cultura

"Cultura per il No Profit". Un bando per la gestione di tredici gioielli demaniali

venerdì 18 novembre 2016
di Davide Pompei
"Cultura per il No Profit". Un bando per la gestione di tredici gioielli demaniali

Quattro ville, due chiese, due castelli, un'abbazia, un eremo e una certosa. Beni immobili del Demanio Culturale dello Stato, non aperti alla fruizione pubblica o non adeguatamente valorizzati. Il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo ne ha individuati tredici in tutta Italia per i quali attualmente non è corrisposto alcun canone e che richiedono interventi di restauro, e li ha promossi a destinatari del bando che li concederà in uso, da 6 a 10 anni, a privati no profit.

"Le associazioni no profit attive nei territori – ha dichiarato il ministro Dario Franceschinipotranno partecipare con una procedura chiara e trasparente alla tutela e alla valorizzazione del patrimonio culturale, uno strumento che consentirà di partire dal basso nell'adempimento dell'articolo 9 della Costituzione. Pubblico e privato sociale perseguono, infatti, lo stesso obiettivo a favore del patrimonio culturale, a tutto vantaggio dell'intero sistema paese".

Per la prima volta, quei beni potranno essere gestiti da associazioni e fondazioni che, non avendo fini di lucro e non essendo destinate alla realizzazione di profitti, reinvestono gli utili interamente per gli scopi organizzativi. Rientra tutto nel bando "Cultura per il No Profit", stilato dalla Direzione Generale Musei, dove è specificato che "la concessione d’uso è finalizzata alla realizzazione di un progetto di gestione del bene che ne assicuri la corretta conservazione, l’apertura alla pubblica fruizione e la migliore valorizzazione".

E che "gli enti interessati, con esperienza almeno quinquennale nella collaborazione alla tutela e valorizzazione dei beni culturali e paesaggistici, sono invitati a presentare la propria proposta, per un massimo di tre siti, entro e non oltre le 12 di lunedì 16 gennaio". Una commissione ministeriale valuterà poi il progetto presentato, il prezzo proposto per il biglietto, la sostenibilità del piano economico. Dal canone di locazione saranno detratte le spese per il restauro sostenute dal concessionario.

L'elenco attraversa tre regioni del Nord – Piemonte, Veneto ed Emilia Romagna – e quattro del Centro Italia. Per l'Abruzzo, in lizza c'è la Chiesa di San Pietro ad Oratorium di Capestrano. Tra Aretino e Senese, vanta ben tre siti la Toscana con l'Abbazia di Soffena, a Castelfranco di Sopra, Piandiscò, ma anche l'Eremo di San Leonardo al Lago di Monteriggioni e Villa Brandi a Vignano. Due, i gioielli dell'Umbria. A Perugia, Villa del Colle del Cardinale, il complesso costruito su tre piani e mezzo fuori terra nel '500 da Ascanio della Corgna e circondato da circa 13 ettari di parco, e a San Giustino, Castello Bufalini, nato come fortezza militare alla fine del '400 e poi trasformato in palazzo signorile fortificato con ampie logge di gusto tardo rinascimentale. L'ampio parco circostante è costituito da un giardino all'italiana al quale si affiancano limonaie, giochi di fontane e un labirinto impiantato nel 1962.

Due anche per il Lazio, con la Certosa di Trisulti, a Collepardo, fondata nel 1204 e affidata ai monaci Certosini. Al suo interno, la Chiesa di San Bartolomeo, con opere d'arte di pregio, la Farmacia del XVII secolo e una Biblioteca che conta oltre 25 mila volumi. A Bassano Romano, infine, Villa Giustiniani (nella foto), trasformata dalla famiglia Anguillara, tra '500 e '600, in capolavoro d'arte rinascimentale. Set di documentari e pellicole celebri, da "La Dolce Vita" di Federico Fellini a "Il Gattopardo" di Luchino Visconti, "la villa – annotano dal Mibact – era posta in relazione diretta con il parco, in fondo al quale svettava la rocca, fatta realizzare dai Giustiniani come conclusione prospettica del giardino visto dal palazzo ceduto allo Stato Italiano dalla famiglia Odescalchi di Bracciano nel 2003". Al piano terra, un pregevole teatrino, unico nel suo genere. Al piano nobile, straordinari esempi di pittura barocca.

Commenta su Facebook

Accadeva il 18 dicembre

Anatomia di un addio

Fine settimana da incorniciare per l'Orvieto FC. Palmerini: "Stiamo crescendo"

"Tanto per dire", seconda edizione. Al Liceo Classico "Tacito" torna il corso di dizione

Jazz e strumenti antichi al Museo Archeologico Nazionale in occasione di Ujw

Celebrata la Giornata Garibaldina, in memoria della battaglia di Mentana

Inaugurata la prima area di sgambatura per cani, previste altre due

Denunciata dalla Polizia una giovane pluripregiudicata

Partita la procedura di rilascio del passaporto elettronico

Rischio ghiaccio per i contatori, i consigli per proteggerli ed evitare spese

Umbria.GO raddoppia e si presenta nella versione dedicata ai pendolari regionali

Campagna Ocm Vino 2017/2018, incrementate le risorse a sostegno delle imprese

"Intrecci", inaugurata la scuola di alta formazione della famiglia Cotarella

"Concerto di Natale" nella Sala Unità d'Italia del Palazzo Comunale

"Geotermia a bassa e media entalpia, rischi e conseguenze"

"È nato un Re povero". Rappresentazione nei Giardini di Villa Faina

Presentata l'edizione 2018 della "Guida ai sapori e ai piaceri della regione Umbria" di Repubblica

Vetrya riceve il Premio Imprese per l'Innovazione di Confindustria e il Premio dei Premi dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri

Eletto il nuovo Coordinamento delle Cittaslow Italiane. Barbara Paron al vertice

Il tenente Giuseppe Viviano è il nuovo comandante della Compagnia Carabinieri

"Madonna con Bambino appare a San Filippo Neri", il dipinto su tela torna a splendere

Storia e segreti di Palazzo Franciosoni nel volume "Anatomia di un palazzo"

E dico ancora di Bianca

"La Tregua di Natale. Lettere dal Fronte". Lettura ad alta voce in Biblioteca

Nuovo video di Francesco Barberini in Campania con la LIPU

Infiltrazione d'acqua a scuola, le precisazioni del Comune