cultura

Dal cuore dell'Alfina riaffiora un drago etrusco, lo straordinario destino delle origini di Castel Giorgio

domenica 22 febbraio 2015
Dal cuore dell'Alfina riaffiora un drago etrusco, lo straordinario destino delle origini di Castel Giorgio

La data certa per la fondazione di Castel Giorgio segna le cronache del 1477 e porta il nome dell’allora Vescovo di Orvieto, Giorgio Della Rovere giunto sulle alture dell’Alfina per costruirvi la sua dimora estiva e offrire terre da coltivare alla colonia di agricoltori Parmensi.

Una comunità che scelse la protezione di San Pancrazio, patrono di Parma, e di San Giorgio, in onore del nome del Vescovo che contribuì alla fondazione del paese. San Giorgio è il cavaliere che sconfisse il drago e salvò la principessa Silene dalle sue fauci.”Iddio mi ha mandato a voi per liberarvi dal drago: se abbraccerete la fede in Cristo, riceverete il battesimo e io ucciderò il mostro”, recitano i testi sacri riportando ai nostri giorni le parole di San Giorgio.

Ma sull’Alfina - è ormai certo - prima del 1477 molte comunità avevano goduto della fertilità dell’altopiano tanto che la presenza “umana” è testimoniata dal ritrovamento della Grotta Preistorica della Cava Bianca, degli insediamenti Etruschi e Romani, di Vallochi, fino agli studi sulle comunità del Piviere di San Donato, le vicende del Castello di Montalfina e tante altre notizie storiche che spostano molto indietro la lancetta del tempo.

Un contributo storico di valore inestimabile, frutto di una passione che da oltre un quarto di secolo porta il nome del Gruppo Archeologico dell’Alfina. Ritrovamenti, scoperte e studi che hanno fatto riacquistare la giusta identità storica al paese e contribuito ad arricchire il patrimonio artistico e archeologico dell’Umbria e dell’Italia.

Ma ad un certo punto del percorso umano ogni storia di passione, lavoro, sudore e amore per la propria terra regala una storia straordinaria. Una storia fatta di destini che si intrecciano e che, in un certo senso, - anche se “le carte” non ti permettono di valutarne la certezza - ti rapiscono nel fascino dell’immaginazione. Ed ecco la storia che diventa straordinaria.

L’estate scorsa il Gruppo Archeologico dell’Alfina ha portato avanti una campagna di scavi presso la Necropoli del Lauscello diretta dal professor Claudio Bizzarri, con la collaborazione del Saint Anselm college nel New Hampshire e la gestione della Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Umbria. La necropoli Etrusca del Lauscello si trova nella zona di confine tra Umbria e Lazio a ridosso della collina che guarda verso il Lago di Bolsena, poco distante dalla Frazione di Casa Perazza. Un luogo denso di valore archeologico e storico, dove negli anni sono stati rinvenuti degli oggetti di elevato valore.

In attesa che riprendano le attività per una seconda campagna di scavi i volontari del Gruppo Archeologico dell’Alfina tengono sotto controllo l’area e proprio da un sopralluogo avvenuto qualche settimana fa, dalla terra dell’Alfina è emerso uno straordinario reperto. Un piccolo oggetto che all’inestimabile valore storico si aggiunge quello “passionale”.

“Si tratta di un Ippocampo (o Pistrice) in bronzo - spiegano dal Gruppo Archeologico - ottimamente conservato e di eccezionale fattura. L'Ippocampo, (che vediamo appena rinvenuto e dopo una sommaria pulizia) è uno dei mostri che popolano l'oltretomba etrusco, ed è in genere simbolo del mondo marino come metafora di passaggio ovvero di transizione tra il mondo terreno e quello ultraterreno”.

Tentando un attimo di navigare con la fantasia nel mare della storia quel “Drago etrusco” e quel “Santo che uccise il drago” rappresentano uno straordinario destino, quello che riporta alle origini di Castel Giorgio. Una pagina che non ti aspetti di leggere e di scrivere. Una scoperta che fa riflettere su un fatto: come Alfina sia legata ad un filo che a distanza di millenni prova a sovrapporsi in un piccolo oggetto di bronzo.

Un motivo in più per aggiungere gioia alla soddisfazione di tutto il Gruppo Archeologico dell’Alfina che ancora una volta ha dimostrato intuizione archeologica e grande professionalità. Un motivo in più per fare i complimenti al direttore del Gruppo Archeologico, Giovanni Banella, rieletto con unanime consenso a svolgere un ruolo che in questi anni ha portato l’associazione a diventare un punto di riferimento per l’archeologia regionale e nazionale.

Insieme al “Drago” è stato ritrovato anche un “Manico di Specchio” sempre in bronzo che la settimana scorsa sono stati affidati all’Ispettrice di zona della Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Umbria, Clarita Natalini. La dottoressa Natalini, apprezzando la qualità della scoperta e ringraziando il Gruppo Archeologico dell’Alfina per il lavoro svolto, ha confermato l’impegno ad accordare una seconda campagna di scavi per l’estate 2015 presso la Necropoli Etrusca del Lauscello.

Per il momento, dunque, il “Drago” resterà nelle mani della Soprintendenza ma a questo punto, visto anche lo straordinario valore dell’oggetto per la storia del paese, sarebbe almeno il caso di fargli trovare posto a fianco della statua di San Giorgio che si trova all’interno della sala Consiliare del Comune. Per cominiciare a sperare in un'esposizione più ampia. 

Commenta su Facebook

Accadeva il 23 marzo

"Corri sulle strade dell'Ottobrata Orvietana", ai nastri di partenza la sesta edizione

Asia Argento e Filippo Dini al Mancinelli con "Rosalind Franklin. Il segreto della vita"

Giornata Mondiale della Poesia, presentato il libro "Dall'esperienza al racconto"

Casa di Riposo, indetta la gara per la gestione transitoria

"Medaglie al Merito" in Prefettura, tra gli insigniti c'è anche Pietro Federico

A Palazzo Simoncelli, l'omaggio a Leopardi di Diana Iaconetti e Nuccia Martire

Luca Fringuello e i Giovanissimi di Orvieto Fc: "Contento dei risultati fin qui ottenuti"

Unipoptus, ecco a chi andranno gli attestati di benemerenza 2017

Orvieto tra le 13 stazioni appaltanti per l'individuazione di soggetti da invitare alle procedure negoziate

"L'Umbria si rimette in moto", Lugnano in Teverina consegna ulivi collezione mondiale

Al Palazzo del Gusto, mini-corso di caffetteria gratuito per gli imprenditori del territorio

Provincia, assemblea Upi Umbria e mobilitazione per fondi scuole

Al Teatro Boni cala il sipario su una stagione da applausi. Nardi: "Puntiamo sulla qualità"

Sabbia d'estate

Riduzione del rischio da catastrofi, gli impegni del Comitato delle Regioni d'Europa

Impatto ambientale, Università della Tuscia e Comune sottoscrivono la convenzione

Mezzo secolo di storia, l'Avis cresce e si prepara ai festeggiamenti

"Shiatsu&Alzheimer": attraverso il corpo una via per entrare in relazione

L'Alto Orvietano "In marcia per le donne" verso la Panchina Rossa

A Todi, sarà aperto per la prima volta al pubblico Palazzo Atti-Pensi

Karate, gli atleti della Scuola Keikenkai in Marocco per l'Open di Tangeri Wkf

Il X Congresso della Fnp Cisl Umbria conferma Giorgio Menghini alla guida dei pensionati

La Sagra della Primavera all'Hosteria di Villalba. Sabato 25 marzo, da mattina a sera

Disciplina della viabilità, ecco cosa cambia

Ippolito Scalza, un orvietano nel solco di Michelangelo

Fate morire in voi gli atteggiamenti

Il giardino delle ortensie

Operaio non pagato, si barrica sul tetto di un'abitazione in costruzione

Zambelli Orvieto sempre più apprezzata, lo dice Martina Sabbatini

Attentati a Bruxelles, bandiere a mezz'asta e un invito a reagire con determinazione

La mostra-mercato di prodotti agroalimentari e artigianali di Città della Pieve compie vent'anni

Materiale per la biblioteca dalla raccolta degli oli esausti di origine vegetale

Il Coordinamento dei ristoratori orvietani dice no a Orvieto pattumiera dell'Umbria

L'Archivio di Stato lascia Piazza Duomo e trasloca nell'ex tribunale

Audizione con i vertici di Cosp per analizzare i primi risultati della differenziata

Bocciata la mozione sulla discarica, in aula scoppia il caos

Dal dibattito tutti contro l'inefficienza della raccolta differenziata nel ternano

Sì alla risoluzione geotermia, sull'Alfina si può sperare in un futuro senza speculazioni

Il messaggio del vescovo Tuzia in occasione della Pasqua: "Vigilate e pregate"

Gnagnarini replica alla minoranza: "Picconati tasse e deficit comunale"

"La Pasqua tra sacro e profano". Concerto con gli allievi del maestro Davide Rocca

Nuovo orario e una ricorrenza particolare per il Museo Etrusco "Claudio Faina"

Discarica, De Sio (FdI-An) attacca l'esecutivo: "La Regione ha la memoria corta"

Materazzo Vs Tatta, la sfida tra Comunista e Democristiano. Arbitra Conticelli

Protesta in Regione contro l'ampliamento della discarica: le immagini

Lo strano caso dei lavori sul torrente Carcaione. Italia Nostra: "Nessuna partecipazione"

A proposito di ambiente, le priorità dei Giovani democratici: "Cosa serve all'Orvietano"

Hosteria di Villalba, uno sviluppo "Coeso" per la valorizzazione delle aree montane

Fiorini e Mancini (Lega Nord): "Il Pd trasforma Orvieto in pattumiera dell'Umbria"

Dopo il documento, i venti sindaci dell'Area Interna icontreranno la Marini

Corso di lingua italiana per stranieri e laboratorio di disegno per studenti

Nel pomeriggio di Pasqua alla Chiesa dei Servi torna la messa in latino

Processioni e rievocazioni storiche della Passione in tutto l'Orvietano

In corso la campagna di tesseramento 2016 dell'associazione "Lea Pacini"

Fascino e suggestione a Palazzo Orca, con i "Quadri Viventi" del Terziere Borgo Dentro

La rievocazione della Passione nei borghi della Tuscia viterbese

"Orvieto per tutti" svela il logo. Ad aprile la presentazione ufficiale

Successo per la mostra "Omaggio a Francesco" e il libro "Dialoghi nell'Immenso"

"The art of the brick". I mattoncini Lego vanno in mostra e diventano opera

"Blowing Art. Se a Orvieto ci fosse il mare…". In mostra, le visioni di Carlo Rognoni

Rifondazione Comunista propone un percorso comune a sinistra del PD

In tilt da tre giorni le linee telefoniche di Ospedaletto. Protestano gli abitanti isolati anche dalla neve

38 mila euro di contributi per lo spettacolo dalla Provincia. Lo annuncia l'assessore alla cultura Sganappa

Conviviale d'eccezione del Rotary Orvieto: ospite d'onore la dott.ssa Rita Valecchi con un'interessante relazione sul futuro dell'Ospedale di Orvieto

La relazione della dott.ssa Valecchi: 'Ospedale di Orvieto: Innovazione e progettualità'

La Filarmonica Mancinelli inaugura a Montefiascone 'Primavera in Etruria'. Solista al pianoforte il maestro Riccardo Cambri

Accessibile al pubblico il Fondo bibliotecario Renato Bonelli. Domenica 25 marzo l'inaugurazione

Mondovino: quando il tempo premia l'Orvieto. A Roma Palazzone in verticale: 15 anni di Campo del Guardiano

Non si placano gli animi sulla delibera della Corte dei conti. AN e Altra Città chiedono un Consiglio Comunale in seduta segreta per discutere il comportamento del Presidente

Una giornata di studi dedicata alle novità della legge Finanziaria. Seminario di studi della Presidenza del Consiglio di Orvieto e della Fondazione PROMO P.A.

Scontro a sinistra sulla ripubblicizzazione dell'acqua. Un polemico intervento del consigliere Imbastoni: 'Battaglia per l’acqua pubblica: basta con i verniciatori'

La lettera del Comitato Promotore Regionale Umbro per la ripubblicizzazione dell'acqua agli eletti dell'Umbria

'Un dibattito serrato ma franco' tiene impegnata la direzione DS al completo fino alle due di notte