cultura

Giovani ceramisti...all'opera!

martedì 16 maggio 2017
Giovani ceramisti...all'opera!

Durante l'anno scolastico 2016-2017 presso la Scuola secondaria di primo grado di Baschi (sede distaccata dell'Istituto comprensivo Orvieto-Baschi) è in corso un laboratorio a classi aperte sulla ceramica. L'obiettivo proposto ai ragazzi è quello di creare e decorare oggetti in argilla, acquisendo prima una conoscenza delle varie tecniche artigiane. Per questo i giovani allievi sono stati accompagnati in alcune botteghe orvietane, dove i maestri ceramisti li hanno accolti con grande disponibilità ed entusiasmo. Si coglie qui l'occasione per ringraziare sentitamente gli artigiani-maestri: Barbara Fusari, Alberto Bellini e Marco Sciarra, che con tanta generosità e disponibilità hanno guidato i ragazzi in un entusiasmante percorso di riscoperta delle radici dell'arte orvietana. Di seguito si riportano le osservazioni dirette di alcuni degli allievi partecipanti al laboratorio.

F. Sabatini
…........................................

“Alla riscoperta del Medioevo...in chiave moderna!”

Moniti di macchina fotografica, taccuino e tanto entusiasmo, durante il corrente anno scolastico abbiamo effettuato alcune uscite didattiche allo scopo di osservare ed ammirare le produzioni in terracotta, prendendo spunto dai professionisti in vista del nostro percorso di "principianti ceramisti". La prima uscita è stata effettuata nel laboratorio-bottega Fusari. La signora Barbara ci ha accolto nel migliore dei modi, conducendoci nel fantastico mondo della ceramica. Le abbiamo posto varie domande e lei ci ha risposto con gentilezza e cortesia, spiegandoci le varie fasi della lavorazione della ceramica (modellamento della terracotta, prima cottura, smaltatura per immersione, raschiatura del piede, decorazione, seconda cottura in forno). L'artista si è specializzata nello stile di ceramica medievale orvietana, ad engobbio bianco con vernice verde ramina e blu manganese. Oggi, arricchita dalla lunga esperienza di famiglia, Barbara si occupa della produzione di ceramiche e della gestione del laboratorio. Offre ai propri clienti pezzi unici e un design artistico elegante, adatto per ogni ambiente, a partire da uno stile classico, fino ai più moderni e contemporanei. La sua bottega con annesso laboratorio si trova nel centro storico di Orvieto in corso Cavour, a pochi passi da piazza Cahen vicino alla splendida fortezza Albornoz, il Tempio etrusco del Belvedere ed il pozzo di San Patrizio, opera architettonica unica al mondo e ammirata ogni anno da decine di migliaia di visitatori da ogni paese. Il negozio ben allestito è visitato anche da clienti americani e giapponesi. Grazie all'artista Fusari per averci ospitato!

E. Menichetti (III E)
..............................................................................................

“Un viaggio nel tempo e nello spazio ... all'interno della rupe!”

Recentemente siamo andati a visitare con il nostro gruppo laboratoriale il Pozzo della Cava della famiglia Sciarra. Appena arrivati siamo stati accolti dal titolare: Marco Sciarra, che con il padre ha valorizzato un gioiello della nostra storia orvietana. Nella loro bottega c'è davvero un mondo: da un antico pozzo, ritrovato nel 1984 a tracce di diverse fornace attive per secoli, dai “butti” medievali a cantine con cisterne.
Accanto ad una piccola fornace si trova un pozzetto, nel quale venivano gettati tutti i manufatti di argilla con difetti di cottura, reperti preziosi per la loro storia, ora contenuti in varie vetrine, con ricostruzioni degli oggetti in dimensioni reali.
Lungo l'articolato percorso abbiamo potuto ammirare anche altri reperti ceramici, dipinti con colori usati dal Medioevo al Rinascimento: dal bruno manganese al verde ramina, dal blu zaffiro al blu cobalto. Scendendo poi alcuni gradini tagliati nella roccia tufacea, man mano che scoprivamo un mondo a noi sconosciuto, siamo arrivati ad un antichissimo pozzo, che come il più celebre pozzo orvietano di San Patrizio è scavato nel tufo, con una profondità di ben 36 metri. Meravigliati, affacciandoci, abbiamo notato che in fondo si trova ancora l'acqua. Il pozzo è stato scavato fruttando un precedente pozzetto “a pedarole” etrusco. La presenza di acqua ed argilla ha poi alimentato una fiorente produzione di ceramiche. Percorrendo un altro cunicolo abbiamo notato un vecchio torchio e in basso a destra una cantina, in origine una tomba etrusca. Infine siamo arrivati nell'ultima sala, dove abbiamo potuto ammirare i resti di un'altra fornace. Durante la fase di cottura dei vasi si poteva raggiungere all'interno un calore elevato tra i 750° e 930°.
Alla fine, riemergendo da un “lungo viaggio nel tempo” abbiamo potuto ammirare le tantissime opere che oggi Marco Sciarra realizza lavorando l'argilla e decorandola con varie tecniche diverse, da quella etrusca a quella greca a figure nere e rosse, da quella medievale, alle rivisitazioni dei primi del Novecento.
Questa esperienza al Pozzo della Cava ha alimentato il nostro entusiasmo per la ceramica, perché siamo riusciti davvero a compiere un viaggio nei secoli passati alla scoperta di un mondo incredibile. Grazie all'artista Marco Sciarra!”

G. Paolantoni - F. Fiorito (II E)
….........................................................
“Come divertirsi...riscoprendo il passato”

Per noi alunni di Baschi visitare il Pozzo della Cava è stata un'esperienza incredibile! Ad accoglierci è stato Marco Sciarra insieme al padre, che aveva scoperto le antiche rovine di fornaci inserite un ambienti rupestri con anche un pozzo nel 1984. Gli scavi eseguiti hanno dimostrando l’esistenza della produzione di maiolica anche nel XV secolo, ritenuto fino ad allora periodo buio della ceramica orvietana. Il primo locale, presente nelle grotte del Pozzo, veniva utilizzato come laboratorio di lavorazione della ceramica tra il 1300 ed il 1400. Qui ora sono esposti molti ritrovamenti dei scarti delle lavorazioni. Venivano prodotte in questi locali:
- la ceramica invetriata (XIII secolo): gli oggetti venivano dipinti e poi immersi nella cristallina prima dell'ultima cottura.
- la maiolica arcaica (XIV secolo): manufatti che erano cotti una prima volta, poi immersi nello smalto, decorati di verde ramina e bruno manganese e cotti nuovamente.
- La maiolica quattrocentesca: produzione in cui veniva utilizzata la stessa tecnica del secolo precedente, ma in più si aggiungevano anche altri colori: il blu, il giallo e l’arancio.
- Lustri ( XVI secolo): gli oggetti, dopo una seconda cottura, venivano nuovamente decorati con vernici e riverberi d’oro e rosso rubino e infornati un’altra volta.
Tra i reperti è stato ritrovato un frammento attribuito a Mastro Giorgio da Gubbio, molto famoso per il suo rosso rubino (tutt’oggi gli artigiani non sono ancora riusciti a ricrearne la stessa decorazione).
Marco, anche lui ceramista, dopo aver spiegato queste lavorazioni, ha mostrano a noi allievi anche alcune delle sue creazioni, con decorazioni che si ispirano a simboli tipici orvietani.

A. Spera (III E)
…...........................................................................

“Una bottega moderna....ma con il gusto dell'antico!”

Durante il laboratorio sulla ceramica siamo andati a visitare la Corte dei Miracoli dell’artigiano Alberto Bellini ad Orvieto. Con lui abbiamo ripercorso le tecniche di lavorazione della ceramica orvietana e abbiamo ammirato anche i vari simboli nelle decorazioni. Per realizzare oggetti in terracotta il maestro ci ha fatto spiegato che si possono utilizzare anche gli oggetti di uso quotidiano ma in un altro modo, per esempio il retro di un tappo della bottiglia di vino può diventare un sole, con una seghetta possiamo incidere i capelli di una donna ecc… . Ci ha mostrato alcune delle creazioni: castelli, piastrelle, piatti da collezione, delle statuine dei simboli fantastici. Sono incredibili e bellissimi! I materiali che utilizza maggiormente sono l’argilla come base, con anche alcune tinte di colori naturali che assomigliano al bronzo. Poi ci ha fatto vedere il luogo in cui cuoce le ceramiche, ossia il forno. È una sorta di contenitore quadrato in materiale refrattario, che può contenere molti oggetti, disposti uno sopra l’altro, separati da distanziatori. Noi al laboratorio abbiamo provato a prendere spunto dalle sue tecniche nel fare i castelli, piastrelle per un mosaico, foglie ma, ovviamente non sono venuti come i suoi! È stato divertentissimo lavorare l’argilla, che abbiamo comprato a Deruta. Speriamo di continuare anche il prossimo anno!

C. Merli - E. Nuccioni (II E)

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 23 giugno

Ado e Lions donano un apparecchio holter alla Medicina d'Urgenza dell'ospedale

Notte Romantica. Il sindaco Filiberti: "Occasione di conoscenza"

Dedicata a Mario Torroni la quarta edizione del Torneo dei Quartieri di Calcio a 5

FS Italiane, treni in sciopero. In Umbria assicurati i principali collegamenti

"La Via Romea Germanica. Dal Brennero a Roma sui passi degli antichi pellegrini"

Sotto il palazzo della Regione per dire "No alla discarica". Nuovo sit-in di protesta

Resa dei conti nel Crescendo. Chiesta una relazione sullo stato economico e finanziario

Da Bolsena a Orvieto, tra permacultura, scavi archeologici e catini d'acqua odorosa

Notte Romantica ne "I Borghi più belli d'Italia". Presentato il programma regionale

Sul lungolago di San Lorenzo Nuovo torna il bookcrossing

Fumata bianca alla Zambelli Orvieto, il coach è Matteo Solforati

La Cassazione e Stasi

Sentenza Moracci, la Consap plaude. "L'impunità in Italia è un problema politico e di giurisprudenza"

Legambiente: "L'Umbria fuori dalla premiazione di Comuni Ricicloni 2016"

Sacripanti (Gm) sulle bollette della Tari: "Una scelta vergognosa"

Pronta l'interrogazione sull'aggio ambientale per l'esenzione dal pagamento dell'indennità

A Montegabbione riaprono al pubblico i Giardini Fiorani

"La nuova disciplina degli appalti pubblici". Al Csco il corso di formazione del Centro studi Ridolfi

Orvieto e l'Umbria si lasciano sfogliare sul femminile "Elle" di luglio

Il Comune investe sulla mobilità elettrica. Sì alla realizzazione di infrastrutture per la ricarica di auto elettriche

Nuova faticosa poesia

Torna "Africa in piazza" con Hewo Bagnoregio. Tre serate nel segno della solidarietà

"L'agriturismo in Umbria trent'anni dopo". Decima giornata nazionale dell'agriturismo

Ancora accattonaggio, nuova interpellanza del gruppo "Identità e Terrritorio"

Guardia di Finanza in festa per i 242 anni di vita del Corpo

Tennis. Finale per la qualificazione in B tra Tc Open Orvieto e Ctg Maggioni San Benedetto del Tronto

"6 giorni per l'Acqua". Dal 21 al 26 giugno mostre, incontri, degustazioni Equosolidali

"L'Europa può essere un'opportunità". Mercoledì 23 giugno alle 17,00 seminario sui Finanziamenti Europei per lo sviluppo locale

Bnl e Orvieto per Telethon. Venerdi 25 giugno iniziativa di solidarietà sulla Rupe

16 Giugno 1944 - La Grande Battaglia di Montegabbione

Orvieto. Elogio dei partiti

Harry Shindler: "Gli italiani devono essere orgogliosi dei Partigiani"

A Terni ed ad Orvieto piace il carabiniere "di quartiere"

Gli studenti dell'Università dell'Arizona presentano i risultati delle attività di "Orvieto Summer School"

Si alza il sipario sulla 17a edizione di Orvieto Musica

Soddisfazione di Emily Umbria per la riconferma di Maria Rita Paggio a Segretaria della CGIL di Orvieto

Venerdi 25 giugno sciopero generale di otto ore con manifestazioni a Perugia e Terni

Orvieto Studi, le iniziative culturali dell'estate. Si comincia con "Obama. Un anno di sfide", presentazione del volume di Claudio Angelini

Nuovi strumenti per il credito alle imprese vitivinicole orvietane. Se ne parla venerdi 25 giugno al Palazzo dei Sette

"Game over", sgominata dalla Stradale la banda dei videopoker

Al via la festa democratica del PD. 18 giorni di politica, musica e gastronomia

Furto in ospedale. La Polstrada indaga sull'uomo preso a Ciconia, spuntano altri episodi

Voto sul Bilancio: botta e risposta tra PD e PS. Il capogruppo PD Germani: "E’ doverosa una precisazione dei fatti"

GENTE CHE PASSA. Orvietani dal vero tratteggiati dalla penna degli alunni di una classe della media Scalza - Signorelli

SILVANA

SUPER BOY

Servizio Civile: le domande possono essere inoltrate dal 26 giugno al 26 luglio 2009

"Mi ritorni in mente...", pomeriggio di musica alla Casa Vincenziana di San Venanzo

A Ficulle 4a edizione della Festa tra i Popoli

La "Coglionaria" di Gianluca Foresi fa il pieno di consensi

"La famiglia dell'adolescente: la fase dello svincolo". Se ne è parlato nell'ambito della dei gruppi di Auto-Mutuo-Aiuto

"Nel nuovo Welfare: Agire riflessivo e produzione di beni comuni"

Al Palazzo dei Sette, mostra d'arte contemporanea dell'artista Giuseppe Desiato

Il comunicato del Partito Democratico

Il comunicato stampa di Rifondazione Comunista

Toni Concina Sindaco di Orvieto: il progetto del centro destra diventa realtà

La prima dichiarazione ufficiale di Antonio Concina

Entro 10 giorni il primo Consiglio Comunale

Lotta alla pirateria informatica. Cinque denunce nel Ternano per uso di software irregolare

Dal 25 giugno al 10 luglio appuntamento con la 16^ edizione di Orvieto Musica

Gli altri appuntamenti del calendario di "Orvieto Musica 2009"

Di palo in frasca

In Piazza Duomo, la pioggia non ferma le Confraternite d’Italia vicine all’Abruzzo

Danilo Buconi ringrazia per il risultato elettorale

Castel Viscardo.Terminata la campagna di scavo nel sito archeologico di Coriglia. Mercoledì 24 giugno la presentazione dei risultati a Monterubiaglio

Chapeau! Vae Victis?

Il centrosinistra perde Orvieto: con il contributo determinante di Mocio

Umbria: città e bellezze a portata di mouse con Paginegialle.it

Meteo

venerdì 23 giugno
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 29.9ºC 27% buona direzione vento
15:00 33.0ºC 27% buona direzione vento
21:00 22.8ºC 57% buona direzione vento
sabato 24 giugno
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 30.2ºC 38% buona direzione vento
15:00 33.6ºC 30% buona direzione vento
21:00 22.3ºC 58% buona direzione vento
domenica 25 giugno
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 30.1ºC 44% buona direzione vento
15:00 30.0ºC 42% buona direzione vento
21:00 21.8ºC 70% buona direzione vento
lunedì 26 giugno
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 29.4ºC 39% buona direzione vento
15:00 33.6ºC 26% buona direzione vento
21:00 24.5ºC 56% buona direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni