cultura

Elio Germano e Alba Rohrwacher ne "Il sogno di Francesco". In Umbria l'anteprima mondiale

martedì 27 settembre 2016
di Davide Pompei
Elio Germano e Alba Rohrwacher ne "Il sogno di Francesco". In Umbria l'anteprima mondiale

Non poteva che tenersi nella città del Poverello, l'anteprima mondiale de "Il sogno di Francesco". Tutt'altro che casuale anche la data scelta, nella giornata dedicata alla Festa dei Nonni, che precede la ricorrenza del Santo Patrono d'Italia. Sarà, infatti, il Teatro Lyrick di Assisi ad ospitare domenica 2 ottobre alle 17.30 la presentazione del nuovo film che ruota intorno a San Francesco, ufficialmente nelle sale da giovedì 6 ottobre. L'iniziativa è organizzata da Regione Umbria, Parthenos Distribuzione e da "Popoli e Religioni Terni Film Festival", del quale costituisce l’anteprima della dodicesima edizione, che avrà per tema "Babele" e che sarà al Cityplex Polieteama da sabato 12 a domenica 20 novembre, con l'annuale focus interamente dedicato al "figlio più illustre dell'Umbria", considerato emblema del dialogo inter-religioso.

In sala, accanto ai registi, Renaud Fely e Arnaud Louvet, saranno presenti gli attori Elio Germano e Marcello Mazzarella. Dopo "Il giovane favoloso", il primo presta volto e talento al protagonista Francesco. A lui, nel corso della serata sarà consegnato il riconoscimento dell'Angelo alla Carriera, che il festival ha già tributato tra gli altri ad Ascanio Celestini, Franco Battiato, Alessandro D'Alatri e Pupi Avati. Il secondo, invece, indossa il saio di frate Rufino. Con loro, sul grande schermo, c'è poi Alba Rohrwacher, applaudita a giugno sul palco del Festival dei Due Mondi di Spoleto. Suo, il ruolo di Chiara. Almeno una dozzina, le pellicole dedicate al santo interpretato già da Mickey Rourke, Raoul Bova, Ettore Bassi e, su tutti, nel 1972 Graham Faulkner in "Fratello Sole, Sorella Luna" di Franco Zeffirelli.

"Hanno paura della debolezza – recita la citazione scelta per la locandina – ma con la paura il mondo non avrà mai pace". In estate, le riprese di "In arte Nino", il film diretto da Luca Manfredi e incentrato sulla figura del padre avevano portato Elio Germano tra Terni e Narni – primo ciak, battuto a Villa Manni – confermando sempre più l'Umbria come set naturale e non riscotruito per produzioni cinematografiche e televisive, italiane e straniere. Come dire, non solo "Don Matteo" e "Luisa Spagnoli". Ma anche il tanto contenuto in "L'Umbria sullo schermo".

Girato tra ottobre e novembre, il film - titolo originale "L'ami-Francesco et ses frères" - è una produzione Æternam Films in coproduzione con MIR Cinematografica, con RAI Cinema, Entre Chien et Loup, prodotto da Francesca Feder, Arnaud Louvet, coprodotto da Francesco Virga, Diana Elbaum, Sébastien Delloye, in coproduzione con France 3 Cinéma, Rhône-Alpes Cinéma, Proximus, con la partecipazione di Haut et Court Distribution, in associazione con Credito Valtellinese, Mercury International. Pochi, in realtà, i giorni trascorsi nei dintorni di Gubbio, nel Parco Naturale del Monte Cucco, scelto per le scene con Santa Chiara. Le ambientazioni rurali hanno trovato nel Sud della Francia e nell'Abbazia di Fontfroide, degno scenario per la pellicola.

Questa, la sinossi ufficiale. "Assisi, 1209. Francesco ha appena subito il rifiuto da parte di Innocenzo III di approvare la prima versione della Regola, che metterebbe i fratelli al riparo dalle minacce che gravano su di essi. Intorno a lui, tra i compagni della prima ora, l’amico fraterno Elia da Cortona guida il difficile dialogo tra la confraternita e il Papato: per ottenere il riconoscimento dell’Ordine, Elia cerca di convincere Francesco della necessità di abbandonare l’intransigenza dimostrata finora, accettando di redigere una nuova Regola. Ma che cosa resterebbe del sogno di Francesco? La loro amicizia riuscirà a resistere al confronto tra gli ideali e i compromessi necessari?".

Per la presentazione di Assisi, ad ingresso gratuito dietro presentazione di invito, ci sono ancora posti disponibili. Gli inviti possono essere richiesti entro le 12 di giovedì 29 settembre all'indirizzo mail filmcommission@regione.umbria.it. L'accesso alla sala è fissato entro e non oltre le 17.15.

Per ulteriori informazioni:
http://www.mircinema.it/it/il-sogno-di-francesco/ 
 

Commenta su Facebook