole dette su Gesù, che la grande novità era sì sotto gli occhi di tutti, ma non tutti potevano capirla, comprenderla, vederla...riconoscerla.
Per questo Maria sa che tutto ciò che si dice di Cristo deve essere non solo ascoltato, ma meditato e compreso, in attesa che venga dallo spirito illuminato.
Allo stesso modo accade quando si riscalda una fornace, non è solo il metallo contenuto dentro a diventare incandescente (la parola), ma le mura stesse di questa fornace (il cuore dell’uomo) che ricevendo calore, si trasformano.
Natale non è quindi solo “presepio”, piuttosto l’occasione di riflettere e aprirsi ad un mistero, quello della vita e della sua realizzazione finale, mistero che anche se ci trascende aspetta solo di essere compreso e illuminato.

Buon Anno a tutti!!!

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 21 gennaio

Complanare, nuova fase di spinta oleodinamica del ponte in acciaio

"Le Grandi Firme della Tuscia". In distribuzione il terzo numero dell'aperiodico di Letteralbar

Azzurra Ceprini A1. Palla a due al PalaPorano con San Martino di Lupari

Montelone, la Provincia scioglie il silenzio. La prossima settimana, il bando per i lavori stradali

In manette 22enne, rubò chioccia con tutti i pulcini

Larocca interrompe lo sciopero: "L'amministrazione continuerà a vigilare"

Approvato l'odg per inserire il "reato di tortura" nell'ordinamento italiano. Il plauso di Amnesty International

Esce "Studi Interrotti", l'album d'esordio de "Gli Scontati". Il 28 gennaio al Valvola

Sfilata di maschere e carri allegorici per la "Festa di Carnevale" di Porano

Torna a luglio la seconda edizione del Premio Letterario "Città di Lugnano"

Tir si ribalta in Autostrada, code e disagi bloccano il traffico

Due ristoranti "nostrani" alla sfida Tv di Alessandro Borghese

Lasciavano le auto su "quattro ceppi" e scappavano, beccata la banda del cric

Regione contro l’inceneritore in Umbria, ma i comitati chiedono garanzie sulle discariche

Garbini lascia, si dimette il sindaco di Castel Giorgio

Bollo per i veicoli di interesse storico o collezionistico: dal primo gennaio riduzione del 10 per cento

Auto alluvionate, Sacripanti (FdI-An) sollecita un nuovo bando per il risarcimento dei danni

Consiglio regionale, respinta la mozione sul "sostegno alla famiglia naturale"

Punti nascita, la presidente Marini rassicura: “Non sono previste altre chiusure”

"Ravensbrück. Il lager delle donne", gli scatti di Ambra Laurenzi al Palazzo del Popolo per il Giorno della Memoria

A Città della Pieve nasce il liceo musicale. Open Day di presentazione

"Internet e le nuove generazioni: ripartiamo dalla famiglia". Incontro conclusivo per "Famiglie al centro"

Differenziata lumaca, ora la Regione corre ai ripari: obiettivo 60% entro l'anno

Piano comunale di classificazione acustica, nulla di fatto. In standby le controdeduzioni

Kino-Workshop al Centro Viva. A lezione di linguaggio cinematografico

Incontro informativo sull'iniziativa comunitaria "Garanzia Giovani"

Jasmine Rossini: "Per la Zambelli Orvieto il campionato è aperto"

Cardinali al Sindaco: "Sul parco del Paglia ci dica cosa bolle in pentola"

Sanità, la giunta regionale umbra sospende il ticket intramoenia

Folklore e tradizione si incontrano per la seconda "Giornata delle Pasquarelle"

Il vescovo presiede i funerali di don Adelmo Ciurletti

Sacripanti (FdI-An) propone l'istituzione di un forum civico in materia di assistenza socio-sanitaria

Dall'orto al piatto. Dalla collaborazione fra le scuole, un progetto sperimentale

La Regione investe quasi 3 milioni di euro per finanziare la competitività delle aziende vitivinicole

Centro Studi, via allo "Spring Semester" della Kansas State University e della University of Arizona

Orvieto tra le sezioni Cai che hanno collaborato alla rete sentieristica-escursionistica umbra

Furti e atti vandalici al Fanello. Tardani: "L'amministrazione si attivi per garantire la sicurezza ai cittadini"

Il Consiglio dei Ministri commissaria L'Umbria e decide per la chiusura anticipata della caccia

Ballo in maschera al Teatro Boni. Musica e divertimento, come in una favola

Luciani sollecita la riqualificazione di Piazza del Commercio: "Come si sta muovendo il Comune?"

Il Comune ricorrerà al Consiglio di Stato, Germani: "Il terzo calanco non si farà"

Lo Sportello del Consumatore chiude i battenti: riflessioni sulla conclusione di un'esperienza

Rometti: "Per la Regione su Orvieto non ci sono assolutamente esigenze di ampliamento della discarica al terzo calanco"

L'assessore Cecchini: "Si è fatta ricadere sulle Regioni l’incongruenza fra le norme nazionali ed europee"

Contratti di Fiume, Minervini chiarisce la posizione delle associazioni private: "Fuori dalla Cabina di Regia".

Galanello Pd: "No al terzo calanco, l'obiettivo dell'Umbria è la minimizzazione dello smaltimento in discarica"

Il Circolo Pd di Orvieto Scalo al lavoro per la riqualificazione del quartiere

Scopetti e Taddei Pd: "No categorico al terzo calanco, Comune e Regione non devono mollare"

Il teatro amatoriale colora Monteleone. La rassegna al Teatro dei Rustici compie vent'anni

Meteo

domenica 21 gennaio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento

--

--

--

--

--

--

--

--

--

--

--

--

21:00 4.0ºC 72% buona direzione vento
lunedì 22 gennaio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 5.0ºC 63% buona direzione vento
15:00 9.6ºC 51% buona direzione vento
21:00 3.2ºC 85% buona direzione vento
martedì 23 gennaio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 6.5ºC 82% buona direzione vento
15:00 10.3ºC 65% buona direzione vento
21:00 3.4ºC 91% buona direzione vento
mercoledì 24 gennaio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 5.2ºC 82% buona direzione vento
15:00 11.0ºC 76% buona direzione vento
21:00 8.0ºC 95% buona direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni