cultura

In distribuzione "L'Orvietan". Quanta storia ritrovata dentro quella bottiglia

mercoledì 14 dicembre 2016
di Davide Pompei
In distribuzione "L'Orvietan". Quanta storia ritrovata dentro quella bottiglia

Colore giallo intenso, riflessi verde rame e dorati. Profumo complesso, freschezza balsamica e un bouquet di oltre 25 erbe officinali. Dalla malva alla ruta, dal rabarbaro alla lavanda fino alle resine alpine. Raccolte, essiccate seguendo scrupolosamente il giusto tempo balsamico, selezionate e miscelate secondo la ricetta segreta. Lasciate macerare in soluzione idroalcolica, pressate a mano con torchi da banco, filtrate con telo e trasferite in piccole botti di legno per almeno un anno.

Così da dare al tutto, il giusto tempo di decantazione e affinamento prima di essere imbottigliato. Una leggera resistenza alla rotazione del bicchiere ne tradisce la lieve densità ma solo l'assaggio rivela il gusto avvolgente, amarognolo sul finale ma piacevolmente ruvido e astringente. Un gusto recuperato e calibrato sui gusti di moderni consumatori che fa de "L'Orvietan" un prodotto unico e carico di storia, partita da Orvieto che, lontano dalle piazze, ha attraversato le più importanti farmacie d'Europa, conquistando popolo e nobiltà.

Il nome dell'amaro erboristico digestivo corroborante identifica sia il venditore che il luogo d'origine. L'Orvietano in questione è Girolamo Ferranti che il 9 giugno 1603 ottiene dal Comune la sua licenza di vendita sulla pubblica piazza. La diffusione capillare dell'elisir è legata alla figura dei venditori ambulanti di medicine. È tutto documentato nella piccola raccolta "L'Orvietan. Un'antica storia in bottiglia", realizzata in cinque lingue – i testi in italiano sono tradotti anche in inglese, francese, spagnolo e tedesco – e in distribuzione gratuita in questi giorni all'Ufficio di Informazioni Turistiche, nei ristoranti e nei locali di maggiore transito della città.

Nell'Orvieto diVino, "è una storia che torna e si riconsegna alla città come invito a riappropriarsene, lontano dal mero intento commerciale" spiega Lamberto Bernardini, l'imprenditore orvietano che nel 2015 ha avviato la produzione e la vendita dell'amaro al civico 74 di Via Duomo, con la preziosa collaborazione di Patrizia Catellani e Renzo Console, due studiosi dell'Accademia Nazionale di Scienze Lettere e Arti di Modena, e l'esperienza erboristica di Aurelio Visconti.

"È stata la mia passione per la storia – rivela il moderno Orvietan – a farmi incontrare L'Orvietan, il personaggio e il medicamento che ne porta il nome. La curiosità ha fatto il resto. Rispetto all'originale, che veniva fornito in polvere solubile, abbiamo pensato di creare un prodotto che fosse fruibile più semplicemente e piacevolmente, un amaro. E infine abbiamo aggiunto il nostro tocco personale con l'affinamento in botte per esaltarne l'aroma. L'Orvietan non fu profeta in patria a la sua panacea miracolosa ha fatto il giro d'Europa. Oggi, forse, abbiamo qualcosa di concreto per capirne il motivo".

La raccolta di documenti compila la cronologia, fissando una volta per tutte le tappe salienti della storia de L'Orvietan. Si apprende, allora, che la popolarità arriva in Francia, dove Cristoforo Contugi, successore di Ferranti ed inventore del simbolo con il sole che userà per incartare la sua medicina e distinguerla dalle numerose imitazioni, nel 1647 ottiene dal Re Sole, Luigi XIV, abituale consumatore, il privilegio esclusivo di vendita. Il successo dura per circa duecento anni, conoscendo numerose formule più o meno segrete. Dal 1655 L'Orvietan viene inserito da Schroeder nel trattato sulla farmacopea passando così la mano ai farmacisti che porteranno avanti la produzione.

Numerose, le tracce in letteratura. "Nella prima versione de 'I Promessi Sposi' di Manzoni, quando accanto a Lucia c'era ancora Fermo, è Donna Prassede a suggerirne l'uso. Di lui parla anche Moliere nell'opera 'L'Amour Médicin', lasciando intendere che avrebbe potuto curare anche il mal d'amore. Ne fanno cenno poi in un racconto Voltaire, in una lettera Leibniz, in due romanzi Scott. E poi ancora Balzac e e Chateaubriand". Presente nei dizionari fin dal 1680, nei vocabolari europei di fine '800 la parola "Orvietano" viene identificata con "famoso antidoto inventato a Orvieto". Tra incisioni del XVII secolo, stampe e arazzi del 1736, ne ritrae la diffusione anche il mondo dell'arte. E quello del teatro.

I nuovi studi hanno stabilito quali elementi utilizzare tra le 35 formule recuperate, definendo la ricetta ideale de "L'Orvietan" oggi proposto in bottiglia nella sua originale e segreta formula per riscrivere una nuova storia da bere. È anche per questo che le trenta pagine realizzate presentano oltre al processo di lavorazione, anche consigli su come degustarlo per ottenere una tisana corroborante, un latte speziato, un caffè officinale o un aperitivo dal gusto deciso.

Riprodotti, infine, immagini e stralci di documenti storici dell'Archivio di Stato, un estratto dello studio sulle "Ceramiche per l'Orvietan. Anteprima di una mostra possibile" curato da Alberto Satolli che muove dall'albarello a rocchetto, impiegato in farmacia e fermato su pergamena nel 1602 tra i trenta simboli delle Arti di Orvieto ad emblema degli speziali, e il riferimento alla recente ricerca storica di Sandro Bassetti "L'Orviétan. Medicina universale 1504-1828".

Per ulteriori informazioni:
0763.341060 – info@lorvietan.it 

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 ottobre

"Gli Scalzi di Orvieto: storia di una Confraternita". Presentazione del libro di Luca Giuliani e visita alla chiesa

Riparte "Train...to be cool". La Polizia Ferroviaria di nuovo nelle scuole

"Etruria e Roma". All'Unitre, le lezioni di storia antica a cura di Giuseppe M. Della Fina

Autovelox sulla Cimina. Moneta rassicura: "Serve per controllare revisione e assicurazione"

"Autumn in Todi, suoni e sapori d'autore" nella Città di Jacopone

Pietro

"Giulia Farnese, la Bella". Visita guidata teatralizzata al Castello Orsini

"Dirty Dancing" al Mancinelli. Atteso ritorno per la Compagnia Mastro Titta

"A spasso con ABC" per le meraviglie del Lazio. Narratori del futuro in cerca di un altro sguardo

Nuova seduta per il Consiglio Provinciale. All'ordine del giorno, scuole e strade

"Progettare in Europa". Trenta associazioni al corso di formazione del Cesvol

Nuovi orari di apertura al pubblico degli Uffici Demografici

Un libro per ricordare l'ex sindaco Palozzi, a quindici anni dalla scomparsa

Aperto un conto corrente per sostenere il restauro della Chiesa di Titignano

Al Csco inaugurato il corso per "Tecnico specializzato in accoglienza". In mostra l'arte di Fasasi

Grossi all'Unitus per "Gli usi civici nella Tuscia: la storia, il regime giuridico e l'utilizzazione economica"

E45-E55 Orte-Mestre, via all'ammodernamento delle barriere di sicurezza per oltre 78 milioni di euro

"Un pomeriggio dal dottor Cechov". Appuntamento in Biblioteca per "Libriamoci"

Verso la tariffa puntuale dei rifiuti. L'esecutivo approva il progetto di implementazione del sistema

La lotta all'ictus per tutta l'Umbria riparte da Orvieto

Il Teatro Comunale "Accademia degli Avvaloranti" alza il sipario sulla nuova stagione

Dalla Tuscia all'Amiata, fino in Val d'Orcia. Dove l'autunno si lascia gustare

Olio protagonista con "Frantoi Aperti". Fiumi di oro verde irrigano l'Umbria

La valutazione dell'annata olearia 2016, la vicinanza della Regione al comparto

Dei fiori e di ricordi

Orvieto Fc, vittoria in rosa contro Agello

"Scantinate nel borgo". Tre giorni da bere, tra cantine aperte e sapori tipici

L'Umbria da Papa Francesco. Anche San Venanzo partecipa al pellegrinaggio giubilare

La "Fiera della Castagna e dei Prodotti Tipici della Montagna" compie trent'anni

Ad Ospedaletto gli "Amici del Monte Peglia" organizzano la Fiera della Castagna

Umbria Jazz Winter, aperte le prevendite. Ecco chi arriva a fine anno

Via libera all'accordo di programma per nuovi servizi sanitari. Investimenti per oltre 33 milioni di euro

Ad Orvieto Scalo apre "Rosso Vivo". Nuova pizzeria nei locali dell'ex Coop

A cena con Paci e Ceccherini, a Porta d'Orvieto arriva "La Iena del Don Matteo"

"Tutti per uno". Pranzi e cene di solidarietà nel Lazio per ricostruire l'Alberghiero di Amatrice

Vetrya Orvieto Basket all'esordio casalingo in campionato

Manutenzione in arrivo sulle strade comunali, ecco i centri abitati e zone esterne interessate

"La salute è servita. Come è cambiata la mensa scolastica". In distribuzione l'opuscolo informativo

Gnagnarini fa chiarezza sulla situazione finanziaria del Comune

Di Girolamo ufficializza le dimissioni in Consiglio provinciale

A Caprarola via al ciclo "Esodi". Per parlare di migrazioni, accoglienza e integrazione

In basilica concerto dalla Banda Musicale della Polizia di Stato

"Lago nostro, futuro nostro". Proiezione al Museo della Navigazione delle Acque Interne

"AironeLab: adotta un laboratorio. C'è bisogno di te!"

Manutenzione stradale, presto i lavori. Approvato l'odg presentato da Luciani

Polemiche sui conguagli in bolletta, la Sii chiarisce i contorni della vicenda

Al Museo del Fiore, per imparare a costruire una mangiatoia per gli uccellini

Vendemmia amorosa

In 500 tra volontari e disabili Unitalsi per la Giornata del Malato

Due solitudini e un abito. La sartoria di Pino Strabioli e Alice Spisa convince il Mancinelli

Alzheimer: una lotta contro la disabilità. Un convegno per comprenderlo

Gli allievi dei corsi estivi ospiti a Milano della stagione concertistica di Casa Verdi

Vergaglia (M5S) interroga l'assessore su sviluppo e marketing territoriale per Bardano

Assegnato a Robert Triozzi il premio internazionale "The heart before all"

Linux Day 2014. Il 25 ottobre la giornata dedicata al software libero ed open source.

Di odio si muore tutti

Orvieto Felice e le idee nuove (nuove?) per la cultura.

Pregiudicato denunciato. In macchina aveva un coltello da 25 centimetri

Microchip gratuito per cani, l'iniziativa del Comune a favore degli amici a quattro zampe

A caccia di fantasmi nel Castello di Alviano

Il Centro di documentazione contribuisce al festival di scambio e formazione

Motori caldi per la 27esima Mostra mercato nazionale del tartufo e dei prodotti agroalimentari di qualità

Truffa dei salumi biologici, i suini macellati a Orvieto fino al 2010

L'Orvietana non regge il passo della capolista, all'Amerina i tre punti

Domenica di amarezze: il Ciconia ritrova la via della sconfitta

Riesce l'iniziativa "Puliamo la Piave", ma è polemica su un mandorlo tagliato

Grande domenica di festa per l'Orvieto Basket

Vittorio Franchetti Pardo presenta il volume "La cattedrale di Orvieto: origine e divenire. Scritti editi e inediti"

Dal Prusst 625 mila euro da destinare alla realizzazione del Parco Urbano del Paglia

Gli studenti puliscono e riscoprono un tratto della "Selciata dei Cappuccini"

In barba al commissario

Tagliare, sanare o lasciare: è il giorno dell'improrogabile Consiglio del riequilibrio. Mercoledì 20 ottobre Orvietonews.it seguirà la seduta con frequenti flash in diretta

Sul concerto anche un'interrogazione della consigliera Belcapo

Orvieto e il suo Bilancio

20 ottobre 2010 - Flash dal Consiglio Comunale. La relazione del Sindaco Concina - Disavanzo 2010 a 9 milioni e mezzo di euro da sanarsi con alienazioni. Iter ex Piave da definirsi entro il 2011. Derivati.

L'intervento del Presidente del Consiglio Comunale. Frizza annuncia il suo voto favorevole al bilancio e al documento di Concina

Gli assenti

Alcuni interventi e la replica del sindaco

Dichiarazioni di voto. Tonelli vota a favore e strappa il documento del centro sinistra. Passano le linee programmatiche 11 a 6

Flash dal Consiglio Comunale. Il Bilancio dell'assessore Romiti. Passa il Bilancio e l'anatra zoppa non c'è più

LINUX DAY 2010 - sabato 23 ottobre al Centro Studi. Linux e Scuola per un "cantiere di libera cultura"

"La serva padrona" di Giovanni Battista Pergolesi al Santa Cristina di Porano sabato 23 ottobre

"Il PDCI e il centro sinistra espellano i consiglieri favorevoli alla Giunta Concina": duro dissenso della segreteria provinciale di PRC

Ambiente. 150 studenti di Narni in visita all'Oasi di Alviano

Le linee di indirizzo per il risanamento del Comune di Orvieto

Il PD Orvieto si prepara all'espulsione di Frizza e Meffi: "Finalmente il Partito Democratico può ripartire da una base di maggiore chiarezza"

Un Assessore in mezzo ai giovani

De Sio: "La maggioranza conseguita è il frutto di un'assunzione piena di responsabilità"