cultura

Abbandonarsi all'impossibile

sabato 23 dicembre 2017
di Mirabilia-Orvieto
Abbandonarsi all'impossibile

Beato Angelico, "Annunciazione", Museo diocesano di Cortona

Niente è impossibile a Dio. Questo è l’unica cosa che l’angelo dice a Maria per invitarla a credere. Niente è impossibile!
Sta qui tutta l’essenza della fede, pensare e vivere contro ogni logica e ragionevolezza. Il Natale manda così il suo messaggio: la nascita di qualcosa che nessuno s’aspetta, che nessuno osa immaginare.
Che senso avrebbe una vita che, fin dalla nascita, deve rassegnarsi alla “limitatezza” dell’esistenza umana?
In fondo è questa la domanda che tutti prima o poi si pongono quando riflettono su se stessi. Bisogna imparare presto che è molto più sensato sperare di ottenere semplicemente il possibile per sopravvivere, senza pretendere altro, senza sperare in chissà che cosa di straordinario.
In fin dei conti basterebbe avere l’indispensabile per una vita “normale”, confidando magari, per chi crede, nella protezione e benevolenza di Dio...ma nulla di più!
Ebbene, nel Vangelo dell’annunciazione, Dio non la pensa esattamente così. Il senso di questo racconto è talmente potente da rappresentare uno straordinario invito a non disperare, a non sottovalutare o disprezzare troppo in fretta quel “poco” che si è ricevuto dalla vita.
A volte il proprio apparentemente “misero destino” (pochi sono i fortunati che possono dire di avere avuto tutto dalla vita!) potrebbe non essere poi così misero, come appare a prima vista. I bilanci si faranno solo alla fine!
E, infatti, secondo la logica di Dio, proprio quel “poco”, ritenuto tale anche per una semplice e modesta vita, per il comune e normale “ordinario”, diverrà la base per un futuro assolutamente “straordinario” e decisamente impensabile.
Nelle favole, che a ragione possono essere considerate delle parabole, il protagonista, quasi sempre sfortunato o perseguitato dalla sorte, non solo riuscirà a “sopravvivere”, ma anzi guadagnerà una vita di grande pienezza, diventando addirittura spettatore attivo di un incredibile “capovolgimento” della propria storia personale.

dal film di Zeffirelli

E’ anche il caso di Maria di Nazareth, la futura madre di Gesù che misteriosamente rimane incita: “Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell'Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò Colui che nascerà sarà Santo e sarà chiamato Figlio di Dio” (Lc 1, 34-35).
Certo, l’annuncio che l’angelo fa a Maria è a dir poco sconvolgente e non affatto rassicurante: accettare quel progetto rappresenterà per la giovane donna della Galilea incomprensioni profonde, giudizi e persecuzioni, fino al rischio della vita quando dovrà affrontare inevitabilmente l’accusa di adulterio, punito in quel tempo con la morte per lapidazione. Sarà proprio Giuseppe a salvarla: con un atto di fede sposa Maria, credendo in lei e nel progetto divino.
Ostacoli e difficoltà non impedirono alla Vergine di accogliere Dio, un Dio totalmente diverso da come se lo era immaginato, così diverso da sconvolgere anche i suoi “pii progetti” di donna, di sposa e di figlia devota di Israele, osservante della Legge.
Certamente tutto questo può accadere solo se ci si affida a un semplice segreto che è una totale fiducia e abbandono in Dio, perché proprio attraverso e mediante un tale “affidamento” avviene l’incredibile e assolutamente imprevedibile ribaltamento della situazione di partenza.
Credere all’annuncio dell’angelo significa infatti sperare nello straordinario, significa non guardare più a se stessi, ma trascendersi, superare se stessi, andare oltre se stessi.
Credere non è affatto una cosa semplice, perché, inizialmente, non può che apparire come una “assurdità”, impossibile e folle.
Inoltre, credere non vuol dire solo lasciar fare a Dio; non equivale cioè a una passiva de-responsabilizzazione o a un lavarsi le mani, visto che a tutto pensa Dio, un attendere tutto dall’alto, come se Dio si sostituisse completamente all’uomo, ma vuol dire, anche e forse soprattutto, un impegnativo e tutt’altro che banale “stare al gioco di Dio”; e quindi esige da parte dell’uomo una collaborazione, un “coinvolgimento attivo” con Dio, anche senza capire all’inizio che cosa questi ha in mente e anche se quello che fa non può che sembrare assolutamente privo di senso.
Credere significa affidarsi pur senza capire. Per questo credere si rivela come una importantissima “decisione”, una opzione fondamentale che può dare un’impronta diversa a tutta la vita: in pratica per credere bisogna decidere di voler credere, decidere di dare una svolta alla propria vita, di volersi affidare a ciò che appare sempre, almeno all’inizio, impossibile e assurdo.
Credere è, in fin dei conti, il saper ascoltare il proprio cuore, che spesso non coincide con pensieri e ragionamenti umani. Ascoltare il cuore significa infatti tacitare il dominio dell’ego, che crede solo a se stesso e alle proprie forze, per lasciarsi guidare da ciò che può aiutare a capire più a fondo chi siamo, dove siamo, e dove stiamo andando.

Rossi da Cadore Antonio, Viaggio a Betlemme, XV sec.

Credere è mettersi nelle mani di Dio, affidandosi a Colui che mette in movimento la storia degli uomini, che li spinge sempre ad uscire da se stessi, da quello “status quo” insoddisfacente e irrealizzante. Occorre quindi grande coraggio e scommettere su ciò che appare un nonsenso, e sopratutto una “fiducia incrollabile” in Dio.
Sì, fiducia incrollabile “Perché tutto è possibile presso Dio” (Mc 10,27). Sta qui la differenza. Nel Vangelo di Luca, come in quello di Matteo, si legge “tutto è possibile a Dio” (Mt 19, 26), lasciando pensare all’ascoltatore che credere significhi semplicemente “lasciar fare a Dio”, perché appunto “a Dio tutto è possibile”. Questo sarebbe troppo semplice! In fondo, sarebbe come dire: fa‘ tu! Io mi siedo qui ad aspettare...Chiamami quando avrai finito! Questa è la fede a buon mercato, la fede del poco, la fede del minimo.
Per il Vangelo di Marco, il più antico di tutti, credere significa invece confidare che “presso Dio tutto è possibile” (Mc10, 27), cioè che noi siamo in grado di superare qualunque ostacolo o avversità se e nella misura in cui siamo “radicati in Dio”. Essere “presso Dio” altro non è che essere “in Dio”. Non è quindi Dio che fa per noi, al posto nostro, quasi magicamente, sostituendosi a noi; siamo noi invece che facciamo e lo “facciamo” con successo solo nella misura in cui ci si affida a Dio, radicando la propria vita nella sua parola.
Credere non è dunque un atteggiamento di passiva de-responsabilizzazione, ma “una concreta capacità di agire”, nella fiducia - in tali casi folle e assurda - che tutto andrà, comunque, per il meglio.
Ecco perché in un altro passo si dice che “Gesù non poté operare a causa della loro incredulità” (Mc 6,1-6): in sostanza è la fede che fa Dio onnipotente, perciò senza di essa egli non può far nulla, si rivela cioè “impotente”, perché gli si impedisce di agire, di operare!
E a far sprigionare a Dio tutta la sua forza, non saranno coloro che si credono forti, ricchi e autosufficienti, ma gli ultimi e i poveri.
E’ questo l’altro rovesciamento proposto dal messaggio di Gesù: “Beati i poveri perché di essi è il Regno dei cieli” (Mt 5,3).

Natività di Rubens

Nella natività di Rubens, pastori e povera gente accorre a vedere la nascita di Gesù. Essi sono inondati dalla luce sprigionata dal bambino, una luce di speranza che illumina le tenebre, mentre scalda e rallegra i cuori dei presenti, uomini e donne; a loro è diretta la grazia divina, sono loro i mendicanti di vita che, giunti al cospetto di Dio, vedono finalmente l’impossibile diventare “possibile”.

Con questa immagine auguriamo un Buon Natale a tutti!

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 21 gennaio

Complanare, nuova fase di spinta oleodinamica del ponte in acciaio

"Le Grandi Firme della Tuscia". In distribuzione il terzo numero dell'aperiodico di Letteralbar

Azzurra Ceprini A1. Palla a due al PalaPorano con San Martino di Lupari

Montelone, la Provincia scioglie il silenzio. La prossima settimana, il bando per i lavori stradali

In manette 22enne, rubò chioccia con tutti i pulcini

Larocca interrompe lo sciopero: "L'amministrazione continuerà a vigilare"

Approvato l'odg per inserire il "reato di tortura" nell'ordinamento italiano. Il plauso di Amnesty International

Esce "Studi Interrotti", l'album d'esordio de "Gli Scontati". Il 28 gennaio al Valvola

Sfilata di maschere e carri allegorici per la "Festa di Carnevale" di Porano

Torna a luglio la seconda edizione del Premio Letterario "Città di Lugnano"

Tir si ribalta in Autostrada, code e disagi bloccano il traffico

Due ristoranti "nostrani" alla sfida Tv di Alessandro Borghese

Lasciavano le auto su "quattro ceppi" e scappavano, beccata la banda del cric

Regione contro l’inceneritore in Umbria, ma i comitati chiedono garanzie sulle discariche

Garbini lascia, si dimette il sindaco di Castel Giorgio

Bollo per i veicoli di interesse storico o collezionistico: dal primo gennaio riduzione del 10 per cento

Auto alluvionate, Sacripanti (FdI-An) sollecita un nuovo bando per il risarcimento dei danni

Consiglio regionale, respinta la mozione sul "sostegno alla famiglia naturale"

Punti nascita, la presidente Marini rassicura: “Non sono previste altre chiusure”

"Ravensbrück. Il lager delle donne", gli scatti di Ambra Laurenzi al Palazzo del Popolo per il Giorno della Memoria

A Città della Pieve nasce il liceo musicale. Open Day di presentazione

"Internet e le nuove generazioni: ripartiamo dalla famiglia". Incontro conclusivo per "Famiglie al centro"

Differenziata lumaca, ora la Regione corre ai ripari: obiettivo 60% entro l'anno

Piano comunale di classificazione acustica, nulla di fatto. In standby le controdeduzioni

Kino-Workshop al Centro Viva. A lezione di linguaggio cinematografico

Incontro informativo sull'iniziativa comunitaria "Garanzia Giovani"

Jasmine Rossini: "Per la Zambelli Orvieto il campionato è aperto"

Cardinali al Sindaco: "Sul parco del Paglia ci dica cosa bolle in pentola"

Sanità, la giunta regionale umbra sospende il ticket intramoenia

Folklore e tradizione si incontrano per la seconda "Giornata delle Pasquarelle"

Il vescovo presiede i funerali di don Adelmo Ciurletti

Sacripanti (FdI-An) propone l'istituzione di un forum civico in materia di assistenza socio-sanitaria

Dall'orto al piatto. Dalla collaborazione fra le scuole, un progetto sperimentale

La Regione investe quasi 3 milioni di euro per finanziare la competitività delle aziende vitivinicole

Centro Studi, via allo "Spring Semester" della Kansas State University e della University of Arizona

Orvieto tra le sezioni Cai che hanno collaborato alla rete sentieristica-escursionistica umbra

Furti e atti vandalici al Fanello. Tardani: "L'amministrazione si attivi per garantire la sicurezza ai cittadini"

Il Consiglio dei Ministri commissaria L'Umbria e decide per la chiusura anticipata della caccia

Ballo in maschera al Teatro Boni. Musica e divertimento, come in una favola

Luciani sollecita la riqualificazione di Piazza del Commercio: "Come si sta muovendo il Comune?"

Il Comune ricorrerà al Consiglio di Stato, Germani: "Il terzo calanco non si farà"

Lo Sportello del Consumatore chiude i battenti: riflessioni sulla conclusione di un'esperienza

Rometti: "Per la Regione su Orvieto non ci sono assolutamente esigenze di ampliamento della discarica al terzo calanco"

L'assessore Cecchini: "Si è fatta ricadere sulle Regioni l’incongruenza fra le norme nazionali ed europee"

Contratti di Fiume, Minervini chiarisce la posizione delle associazioni private: "Fuori dalla Cabina di Regia".

Galanello Pd: "No al terzo calanco, l'obiettivo dell'Umbria è la minimizzazione dello smaltimento in discarica"

Il Circolo Pd di Orvieto Scalo al lavoro per la riqualificazione del quartiere

Scopetti e Taddei Pd: "No categorico al terzo calanco, Comune e Regione non devono mollare"

Il teatro amatoriale colora Monteleone. La rassegna al Teatro dei Rustici compie vent'anni

Meteo

sabato 20 gennaio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
21:00 4.6ºC 93% buona direzione vento
domenica 21 gennaio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.3ºC 94% discreta direzione vento
15:00 11.9ºC 58% buona direzione vento
21:00 4.3ºC 74% buona direzione vento
lunedì 22 gennaio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 4.9ºC 61% buona direzione vento
15:00 9.7ºC 48% buona direzione vento
21:00 3.8ºC 81% buona direzione vento
martedì 23 gennaio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 6.7ºC 82% buona direzione vento
15:00 10.4ºC 67% buona direzione vento
21:00 3.4ºC 91% buona direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni