cultura

I Cherries dialogano con Susanna Tamaro. E "Arabica Phoenix" incanta la sala eufonica

giovedì 22 gennaio 2015
di Davide Pompei
I Cherries dialogano con Susanna Tamaro. E "Arabica Phoenix" incanta la sala eufonica

Più di una voce – che poi, sono cinque – un'anima – quella sì, percepita come unica anche se policroma. Più della favola retorica dei talenti inespressi confinati nel cassetto, insieme ai sogni, in attesa dell'agente musicale adatto per raggiungere platee più numerose del pubblico di casa, l'essenza di chi resta se stesso anche indossando tre pelli diverse. Più di Stefano Benini, Daniele Batella, Chiara Dragoni, Sara Paragiani e Veronica Troscia, provenienti da esperienze differenti, i Cherries On A Swing Set.

Insieme, a colloquio aperto, mercoledì 21 gennaio nella Sala Eufonica della Nuova Biblioteca Pubblica "Luigi Fumi" di Orvieto - tra i presenti, anche il suo progettista Giuliano Bastianello – per la proiezione del video di "Arabica Phoenix". "Contenti e un po' stupiti  - ammettono - della risposta che questo nostro percorso, iniziato cinque anni fa, sta avendo".

A due mesi esatti dall'uscita, il primo singolo del quintetto vocale presentato sabato 22 novembre al Teatro Mancinelli in occasione dello spettacolo "Phoenix, a cappella visual show", ha totalizzato oltre 2400 visualizzazioni su YouTube. Gotico e ascetico, evocativo, intriso della giusta dose di mistero e misticismo, ha suscitato non poche domande e curiosità. Pone le sue anche Susanna Tamaro, "una nostra amica che ci segue da quando abbiamo iniziato, una sorta di madrina". Offrendo loro il pretesto per parlare a ruota libera delle ormai celebri ciliegie del nome, nato durante i vocalizzi negro spirituals. E dell'immagine molto swing della donna sovrappeso in altalena. Ma anche delle difficoltà ad emergere che incontra chi, in Italia, decide di praticare il genere a cappella.

Esistono, infatti, realtà come i Neri per Caso o i Cluster – da lì viene Erik Bosio, autore della musica – ma "all'estero – spiega Stefano Benini, autore del testo in latino – un gruppo vocale ha maggiori possibilità attraverso le esibizioni live. Sono molto critico, ma spesso molta della musica che viene distribuita in radio risponde a logiche commerciali di massa. Viene da chiedersi se ce lo meritiamo. Se tornasse Luigi Tenco con la sua 'Vedrai vedrai', nessuno gli farebbe firmare un contratto, eppure spesso sento in giro tanti che potrebbero portare avanti un certo tipo di cantautorato di spessore.

La lingua che ho scelto, così affascinante ed evocativa, vuole essere un collante tra passato e presente, nella consapevolezza che la musica moderna è legata alla tradizione del contrappunto di secoli fa. C'è una matrice comune. Questa canzone rappresenta qualcosa di forte: la rinascita da un momento non facile che abbiamo attraversato nel 2014. Volevamo un messaggio universale che potesse arrivare a tutti. Il latino ha grande sonorità e cantabilità, anche rispetto all'inglese accomuna in maniera trasversale.

Non c'è una storia precisa, piuttosto la volontà di evocare sensazioni e immagini legate al tema eterno della fenice che risorge dalle sue ceneri. C'è il tema della rinascita, come possibilità aperta. L'arrangiamento è scritto per queste cinque persone e non per cinque numeri generici. Non siamo un coro di cantori che eseguono, ma un gruppo vocale di cantanti con personalità artistiche. Forti ma compatibili, come in un arcobaleno che ha colori distinti e percepibili, da soli e insieme".

"In una società che guarda al profitto – osserva, allora, l'autrice di best-seller – è sempre più difficile rompere il muro della banalità. L'artista non è più il portatore di un mondo unico di valore, ma un prodotto che deve rispondere a certi criteri di vendita prima di esaurirsi. Succede in musica, come in letteratura. La difficoltà a farsi produrre è la stessa che incontra chi vuole pubblicare un libro. C'è la volontà di appiattire i gusti. Anche nelle case editrici, ci sono editor che adeguano i testi, li banalizzano perché la gente non deve far fatica. Questa apparente semplificazione popolarizza e al tempo stesso impoverisce. È il segno dei tempi e della volontà di livellare, convinti che il livello significhi consumo, a discapito della qualità dei contenuti".

A vestire di immagini le note, senza sovrapporre ulteriori narrazioni ma dosando luci e ombre che trasformano i Cherries in angeli e demoni, ci ha pensato insieme allo sceneggiatore Valerio Sebasthian Saccà e al direttore delle riprese Miro Thuring, Valentina Dalmonte. "Ogni luogo – spiega la giovane regista – risuona, come la musica. Alla ricerca di location che fossero evocative e che valorizzassero il brano, mantenendone l'atmosfera gotica, abbiamo optato per la tomba del marchese Cahen, collocata all'interno del Monumentale Bosco del Sasseto, a Torre Alfina, e nella sagrestia di quella che era l'antica chiesa di Sant'Angelo". Quindici giorni di lavoro, notte compresa.

Domenica 25 gennaio alle 21, intanto, i Cherries saranno al Teatro Centrale di Roma per la serata finale del Festival dell'Ensemble Vocale, insieme agli altri sette gruppi vocali vincitori dei contest che si sono aggiudicati il Premio Voceania con i Baraonna. In quella stessa occasione, sarà presentato anche il cd all'interno del quale trova alloggio anche la loro "Arabica Phoenix". La casa fisica arriverà con la realizzazione del primo disco, che è nei progetti. Prima, però, c'è un brindisi beneaugurante. E febbraio, che farà comparire le ciliegie sul palco del Teatro Santa Cristina di Porano.

Commenta su Facebook

Accadeva il 12 dicembre

"Un Natale con i fantasmi" al Piccolo Teatro Cavour

Torna la Maratona Telethon, per sostenere la lotta alle malattie genetiche

Diciottesima edizione per "Porano nel Presepe"

Dedicata ai più piccoli l'edizione invernale della Festa dello Sport

Dopo di Noi, 2 milioni di euro per interventi e servizi per l'assistenza

Salci continua e continuerà a vivere sui social

"Incontri Natalizi 2017". Mostra d'arte e solidarietà al Museo Diocesano

Liste d'attesa e problemi a non finire. Pci: "Delusi dall'atteggiamento della politica"

Lavori straordinari alla rete idrica, possibili disservizi ad Orvieto Scalo

Piano Neve per la Stagione invernale 2017-2018. Consigli utili ai cittadini

"Minori stranieri non accompagnati, risorsa per la riqualificazione dei centri storici"

Gabriele Cirilli fa tappa al Teatro Boni con "#TaleEQualeAMe...Again"

Impianto a biomasse, i motivi del ricorso al Tar al centro di un incontro

La Zambelli Orvieto raccoglie le energie per ospitare Ravenna

"Il borgo si illumina", un percorso di presepi artistici nel centro storico

In provincia di Terni immigrazione stabile negli ultimi anni, freno allo spopolamento

Beni storico-religiosi, il Comune illustra al vescovo le priorità nel recupero

Karate, Coppa Nazionale Confederata. Il risultato del lavoro congiunto di Fik e Fiam

Dalla TeMa, l'invito a diventare soci per sostenere la cultura

La Azzurra ci crede, la partita è sua

Auto si ribalta lungo la Strada della Stazione a causa della pioggia

L'adesione del Polo Museale dell'Umbria al convegno

Dialogo in qualche Paradiso

"Frantoi Aperti in Umbria", in archivio l'edizione del ventennale

I "Pescatori notturni" di Romeo Mancini a Palazzo della Penna per "Le ragioni dell'arte"

Sesta edizione, nuovo percorso per "Montalto di Castro accoglie il Bambino Gesù"

Il Mise riconosce Viterbo "città di antica ed affermata produzione ceramica"

"Concerto di Natale" nel Castello Boncompagni Ludovisi di Trevinano

Proiezione di "S is for Stanley" alla presenza del regista Alex Infascelli

Scaricabile "Pieve FilRouge", l'App turistica per scoprire il patrimonio culturale

Sandro Baldoni presenta il film "La botta grossa. Storie da dentro il terremoto"

"Un balcone sul Lago di Corbara". Tra Salviano e Scoppieto, con sosta all'Ovo Pinto

Furti, spaccate e falsi incidenti: il lato "oscuro" del Natale

I vicoli diventano toilette per cani, scoppia la protesta

A Spagliagrano ritiro mensile del clero della Diocesi di Orvieto-Todi

L'Orvietana rallenta, a Giove è pareggio

Grande accoglienzaa Giove, il volto migliore del calcio

Una Vetrya incerottata spreca nell’ultimo quarto

Griffe false, finanza sequestra 6000 capi nell'orvietano

Week end di normale “pazzia” futsalistica per l’Orvieto Fc

Acqua e rifiuti, le scuole visitano gli impianti della provincia

"D'oro e d'argento", rassegna corale di beneficenza al Teatro Boni

Investimento territoriale integrato, ora si passa alla fase operativa

Inaugurati i lavori di Rotecastello, migliorata l'accessibilità al borgo

Semmai un giglio

La Zambelli Orvieto corre forte e semina il San Lazzaro

Orvieto Cittaslow come esempio di turismo culturale a Berlino

Il "frottolo" fiorentino, ovvero: "Chi è causa dei suoi mali..."!

Marta

Parco Nazionale dei Monti Sibillini: rischi lungo i sentieri dopo il sisma, ma non in tutti

Flavio dei miracoli

Risate&Risotti compie dieci anni, in viaggio tra buona cucina e divertimento

La piazza della fontana nascosta

Tradimenti

Cinquanta presepi, mercatini e Babbi Natale in Harley Davidson per le feste

In distribuzione le tessere per i parcheggi gratuiti

Attivata la rete Wi-Fi gratuita in tutto il centro storico

Il Corporale di Orvieto in onda su Rai2 per "Voyager, ai confini della conoscenza"

Controlli intensificati per il Ponte dell'Immacolata, ecco gli esiti

"The Bus Driver is Drunk". Musica live in Piazza della Repubblica

A Castel Viscardo e nelle frazioni si accende il Natale, nel segno della solidarietà

"19 note per un sorriso". Beneficenza insieme a Massimiliano Varrese

Rapina lampo al Monte dei Paschi di Siena, in manette il ladro

Germani rimodula la squadra e va avanti

Senso unico in Via degli Ulivi per lavori urgenti di manutenzione straordinaria della rete idrica

Celebrazioni liturgiche del Natale, tutti gli appuntamenti in Duomo

Selargius spaventa la Azzurra Ceprini

"Un dono per un dono". Mercatino della Croce Rossa in Piazza Gualterio