cultura

Nel cuore dell'Eremo. Rinnovato il pellegrinaggio al Santuario della Pasquarella

lunedì 24 aprile 2017
di Davide Pompei
Nel cuore dell'Eremo. Rinnovato il pellegrinaggio al Santuario della Pasquarella

Un luogo del silenzio che, per pochi giorni all'anno, così silente non è. Incastonato nella roccia, nascosto tra le fronde degli alberi che costeggiano il cosiddetto Fosso di Rigoverci, a una settimana da Pasqua, l'Eremo della Pasquarella è tornato a farsi meta simil-Pasquetta. Insieme all'Epifania e all'ultima domenica di maggio, infatti, la cosiddetta domenica in albis è una delle tre occasioni in cui vi si celebrano feste. È stato così per l'intera giornata di domenica 23 aprile.

Le porte della piccola chiesa sono rimaste aperte dalle 6.30 alle 13 e dalle 15 alle 19.30 per celebrare l'Eucarestia ogni ora, dalle 7.30 alle 11.30 e poi nel pomeriggio dalle 15 alle 18. In tanti, anche quest'anno, lasciata la propria auto lungo i tornanti della Strada Statale 448, nella gola del Forello hanno raggiunto a piedi il luogo inserito nell'Area Escursionistica della Pasquarella. Ad agevolare malati e disabili, il servizio navetta assicurato dal Comitato Locale Guardea-Alviano della Croce Rossa Italiana.

Un luogo nascosto, carico di storia. Anzi, di storie e leggende intorno alla sua origine. "La più diffusa – recitano le fonti – è quella, secondo la quale, alcuni abitanti di Acqualoreto, trovata l'immagine della Madonna, la portano nella chiesa parrocchiale. Dovettero fare ciò più volte perché la Madonna ritornava sempre sul greto del fosso. Fu nel 1873 che Don Giuseppe Bernardi riuscì a riaccendere la devozione per la Madonna della Pasquarella. E nel 1880 riedificò il sacro edificio.

Nel suo libro sulla storia di Maria Vergine della Pasquarella, Don Bernardi parla di un fenomeno miracoloso: il sudore della Madonna e del Bambino. Fenomeno ripetutosi più volte alla sua presenza tra il 1890 e il 1900 e sempre il giorno dell'Epifania, indipendentemente dal clima, dalla piovosità e dal pubblico presente". Se la costruzione dell'Eremo in un'area sacrale sotto il pianoro di Scoppieto – poco distante dal Conventino di Sant'Angelo in Pantanelli – risale all'XI secolo, l'appellativo popolare apparso per la prima volta in un manoscritto del 1464 deriva da "piccola Pasqua" o prima Pasqua dell'anno, l'Epifania, appunto.

Nel catino absidale, all'interno del santuario originariamente dedicato a Santa Maria dello Scoglio, è affrescata infatti la Madonna col Bambino con i Magi adoranti. Verso l'immagine, ancora oggi, "i priori delle feste muniti di apposita canna, accostano al sacro dipinto sciarpe, fazzoletti, collane, braccialetti e simili per i devoti". "È questa un'usanza popolare che va rispettata, ma rischia di sconfinare in tendenze superstiziose non illuminate dalla fede". "Quando anche noi, come i Magi, ci presenteremo al tuo Figlio Gesù, ci sarai Tu ad accoglierci: o clemente, o pia, o dolce Vergine Maria".

"L'edificio, che costituisce un corpo pressoché unico con la casa parrocchiale, è addossato sul fianco sinistro alla parete rocciosa, ed inevitabilmente prende luce lateralmente solo dal lato opposto, attraverso tre strette monofore". Nella prossimità, la vecchia chiesa rupestre. "La Pasquarella fa parte di un gruppo di dodici conventini camaldolesi che sorgevano lungo le sponde del Tevere; di qualcuno appaiono i resti quando il lago artificiale di Corbara abbassa il livello, degli altri non resta più traccia. Insieme a San Fortunato di Todi è l’unico ad essere giunto fino a noi".

 

Pubblicato da Fabio Massimo Del sole il 24 aprile 2017 alle ore 09:08
Uno dei luoghi più antichi e più belli che abbiamo: fa sognare un ritorno alle origini del monachesimo.

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 19 ottobre

Il Boni pronto a volare. Aperta la campagna abbonamenti, via alla nuova stagione teatrale

Sogni incrociati

Bollette pazze, Olimpieri (IeT) chiede conto con un'interpellanza dell'accaduto

L'Istituto Agrario di Fabro vola in Sicilia per conoscere la cooperativa "Lavoro e non solo"

Le impressioni di capitan Serena Ubertini dopo l'esordio vincente della Zambelli Orvieto

Uffici postali. Gori: "Bene tavoli confronto regionale, impegno comune evitare riduzioni servizio"

Ceramica, Paola Biancalana e Andrea Miscetti sul podio del concorso "Il segno del tempo"

Forza Italia: "Acquapendente invasa dai topi, c'è troppa immondizia in giro"

In marcia con la Polisportiva verso la chiesa della Madonna di Loreto

Le tre slide mancanti di Palazzo Chigi

"Senza Monete" compie tre anni. Festa all'Emporio del Riuso e dello Scambio

Per "Lezioni di Storia" al Teatro Mancinelli arriva Alberto Mario Banti

Mano tesa tra la Scuola di Musica "Casasole" e la Filarmonica "Mancinelli"

Sicurezza all'ex caserma Piave con "Crash Scene. Indicazioni Salva Vita"

Dopo otto anni torna il "Bollettino sulla situazione economica e sociale dell'Area Orvietana"

Case popolari, c'è il bando. Per la presentazione delle domande c'è tempo fino al 29 novembre

FotograMia

Giubileo, in corso le iniziative per le Settimane della Misericordia

Torna l'Operazione Mato Grosso. Giovani al lavoro a sostegno dell'America Latina

"Aspettando Halloween". Festa alla sala parrocchiale della Segheria

"Non c'è sicurezza senza prevenzione". Sul tavolo, le criticità del territorio umbro

Ritrovato l'uomo smarrito nei boschi. Terzo caso in quindici giorni

Orvietana, faccia a faccia con i due fratelli Fillippo e Giuliano Avola

Al frantoio Cecci di Monterubiaglio torna "Pane e Olio". Le degustazioni si fanno solidali

Ilaria Alpi si è suicidata?

"Arte sui muri. Street art e urban art". Giornata di studi all'Università della Tuscia

Meteo

giovedì 19 ottobre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento

--

--

--

--

--

--

--

--

--

--

--

--

21:00 11.2ºC 78% buona direzione vento
venerdì 20 ottobre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 18.0ºC 54% buona direzione vento
15:00 21.6ºC 38% buona direzione vento
21:00 11.7ºC 75% buona direzione vento
sabato 21 ottobre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 17.7ºC 55% buona direzione vento
15:00 21.9ºC 43% buona direzione vento
21:00 13.1ºC 90% buona direzione vento
domenica 22 ottobre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 17.7ºC 83% buona direzione vento
15:00 19.4ºC 69% buona direzione vento
21:00 10.6ºC 85% buona direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni