cultura

L'introduzione a "e Io sono una Rosa"

lunedì 22 luglio 2013
di Laura Ricci

L'amorosa costrizione

Spesso, in chi scrive versi e ha la fortuna di conoscere qualche lingua almeno quanto basta per leggere e gustare poesia in versione originale, si fa avanti a un dato momento la tentazione di cimentarsi nella rischiosa impresa del tradurre. Pur sapendo, ancor prima di iniziare, che il proprio mettersi a servizio del testo non potrà mai rendere, di quel testo, la meravigliosa e unitaria perfezione. Voler fare mediazione linguistica, specie nella poesia, richiede sempre un atto di umiltà: sappiamo che per quanta cura e per quanto amore metteremo nell'impegno, produrremo comunque una diminutio.
Perché dunque arrischiarsi a una tale impresa? Perché misurarsi, da poeti o poete, con le grandi voci che ci hanno preceduto, avvinto, ammaestrato? Talmente immense, oltretutto, da incutere un religioso timore.
Per amore di quelle voci e della materia, indubbiamente, di quel ritmo e di quella musica - armonica o disarmonica, piana o sincopata - che al di là del messaggio ne hanno fatto poesia. E, nel mio caso, per quell'attitudine che ho recentemente definito come "poetica dell'amorosa costrizione", una scelta che sottende la mia scrittura anche quando si esplica in prosa.
Il concetto è nato all'interno del mio recente lavoro narrativo, Dodecapoli (LietoColle 2010), dove l'amorosa costrizione è data dalle piazze e dalle architetture alle quali ho coniugato le storie e l'interiorità delle protagoniste dei dodici racconti del libro. "Nulla nel mio lavoro di scrittura nasce o procede a caso - scrivevo allora - come nella ricerca rigorosa e amorosa della mistica è nella costrizione che la parola cerca la strada". Perché se ha una qualche ambizione creativa, la scrittura, è libertà o addirittura infrazione, ma ragionata. Lo insegna, per fare un esempio fra tutti, la perfetta meraviglia formale dei sonetti di Arthur Rimbaud.

Anche la traduzione è una costrizione amorosa. E se in Dodecapoli a segnare la strada erano le architetture e gli spazi, in questo lavoro a costringere gentilmente sono state le rose e, con loro, la struttura formale in cui, da alcune grandi voci poetiche, sono state racchiuse.
Perché ho scelto "la rosa" non occorre spiegarlo. Emerge, in molti e diversi petali, dal percorso di lettura di questo piccolo libro: vanitas talmente potente, "la rosa", da aver rovesciato nel suo opposto, in quanto segno, la simbologia di cui è stata, nei secoli, caricata. Mi sono affidata, per sostanziare la loro grazia, al giardino di Walter Branchi, rodologo gentile e nella sua ricerca lietamente rigoroso che, delle rose, sente da sempre la voce e la musica.
In amorosa costrizione, osservando e annusando le sue specie, come nel balzo metamorfico di Emily Dickinson ho voluto trasformare ogni poesia in una rosa. E nell'epoca in cui tutto può essere infranto e permesso, in cui anche la parola rimbomba e risuona nella più ampia, talvolta perniciosa "libera" approssimazione - etica, comunicativa, stilistica - ho voluto rispettare, dei componimenti scelti, non tanto e non solo il senso, quanto la loro stessa costrizione amorosa: la forma, il ritmo, la rima, la musica.
Non è stata impresa facile. A sorreggermi ho avuto dalla mia una buona dose di ostinazione, l'incrollabile fiducia nella tacita attesa e nei molti, fertili rivoli di parola che affiorano da quel fare silenzio e vuoto. A guidarmi sono state le rose: quelle di Walter Branchi, che ringrazio per le sue foto d'archivio e per i preziosi consigli; e quelle dei poeti e delle poete che, nei secoli, della marcescibile/immarcescibile rosa hanno cantato e scritto.


Questa notizia è correlata a:

"e Io sono una Rosa". Rose immortali scelte e tradotte da Laura Ricci. Respirano nel giardino di Walter Branchi

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 26 maggio

Meteo

giovedì 26 maggio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento

--

--

--

--

--

--

--

--

--

--

--

--

21:00 15.4ºC 74% buona direzione vento
venerdì 27 maggio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 24.0ºC 51% buona direzione vento
15:00 27.8ºC 35% buona direzione vento
21:00 16.5ºC 56% buona direzione vento
sabato 28 maggio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 25.4ºC 43% buona direzione vento
15:00 27.3ºC 42% buona direzione vento
21:00 17.9ºC 77% buona direzione vento
domenica 29 maggio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 23.8ºC 60% buona direzione vento
15:00 23.5ºC 55% buona direzione vento
21:00 15.2ºC 91% buona direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni