cultura

"Mario Bizzarri. Archeologo fuori dagli schemi" riporta a Orvieto la "Magica Etruria"

mercoledì 24 settembre 2014
di Davide Pompei
"Mario Bizzarri. Archeologo fuori dagli schemi" riporta a Orvieto la "Magica Etruria"

In sella alla moto, con la sigaretta in mano. "Parrebbe che io cavalchi una moto ma forse, da buon archeologo, non è che una chimera!". Dal bianco e nero di una foto, Mario Bizzarri sorride spiazzante, inconsapevole - o forse sì - di invitare chi lo osserva alla mostra a lui dedicata, nel centenario della nascita, dalla Fondazione per il Museo "Claudio Faina" con cui collaborò fin dalla sua istituzione nel 1957, realizzando campagne di scavo nella necropoli etrusca di Crocifisso del Tufo fino alla nomina a curatore del museo. In quegli anni, Bizzarri riordinò anche la collezione del Museo Civico Archeologico, allora ospitato presso il palazzo dell'Opera del Duomo.

In calligrafia corsiva è sintetizzata la personalità sopra le righe di un archeologo fuori dagli schemi. Figlio dell'architetto Arnolfo, soprintendente per la Regia Soprintendenza per la Conservazione dei Monumenti dell'Umbria e delle Marche. Nipote di Scipione, classe 1853, che aveva lavorato per l’Ufficio Regionale per la Conservazione dei Monumenti delle Marche e dell’Umbria. "Mario Bizzarri. Archeologo fuori dagli schemi" è il titolo scelto per l'allestimento che aprirà i battenti negli spazi del museo archeologico di piazza Duomo, sabato 27 settembre alle 17, dove resterà fino a domenica 11 gennaio. In occasione della mostra, la Nuova Immagine Editrice di Siena ha ristampato i capitoli dedicati ad Orvieto e a Perugia del volume "Magica Etruria" scritto a quattro mani per Vallecchi nel 1968 con Claudio Curri e arricchito dagli scatti di Raffaele Bencini.

L'opera che ricorda "The Cities and Cemeteries of Etruria" di George Dennis ed "Etruscan Places" di David Herbert Lawrence, fu per l'archeologo l'occasione per lasciar correre la penna costruendo su solide basi scientifiche un percorso godibile anche per un lettore non addetto ai lavori. Si tratta, infatti, di una guida-non guida stimolante ancora oggi, a tanti anni di distanza per coloro che si avvicinano al mondo dell'archeologia e dell'etruscologia, in particolare, con curiosità ed apertura mentale. Alla presentazione del volume sarà presente anche l'editore Laura Neri.

"Ho avuto molte peripezie – scriveva Bizzarri nel 1949 in una lettera all'amico Carlo Poglayen – lavoravo al riordinamento del Museo di Terni finché un bel giorno le ‘fortezze volanti’ lo “riordinarono” definitivamente. Passai allora al Museo di Ancona ma anche esso venne riordinato, per via aerea, con lo stesso metodo. E non mi si dica che ero io a portare iella!". Otto anni prima si era laureato a Roma con una tesi dal titolo "Assisi Municipium romano" entrando poi a far parte della Soprintendenza ai Monumenti di Perugia, con giurisdizione sull'Umbria e sulle Marche, fino a curare la riorganizzazione dei musei di Terni ed Ancona.

Dopo la seconda guerra mondiale, passò alla Soprintendenza alle Antichità di Etruria con sede a Firenze, per conto della quale, grazie ad un finanziamento dell’Ente Maremma, condusse indagini archeologiche a Populonia, ad Albinia, nella Maremma Toscana e nelle isole del Giglio e di Giannutri. E s'impegnò anche all’interno del Museo Archeologico Nazionale di Firenze: "Lavoro alla catalogazione delle sculture etrusche in marmo e pietra – scriveva all’amico Valentino Petrangeli – e ho messo i Penati (sapessi che pena, quest’inverno!) nella sala delle urne. Sono circondato da urne e sarcofagi: sui coperchi giacciono gli etruschi (più simpatici di quelli moderni!) con i loro ombelichi al vento e da un certo tempo che vivo con loro oramai li conosco tutti. Il museo è chiuso: quindi la polvere è davvero archeologica. Solo quel grassone laggiù senza testa (la deve aver persa per quell’altra signora, pochi sarcofagi più a destra, che si specchia la faccia procace da bacivendola) viene da me spolverato sistematicamente con amorevole cura. Non che mi interessi particolarmente; non ho avuto mai un debole per i grassoni tanto più senza testa. Il fatto è che su di lui metto il mio cappotto quando entro".

"Ora – diceva nel 1956 rivolgendosi ad Erika Pauli, che poi sarebbe diventata sua moglie – sono impegnato al Museo di Orvieto per la sua nuova sistemazione. È il primo lavoro importante che posso fare e vado alternando periodi di compiacimento a improvvisi scoraggiamenti. Abito, da solo, in un grande palazzo proprio davanti alla facciata del Duomo. La mia stanza non ha porta perché è uno dei locali che poi sarà museo - così ci sono, una dopo l’altra, altre sette sale. La notte quando prima di dormire leggo qualche cosa, il rumore che fa una pagina voltandosi, si ripete come un’eco per tutte le stanze”. "Presto - aggiungeva l'anno dopo - dovrò lasciare il Palazzo perché nella mia stanza di adesso dovrò mettere la Venere – sarebbe uno scandalo, anche se la Venere è del VI secolo!".

Mario Bizzarri, in realtà, non amava particolarmente i musei in quanto tali. "Ho ancora una visione romantica dell’archeologia e mi rimane dentro amaro e pungente il fascino dello scavo aperto e delle rovine in situ. I musei “vivi” mi piacciono, non questi ordinati cimiteri dei quali siamo i diligenti becchini. L’oggetto “catturato” e messo dietro il vetro mi dà una profonda malinconia e un vago senso di colpa". Nel 1964 venne trasferito presso la neonata Soprintendenza per le Antichità dell’Umbria. Tornerà a Firenze, mai abbandonata, due anni dopo in occasione dell’alluvione che colpì anche il museo archeologico.

In qualità di ispettore di Soprintendenza, sono molti gli interventi da lui effettuati nell'Orvietano. Le più eclatanti, le campagne di scavo nella necropoli di Crocifisso del Tufo, nelle estati del 1960 e 1961 e successivamente in quelle del 1963 e 1964. Insieme al rinvenimento, l'anno seguente, di un tratto di muro di terrazzamento/fortificazione posto lungo Via della Cava che ha contribuito a risolvere la vexata quaestio del riconoscimento di Orvieto nell'antica Velzna.

E poi ancora le tombe di Montecavallo, di Poggio Allocco a Titignano, di Monte Melonta presso San Marino nel Comune di San Venanzo. Le campagne di scavo a Plestia, presso Colfiorito di Foligno, dove riporta alla luce strutture pertinenti al municipio romano. Una carriera non lunga, ma intensa fatta anche di collaborazioni con varie riviste tra cui "Studi Etruschi", "Notizie degli Scavi" e "Athenaeum", e con l’Istituto dell’Enciclopedia Italiana (Treccani). Socio ordinario della Deputazione di Storia Patria per l’Umbria e socio corrispondente dell’Istituto Nazionale di Studi Etruschi e Italici, Bizzarri resta a tutti gli effetti un archeologo fuori dagli schemi.

Commenta su Facebook

Accadeva il 16 ottobre

Bazar

La Zambelli Orvieto combatte ma si piega al forte Cuneo

Tecnici dell'Orvieto FC alla Parma Academy per un weekend di aggiornamento

Ecco i Comuni umbri da dove fuggono i giovani tra 25 e 40 anni

Sulla fecondità morale di una non più rinviabile rivoluzione culturale

Vendemmia vita

I violini barocchi vanno in mostra all'Antiquarium di Tenaglie

Nuovo parroco ad Allerona Scalo, alla guida della parrocchia don Eugenio Campini

Chiusa per lavori la Chiesa di San Pancrazio Martire. Riaprirà a dicembre

"Via Signorelli chiusa h24. Perché?". Olimpieri (IeT): "Danni e disagi per i cittadini"

La Narnese rovina la festa all'Orvietana, 4 - 2: biancorossi ko

Tra mistero e racconto, l'universo femminile di Pietro Archis

Via ai lavori sulla strada regionale 205 Amerina. Interventi per quasi 70.000 euro

Noto professionista stroncato da un malore, inutili i soccorsi

Buona la prima per la Vetrya Orvieto Basket

Di nuovo "On Air". Radio Orvieto Web riprende le trasmissioni

Il Castello di Torre Alfina diventa fiaba per "The Hunting. Il Gioco dell'Amore" dei Cherries

Scuola, concluse le conferenze d'ambito. A giorni, il Piano complessivo da trasmettere in Regione

Chianella al convegno di Alta Scuola: "Maggiore attenzione al dissesto idrogeologico"

Fondazione Giovanni Paolo II e Centro Peres per la Pace, si firma l'accordo

"Cannabis, il farmaco e la droga". Uil presenta il corso di formazione

Inaugurato il nuovo campo in erba dello Stadio "Luigi Muzi"

"Omaggio a Stefano Rodotà". Doppio appuntamento in Sala Consiliare e al Palazzo dei Sette

Festival Nazionale del Gioco e delle Tradizioni, "un'esperienza da ripetere"

Asl 2, i sindacati dei pensionati chiedono il rispetto degli impegni presi

La Azzurra Ceprini torna da Bologna a mani vuote

Simon Picone, mediano di mischia della Nazionale, incontra i rugbysti al De Martino

Giornate della Castagna, primo weekend da incorniciare

Al via pulizia e taglio della vegetazione presso il Belvedere del Moai

Mostra fotografica e brindisi a "La Casella" per festeggiare trent'anni di attività

Dall'Otto per Mille, oltre 480.000 euro al Parco di Vulci

Con "CamminainTuscia", la Via Francigena è sulla buona strada

Arriva "Box 18". Il Comune regala la Costituzione ai neo-maggiorenni

"Alternanza Day" alla Camera di Commercio, tra scuola e lavoro

Sul timpano spunta "Il gruccione". L'arte di strada per migliorare il decoro urbano

Inaugurato il giardino inclusivo della Scuola dell'Infanzia di Ammeto

Ricci (RP): "La Regione si attivi per valorizzare Parco e Museo Vulcanologico"

Nuovo libro per Claudio Lattanzi, "Orvieto nel Medioevo. Ascesa e declino"

"Occhi allo Specchio". Descrizioni dal vero Orvieto-Montecchio - 16

Il clero della Diocesi elegge il nuovo consiglio presbiteriale

Nucci (San Venanzo Viva): "Il sindaco se ne infischia dell'opposizione"

Il Comune dichiara guerra alle biciclette: "Via dal parcheggio di Via Roma"

Tordi (M5S) replica a Bizzarri: "Segnaletica inesistente e monumenti bistrattati"

Incontro partecipativo per costruire insieme la "mappa di comunità"

Foto, storie e ricordi di Orvieto fuori dai cassetti. Il primo ad aprirli è Reno Montanucci

Si presenta il restauro artistico e architettonico di San Giovenale

Il Centro Antiviolenza di Orvieto apre le porte

Alert System, cosa è e come funziona. Rischio denuncia per chi procura falsi allarmi

Al Mancinelli Pino Strabioli e Alice Spisa portano in scena "L'abito della sposa"

Vergaglia (M5S): "Portiamo Orvieto a Bruxelles. Nota stonata la bocciatura dell'Ufficio Europa"

Vertenza Ast, Orvieto aderisce allo sciopero. Germani: "Sostegno ai lavoratori"

In arrivo la prima edizione del festival del dialogo "CuriosaMente"

Prima giornata per il festival del dialogo CuriosaMente

Seconda giornata per il festival del dialogo "CuriosaMente"

Terza giornata per il festival del dialogo "CuriosaMente"

Al via la 24esima edizione della Mostra Micologica

Le cooperative di Orvieto: "Lo sciopero sortisca effetti"

La Libertas Pallavolo Orvieto se la vede con il Clitunno Volley

Cgil, Cisl e Uil: "Dalla mobilitazione una proposta alternativa per il futuro della nostra comunità"

Un convegno per riflettere su "Alzheimer. Una lotta contro la disabilità"

Al Giubileo del Malato le testimonianze di Giosy Cento

Gioventù nazionale insieme all'associazione "Non c'è fango che tenga"

A Morre la castagna è regina dell'autunno

Ars Wetana, una tradizione ritrovata. Alla ricerca delle artigiane artiste del prezioso merletto orvietano

Breve storia dell'Ars Wetana

Trasferimento dei rifiuti campani. Nettamente contraria Altra Città: 'Le ecoballe dirigetele altrove'

Yunus, un esempio per tutti: i veri grandi non hanno presunzione

Il comunicato del Comune di Orvieto sull'assegnazione del Premio per i Diritti umani 2004 a Muhammad Yunus

Prime giornate cardiologiche orvietane: il progetto Orvieto Cittàcardioprotetta si presenta a livello nazionale

Si mobilita l'UDC. Enrico Melasecche: occorre difendere Orvieto dalla falsa solidarietà ambientale della sinistra

27-29 ottobre. Convegno a Collevalenza sulla prima Enciclica di Benedetto XVI DEUS CARITAS EST

La Romeo Menti a Collescipoli viene raggiunta nei minuti finali

Prova maiuscola della Romeo Menti che in juniores regionale batte la capolista Nestor

Debutto in scioltezza per i maschi del volley orvietano: la Libertas Pallavolo Orvieto schiaccia il Gualdo Tadino per 3-0

Abile excursus pianistico nella forma Fantasia. Pieno successo del Concerto del maestro Cambri al Festival Valentiniano

Diffondere la cultura d'impresa tra i giovani. L'impegno congiunto dell'amministrazione orvietana e Novaumbria

Insediamento della Coop centro Italia sull'Amerina: la Conferenza dei Servizi ha detto sì. Al via la megadistribuzione

Il piano integrato del sistema commerciale del Comune di Orvieto: le linee

La lavorazione del merletto orvietano

Velia Pollegioni

Renata Cardarelli

Maria Piacentini

Antonietta Burattino Ubaldini

Manuela Ciotti

Scrosci di applausi per Luca De Filippo al Mancinelli. Il lavoro della Te.Ma comincia a dare buoni frutti