SCOPRI

Offerta Banner
99 euro per 30 giorni

cultura

Necropoli del Vallone di San Lorenzo, ad agosto prendono il via gli scavi archeologici

mercoledì 21 giugno 2017
Necropoli del Vallone di San Lorenzo, ad agosto prendono il via gli scavi archeologici

A distanza di quasi quarant’anni dalle iniziali ricerche, nell’estate verranno avviate le prime indagini archeologiche nel territorio del Comune di Montecchio connesse allo studio sistematico dello sviluppo in antico di una parte dell’area comunale; le ricerche saranno concentrate principalmente sui terreni presenti lungo il Fosso di San Lorenzo, caratterizzato dalla presenza di una vasta necropoli Umbro-Etrusca in uso dal VII-VI sec. a.C. fino alla fine del IV – inizi del III sec.a.C.

Il progetto di ricerca è il risultato di una convenzione firmata nel 2016 tra il Comune di Montecchio e il Dipartimento Lettere – Lingue, Letterature e Civiltà Antiche e Moderne dell’Università degli Studi di Perugia, per la ricerca, recupero e valorizzazione di beni archeologici della città. Questa collaborazione, auspicata da tempo e presto attiva, rappresenta un’occasione rara di studio, salvaguardia e promozione del territorio. L’amministrazione comunale, infatti, intende incrementare l’attività di ricerca con lo scopo principale di mettere in atto una giusta valorizzazione del patrimonio storico-archeologico presente sul territorio, elemento fondamentale per la comunità locale, non solo al fine di una sua maggiore conoscenza, ma anche per garantire una sua salvaguardia e una maggiore fruibilità da parte di visitatori e ricercatori.

Il progetto mira a raggiungere i più alti standard di istruzione e ricerca accademica e prevede lo sviluppo di un’analisi dettagliata del patrimonio archeologico del Comune sia attraverso l’impiego di metodologie tradizionali (ricognizione, scavo stratigrafico) sia di nuove tecnologie informatiche (GIS mapping e digitalizzazione di dati georeferenziati delle evidenze archeologiche presenti) al fine di comprendere appieno il rapporto tra la presenza di eventuali insediamenti e il territorio. Quest’anno le indagini vedranno all’opera per quattro settimane (dal 28 agosto al 22 settembre) una ventina di operatori tra archeologi e studenti dell’Università degli Studi di Perugia, sotto la direzione scientifica del prof. Gian Luca Grassigli, con la concessione del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e la supervisione del Dott. Giovanni Altamore della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio dell’Umbria.

I dettagli saranno illustrati martedì 27 giugno alle ore 11 presso la sala del Consiglio Provinciale di Terni, dai rappresentanti del Comune di Montecchio e dell’Università degli Studi di Perugia che presenteranno il progetto di ricerca che prevede la riapertura degli scavi presso la necropoli del Vallone di San Lorenzo.

 

La possibilità di un’indagine archeologica di lunga durata, in un luogo di particolare pregio paesaggistico e storico-artistico come quello del territorio di Montecchio, costituisce un’importante opportunità di sviluppo turistico del comune. I risultati di tale progetto potrebbero porsi come cardine di un percorso storicoarcheologico più ampio, comprendente la viabilità antica e le varie pregiatissime emergenze archeologiche e monumentali del luogo. Una puntuale indagine stratigrafica fornirà dati esaustivi sulla effettiva consistenza del sito e sul suo stato di conservazione, e permetterà di stabilire la possibilità di una sua eventuale valorizzazione con lo scopo di rendere l’area fruibile, e ampliare il percorso di visita dei beni culturali della città; i materiali archeologici recuperati, una volta inventariati e catalogati, potranno far parte della raccolta museale già presente nel comune, per ampliarla e renderla maggiormente appetibile dal punto di vista turistico.
In breve si può sintetizzare l’intervento in una serie di operazioni che consentiranno, in ultima analisi, di favorire la realizzazione di servizi destinati alla comunità locale e a tutti coloro che si recheranno, per diporto o vacanza, nella zona.

Obiettivo del progetto è pertanto raggiungere la realizzazione di spazi destinati alla conoscenza e di strumenti che consentiranno una migliore e più articolata informazione sulla realtà territoriale nella quale si sta operando. Appare evidente che il programma riguardi, al momento, la sola realtà territoriale del Comune di Montecchio, ma in considerazione del fatto che si tratta di una parte di un ambito storico-geografico più ampio, nel quale non sono da valutare come elemento discriminante le suddivisioni territoriali-amministrative, si ritiene indispensabile dare all’intero progetto un carattere di ripetibilità e di integrazione, ove fosse possibile ampliare l’orizzonte d’intervento anche ai territori comunali limitrofi.

Qualche informazione sulla necropoli – La necropoli si trova sul versante sud-occidentale del moderno abitato, lungo il Fosso di San Lorenzo tributario del Tevere, delimitato da una serie di alture digradanti verso lo stesso fiume, separate da profondi valloni incisi dai numerosi affluenti che percorrono questo territorio riversandosi, a ovest, proprio nel Tevere. In età preromana il territorio era occupato da diversi complessi abitativi, non molto grandi, organizzato secondo un modello abbastanza diffuso di tipo Paganico-vicanico; ad oggi non sono molti i dati archeologici di cui disponiamo, ma individuano l’abitato più importante e rilevante presso l’altura soprastante di Copio, luogo di puntuali ricerche di superficie che hanno individuato presenza di materiale che denota una continuità di vita parallela a quella della necropoli di San Lorenzo.

L’area archeologica, oggetto di numerose opere di valorizzazione e visitata da un numero sempre crescente di turisti, è stata oggetto di una serie di campagne di scavo condotte dalla Soprintendenza dal 1975 fino al 2000; sono state individuate una cinquantina di tombe in gran parte manomesse da scavi clandestini. Si tratta di sepolture a camera che si sviluppano sui fianchi del vallone, scavate direttamente nel banco naturale da cui si accede attraverso un breve dromos realizzato a cielo aperto. Le camere sono caratterizzate da ambienti quadrangolari, con tetto displuviato e munite di banchine laterali e di fondo, distintamente utilizzate per la deposizione dei defunti e dei materiali di corredo. Le tombe sono provviste di camere singole o doppie coassiali, in cui il secondo ambiente è spesso di ridotte dimensioni, talvolta con soffitto piano, a ogiva o arco; particolare è il rinvenimento di alcune fosse destinate esclusivamente alla sepoltura di bambini, ad oggi ritenuto un uso non generalizzato e cronologicamente circoscritto.

I materiali recuperati nelle tombe non del tutto depredate, collocano la necropoli entro un arco cronologico che va dalla fine del VII sec.a.C. fino al IV-III sec.a.C. La tipologia degli oggetti appare di assoluta qualità e denota un prestigio sociale caratterizzato da elevate disponibilità economiche e culturali. Risulta interessante la composizione dei corredi, che nella fase più antica sembra caratterizzato dalla presenza di materiale strettamente legato con l’area falico-capenate, costituito da una ceramica di impasto decorata con costolature o motivi a rilievo propri di quelle aree. E’ nel corso del VI sec.a.C. che la necropoli sembra trovarsi sotto l’influenza dominante di Orvieto che realizza in questo senso una sorta di avamposto nel territorio umbro per lo sviluppo non solo delle attività agricole ma anche della produzione artigianale e dei commerci con l’interno. La decadenza dell’area comincia inesorabile nel corso del V sec.a.C. e sembra essere conseguenza della forte espansione di Todi che nella seconda parte del secolo, ma più verosimilmente da quello successivo, assolve una funzione mediatrice per gli scambi commerciali verso l’entroterra ed esprime una grande vitalità economica; la fase di decrescita del sito, intensificata nel IV sec.a.C., giunge all’apice verso la fine del secolo, inizi del successivo, culminante, almeno allo stato attuale delle ricerche, con il totale abbandono dell’area.

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 novembre

"Entro luglio, un Parco Avventura nel Bosco di Carbonara e uno tematico sui Dinosauri"

E-Bike Sharing intorno al lago, tre Comuni pronti a pedalare insieme

Meridiane e orologi dell'Umbria in un libro, strumenti astronomici al Museo Archeologico

"Orvieto per Anna" incanta il Mancinelli. Strabioli: "L'omaggio prosegua pensando ai giovani"

Ufficiali della Repubblica Popolare Cinese in visita alla Caserma "Soccorso Saloni"

Nasce Vetrya Iberia. Obiettivo, internazionalizzare servizi e soluzioni digital

Dalla Regione, 475.000 euro per la Scuola d'Infanzia di Guardea

Omaggio a Fabrizio De Andrè. Concerto al Teatro Secci per gli Hotel Supramonte

Ulivi tortuosi

Fontana pubblica rosa, conferenze, rappresentazioni e la mostra "Essere una donna"

Passeggiata femminista notturna per dire "Basta alla violenza sulle donne"

La Orvieto in affitto

Al Teatro Mancinelli "Il Malato Immaginario". Gioele Dix apre la Stagione di Prosa

"Questo non è amore": la campagna della Polizia di Stato contro la violenza di genere

San Venanzo aderisce, "il rispetto è alla base di ogni rapporto"

Coach Matteo Solforati elogia la sua Zambelli Orvieto

Barbara De Rossi e Francesco Branchetti portano "Coro di donna e uomo" al Teatro Spazio Fabbrica

Le botteghe storiche si raccontano. Prima tappa della creazione di un itinerario turistico nel centro storico

Maratona di lettura ad alta voce dei Lettori Portatili, per ricordare i 150 anni della nascita di Pirandello

Femminicidio: una piaga che non riusciamo a rimarginare

Alla Sala Regia si presenta il libro "La Serpara / dialoghi tra arte e natura"

"È nato sei settimane prima, ma stiamo bene. Grazie ai reparti di Ostetricia e Pediatria"

Parcheggi gratis nel periodo natalizio, la mozione della minoranza va in discussione a fine mese

Orvieto riceve al Parlamento Europeo di Bruxelles il riconoscimento internazionale di "Comune Europeo dello Sport 2017"

Eventi natalizi dedicati a popolazioni colpite da sisma

Sisma in Umbria, riunito il Comitato strategico per rilancio del turismo

Sempre bandiera rossa

Riforme ed assetto dirigenti regionali, in arrivo il disegno di legge

Attenti a quei due, Barili e Abbate presentano "Antologica" al Teatro dei Calanchi

Sogni sul lago

Pd: "Serenità nell'attesa dell'esito delle indagini. Inopportune e incoerenti le opposizioni"

Villa Paolina

Consiglio provinciale, nel 2017 si va a nuove elezioni

San Venanzo aderisce alla Giornata internazionale contro la violenza sulle donne

Al Mancinelli "Non ho peccato abbastanza". Il teatro denuncia la violenza

In morte di un amico

Dalla giunta regionale un milione e settecentomila euro per gli asili nido

Un torrone natalizio per aiutare i terremotati della zona di Norcia

"Crash Scene. Indicazioni Salva Vita", nell'ambito della Campagna ACI "Strade Sicure 2016"

L'Arma celebra Virgo Fidelis. "Date speranza a chi l'ha perduta"

Uno zar alla corte del re tartufo. A Ivan Zaytsev il Vanghetto d'Oro 2016

Si dimette l'assessore Martino. Entro 48 ore, nuovo ingresso in giunta

La pallacanestro orvietana compie 70 anni. In corso i preparativi per le celebrazioni

Liberati (M5S): "Quinto giorno di assordante silenzio da Catiuscia Marini"

"Lo scrittore non ha fame", il nuovo coinvolgente romanzo di Maria Letizia Putti

"Lo Yoga di Yogananda". Presentazione del libro e workshop esperienziale

Dopo il terremoto, controlli nelle scuole. "Alla Barzini, le problematiche non sono riconducibili al sisma"

Fonti del Tione, risolti i problemi con la sostituzione dei filtri

Sì al pre-dissesto in Provincia, nonostante il parere negativo dei Revisori dei Conti

Servizio tributi, prelievo di 44 mila euro. In consiglio, letta la nota della Fondazione Cro

Ztl, segnaletica stradale e manutenzione. Sollecitazioni bipartisan in consiglio

PalaCongressi, a gennaio 2017 la pubblicazione del bando europeo

Un fiore per Bianca

Frana di Sugano, si attende il secondo finanziamento per terminare la messa in sicurezza

Piene del Paglia e gestione dell'emergenza, l'amministrazione prova a fare chiarezza

Torquati e Balestra, chi sfiora il ridicolo?

Le mille voci di Antonio Mezzancella animano il pomeriggio a "Porta d'Orvieto"

Giornata Nazionale della Colletta Alimentare, i supermercati dell'Orvietano coinvolti

Istituto di beneficenza "Piccolomini Febei", nel cda entra Piergiorgio Pizzo

La riqualificazione del centro storico passa per la rimozione dei pali, sì unanime del consiglio

Incidenza tumorale a Bagni, botta e risposta in consiglio

"Trattenere dal contributo italiano al bilancio Ue le risorse per la ricostruzione post-terremoto"

Impiantistica sportiva di Ciconia nel degrado, la vicesindaco ridimensiona

Aree Interne, ok alla bozza di strategia. Respinta la risoluzione sulla MedioEtruria