cultura

"Mario Bizzarri. Archeologo fuori dagli schemi" riporta a Orvieto la "Magica Etruria"

mercoledì 24 settembre 2014
di Davide Pompei
"Mario Bizzarri. Archeologo fuori dagli schemi" riporta a Orvieto la "Magica Etruria"

In sella alla moto, con la sigaretta in mano. "Parrebbe che io cavalchi una moto ma forse, da buon archeologo, non è che una chimera!". Dal bianco e nero di una foto, Mario Bizzarri sorride spiazzante, inconsapevole - o forse sì - di invitare chi lo osserva alla mostra a lui dedicata, nel centenario della nascita, dalla Fondazione per il Museo "Claudio Faina" con cui collaborò fin dalla sua istituzione nel 1957, realizzando campagne di scavo nella necropoli etrusca di Crocifisso del Tufo fino alla nomina a curatore del museo. In quegli anni, Bizzarri riordinò anche la collezione del Museo Civico Archeologico, allora ospitato presso il palazzo dell'Opera del Duomo.

In calligrafia corsiva è sintetizzata la personalità sopra le righe di un archeologo fuori dagli schemi. Figlio dell'architetto Arnolfo, soprintendente per la Regia Soprintendenza per la Conservazione dei Monumenti dell'Umbria e delle Marche. Nipote di Scipione, classe 1853, che aveva lavorato per l’Ufficio Regionale per la Conservazione dei Monumenti delle Marche e dell’Umbria. "Mario Bizzarri. Archeologo fuori dagli schemi" è il titolo scelto per l'allestimento che aprirà i battenti negli spazi del museo archeologico di piazza Duomo, sabato 27 settembre alle 17, dove resterà fino a domenica 11 gennaio. In occasione della mostra, la Nuova Immagine Editrice di Siena ha ristampato i capitoli dedicati ad Orvieto e a Perugia del volume "Magica Etruria" scritto a quattro mani per Vallecchi nel 1968 con Claudio Curri e arricchito dagli scatti di Raffaele Bencini.

L'opera che ricorda "The Cities and Cemeteries of Etruria" di George Dennis ed "Etruscan Places" di David Herbert Lawrence, fu per l'archeologo l'occasione per lasciar correre la penna costruendo su solide basi scientifiche un percorso godibile anche per un lettore non addetto ai lavori. Si tratta, infatti, di una guida-non guida stimolante ancora oggi, a tanti anni di distanza per coloro che si avvicinano al mondo dell'archeologia e dell'etruscologia, in particolare, con curiosità ed apertura mentale. Alla presentazione del volume sarà presente anche l'editore Laura Neri.

"Ho avuto molte peripezie – scriveva Bizzarri nel 1949 in una lettera all'amico Carlo Poglayen – lavoravo al riordinamento del Museo di Terni finché un bel giorno le ‘fortezze volanti’ lo “riordinarono” definitivamente. Passai allora al Museo di Ancona ma anche esso venne riordinato, per via aerea, con lo stesso metodo. E non mi si dica che ero io a portare iella!". Otto anni prima si era laureato a Roma con una tesi dal titolo "Assisi Municipium romano" entrando poi a far parte della Soprintendenza ai Monumenti di Perugia, con giurisdizione sull'Umbria e sulle Marche, fino a curare la riorganizzazione dei musei di Terni ed Ancona.

Dopo la seconda guerra mondiale, passò alla Soprintendenza alle Antichità di Etruria con sede a Firenze, per conto della quale, grazie ad un finanziamento dell’Ente Maremma, condusse indagini archeologiche a Populonia, ad Albinia, nella Maremma Toscana e nelle isole del Giglio e di Giannutri. E s'impegnò anche all’interno del Museo Archeologico Nazionale di Firenze: "Lavoro alla catalogazione delle sculture etrusche in marmo e pietra – scriveva all’amico Valentino Petrangeli – e ho messo i Penati (sapessi che pena, quest’inverno!) nella sala delle urne. Sono circondato da urne e sarcofagi: sui coperchi giacciono gli etruschi (più simpatici di quelli moderni!) con i loro ombelichi al vento e da un certo tempo che vivo con loro oramai li conosco tutti. Il museo è chiuso: quindi la polvere è davvero archeologica. Solo quel grassone laggiù senza testa (la deve aver persa per quell’altra signora, pochi sarcofagi più a destra, che si specchia la faccia procace da bacivendola) viene da me spolverato sistematicamente con amorevole cura. Non che mi interessi particolarmente; non ho avuto mai un debole per i grassoni tanto più senza testa. Il fatto è che su di lui metto il mio cappotto quando entro".

"Ora – diceva nel 1956 rivolgendosi ad Erika Pauli, che poi sarebbe diventata sua moglie – sono impegnato al Museo di Orvieto per la sua nuova sistemazione. È il primo lavoro importante che posso fare e vado alternando periodi di compiacimento a improvvisi scoraggiamenti. Abito, da solo, in un grande palazzo proprio davanti alla facciata del Duomo. La mia stanza non ha porta perché è uno dei locali che poi sarà museo - così ci sono, una dopo l’altra, altre sette sale. La notte quando prima di dormire leggo qualche cosa, il rumore che fa una pagina voltandosi, si ripete come un’eco per tutte le stanze”. "Presto - aggiungeva l'anno dopo - dovrò lasciare il Palazzo perché nella mia stanza di adesso dovrò mettere la Venere – sarebbe uno scandalo, anche se la Venere è del VI secolo!".

Mario Bizzarri, in realtà, non amava particolarmente i musei in quanto tali. "Ho ancora una visione romantica dell’archeologia e mi rimane dentro amaro e pungente il fascino dello scavo aperto e delle rovine in situ. I musei “vivi” mi piacciono, non questi ordinati cimiteri dei quali siamo i diligenti becchini. L’oggetto “catturato” e messo dietro il vetro mi dà una profonda malinconia e un vago senso di colpa". Nel 1964 venne trasferito presso la neonata Soprintendenza per le Antichità dell’Umbria. Tornerà a Firenze, mai abbandonata, due anni dopo in occasione dell’alluvione che colpì anche il museo archeologico.

In qualità di ispettore di Soprintendenza, sono molti gli interventi da lui effettuati nell'Orvietano. Le più eclatanti, le campagne di scavo nella necropoli di Crocifisso del Tufo, nelle estati del 1960 e 1961 e successivamente in quelle del 1963 e 1964. Insieme al rinvenimento, l'anno seguente, di un tratto di muro di terrazzamento/fortificazione posto lungo Via della Cava che ha contribuito a risolvere la vexata quaestio del riconoscimento di Orvieto nell'antica Velzna.

E poi ancora le tombe di Montecavallo, di Poggio Allocco a Titignano, di Monte Melonta presso San Marino nel Comune di San Venanzo. Le campagne di scavo a Plestia, presso Colfiorito di Foligno, dove riporta alla luce strutture pertinenti al municipio romano. Una carriera non lunga, ma intensa fatta anche di collaborazioni con varie riviste tra cui "Studi Etruschi", "Notizie degli Scavi" e "Athenaeum", e con l’Istituto dell’Enciclopedia Italiana (Treccani). Socio ordinario della Deputazione di Storia Patria per l’Umbria e socio corrispondente dell’Istituto Nazionale di Studi Etruschi e Italici, Bizzarri resta a tutti gli effetti un archeologo fuori dagli schemi.

Commenta su Facebook

Accadeva il 21 febbraio

Serena Autieri, doppia principessa del popolo. Al Lyrick, "Diana & Lady D"

Interventi antisismici sui beni culturali. Oltre 2 milioni di euro a Orvieto, più di 18 nella Tuscia

Concorso fotografico "Quel filo sottile…che ci unisce"

Pd Orvieto: "Apprezzamento e soddisfazione per il finaziamento del Mibact"

"No alla geotermia, difendiamo il nostro territorio"

Arriva il ticket online per Civita, la presentazione nello spazio Lazio Innova

Confcommercio: "Occorrono un metodo rigoroso e risorse certe per rilanciare il turismo"

"Monastero Invisibile", una rete di preghiera diocesana per tutte le vocazioni

Cafè Loti in "concerto al buio" al Teatro Boni per "M'illumino di meno"

Gianna Paola Scaffidi e Rosario Galli al Teatro Boni sono "Prigionieri al 7° piano"

"Oltre i confini della pena". Quando il lavoro cambia i destini delle persone

Il Museo Geologico e delle Frane guida le scuole della Teverina alla scoperta del territorio

La Confraternita di San Martino raccontata da Colombo Bastianelli

Museo vulcanologico e illuminazione pubblica spenta un'ora per "M'illumino di meno"

Dal Gal ternano fondi per la Chiesa di San Giovanni Battista e strutture adiacenti

Nella Chiesa di San Giovenale l'ultimo saluto a Marcella Rotili

Sarà l'Unione dei Comuni a gestire le funzioni in carico alla Provincia

Presentata alla Camera dei Deputati la mostra che porta Campo della Fiera in Lussemburgo

Testamento Biologico, registro delle dichiarazioni in Comune

Festival dello Street Food, non c'è l'accordo per l'edizione 2018

Aperte le iscrizioni al Corso di percezione visiva per appassionati di fotografia

Verini (Pd): "Un intervento di grande rilievo"

Comune e Opera del Duomo: "Riconoscimento importante per la tutela della città"

Piazza del Popolo senza auto dal 24 marzo. Orvieto per Tutti: "L'agorà è altrove"

Orvieto FC, sfida contro il Clt per aprire la seconda parte del Campionato

Al Palazzo dei Sette "Riformare la politica in Umbria, in Italia, in Europa"

Spazi pubblici ad associazioni private? Olimpieri (IeT) presenta un'interpellanza

"La traduzione plastica dell'anima". Si presenta il libro dedicato all'arte di Antonio Ranocchia

Brillano stelle tifernati al Premio per la Danza "Città di Orvieto"

La Zambelli Orvieto continua a stupire ed espugna Chieri

Alla Bottega Michelangeli, il FAI Giovani apre "I luoghi di Orvieto che devi proprio scoprire"

Sole e itudine

La Vetrya Orvieto non trova le contromisure, la Favl straripa

"Analytiques and Reflections upon Orvieto". La Kansas State University in Italy alla Bottega Chioccia Tsarkova

"Quando i soldi ci sono, e tanti, ma i risultati lasciano a desiderare...."

“Economia e politica in dialogo”, nell’incontro di Nova Civitas

Edilizia residenziale pubblica, revocata la sospensione delle assegnazioni nei Comuni fuori dal "cratere" sisma

Sanità, avviata la partecipazione sul regolamento per accreditamento strutture sanitarie e socio sanitarie

Triplicate le presenze ai musei del territorio, boom di visitatori nel 2016

"Erborando" all'Orto Botanico Rambelli. Corso per riconoscere le piante commestibili

Sisma, la Regione attiva tre tavoli per la ricostruzione e lo sviluppo delle zone colpite

"Invito a palazzo da Donna Olimpia". Conferenza-incontro e momento conviviale

Furti, truffe e prostituzione preoccupano gli orvietani: “Aumentate i controlli”

"Umbria Jazz Spring" a Terni. "Così si potenzia l'offerta turistica in Umbria"

Quattro nuovi cantieri. "Le risposte ai cittadini arrivano dai lavori in corso"

"L'arte del narrare. Il significato della fiaba di tradizione popolare"

Arriva Umbria Jazz Spring, a Terni 14-17 aprile

Terremoto, Confindustria propone di estendere la "no tax area" anche ad altre zone umbre

Letteralbar e Comune indicono il premio letterario per racconti e poesie brevi a tema libero

Lavori al Palazzo dei Sette, traffico vietato lungo corso Cavour

Il tennis dà spettacolo. Via al Torneo Open BNL 2017 al Club Opensportvillage

Palloncini bianchi per l'ultimo saluto a Laura. "Solo Dio conosce la verità"

Il Ricordo di Luca Coscioni. Note dopo il VI Congresso dell’Associazione Coscioni, Salerno 15-17 Febbraio

Medaglia d’oro al merito civile a Luca Coscioni. Il Sindaco di Orvieto comunica l’intenzione di avviare l’iter

Le iniziative dell'Umbria alla Bit di Milano

Luca Coscioni. Combattente per la vita. Orvieto

Disabili penalizzati da una cultura poco attenta. Odg in Provincia della Sinistra Arcobaleno per l'attuazione della convenzione ONU

Sabato 23 febbraio nella chiesa della Madonna della Cava Concerto della Scuola di Musica 'Adriano Casasole'

Corso di laurea in Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni : superata quota 100

Nuovo traguardo per l’Uisp Scherma Orvieto. L’atleta Ceccaroni 3° a Salerno al Trofeo nazionale “Montepaschi Vita”

Un atto di indirizzo del Consiglio per dare maggiore valenza al Giorno del Ricordo e ad altri particolari eventi del Novecento. Lo sollecita il sindaco Mocio rispondendo a un'interpellanza di AN

Approvate in Consiglio l'acquisizione dell'ex Ospedale e la relazione del Sindaco sulla valorizzazione del patrimonio pubblico a Orvieto

Riqualificazione urbana da Piazza Cahen alle aree commerciali di Corso Cavour nel PUC 2008 del Comune di Orvieto

Dalla Protezione Civile oltre un milione e 500 mila euro per interventi di difesa idraulica e ripristino di aree in frana

Sicurezza sul lavoro: se ne parla sabato 23 febbraio con il Sottosegretario alla Salute Gian Paolo Patta in un'iniziativa della Sinistra Arcobaleno

Festival dei Complessi Bandistici Umbri: domenica al Mancinelli secondo appuntamento di Scorribanda. Alle ore 18,00 il Concerto Musicale di Cannara

A Roma fino al 2 marzo gli inquietanti tableaux di Gregory Crewdson. Unica tappa europea del fotografo americano