cultura

Importante iniziativa di studio ad Allerona sull'iconografia di Sant'Ansano

giovedì 12 dicembre 2013
di Claudio Urbani
Importante iniziativa di studio ad Allerona sull'iconografia di Sant'Ansano

Si è tenuto ad Allerona un importante convegno di studi sull'iconografia di Sant'Ansano, giovane romano martirizzato a Siena nel 303, venerato in loco da tempo immemorabile come protettore e patrono. Relatori dell'iniziativa culturale, promossa dalla locale Compagnia che al Santo si intitola, sono stati la dottoressa Giovanna Bandinu dell'Ufficio Beni Culturali della diocesi di Orvieto Todi, l'ingegner Giuseppe Fortunati ricercatore storico di Narni e l'archeologo Claudio Bizzarri, direttore del Parco Archeologico Ambientale dell'Orvietano.

Abituati da lungo tempo a riconoscere Sant'Ansano raffigurato con la palma del martirio e con l'asta sormontata da una bandiera con i colori della città di Siena, ha suscitato negli ultimi anni non poca curiosità, specialmente dopo l'avvento di Internet e l'esecuzione dei restauri di molte chiese, la scoperta di un numero impressionante di luoghi di culto dedicati a sant'Ansano, soprattutto nel basso Medioevo, specie nelle regioni dell'Italia centrale. Ancor più sorprendente il fatto che le pitture murarie e le sculture, eseguite in tanti casi anche da artisti di chiara fama, raffigurino il Santo con molteplici caratteristiche iconografiche, a seconda delle varie aree geografiche, e in particolare con in mano la trachea a cui sono attaccati i polmoni nel ternano, nel perugino e nell'assisano, con un cuore in mano a Lucca e nei paesi della Lucchesia, come giovane cavaliere a cavallo a San Cassiano di Controne (LU), o con la palma e la veste di diacono come a Pieve del Pino in comune di Sasso Marconi (BO).

Sono state rinvenute anche immagini in cui il Santo è presentato con più attributi iconografici contemporaneamente, come nella chiesa di Santo Stefano a Orvieto, restaurata di recente, ma anche in altri luoghi. I relatori hanno presentato le loro prime approfondite argomentazioni con puntuali riferimenti alla storia dell'arte cristiana, costellata di raffigurazioni di santi, avvalendosi anche degli studi di storici e critici d'arte contemporanei, soprattutto Federico Zeri, per rispondere ai motivi per cui un determinato simbolo è associato a Sant'Ansano e quale significato si cela dietro ai simboli che ne caratterizzano l'iconografia.

In particolare la dottoressa Bandinu, con il conforto di una serie di scritti e di immagini gran parte di origine orvietana, ha prospettato la tesi che, al di la dell'iconografia certa della palma simboleggiante il martirio, del vessillo con balzana o bandiera crociata, le immagini raffiguranti Sant'Ansano con cuore, trachea, polmoni e fegato siano da attribuire dal XV secolo in poi, ove il Santo era invocato come taumaturgo per tutti i mali interessanti gli apparati interni dell'uomo e in alcuni casi invocato come protettore della città. A fronte di ciò, la dottoressa ha fatto notare come nella chiesa di S. Stefano, in un affresco di scuola orvietana degli inizi del XV secolo, è raffigurato Sant'Ansano con una doppia iconografia, ossia sia con palma del martirio e bandiera crociata, trachea e polmoni e con collo macchiato di sangue, per ricordare il martirio del Santo avvenuto per decapitazione. L'iconografia di Sant'Ansano raffigurato a Orvieto nella chiesa di S. Stefano probabilmente è un inedito e un unicum nel suo genere fino ad oggi.

L'ingegner Giuseppe Fortunati, attraverso il rinvenimento di circa un centinaio di immagini pittoriche di Sant'Ansano, per la quasi totalità nelle chiese della diocesi di Terni Narni e Amelia, molte delle quali dedicate a Santi dell'Ordine francescano o dallo stesso officiate, ha prospettato l'ipotesi che la diffusione del culto di questo Santo nel ternano e nell'amerino narnese possa essere attribuita all'Ordine stesso. Ha allargato l'ipotesi anche alla circostanza storica che la devozione possa essere stata introdotta nello stesso territorio nei secoli XIV e XV da una serie quasi ininterrotta di vescovi di origine senese mandati dalla Chiesa a guida della diocesi di Narni, consolidando con poteri di guarigione la fama del nostro Santo, senza escludere che alla diffusione del culto possa aver contribuito nello stesso periodo la presenza di cittadini narnesi tra le late magistrature Toscane ed in particolare tra i Podestà e capitani del popolo di Firenze e altre località. Quanto agli attributi della trachea e dei polmoni, presenti nelle raffigurazioni nell'area Umbra oltre il fiume Tevere e nella valle del Nera fino a Perugia e Viterbo, ha avanzato un accostamento con le conoscenze anatomiche e le pratiche chirurgiche della scuola di Preci nella Valle Castoriana.

L'archeologo Claudio Bizzarri, dopo aver illustrato i risultati della prima campagna di scavi, di rilevante utilità scientifica, condotti nella primavera scorsa in contrada S. Ansano di Allerona su un'antica costruzione nei pressi dell'antica Via Traiana Nova, di epoca sicuramente romana e trasformata in seguito in chiesa dedicata allo stesso Santo ha insistito, dal canto suo, sull'ipotesi che il motivo iconografico di Sant'Ansano che tiene in mano una trachea alla quale sono sospesi due polmoni o un cuore e un fegato, sia piuttosto da ricollegare a ricordi pagani, soprattutto etruschi ancora vivi nella tradizione popolare all'epoca della loro raffigurazione.
Il convegno è servito a gettare le basi per un ulteriore approfondimento della materia attraverso uno studio interdisciplinare che porti da un lato a rafforzare queste prime conclusioni scientifiche, con l'auspicio di creare un circuito del centro Italia che coinvolga le località di Allerona, Narni, Siena, Assisi ed altre in cui è ed è stato forte il culto di Sant'Ansano.

Commenta su Facebook

Accadeva il 21 gennaio

Complanare, nuova fase di spinta oleodinamica del ponte in acciaio

"Le Grandi Firme della Tuscia". In distribuzione il terzo numero dell'aperiodico di Letteralbar

Azzurra Ceprini A1. Palla a due al PalaPorano con San Martino di Lupari

Montelone, la Provincia scioglie il silenzio. La prossima settimana, il bando per i lavori stradali

In manette 22enne, rubò chioccia con tutti i pulcini

Larocca interrompe lo sciopero: "L'amministrazione continuerà a vigilare"

Approvato l'odg per inserire il "reato di tortura" nell'ordinamento italiano. Il plauso di Amnesty International

Esce "Studi Interrotti", l'album d'esordio de "Gli Scontati". Il 28 gennaio al Valvola

Sfilata di maschere e carri allegorici per la "Festa di Carnevale" di Porano

Torna a luglio la seconda edizione del Premio Letterario "Città di Lugnano"

Tir si ribalta in Autostrada, code e disagi bloccano il traffico

Due ristoranti "nostrani" alla sfida Tv di Alessandro Borghese

Lasciavano le auto su "quattro ceppi" e scappavano, beccata la banda del cric

Regione contro l’inceneritore in Umbria, ma i comitati chiedono garanzie sulle discariche

Garbini lascia, si dimette il sindaco di Castel Giorgio

Bollo per i veicoli di interesse storico o collezionistico: dal primo gennaio riduzione del 10 per cento

Auto alluvionate, Sacripanti (FdI-An) sollecita un nuovo bando per il risarcimento dei danni

Consiglio regionale, respinta la mozione sul "sostegno alla famiglia naturale"

Punti nascita, la presidente Marini rassicura: “Non sono previste altre chiusure”

"Ravensbrück. Il lager delle donne", gli scatti di Ambra Laurenzi al Palazzo del Popolo per il Giorno della Memoria

A Città della Pieve nasce il liceo musicale. Open Day di presentazione

"Internet e le nuove generazioni: ripartiamo dalla famiglia". Incontro conclusivo per "Famiglie al centro"

Differenziata lumaca, ora la Regione corre ai ripari: obiettivo 60% entro l'anno

Piano comunale di classificazione acustica, nulla di fatto. In standby le controdeduzioni

Kino-Workshop al Centro Viva. A lezione di linguaggio cinematografico

Incontro informativo sull'iniziativa comunitaria "Garanzia Giovani"

Jasmine Rossini: "Per la Zambelli Orvieto il campionato è aperto"

Cardinali al Sindaco: "Sul parco del Paglia ci dica cosa bolle in pentola"

Sanità, la giunta regionale umbra sospende il ticket intramoenia

Folklore e tradizione si incontrano per la seconda "Giornata delle Pasquarelle"

Il vescovo presiede i funerali di don Adelmo Ciurletti

Sacripanti (FdI-An) propone l'istituzione di un forum civico in materia di assistenza socio-sanitaria

Dall'orto al piatto. Dalla collaborazione fra le scuole, un progetto sperimentale

La Regione investe quasi 3 milioni di euro per finanziare la competitività delle aziende vitivinicole

Centro Studi, via allo "Spring Semester" della Kansas State University e della University of Arizona

Orvieto tra le sezioni Cai che hanno collaborato alla rete sentieristica-escursionistica umbra

Furti e atti vandalici al Fanello. Tardani: "L'amministrazione si attivi per garantire la sicurezza ai cittadini"

Il Consiglio dei Ministri commissaria L'Umbria e decide per la chiusura anticipata della caccia

Ballo in maschera al Teatro Boni. Musica e divertimento, come in una favola

Luciani sollecita la riqualificazione di Piazza del Commercio: "Come si sta muovendo il Comune?"

Il Comune ricorrerà al Consiglio di Stato, Germani: "Il terzo calanco non si farà"

Lo Sportello del Consumatore chiude i battenti: riflessioni sulla conclusione di un'esperienza

Rometti: "Per la Regione su Orvieto non ci sono assolutamente esigenze di ampliamento della discarica al terzo calanco"

L'assessore Cecchini: "Si è fatta ricadere sulle Regioni l’incongruenza fra le norme nazionali ed europee"

Contratti di Fiume, Minervini chiarisce la posizione delle associazioni private: "Fuori dalla Cabina di Regia".

Galanello Pd: "No al terzo calanco, l'obiettivo dell'Umbria è la minimizzazione dello smaltimento in discarica"

Il Circolo Pd di Orvieto Scalo al lavoro per la riqualificazione del quartiere

Scopetti e Taddei Pd: "No categorico al terzo calanco, Comune e Regione non devono mollare"

Il teatro amatoriale colora Monteleone. La rassegna al Teatro dei Rustici compie vent'anni