cultura

Canino celebra le campane "ritrovate". Riportate alla luce le due "sorelle" del 1699

venerdì 13 ottobre 2017
di Davide Pompei
Canino celebra le campane "ritrovate". Riportate alla luce le due "sorelle" del 1699

Per secoli, la loro voce bronzea ha scandito il ritmo delle giornale nel piccolo Comune dell'Alto Lazio. La polvere della storia aveva consegnato le due sorelle "nate" – o meglio, realizzate – nel 1699 all'oblio del dopoguerra. Cure e custodia della Confraternita della Madonna del Suffragio di Canino, antica istituzione di carità, consente ora di restituirle al pubblico. La presentazione alla collettività e l'esposizione delle ritrovate Campane provenienti dalla Chiesa di Sant'Andrea in Arce è attesa per sabato 14 ottobre alle 17.30 proprio nella Chiesa della Madonna del Suffragio di Canino, alla presenza del priore della Confraternita Massimo Marini, del presidente di Canino Info Onlus Giacomo Mazzuoli e di Anzio Risi, membro dell'associazione culturale della Tuscia.

È grazie alle ricerche archivistiche intraprese da quest'ultimo che si è riusciti a "riscoprire" le due opere d'arte, ricostruendo la loro presenza nel paese in cui fu già ritrovata, sul finire dell’800, la più antica campana cristiana italiana: la celebre Campana di Canino, conservata al Museo Pio Cristiano, parte dei Musei Vaticani. A suggerirne i nomi, le dimensioni. La Maggiore ha un diametro alla base di 480 millimetri, un’altezza totale di 560 millimetri, compresa la corona, e un peso di 70 chilogrammi. Adornata da sedici bassorilievi con figure sacre e di santi contornati da motivi floreali, reca l'iscrizione: "Ex Piis Elemosinis Anno Domini MDCXCIX". La Minore, invece, misura 450 millimetri di altezza, corona compresa, ha un diametro alla base di 380 millimetri e un peso di 30 chilogrammi. "Ad Honorem Dei Et Bmw Et Omnium Santorum – AD MDCXCIX", l'iscrizione che si legge in prossimità dei dodici bassorilievi con figure sacre e di santi contornati da motivi floreali.

"La campana maggiore – spiegano da Canino Info – è chiaramente dedicata a San Francesco di Paola, raffigurato con i suoi caratteristici attributi iconografici quali mantello e bastone, ed ai suoi piedi le onde delle Stretto di Messina che egli attraversò divenendo, per questo, patrono della gente di mare d'Italia. All’interno della cornice ottagonale del bassorilievo, si notano due figure ricoperte dal caratteristico saio francescano, a ricordarci che San Francesco da Paola fu colui che fondò la Congregazione eremitica paolana di San Francesco d'Assisi poi successivamente chiamata Ordine dei Minimi.

A corollario di questa rappresentazione una moltitudine di raggi solari conferiscono importanza e centralità al bassorilievo, ed in mezzo ad essi si leggono le lettere S T R C H A I A alle quali, purtroppo, non si è riusciti ancora a dare un significato. Attraverso l’esame di numerose visite pastorali effettuate dai vescovi della Diocesi di Acquapendente, nei secoli passati, si è riusciti ad individuare la devozione a San Francesco di Paola in un altare dell’antica Chiesa di Sant'Andrea che si trovava all’interno della Rocca Farnesiana di Canino, chiesa che poi fu a lui dedicata.

Nel 1808, Luciano Bonaparte acquistò dalla Camera Apostolica la quasi totalità del territorio del Comune di Canino, compresa anche la Rocca Farnesiana e l’annessa Chiesa di San Francesco di Paola, già di Sant'Andrea. Questa chiesa già all’epoca si presentava piuttosto malmessa, e dopo poco tempo il futuro Principe di Canino decise di trasformarla in 'teatro di famiglia', comportando la fine della chiesa come edificio di culto.

Le due campane che non servivano più furono regalate nel 1809 da Alexandrine de Bleschamp, moglie di Luciano Bonaparte, alla Chiesa della Madonna Neve come omaggio forse legato alla nascita del figlio Paolo Maria avvenuta a Canino il 19 febbraio di quell’anno. Sul finire dell’800 anche la Chiesa della Madonna della Neve fu abbandonata perché diruta e le due campane, come i beni e gli arredi sacri della stessa, passarono al Capitolo della Chiesa Collegiata di Canino.

Da questo momento le notizie sulla loro presenza si fanno sempre più rare, ma nel 1927 risultano ancora conservate nella sacrestia della Collegiata e sicuramente vi erano quando il 22 marzo 1941 fu fatto il censimento delle campane, ed ancora nel 1943 quando il Ministero della Guerra, per il tramite della Curia, chiese la consegna del bronzo a fini bellici. Le due campane scompaiono, molto probabilmente nascoste alla furia della guerra da mani pietose e per tanti anni di loro se ne persero le tracce ed anche la memoria. Oggi sappiamo che sono state conservate dalla Confraternita della Madonna del Suffragio di Canino. 'Riscoperte', sarà possibile ammirarle da ora in poi nella loro chiesa".

Per ulteriori informazioni:
340.8932500 – redazione@canino.info 

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 24 gennaio

"Più o meno alle tre" con i Lettori Portatili. Andrej Longo presenta "L'altra madre"

Sabato 28 gennaio casting per il nuovo film di Alice Rohrwacher

Nello scavo della piramide di via Ripa Medici ritrovato il cibo degli Etruschi

Corso di Sociocrazia con Pierre Houben all'Auditorium

Orvieto, Via del Corso

L'Orvietana Rugby vince ancora al De Martino

Olimpieri (IeT): "Con Germani il Comune torna a privatizzare"

Prima seduta del nuovo Consiglio Provinciale, convalida degli eletti e giuramento del presidente

Ad aprile torna la Coppa degli Etruschi

Fabrizio Bentivoglio porta "L'ora di ricevimento" al Teatro Comunale di Todi

Imprese Creative, a disposizione 2,8 milioni di euro. Illustrati i criteri del primo bando regionale

Oltre 400 richieste in due mesi nei punti informativi di Sii, Ati e Assoconsumatori

Promozione turistica, l'Umbria presente per la prima volta all'Holiday World di Dublino

Atletica Libertas Orvieto, tanti gli eventi e le manifestazioni in arrivo nel 2017

Seduta plenaria della Pro Loco per l'approvazione dei bilanci

Prima seduta del consiglio comunale. In quindici punti l'ordine del giorno

Al Teatro Santa Cristina, il recital "...ed ora sono nel vento..."

Sisma, si riunisce comitato istituzionale. Marini: "Massimo supporto a sindaci dall'ufficio speciale ricostruzione"

Studenti in Comune per presentare "Testimoni della Memoria. Il nostro viaggio in Polonia"

Linea ferroviaria Orte-Foligno-Perugia, ripristinate due fermate

Cena a base di solidarietà. Serata speciale organizzata dai ragazzi dell'Oratorio San Filippo Neri e dagli studenti dell'Alberghiero

Donne vittime di violenza, in Regione firmato il protocollo per l'inserimento lavorativo e sociale

Sottoscritto il protocollo d'intesa tra Perugia e Orvieto per l'iscrizione delle Città Etrusche al Patrimonio Unesco

Al Teatro Boni va in scena "L'istruttoria" di Peter Weiss

"Viaggio nell'Operetta". Seconda tappa con Katia Ricciarelli e Andrea Binetti

Iaia Forte al Teatro Boni con "Tony Pagoda. Ritorno in Italia"

Benedizione dei Trattori a Ciconia. Gli agricoltori offrono il frutto del loro lavoro

"Comunicare speranza e fiducia nel nostro tempo". Il vescovo incontra i giornalisti per S.Francesco di Sales

Incontro su "La persecuzione in Europa e i suoi effetti anche a San Venanzo"

Uisp, la squadra Umbria Nuoto master cresce

Meteo

mercoledì 24 gennaio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 7.0ºC 72% buona direzione vento
15:00 11.8ºC 70% buona direzione vento
21:00 4.5ºC 93% buona direzione vento
giovedì 25 gennaio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 5.8ºC 90% buona direzione vento
15:00 10.5ºC 72% buona direzione vento
21:00 3.7ºC 97% buona direzione vento
venerdì 26 gennaio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 6.4ºC 93% buona direzione vento
15:00 9.3ºC 86% buona direzione vento
21:00 7.3ºC 93% buona direzione vento
sabato 27 gennaio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.3ºC 85% buona direzione vento
15:00 11.0ºC 76% buona direzione vento
21:00 8.4ºC 89% buona direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni