cultura

Abbandonarsi all'impossibile

sabato 23 dicembre 2017
di Mirabilia-Orvieto
Abbandonarsi all'impossibile

Beato Angelico, "Annunciazione", Museo diocesano di Cortona

Niente è impossibile a Dio. Questo è l’unica cosa che l’angelo dice a Maria per invitarla a credere. Niente è impossibile!
Sta qui tutta l’essenza della fede, pensare e vivere contro ogni logica e ragionevolezza. Il Natale manda così il suo messaggio: la nascita di qualcosa che nessuno s’aspetta, che nessuno osa immaginare.
Che senso avrebbe una vita che, fin dalla nascita, deve rassegnarsi alla “limitatezza” dell’esistenza umana?
In fondo è questa la domanda che tutti prima o poi si pongono quando riflettono su se stessi. Bisogna imparare presto che è molto più sensato sperare di ottenere semplicemente il possibile per sopravvivere, senza pretendere altro, senza sperare in chissà che cosa di straordinario.
In fin dei conti basterebbe avere l’indispensabile per una vita “normale”, confidando magari, per chi crede, nella protezione e benevolenza di Dio...ma nulla di più!
Ebbene, nel Vangelo dell’annunciazione, Dio non la pensa esattamente così. Il senso di questo racconto è talmente potente da rappresentare uno straordinario invito a non disperare, a non sottovalutare o disprezzare troppo in fretta quel “poco” che si è ricevuto dalla vita.
A volte il proprio apparentemente “misero destino” (pochi sono i fortunati che possono dire di avere avuto tutto dalla vita!) potrebbe non essere poi così misero, come appare a prima vista. I bilanci si faranno solo alla fine!
E, infatti, secondo la logica di Dio, proprio quel “poco”, ritenuto tale anche per una semplice e modesta vita, per il comune e normale “ordinario”, diverrà la base per un futuro assolutamente “straordinario” e decisamente impensabile.
Nelle favole, che a ragione possono essere considerate delle parabole, il protagonista, quasi sempre sfortunato o perseguitato dalla sorte, non solo riuscirà a “sopravvivere”, ma anzi guadagnerà una vita di grande pienezza, diventando addirittura spettatore attivo di un incredibile “capovolgimento” della propria storia personale.

dal film di Zeffirelli

E’ anche il caso di Maria di Nazareth, la futura madre di Gesù che misteriosamente rimane incita: “Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell'Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò Colui che nascerà sarà Santo e sarà chiamato Figlio di Dio” (Lc 1, 34-35).
Certo, l’annuncio che l’angelo fa a Maria è a dir poco sconvolgente e non affatto rassicurante: accettare quel progetto rappresenterà per la giovane donna della Galilea incomprensioni profonde, giudizi e persecuzioni, fino al rischio della vita quando dovrà affrontare inevitabilmente l’accusa di adulterio, punito in quel tempo con la morte per lapidazione. Sarà proprio Giuseppe a salvarla: con un atto di fede sposa Maria, credendo in lei e nel progetto divino.
Ostacoli e difficoltà non impedirono alla Vergine di accogliere Dio, un Dio totalmente diverso da come se lo era immaginato, così diverso da sconvolgere anche i suoi “pii progetti” di donna, di sposa e di figlia devota di Israele, osservante della Legge.
Certamente tutto questo può accadere solo se ci si affida a un semplice segreto che è una totale fiducia e abbandono in Dio, perché proprio attraverso e mediante un tale “affidamento” avviene l’incredibile e assolutamente imprevedibile ribaltamento della situazione di partenza.
Credere all’annuncio dell’angelo significa infatti sperare nello straordinario, significa non guardare più a se stessi, ma trascendersi, superare se stessi, andare oltre se stessi.
Credere non è affatto una cosa semplice, perché, inizialmente, non può che apparire come una “assurdità”, impossibile e folle.
Inoltre, credere non vuol dire solo lasciar fare a Dio; non equivale cioè a una passiva de-responsabilizzazione o a un lavarsi le mani, visto che a tutto pensa Dio, un attendere tutto dall’alto, come se Dio si sostituisse completamente all’uomo, ma vuol dire, anche e forse soprattutto, un impegnativo e tutt’altro che banale “stare al gioco di Dio”; e quindi esige da parte dell’uomo una collaborazione, un “coinvolgimento attivo” con Dio, anche senza capire all’inizio che cosa questi ha in mente e anche se quello che fa non può che sembrare assolutamente privo di senso.
Credere significa affidarsi pur senza capire. Per questo credere si rivela come una importantissima “decisione”, una opzione fondamentale che può dare un’impronta diversa a tutta la vita: in pratica per credere bisogna decidere di voler credere, decidere di dare una svolta alla propria vita, di volersi affidare a ciò che appare sempre, almeno all’inizio, impossibile e assurdo.
Credere è, in fin dei conti, il saper ascoltare il proprio cuore, che spesso non coincide con pensieri e ragionamenti umani. Ascoltare il cuore significa infatti tacitare il dominio dell’ego, che crede solo a se stesso e alle proprie forze, per lasciarsi guidare da ciò che può aiutare a capire più a fondo chi siamo, dove siamo, e dove stiamo andando.

Rossi da Cadore Antonio, Viaggio a Betlemme, XV sec.

Credere è mettersi nelle mani di Dio, affidandosi a Colui che mette in movimento la storia degli uomini, che li spinge sempre ad uscire da se stessi, da quello “status quo” insoddisfacente e irrealizzante. Occorre quindi grande coraggio e scommettere su ciò che appare un nonsenso, e sopratutto una “fiducia incrollabile” in Dio.
Sì, fiducia incrollabile “Perché tutto è possibile presso Dio” (Mc 10,27). Sta qui la differenza. Nel Vangelo di Luca, come in quello di Matteo, si legge “tutto è possibile a Dio” (Mt 19, 26), lasciando pensare all’ascoltatore che credere significhi semplicemente “lasciar fare a Dio”, perché appunto “a Dio tutto è possibile”. Questo sarebbe troppo semplice! In fondo, sarebbe come dire: fa‘ tu! Io mi siedo qui ad aspettare...Chiamami quando avrai finito! Questa è la fede a buon mercato, la fede del poco, la fede del minimo.
Per il Vangelo di Marco, il più antico di tutti, credere significa invece confidare che “presso Dio tutto è possibile” (Mc10, 27), cioè che noi siamo in grado di superare qualunque ostacolo o avversità se e nella misura in cui siamo “radicati in Dio”. Essere “presso Dio” altro non è che essere “in Dio”. Non è quindi Dio che fa per noi, al posto nostro, quasi magicamente, sostituendosi a noi; siamo noi invece che facciamo e lo “facciamo” con successo solo nella misura in cui ci si affida a Dio, radicando la propria vita nella sua parola.
Credere non è dunque un atteggiamento di passiva de-responsabilizzazione, ma “una concreta capacità di agire”, nella fiducia - in tali casi folle e assurda - che tutto andrà, comunque, per il meglio.
Ecco perché in un altro passo si dice che “Gesù non poté operare a causa della loro incredulità” (Mc 6,1-6): in sostanza è la fede che fa Dio onnipotente, perciò senza di essa egli non può far nulla, si rivela cioè “impotente”, perché gli si impedisce di agire, di operare!
E a far sprigionare a Dio tutta la sua forza, non saranno coloro che si credono forti, ricchi e autosufficienti, ma gli ultimi e i poveri.
E’ questo l’altro rovesciamento proposto dal messaggio di Gesù: “Beati i poveri perché di essi è il Regno dei cieli” (Mt 5,3).

Natività di Rubens

Nella natività di Rubens, pastori e povera gente accorre a vedere la nascita di Gesù. Essi sono inondati dalla luce sprigionata dal bambino, una luce di speranza che illumina le tenebre, mentre scalda e rallegra i cuori dei presenti, uomini e donne; a loro è diretta la grazia divina, sono loro i mendicanti di vita che, giunti al cospetto di Dio, vedono finalmente l’impossibile diventare “possibile”.

Con questa immagine auguriamo un Buon Natale a tutti!

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 luglio

Mongolfiere in volo sull'Umbria con "Sagrantino Italian International Balloon Challenge Cup"

Sanità, report degli investimenti. Usl Umbria 2: "Nessuna marginalizzazione dell'Orvietano"

I nuovi scavi archeologici nella Grotta delle Nottole in località Fondarca

Al Parco delle Paperelle, torna "Duck's Summer Village"

"Sulla questione Cassa di Risparmio serve dialogo e lungimiranza"

Due giorni di gastronomia di territorio fra mito e realtà. A Vitalonga il "Groppone di Ficulle" e il pesce del Trasimeno

Disservizio telefonico a Canale Nuovo, (forse) entro venerdì il problema sarà risolto

In Consiglio Comunale, il ricordo di Paolo Borsellino

Nuovo CdA alla SII: Stefano Puliti confermato presidente, Carfì amministratore delegato

I presidenti Lattanzi e Mismetti: "Riassegnare ruolo e funzioni alle Province"

Lago di sole

Al Muvis prende il via il Tuscia in Jazz Summer Festival

La fotografa viterbese Mariangela Tripiedi sul podio al Moscow International Foto Awards

Alla finale del Premio Letterario "Città di Lugnano", le "Meditazioni" di Arturo Annecchino

Docenti dottorati non abilitati ammessi ai corsi di formazione per il sostegno

Il Comune di San Venanzo partecipa al progetto Erasmus + "Sport for Life"

Borghi più belli d'Italia, fondi europei per arginare lo spopolamento e il turismo mordi e fuggi

Sole contro Luna

Il Comune istituisce l'Albo del Volontariato Civico

Per il "Narnia Festival", concerto sinfonico corale in Duomo

Piano urbanistico comunale, inaugurato il nuovo "Ponte della Barca"

La Zambelli Orvieto ha ingaggiato la centrale Giulia Mio Bertolo

Francesco Barberini, nuovo video per la LIPU nell'Oasi di Massaciuccoli

Presentazione capitolina per il primo "Tuscia Blues Festival"

Tre giovani in difficoltà nelle acque del lago, interviene la polizia provinciale

Balli e sapori a Vasanello, arriva "Grigliando con le Stelle"

Settant’anni in musica per la Banda di Castel Giorgio

Nuovo allenatore all'Orvieto FC. Andrea Bernardini subentra ad Egisto Seghetta

Piloti orvietani a Rieti

Codici di accesso e ticket sanitari, TdM e Cittadinanzattiva chiedono spiegazioni

E' ufficiale: Angelo Bondi alla guida dell'Orvieto Basket

Castel Giorgio a tutto rock, in Piazza Anne Frank via alla seconda edizione

Musica ai piedi del castello, torna "Torre Alfina Blues Festival". Special guest Sarah Jane Olog

Sorvegliato speciale

Orvieto

Umbria Folk Festival compie dieci anni. Festa fra tradizione e innovazione

Emergenza calore, temperature fino a 38 gradi. I consigli utili per la salute

Nuovi studi dai resti di bambini trovati nel sito archeologico di Poggio Gramignano

Guardia di Finanza, il comandante regionale lascia l'Umbria per un nuovo incarico

Giuseppe Iannuzzi svolgerà il ruolo di vice allenatore alla Zambelli Orvieto

Tennis. Torneo Tc Open Maschile, aperte le iscrizioni

Dopo la Notte Romantica, Enit si convenziona con "I Borghi più Belli d'Italia"

Via con portafoglio e cellulare, denunciati per furto aggravato due topi d'auto

Trenitalia: "Manutenzione real time al servizio dei pendolari"

In Piazza Biondini il Wayne Tucker trio apre il Tuscia in Jazz Festival

"Botteghe di mestiere e dell'innovazione", occasioni per imparare un lavoro

Mamme e bimbi in biblioteca per "Giocare con i libri" con "I colori dell'arte"

Asilo Nido "L'Aquilone", c'è il bando per la gestione quadriennale

La collaborazione fa bene

"I Semi della Riforma Costituzionale". Incontro al Caffè Montanucci

"Concerto di mezza estate" in Piazza della Repubblica per la Banda di Sipicciano

Dagli scavi di Campo della Fiera affiora un mosaico con raffigurazioni marine

Adozioni, c'è l'accordo di collaborazione tra i Comuni e l'Usl Umbria 2

Il Gal Trasimeno Orvietano approva il Piano Azione Locale a valere sul PSR 2014/2020

Cantagiro attraversa l'Umbria, ufficializzate le date fino alla finalissima

Concerto in Duomo dell'Orchestra Nova Amadeus per "Narnia Festival"

È Valeria Pesce la nuova regista della Zambelli Orvieto

Camminavo una strada

Molto di me

Premiazione del Concorso fotografico "Immagine Donna # 2"

Pizza di lavoro con coach Massimo Romano per Azzurra Ceprini

Al via la 14esima edizione dei corsi estivi di perfezionamento e di interpretazione musicale

"Talvolta i limiti esistono in chi ci guarda: una simulata di cittadinanza attiva"

In Duomo concerto sinfonico corale a sostegno dell'Unicef per il Nepal

Con Peter Erskine, Rita Marcotulli e Palle Danielsson va in scena la storia del jazz

Sulla necessità di una rinnovata moralità pubblica

Dal 2016 il Comune affiderà la gestione della Funicolare tramite autonoma procedura

A tutta la famiglia Unitre Orvieto

Anche Castel Viscardo è Comune dall'impronta 100% green

In arrivo corsi per ragazzi al laghetto di pesca sportiva di Lascarelle

Après La Classe, Enrico Capuano e Collateral Damage in concerto al "Big Music Festival"

Fabio Morcellini bissa il successo. E fa suo anche il secondo Trofeo delle Manfrengole

Riordino delle Province, raggiunta la pre-intesa con il sistema delle autonomie locali e sindacati

I 15 di Cambiamento progressivo annunciano le dimissioni dal Pd e attaccano Scopetti

Modifiche alla viabilità. Il mercato trasloca in piazza Cahen

Emergenza calore. I consigli utili, le strutture nell'Orvietano

Si presenta "Oltre il lago. Intreccio di vite nel dramma della Seconda Guerra Mondiale"

Le rassicurazioni del sindaco ai pendolari. Sabato apre il punto ristoro in Piazza della Pace

Dalla Festa un nuovo percorso per il Pd di Orvieto, Scopetti rilancia sull'unità del partito

Meteo

mercoledì 07 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.1ºC 94% discreta direzione vento
15:00 8.8ºC 90% discreta direzione vento
21:00 4.4ºC 97% buona direzione vento
giovedì 08 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 8.6ºC 87% buona direzione vento
15:00 12.6ºC 55% buona direzione vento
21:00 7.5ºC 84% buona direzione vento
venerdì 09 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.7ºC 81% buona direzione vento
15:00 12.8ºC 69% buona direzione vento
21:00 6.6ºC 97% buona direzione vento
sabato 10 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.5ºC 92% buona direzione vento
15:00 11.6ºC 94% buona direzione vento
21:00 10.0ºC 98% foschia direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni