cultura

"Teatri in Movimento". Sei appuntamenti, quattro location per la prima parte del cartellone

mercoledì 2 novembre 2016
di Davide Pompei
"Teatri in Movimento". Sei appuntamenti, quattro location per la prima parte del cartellone

Nell'Italia dei teatri, ci sono realtà vive e vivaci che esistono. Ed altre, ugualmente attive, che resistono. Armate di passione e tenacia, facendo appello alle proprie forze e al solo supporto di amministrazioni locali ed enti che mettono a disposizione gli spazi dove andare in scena. Il Teatro dei Calanchi di Lubriano, la Sala Grande del Palazzo Baronale di Sipicciano e l'Auditorium Comunale di Castiglione in Teverina, il Palazzo della Cultura di Civitella d'Agliano sono quelli che interessano la prima parte – la seconda si aprirà a fine gennaio – della stagione teatrale 2016/2017 di "Teatri in Movimento", ideata dal Teatro Null, Officina Culturale "I Porti della Teverina".

Che, nonostante non sia ancora uscito il bando dedicato alle Officine della Regione Lazio e quindi senza il suo sostegno economico, grazie alla determinazione dei suoi ideatori riesce ugualmente a decollare. "La nostra progettazione culturale – spiega il direttore artistico Gianni Abbateè partita sempre dal territorio, dai luoghi e gli spazi. È così che nasce una stagione teatrale inconsueta come 'Teatri in Movimento'. Utilizzando i vari spazi messi a disposizione, per le nostre attività, dai Comuni che ci sostengono, abbiamo creato un cartellone itinerante. Il pubblico sarà non solo stanziale, ma anche errante, seguendo gli spettacoli e le nostre proposte da un Comune all'altro.

La Teverina viene così attraversata e animata da spettacoli, sia per un pubblico adulto sia per bambini, e ancora da laboratori teatrali, da letture e corsi sulla voce e tante altre attività, per scommettere ancora una volta sulla Cultura come momento di crescita e risorsa per il territorio. Crediamo nel nostro pubblico che ci segue da anni, non possiamo deluderlo e così le difficoltà economiche non ci potranno fermare".

Presentata come "singolare e innovativa" la stagione si apre sabato 12 novembre alle 21 al Teatro dei Calanchi di Lubriano (nella foto) con la prima nazionale "Il Presidente. Una tragica farsa" di Gianni Abbate, che ha ricevuto una menzione speciale e il secondo posto nella classifica di "Napoli Drammaturgia in Festival". Con lui, Ennio Cuccuini, Simone Precoma e Giovanna Vassallo.

"Abdulino va alla guerra" è il titolo dell'esilarante spettacolo ispirato alla contemporaneità, ma che nelle partiture vocali e fisiche è strettamente legato alla tradizione della Commedia dell'Arte, che la Compagnia Circomare Teatro porta in scena sabato 19 novembre alle 21 al Teatro dei Calanchi di Lubriano. Sul palco, Alessandra Cappuccini, Luisa Ciavattini, Mario Umberto Carosi – sua, la regia – Andrea Onori e Mariagrazia Torbidoni.

Si prosegue sabato 26 novembre alle 21 nella stessa location, con una serata in musica. Il Maestro Fabio Barili presenta, infatti, "Antologica", ovvero le più belle musiche composte in quindici anni di collaborazione con il Teatro Null e non solo, con la partecipazione di Gianni Abbate.

"Il Presidente. Una tragica farsa" va in scena anche sabato 3 dicembre nel salone del Palazzo Baronale, cortesemente messo a disposizione dall'Università Agraria di Sipicciano. "A Natale con i fantasmi", riduzione della celebre favola "A Christmas Carol" di Charles Dickens, è attesa invece sabato 10 dicembre alle 21 al Palazzo della Cultura di Civitella d'Agliano. In collaborazione con la Pro Loco, oltre a Gianni Abbate che firma testo e regia, in scena ci sono Ennio Cuccuini, Simone Precoma e il piccolo Ludovico Precoma. Musica dal vivo con gli allievi della Banda "A. Ponchielli" diretti dal Maestro Luca Seccafieno.

La prima parte della stagione si chiude lunedì 26 dicembre alle 16, nel pomeriggio di Santo Stefano con il "Concerto di Natale" – ad ingresso gratuito – che porta all'Auditorium di Castiglione in Teverina la locale banda musicale, diretta dal Maestro Claudio Baffoni.

Per ulteriori informazioni:
347.1103270 – www.iportidellateverina.it

Commenta su Facebook