cultura

Nello scavo della piramide di via Ripa Medici ritrovato il cibo degli Etruschi

martedì 24 gennaio 2017
di Claudio Bizzarri
Nello scavo della piramide di via Ripa Medici ritrovato il cibo degli Etruschi

Lo scavo della cavità in via Ripa Medici, quella “strana”, a forma di piramide tronca, riempita attorno alla metà del V secolo a.C. con moltissimo materiale archeologico, ha iniziato a svelare anche una componente relativa ai resti botanici e zooarcheologici che i nostri antenati Etruschi portavano sulle loro tavole.

La collaborazione con il team statunitense del St. Anselm College (prof. David George) ha concesso di ampliare le collaborazioni a prestigiosi istituti di ricerca internazionali che hanno iniziato a “leggere” la gran messe di dati che è possibile estrapolare dai numerosi resti ossei catalogati e dalle operazioni di flottazione (una setacciatura che consente di recuperare anche le più piccole particelle contenute nel terreno di scavo, come i semi ed i resti di polline). Ricercatori da Oxford, sotto la direzione della dott.ssa Angela Trentacoste, hanno esaminato più di 2700 frammenti di ossi animali rinvenuti all’interno della cavità 254.

Il quadro che ne emerge è di estremo interesse: in massima parte si tratta di animali d’allevamento (ca. il 96%): suino, pecora e/o capra (in gergo archeologico caprovini) e pochi frammenti di bovini. Gli esemplari di maiale e pecora sono pertinenti ad individui in giovane età (animali da macello), mentre per i bovini è il contrario, si tratta di individui adulti. Poiché sugli ossi compaiono numerosi segni di ulteriore lavorazione, si potrebbe ipotizzare che fossero stati portati sul pianoro più per farne manici di coltelli od elementi decorativi in osso che come fonte di cibo.

Poche le attestazioni di selvaggina (tasso, lepre, cinghiale, cervo e forse una volpe). Per i volatili ci sono interessanti informazioni: sono stati recuperati i resti di pollo, palomba, taccola, storno e civetta. Non sembrano attestati resti di piccione, elemento che conforta nella datazione ad epoca medievale dei nostri colombari ipogei. Un frammento di femore di gallina ha consentito il recupero di parte del midollo, poi analizzato con la tecnica del C14, e databile al pieno VI secolo a.C.; si tratta di una delle prime attestazioni dell’allevamento di galline in Etruria per la produzione di uova, come sembra suggerire l’appartenenza del campione analizzato ad un soggetto di età “avanzata”, per la presenza di caratteristici depositi di calcio utili alla formazione del guscio delle uova (sembra che i nostri progenitori già conoscessero il detto “gallina vecchia fa buon brodo”). I resti ossei di palomba selvatica, secondi solo a quelli del pollame, indicherebbero invece un interesse marcato nel consumo di questi animali, con interessanti implicazioni per la nostra tradizione culinaria, che forse potrebbe essere retrodatata di molti secoli, per la felicità di un noto esercizio di ristorazione legato a questo piatto.

Nel corso del 2016 sono stati anche analizzati alcuni dei resti paleobotanici e recuperati semi e resti per ora non meglio identificabili di cereali, legumi, pula, nòccioli, erbe spontanee associate a numerosi frammenti di legno carbonizzato: il 2017 sarà più concretamente dedicato anche a quest’ultimo campo di ricerca; per il prosieguo dello scavo sarà importante il sostegno di una prestigiosa fondazione tedesca, la Gerda Henkel Foundation (http://www.gerda-henkel-stiftung.de/principles-and-fields-supported?page_id=83615), sempre grazie i contatti orchestrati dal Prof. David George.

Ecco quindi una serie di dati che ci illuminano sulla dieta orvietana avanti Cristo, con implicazioni legate anche alle tecniche di allevamento e macellazione e quindi di carattere economico produttivo. E’ sempre piacevole poter legare la ricerca archeologica, che per sua natura si collega al passato, col mondo contemporaneo, uno sguardo indietro che ci spinge in avanti, senza dimenticare.
In quest’ottica c’è un ulteriore elemento che ci aiuta a sentirci ancora più vicini ai nostri avi e a dipingere l’ambiente domestico nei quali essi vivevano e cucinavano: sono i resti di un gatto domestico che sono una fra le attestazioni più antiche di questo animale in Etruria, il gatto di via Ripa Medici.


Questa notizia è correlata a:

Sottoscritto il protocollo d'intesa tra Perugia e Orvieto per l'iscrizione delle Città Etrusche al Patrimonio Unesco

Commenta su Facebook

Accadeva il 18 ottobre

"Come difendersi da truffe e raggiri". Incontro all'Unitre con il maggiore Rovaldi

Un progetto di formazione per operatori del sociale porta "attimi di resilienza" a Parrano

"Sulle Tracce del Mistero. Una settimana dedicata a ignoto, mistero e paranormale"

Terminati i lavori sulla SR 205 Amerina, sistemate barriere di sicurezza e paramassi

Fissate al 26 ottobre le elezioni del Consiglio Comunale dei Ragazzi

Carta Tutto Treno Umbria sospesa, Sacripanti (GM): "Il sindaco si attivi"

Karate, la Scuola Keikenkai in partenza per i Mondiali Iku a Kilkenny

Venticinque candeline per Umbria jazz Winter, nel segno di Thelonious Monk

Cambio al vertice di Ance Umbria. Stefano Pallotta succede a Massimo Calzoni

Orvieto per Tutti: "Varco di Via Malabranca, nuovo provvedimento disomogeneo"

Infoteam della Scuola Sottufficiali dell'Esercito per la Giornata Tricolore

#UjW25, ricco programma di star per celebrare un grande anniversario

Umbria Jazz Winter, storia di passioni e successi

Quattro passi tra le meraviglie di Viterbo. Visita guidata nel centro storico

Turismo, Anci e CAI rilanciano quello sostenibile dei 110 mila chilometri di sentieri italiani

Cammini ed escursioni, intesa tra Pro Loco e CAI per la valorizzazione

Modifiche allo statuto dell'Associazione "Lea Pacini", prima la Commissione costituente

Umbria Jazz Winter # 25, un connubio indissolubile con la Città del Duomo

Quattro giorni nel Villaggio del Teatro con Isola di Confine

"Campioni in Cattedra". I più piccoli intervistano il campione di pallavolo Jack Sintini

Accanto al Duomo, Ippolito Scalza "perde" la testa

Mogol si racconta ad Alessandra Carnevali: "Il mio mestiere è vivere la vita"

Ripartono le attività del Lions Club Orvieto. Anno lionistico 2016/17 dedicato ai giovani

All'Unitre torna "Solo solo canzonette?". La quarta puntata del format è dedicata agli anni '80

Incontro sul Soccorso Alpino e Speleologico Umbria "Sasu" promosso dal CAI

I ladri colpiscono ancora. Nel mirino bar e tabaccherie ai piedi della Rupe

Il Comitato per il No di Parrano diventa sempre più grande

Il patto scellerato

Viabilità, lavori per 250mila euro sulle strade regionali 79 e 61

L'associazione Ippocampo presenta i corsi di teatro per bambini, ragazzi e adulti

Editoria, preadottata la nuova legge regionale. Via alla partecipazione

Nuova seduta per il consiglio provinciale. L'ordine del giorno dei lavori

Tutto pronto per "Zafferiamo". Colori, aromi e sapori invadono Città della Pieve

Umbria Jazz Winter #24, dal 20 ottobre via alle prevendite. Tutto il Programma

Nuove attività all'Unitre. Il plauso del sindaco Gianluca Filiberti

Stella al Merito Sociale al giornalista orvietano Stefano Corradino

Informazione locale, Asu: "Bene la preadozione del Ddl regionale"

"Orvieto sotto le stelle", quaranta auto storiche per la terza edizione

Nuovo incontro ISAO: Agostino Paravicini Bagliani e "Il Bestiario del Papa"

Testate giornalistiche digitali locali, Anso protagonista a Dig.it

Sciopero FS, Trenitalia regionale: "Frecce e servizi locali regolari"

Teatro Null, si riparte. Laboratorio di Teatro al Palazzo della Cultura

Legambiente fa le pulci alla differenziata dell'Umbria. "E i Comuni che fanno?"

Il volo nascosto

Il Grand Tour di Dodecapoli arriva a Vigevano. Ambra Laurenzi e Laura Ricci alla Cavallerizza del Castello Ducale per la rassegna letteraria “Italia Italiae”

Continua la raccolta tappi. I risultati dei primi due anni della benefica iniziativa

Bagni, frazione dimenticata. Grido d'allarme dei Comunisti Italiani: "non c'è più nemmeno il cartello di località!"

Lei lo lascia, lui la insegue, lei chiama il 112. In manette trentottenne di Ficulle per stalking

Approvato il progetto preliminare per i lavori di completamento della Biblioteca "Luigi Fumi"

Energia da fonti rinnovabili, la Giunta individua alcune aree giudicate non idonee alla installazione di impianti

Linux Day #6. Approfondimenti su didattica e sicurezza informatica al Centro Studi

Il Gal Trasimeno-Orvietano finanzia 14 progetti "Cultura che nutre" nelle direzioni didattiche del territorio

Più potere alle donne. A Orvieto forum nazionale delle amministratrici del Partito Democratico

1° Forum nazionale delle Amministratrici democratiche - Programma

Turreni in merito alla falsa lettera attribuita al presidente Frizza: "Sfido il PD a denunciare la mia presunta incompatibilità"

Le produzioni di ArTè. Gli appuntamenti di Ottobre nei vari teatri

Confermare la cassa integrazione alle lavoratrici della Grinta. La CGIL torna sulla vicenda del tessile orvietano

I parlamentari umbri del PD chiedono un rapido intervento del Ministro della Giustizia: "fatti non parole per le carceri umbre"

"Sogni di Autori Vari". Parte il progetto finanziato dalla Fondazione CRO dedicato a ragazzi e ragazze con diversa abilità

"Sogni di autori vari" - Il progetto e le modalità di accesso ai corsi

Una diffusa esigenza di cambiamento

Presentato ad Allerona il progetto Parchi Attivi

Bilancio: Il riequilibrio del poco o niente

Ma secondo il PdL siamo a un passo dal risanamento