cultura

La fretta di Dio

lunedì 14 agosto 2017
di Mirabilia-Orvieto
La fretta di Dio

“In quei giorni, Maria si mise in viaggio verso la montagna e raggiunse in fretta una città della Giudea. Entrata nella casa di Zaccaria, salutò Elisabetta. Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino le sussultò in grembo.” ( Lc.1,39-41)

Perché nel giorno della festività dell’Assunzione della Beata Vergine Maria il Vangelo ci riporta l’incontro tra Maria e la cugina Elisabetta?
Il racconto parla delle storia di due donne rimaste miracolosamente incinta: Elisabetta era, infatti, sterile e molto avanti negli anni, mentre Maria non aveva conosciuto uomo.
Così, di fronte ad un evento ad dir poco straordinario e inaspettato, la vita della futura madre di Gesù sperimenta uno sconvolgimento che non riesce a frenare, a contenere, tanto da spingerla a mettersi subito in viaggio, a camminare in fretta.
Chi sa se anche noi saremmo disposti a correre così “in fretta” verso un luogo o una persona, verso un bisogno, verso un evento.
Maria lo fa, andando da Elisabetta. Corre in fretta, perché in fretta bisogna vivere quello che Dio ha donato: una vita a lei è una vita alla cugina.
Ci sono due vite che si stanno facendo nel segreto del loro ventre e queste due donne ne gioiscono, e ne gioiscono in fretta, subito.
Ecco, non so se ancora siamo abituati a percorrere in fretta, quasi con impazienza, lo spazio che separa il nostro vivere quotidiano dal “vivere” che Dio ha preparato per noi.
A volte siamo un po' lenti, un po’ titubanti, un po' paurosi...abbiamo paura della fregatura: “Chi sa se questa cosa che sento, non sia poi che un fuoco fatuo, un fuoco di paglia che brucerà in qualche minuto...vedrò una grande luce, sentirò un grande calore, ma poi?...Ma poi il quotidiano mi catturerà nuovamente, e allora cosa avrò fatto? Avrò corso in fretta, perso fiato invano, perduto qualcosa della mia vita”.
Ecco, Maria ed Elisabetta non ragionano così, loro non hanno paura di perdere nulla andando in fretta.


Roger van der Weyden: La Visitazione,1435 -particolare

Come Maria va in fretta, così Elisabetta, all'istante, riconosce chi la visita in Maria, cioè Dio stesso e nel seno di Elisabetta c'è un evento così importante che queste due donne vivono insieme con tanta semplicità...esse sperimentano un mutamento di vita!
Chissà se noi, uomini e donne, abbiamo ancora la forza e la sapienza di riconoscere che qualcosa si muove dentro di noi, di sentirlo, e di apprezzarlo, fidandoci dei sentimenti che questo qualcosa evoca; oppure lo cassiamo, lo mettiamo di lato, come un sentimento improprio, inopportuno, sconveniente, forse menzognero.
Abbiamo forse perduto la capacità di lavorare “dentro”, affinché qualcosa dentro di noi accada, ad accoglierlo come qualcosa di bello. Non siamo quasi più abituati ad accettare che qualcosa di bello accada nella vita, proprio non ce la facciamo, neanche a dirlo...a pronunciarlo. È molto più facile dire il contrario: “O che brutto, o che noia o, Dio, che situazione!”, invece di godere di quei piccoli-grandi segni d’umanità che accadono intorno e dentro di noi.
Forse dovremmo preoccuparci di questa incapacità e desiderare di vivere la stessa sensazione di Elisabetta, che qualcosa si muove dentro, che qualcosa di bello sta accadendo.
E non solo a noi personalmente, ma anche al mondo che ci circonda, cioè al mondo economico, politico, e persino a quello religioso, che magari aspetterebbe una “parola” di incoraggiamento dal mondo cristiano, ma che molto spesso non riceve perché, a volte, la Chiesa sembra più impaurita e depressa dei suoi figli...perché non le si muove niente in pancia!
Allora, se c'è ancora un po' di speranza, dobbiamo svegliare questa Chiesa e dirgli "Madre, sobbalza al tuo interno!”, guarda cosa sta accadendo attorno a te.


Il bosone di Higgs, detto anche “ la particella di Dio”.

Basta pensare alla teoria del “bosone di Higgs” (detta anche particella di Dio) che non molto tempo fa aveva detto qualcosa di grande sul mondo, sull’universo, così complesso e meraviglioso. Ogni scoperta scientifica è infatti un inno a chi quelle cose le ha fatte.
Quanto avremmo gustato nel sentir dire da uomini di Chiesa: “Che bello!...Che bello vedere questa danza di pianeti che loda Dio continuamente, come Davide danzava attorno all’Arca”.
Ma noi siamo molto razionali e devoti, e non godiamo di questo mondo per la gioia di come è fatto, non riusciamo a danzare attorno all'Arca e quello che ci muove dentro non è la gioia, lo stupore della vita, la novità della vita, ma paure e preclusioni, quello che si deve fare e quello che non si deve fare.
Perché invece non ci chiediamo, piuttosto, di che cosa si può godere e di che cosa non si può godere?
Perché non si riesce più a sobbalzare dentro quando, con il Concilio Vaticano II, la Chiesa si era aperta al mondo, a tutte le confessioni religiose, e anche al mondo ateo, agnostico, che pensa la vita in un'altra maniera, ringrazia la vita in un'altra maniera e ama la vita in un’altra maniera.
Abbiamo avuto questa gioia del Concilio che ce l'ha detto, e abbiamo avuto anche dei grandi freni; abbiamo detto che chi non è della Chiesa cattolica non è Chiesa, e l'abbiamo detto dopo il Concilio.
Ma perché è stato possibile scrivere la pagina del Concilio?
Perché a qualcuno si è mosso qualcosa dentro la pancia. Qualcuno è riuscito a pensare e a vedere la vita in modo diverso, in modo nuovo, proprio come Maria ed Elisabetta che hanno osato sperare proprio in qualcosa di nuovo.


Maria assunta in cielo - particolare della facciata del Duomo di Orvieto

E Maria è salita in cielo, non perché è stata portata magicamente in alto, ma perché ha saputo innalzarsi con tutta la sua persona, corpo e anima, ad una visione differente, a una speranza differente, a un mondo nuovo che le palpitava dentro con tutta la sua forza e che Elisabetta ha saputo riconoscere.
E’ questo “innalzamento” che ha trasformato la vita di Maria, che l’ha radicalmente e profondamente cambiata in un’altra vita, perché la vita eterna o celeste (il paradiso) non è “l’altra vita”, quella che ci aspetta dopo la morte, ma è esattamente la trasformazione di questa stessa vita; è insomma la vita terrena che si eleva, si riscatta, si innalza dal basso verso l’alto, dal fondo verso la luce, dal non-senso verso la realizzazione...e innalzandosi viene trasfigurata.
La fede vera non è, quindi, la fuga alienante in un mondo migliore, il mondo dell’aldilà, com’è nell’immaginario delle religioni antiche e nuove, ma è una vita che oggi esce dalla sua staticità, dal suo blocco, dalla sua pesantezza, dalla sua condizione depressa e disperata, dalla sua falsa prudenza, per muoversi in fretta, per camminare in fretta, perché vive oggi nella speranza di essere “rovesciata” e “ricolmata” come nel Magnificat.

Pubblicato da fausto cerulli il 14 agosto 2017 alle ore 19:18
se non fossi miscredente, tu mi faresti diventare cattolico ortodosso. hai scritto
qualcosa di meraviglioso. MIRABILIA.
ti voglio bene
Pubblicato da io il 14 agosto 2017 alle ore 21:00
Ma lei crede davvero in quello che ha scritto ?
Pubblicato da guglielmo il 15 agosto 2017 alle ore 11:26
cari Patrizia e Fabio. Bravi. La vostra esegesi sulla fretta di Dio è, oltre che profonda, geniale. Solo chi non vi conosce dubita della vostra autenticità, che per me è scontata. Buon Ferragosto.

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 27 aprile

Rivive la tradizione del "Cantamaggio Ficullese"

Aperitivo in biblioteca. Si presenta "Archeonotes" e "La pala d'altare ritrovata"

"Conversazioni su Chopin" in Sala Consiliare con Elio Maestosi e Antonio Bergami

FutsalPlayers porta il grande calcio a 5 in Umbria

"Di Lunedì. Incontri sul restauro nella Tuscia&Conferenze allo SMA"

"Be young, be active". Si presentano i bandi InterAzioni, Sostantico Femminile e le borse lavoro

Le "Avventure di un burattino" al Teatro degli Avvaloranti

"Imbrattano muri pubblici ma non si accorgono dei tagli al sociale"

Gara nazionale del lancio del Ruzzolone sulle piste di Ciconia

Escursione nella Valle dei Calanchi con l'Asds Majorana

Il consiglio comunale premia l'As San Venanzo per la conquista della Promozione

Zeno (Pci): "Una coalizione sempre più magra, un sindaco sempre più debole?"

Natura e storia viaggiano in "Tandem". Tra Oasi e Castello, anche la performance "HoMe"

"Scene da un matrimonio". Prorogati i tempi per la consegna delle foto

"Una giornata in ricordo di S.E. Mons. Francesco Pieri, Vescovo di Orvieto (1941-1961)"

Ponterio si rifà il look. Iniziati i lavori in Piazza dell'Arte

"Sport e disabilità: la sfida più bella". Incontro con il Panathlon Junior

Anche Andromeda sostiene e accompagna "Torch Run"

Il marciatore Romolo Pelliccia primo over-80 al mondo sulla distanza dei 10.000 metri in pista

Simona Garofano confermata alla guida della Fistel Cisl Umbria

Nell'anniversario della morte non morte del compagno Gramsci

Cento milioni dal Governo per le strade. Variati (Upi): "Sufficienti per interventi solo su 10% del totale"

Complanare, aggiudicati i lavori di completamento del raccordo stradale

"Orvieto Cammina", il calendario delle camminate allenanti di maggio

Ladri in Ospedale rubano borsa negli armadietti dei dottori

"Miserere" in concerto. Dal palco di Ciconia al film "La musica del silenzio"

Tassa su aree pubbliche: scoppia la polemica, Comune nel mirino

Maltrattamenti all'asilo, parlano genitori e insegnanti

Ragazzo disabile rischia di essere escluso dalla gita a Orvieto, la preside si rivolge all'Unitalsi

Il Palazzo Potemkin

Innocente e colpevole

Azzurra Ceprini, terminato il primo degli stage talent scout in programma

Il Consorzio Val di Paglia inaugura la cassa d'espansione sul torrente Tresa

Interpellanza di Olimpieri (IeT): "Aprire il confronto sui consigli di zona"

"Dal segno al lupo", laboratorio in biblioteca dove prosegue la mostra "Nella tana del lupo"

Interrogazione di Sacripanti (GM): "Installare due semafori in Via Sette Martiri"

Verso un progetto comune per la valorizzazione dell'industria congressuale

Nasce il Comitato cittadino "No traffico pesante a Orvieto Scalo"

Andrea Gialletti accede alla finale nazionale dei Giochi Matematici alla Bocconi

Assemblea pubblica sulla discarica "Le Crete" con #SaveOrvieto

Scoperti due falsi eccellenti di Raffaello. Visita guidata con il direttore del Museo della Città

Oltre 3 milioni di euro per la ricostruzione degli edifici terremotati

"Viaggio nel Rinascimento" per le scuole, alla riscoperta di Bartolomeo d'Alviano

Retropalco al Teatro Boni con "Destino all'osteria. Buon pane, buon vino e brava gente"

"La Porta Santa della Misericordia da Collevalenza a Gerusalemme"

Federalberghi: "Bene gli eventi, ma occorre una strategia condivisa per tutto l'anno"

Sacripanti (Gm): "Che fine ha fatto la Commissione di studio sui rifiuti?"

Conferenza Unitre sui tesori della Collegiata di Santa Maria Assunta in Cielo

Paolo Ottaviani si dimette da presidente del Comitato Pendolari Orte

Azzurra Orvieto giovanili. Va bene per tutti gli sport, anche per il basket femminile

Ron a Castiglione, Rocco Hunt e Patty Pravo a Vasanello, Cristina D'Avena e Dear Jack a Soriano

"Umbriametraggi 2016". Via al bando di concorso per corti di filmmaker umbri

Erbe spontanee: dal campo alla tavola. Conoscerle, raccoglierle, mangiarle

A Orvieto il Congresso regionale dell'AIP, Associazione Informatici Professionisti, sabato 28 aprile a Palazzo del Popolo

Diventerà un hotel 5 stelle super il Monastero della Trinità. Sarà la Cardinal Grimaldi srl di Giuseppe Merati a rifunzionalizzarlo

Piacevole pomeriggio in musica nel ricordo affettuoso del salotto di Elena Bonelli

Perché non riportare in vita la croce abbandonata del Monte Peglia e rinnovare l'antica tradizione della Festa della montagna?

Volley Team a Gubbio con il solito obiettivo: vincere! Trasferta insidiosa ma non impossibile

Ripuliamo il Paglia: sabato 28 aprile secondo appuntamento di 'Un mondo senza rifiuti'.

Bollicine e note contemporanee: domenica al Mancinelli terzo atto di 'Aperitivo in musica'

L'impegno sociale dei Comunisti Italiani: presentate due proposte di legge regionale per il sostegno degli stomizzati e la tutela dei lavoratori del TPL

Via libera della Comunità Europea al Piano di Sviluppo Rurale 2007-2013

Slowly & easy: con un lungo ponte si conclude il progetto Domenicheslow

Domenica 29 aprile a Porano Primo raduno dei laici rianimatori formati da Città Cardioprotetta

Il Programma del 29, 30 e 1°

Tutti i mali del vino analizzati in convegno in vista di una rinascita. E intanto parte un accordo tra cinque grandi aziende dell'Orvietano e arrivano le fascette

Doc Orvieto: fascette di garanzia obbligatorie dal 2 maggio

Le esigenze dei lavoratori del commercio nella lettera aperta della Presidente dell’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani dell’Umbria

Meteo

mercoledì 07 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.1ºC 94% discreta direzione vento
15:00 8.8ºC 90% discreta direzione vento
21:00 4.4ºC 97% buona direzione vento
giovedì 08 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 8.6ºC 87% buona direzione vento
15:00 12.6ºC 55% buona direzione vento
21:00 7.5ºC 84% buona direzione vento
venerdì 09 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.7ºC 81% buona direzione vento
15:00 12.8ºC 69% buona direzione vento
21:00 6.6ºC 97% buona direzione vento
sabato 10 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.5ºC 92% buona direzione vento
15:00 11.6ºC 94% buona direzione vento
21:00 10.0ºC 98% foschia direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni