cultura

Sotto il cielo degli Etruschi. Torna la notte bianca al Fanum Voltumnae

lunedì 29 luglio 2013
Sotto il cielo degli Etruschi. Torna la notte bianca al Fanum Voltumnae

E' finalizzata a conoscere da vicino ed apprezzare gran parte del patrimonio etrusco di Orvieto, conservato o ancora da svelare nel Parco Archeologico Ambientale dell'Orvietano, "Sotto il cielo degli etruschi", la notte bianca al Fanum Voltumnae in programma in località Tamburino - Ponte del Sole per venerdì 2 agosto, dalle 21 in poi. Una formula, quella della notte bianca, che si inserisce nell'ambito delle numerose iniziative di "promozione in notturna" del patrimonio artistico che il Ministero per i Beni e le Attività Culturali da tempo sta realizzando, e che hanno il pregio di far leva su una molteplicità di suggestioni visive, emozionali e d'atmosfera che una tradizionale visita guidata non favorirebbe. Con l'ausilio di suoni e luci, l'appuntamento pone sotto una prospettiva diversa il grande patrimonio di storia, cultura e arte che sono il carattere distintivo del territorio di Orvieto e che, per queste ragioni, come già accaduto nelle precedenti edizioni, è stato sempre molto apprezzato dal pubblico di ogni età.

Tema della visita: "Memorie, fuochi, magie". Il tutto, allietato da spettacoli artistici di giocolieri dell'Associazione "Mercenari d'Oriente". Una serata molto particolare che gli organizzatori vogliono dedicare a Claudia Giontella, archeologa e ricercatrice dell'Università di Macerata, attenta e preziosa collaboratrice che tanto ha contribuito alle indagini fin dal loro inizio, prematuramente scomparsa un anno fa.

L'ingresso è gratuito. Sono previsti quattro turni di 70 persone ciascuno ad iniziare dalle ore 21. Per partecipare occorre la prenotazione obbligatoria (tel. 339.7541306). L'orario di visita va rigorosamente rispettato. Si ricorda che l'adesione "volontaria" all'evento solleva gli organizzatori da ogni responsabilità. Il servizio d'ordine sarà coordinato dalla Protezione Civile. Come per le precedenti campagne di scavo, la notte bianca al Fanum Voltumnae è patrocinata da: Comune di Orvieto, PAAO / Parco Archeologico Ambientale dell'Orvietano, Protezione Civile e Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto e Cassa di Risparmio Spa.

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 gennaio

Madame Bovary

Indagine della Procura, le puntualizzazioni di Enel

Giorno della Memoria, ricordare per prevenire. Iniziative della Cgil a Perugia e Terni

Conferenza su "Il mito di Giulia Farnese: amori, potere, storia…"

Robotica e agricoltura di precisione con il Progetto Pantheon

Orvieto FC, la prima squadre batte il GubbioBurano secondo in classifica

Per la Zambelli Orvieto è un momento magico, conquistata Montecchio Maggiore

Orvietana, sconfitta pesante contro il San Sisto

Finisce in carcere per una rapina in banca messa a segno due anni fa

Sicurezza, trecento controlli in due settimane sul territorio

Rti avanza richieste economiche al Comune, Tardani interroga il sindaco

Lia Tagliacozzo presenta il libro "La Shoah e il Giorno della Memoria"

L'Istituto per la Storia dell'Umbria Contemporanea per il Giorno della Memoria

In biblioteca lettura di "Sonderkommando Auschwitz" di Shlomo Venezia

Dal Castello Baronale alla Cappella Baglioni, fino al caffè a Villa Lais

Contro Azzurra Orvieto, Campobasso resiste ma non passa

Una brutta Vetrya Orvieto Basket lascia la vetta a Perugia

Violenza di genere, firmato il protocollo d'intesa per la realizzazione del sistema regionale di contrasto

"A spasso con ABC", giornata finale per i narratori del futuro

Sul palco del Rivellino, Anna Mazzamauro è "Nuda e Cruda"

Iniziative in tutta l'Umbria per San Francesco di Sales, patrono di giornalisti e comunicatori

"Col trattore in Complanare", in 140 a Ciconia per la benedizione dei mezzi agricoli

Il consiglio regionale FIE Umbria conferma alla presidenza Giulia Garofalo

Rumori di lavori in corso a Palazzo Monaldeschi, Olimpieri (IeT) interroga il Comune

Al Concordia, serata dedicata al teatro con "Il Canto del Gallo"

Comitato Scansano Sos Geotermia: "Il pericolo non va esportato in Maremma"