cultura

Bolsena festeggia la Patrona. Grande attesa per i Misteri di Santa Cristina

domenica 21 luglio 2013
Bolsena festeggia la Patrona. Grande attesa per i Misteri di Santa Cristina

Sono ormai sedici secoli che Bolsena, ogni 24 luglio, commemora il martirio di Santa Cristina: la fanciulla concittadina che, secondo l'agiografia, a soli 11 anni seppe intrepidamente affermare il proprio credo religioso. Subito la sua tomba fu meta della devozione degli abitanti del luogo e la memoria del suo martirio si tramandò di generazione in generazione, tanto che Cristina fu eletta speciale patrona della città di Bolsena, e proprio la presenza della sua tomba riuscì a mantenere in vita l'esiguo abitato dopo la distruzione della Volsinii romana. Il nome di Santa Cristina appare nei più antichi martirologi della Chiesa, il Geronimiano e il Romano, e sullo scarno ricordo di un nome, di una data e di un luogo si creò una passione il cui testo più antico risale al V secolo.

La fortunata posizione del suo Santuario, sulla consolare Cassia, contribuì notevolmente al diffondersi del culto in tutto il mondo cristiano, tanto che la sua immagine compare nella celebre teoria dei santi più venerati nell'antichità in Sant'Apollinare Nuovo a Ravenna, opera musiva risalente al VI secolo. In età medioevale i pellegrini che transitavano sulla via Francigena, da e per Roma, incrementarono il diffondersi della devozione, che non si limitò all'Italia ma si diffuse anche in altri luoghi della cristianità, particolarmente in Spagna.

Pellegrino a Roma fu anche quell'anonimo sacerdote d'oltralpe che, come narra una sacra rappresentazione della prima metà del XIV secolo, celebrando l'Eucaristia sulla tomba della martire vide l'ostia consacrata tramutarsi in carne, riuscendo così a liberare la sua coscienza dal dubbio della presenza reale. Le cronache narrano che tale evento miracoloso accadde nel 1263 e Bolsena, insieme a Orvieto, in questo anno 2013 ne celebra il 750° anniversario.

Cristina fu anche considerata la santa del lago, tanto che il lago sesso portò il nome della martire per secoli. E il lago, con i suoi prodotti, contribuiva alla buona riuscita della sua solennità a Bolsena, giacché i paesi rivieraschi erano tenuti al pagamento di una tassa sul pescato a favore della festa della santa. Sempre in età medioevale l'immagine di Cristina si standardizzò con gli attributi della macina (con la quale venne gettata nelle acque del lago) e della freccia (arma che mise fine alla sua vita). Venne invocata speciale patrona dei mulini e dei mugnai, di arcieri e balestrieri, dei bambini. Ancora oggi a Bolsena la festa di Santa Cristina è quella più intimamente legata all'animo popolare, indubbiamente la più sentita.

La tradizionale festa inizia all'alba del 23 luglio con la celebrazione dell'Eucaristia sulla tomba della martire, nella basilica ipogea, per l'occasione e per antica tradizione riccamente addobbata di fiori. Nella notte l'immagine della patrona viene trasportata dalla basilica a lei intitolata  alla chiesa parrocchiale del Salvatore, ancora           oggi tra una folla di popolo festante. Sulle cinque piazze che il corteo attraversa vengono rappresentati, dagli abitanti di Bolsena, altrettanti episodi tratti dalla leggendaria passione di Cristina, fino all'episodio finale, sulla spianata della Rocca Monaldeschi, dove viene rappresentata la morte del padre Urbano trascinato all'inferno dai diavoli.

Il mattino del 24 luglio, giornata che il calendario liturgico dedica alla Santa, l'immagine fa ritorno alla basilica di Santa Cristina e, lungo il percorso, ancora cinque rappresentazioni caratterizzano la processione. Particolarmente toccanti le scene del martirio: delle serpi, del taglio della lingua, delle frecce e della gloria. I bolsenesi, da sempre, amano chiamare tale forma di drammatizzazione: "I Misteri". Una manifestazione unica nel suo genere: una "vera reliquia del dramma sacro" nata e sviluppatasi, per secoli, dall'amore di un popolo per la sua giovane e indomita patrona.

Commenta su Facebook

Accadeva il 19 ottobre

"Frantoi Aperti" compie vent'anni. Eventi a macchia d'olio nei borghi dell'Umbria

"Autunno. Archeologia, Arte, Architettura", quattro incontri alla Rocca dei Papi

La Zambelli Orvieto si ferma sul più bello e cede il passo a Caserta

Liste d'attesa...di morire

Orvieto FC, secondo anno di iscrizione a tutti i campionati della Figc

Gloria in Excelsis Deo

A Sferracavallo Dom Quix realizza un'opera murale dedicata ad Aldo Netti

"Festa dell'Aria". Parrano BioDiversa riflette su qualità dell'aria e cambiamenti climatici

Erasmus+, tra gli studenti che partecipano anche quelli dell'Agrario di Fabro

"Il Governo eroghi risorse necessarie alla gestione dei servizi da parte della Provincia"

Pampepato, via al percorso per il riconoscimento della certificazione Igp

"World Francigena Ultramarathon", domenica l'arrivo dei partecipanti

Volatili

Nuova sede di Cittaslow International, incontro con il presidente Stefano Pisani

La Fondazione "Peres center for peace" premia la presidente della Regione Catiuscia Marini

Zambelli Orvieto scontenta ma pronta a lavorare per migliorare

Sì della giunta al Piano per il passaggio a tariffa puntuale sui rifiuti

Amerina, convenzione tra Comune e Provincia per concessione di aree di pertinenza stradale

Sì al progetto per opere di urbanizzazione in vocabolo Fosso Fanello

Giornate della Castagna, nel secondo weekend arriva il Palio degli Asini

Rinnovato il Consiglio Provinciale dell'Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali di Perugia

"Ospedale da campo. Memorie di un medico cattolico dalla guerra di Libia a Caporetto"

Il punto di Guido Barlozzetti: "Una brutta notizia"

Riscaldamento in Via Scalza, Olimpieri (IeT): "In assenza di interventi Ater, provveda il Comune"

"La Libreria dei Sette di Orvieto compie 95 anni...e adesso rischia la chiusura. Parliamone!"

Autunno ricco di proposte alla Biblioteca Comunale

Il Boni pronto a volare. Aperta la campagna abbonamenti, via alla nuova stagione teatrale

Sogni incrociati

Bollette pazze, Olimpieri (IeT) chiede conto con un'interpellanza dell'accaduto

L'Istituto Agrario di Fabro vola in Sicilia per conoscere la cooperativa "Lavoro e non solo"

Le impressioni di capitan Serena Ubertini dopo l'esordio vincente della Zambelli Orvieto

Uffici postali. Gori: "Bene tavoli confronto regionale, impegno comune evitare riduzioni servizio"

Ceramica, Paola Biancalana e Andrea Miscetti sul podio del concorso "Il segno del tempo"

Forza Italia: "Acquapendente invasa dai topi, c'è troppa immondizia in giro"

In marcia con la Polisportiva verso la chiesa della Madonna di Loreto

Le tre slide mancanti di Palazzo Chigi

"Senza Monete" compie tre anni. Festa all'Emporio del Riuso e dello Scambio

Per "Lezioni di Storia" al Teatro Mancinelli arriva Alberto Mario Banti

Mano tesa tra la Scuola di Musica "Casasole" e la Filarmonica "Mancinelli"

Sicurezza all'ex caserma Piave con "Crash Scene. Indicazioni Salva Vita"

Dopo otto anni torna il "Bollettino sulla situazione economica e sociale dell'Area Orvietana"

Case popolari, c'è il bando. Per la presentazione delle domande c'è tempo fino al 29 novembre

FotograMia

Giubileo, in corso le iniziative per le Settimane della Misericordia

Torna l'Operazione Mato Grosso. Giovani al lavoro a sostegno dell'America Latina

"Aspettando Halloween". Festa alla sala parrocchiale della Segheria

"Non c'è sicurezza senza prevenzione". Sul tavolo, le criticità del territorio umbro

Ritrovato l'uomo smarrito nei boschi. Terzo caso in quindici giorni

Orvietana, faccia a faccia con i due fratelli Fillippo e Giuliano Avola

Al frantoio Cecci di Monterubiaglio torna "Pane e Olio". Le degustazioni si fanno solidali

Ilaria Alpi si è suicidata?

"Arte sui muri. Street art e urban art". Giornata di studi all'Università della Tuscia