cultura

La nostra storia: l’alluvione del ‘65. Due furono i morti per annegamento, quasi tre milioni di lire le risorse elargite per i danni

venerdì 15 febbraio 2013
di Santina Muzi
La nostra storia: l’alluvione del ‘65. Due furono i morti per annegamento, quasi tre milioni di lire le risorse elargite per i danni

Come abbiamo potuto dimenticare l'alluvione del '65, l'ultima grande alluvione a memoria d'uomo, che causò ingenti danni alla campagna e provocò perfino due morti per annegamento?
In quell'anno, del tutto nella norma dal punto di vista meteorologico, verso la fine del mese di agosto cominciò a piovere insistentemente e continuò per parecchi giorni tanto che il 1 settembre il Paglia esondò allagando tutto il Piano. Stessa cosa per gli altri corsi d'acqua, considerato che il Paglia non riceveva più. Il fosso della Rocca, il Romealla, il fosso dell'Abbadia e perfino i fossi che scendevano dalla rupe come il fosso di San Benedetto nella zona del ponte e l'altro che passa alla Pescara in prossimità della Castagneta uscirono dall'alveo e si riversarono sulla campagna... Chi ancora dopo una decina di giorni si affacciava dalla Gonfaloniera, tra la rupe e Le Crete non vedeva altro che un mare d'acqua da cui spuntavano i tralicci della Centrale elettrica. E non ci sono dubbi sulla data, confermata da documenti e telegrammi tra il presidente dell'Ente Comunale di Assistenza e la Prefettura di Terni tuttora conservati all'Archivio di Stato di Orvieto. Tutto il cartaceo sull'evento fa riferimento all'alluvione del 1 settembre 1965. (A.S.O. ECA, b. 41)

La situazione già grave fu resa tragica dalla perdita di due vite umane: il 2 settembre nella frazione di Benano un quarantenne moriva per annegamento scivolando in un fosso in piena mentre in una modesta abitazione semidistrutta dall'acqua, nel tempo in cui i genitori erano intenti a spalare la melma, un bimbo di 6 anni sfuggito al controllo, senza che nessuno se ne accorgesse cadde in una pozza lasciata dall'alluvione.
In tanta disperazione non ci furono allora danni alle attività produttive o alle abitazioni del Piano dato che la Val di Paglia era prevalentemente destinata all'agricoltura.

Se c'è una cosa che sorprende in questo evento disastroso è senza dubbio la tempestività degli interventi. Per l'alluvione del ‘65 non ci fu bisogno di ripetuti solleciti per ottenere il riconoscimento dello stato di calamità: già il 4 settembre, a soli 3 giorni dal disastro, la Prefettura di Terni, "in considerazione delle recenti eccezionali intemperie", confermava al Presidente dell'ECA l'integrazione straordinaria di bilancio di £ 1.500.000 lire (un milione e cinquecentomila) e, a seguire, il giorno 8 settembre "la medesima Prefettura" aggiungeva "altra integrazione straordinaria di £ 1.500.00 a favore delle famiglie più bisognose, con esclusione di ogni utilizzazione per i lavori". Quindi già il 10 settembre si era formata una Commissione composta da Cinelli Corrado presidente dell'E.C.A. di Orvieto, Giulietti prof. Arturo Vademiro in rappresentanza del Sindaco, Bonci dottor Costante tecnico dell'Ispettorato dell'Agricoltura, Lombardi mar.magg. Stefano Comandante Stazione Operativa Carabinieri Orvieto, Cerasoli brig. Angelo Comandante Stazione Carabinieri Orvieto Scalo.

Nello stesso giorno la Commissione, alla presenza di Pistelli Nicodemo segretario dell'ECA, cominciò ad esaminare le prime domande pervenute da parte di famiglie danneggiate dall'alluvione. In particolare i primi aiuti andarono alle famiglie Ciucci e Renzi colpite dal lutto per cui la Commissione deliberò di sostenere le spese per le onoranze funebri e di assegnare la somma di £ 150.000 ciascuna. Con il sostegno ad altre due famiglie in situazione di urgente necessità, complessivamente in questa prima riunione vengono elargite £. 320.000.

Da settembre ‘65 a maggio '66 seguiranno altre riunioni, cinque in totale, ed altrettante elargizioni, sempre in base ai danni subiti e confermati dai Carabinieri.
Così, se si considerano le domanda di assistenza presentate da piccoli agricoltori e mezzadri residenti su un territorio che andava dalla città sulla rupe a Benano, Bardano, Rocca Ripesena, Ponte del Sole, Sferracavallo, Riorso, la Patarina, le Conce, l'Acquafredda, Tordimonte, Corbara, Ciconia, la Capretta, Morrano, Bagni, non si può non concordare sugli ingenti danni riportati dal settore agricolo.

L'integrazione prefettizia costituiva un piccolo input per la ripresa, non era sufficiente a coprire l'intero ammontare dei danni, assicurava solamente una copertura del 10% ai più bisognosi. Infatti, se numerose e di una certa consistenza risultano le segnalazioni inviate, molto più ridotta è la cifra assegnata, come ridotto è il numero delle persone risarcite. In totale, con le cinque elargizioni, vennero assegnate £. 2.952.000.

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 marzo

"Ficulle, Borgo del Belvivere". Progetto aperto, verso l'Ospitalità Diffusa

Al Mancinelli, "Ferite a Morte" di Serena Dandini. Con Lella Costa per dire "No" al femminicidio

"Le Elezioni viste della Rete", gli esiti del seminario all'Unitus

La Fit'n Dance Academy vola a Barcellona per il Campionato Mondiale di Danza

Paparelli al food show "Ciao Italia": "Grande vetrina per le produzioni umbre di qualità"

Vetrya, nuovo contratto con Vodafone Spagna per erogazione servizi mobile payment

Da Allerona Scalo, gli indirizzi pastorali del nuovo parroco

Le more

Le opere di Rita Paola in esposizione al Museo Colle del Duomo

Apertura straordinaria ed eventi in Biblioteca per la Settimana dell'Arte

"Orvieto per Tutti" sul centro storico: "Quale è il progetto?"

"Esercizio in tre atti per ritrovare le ragioni del legame tra luogo e comunità"

Pantano

Al Museo Civico di Zoologia presentazione del libro "Il mio primo grande libro sugli pterosauri"

Nuova seduta per il Consiglio Provinciale. L'ordine del giorno

Torna "Storie Sottobanco", i giovani studenti umbri diventano scrittori e si mettono in gioco

Alluvione, sei anni dopo. Il Comitato 12 Novembre 2012 sollecita interventi

Nessun dietro front su Piazza del Popolo. Aperto il confronto anche sul commercio

Inizia dal Porto Romano di Pagliano, la sensibilizzazione sull'Art Bonus

La soprintendente Margherita Eichberg in visita al Parco di Vulci

"Maremma d'aMare". Al via la quinta fiera delle tradizioni maremmane

L'Asd San Venanzo festeggia mezzo secolo di storia

Orvietana, Fatone spara sui "gufi"

Ingresso gratuito per tutti gli studenti per il docufilm "Pertini. Il Combattente"

A Magione si accendono i motori, driver e scuderie orvietane non stanno a guardare

"Coloriamoci di lilla". Luce accesa sui disturbi del comportamento alimentare

Brunori Sas, sold out la tappa umbra di "A Casa Tutto Bene Tour"

Michel de Montaigne per il secondo incontro dell'Osteria Philo

Alla Casa Laboratorio "Il Cerquosino", torna il progetto Erasmus Plus

Valeria Deanesi pronta al gran finale della Zambelli Orvieto

Il vescovo Benedetto Tuzia visita il Vicariato di San Terenziano

Under 20, seconda giornata del concentramento interregionale

A Villalba la “Sagra della Primavera”

Parlando di una lei

Nuovo team ufficiale Osella, a Fattorini la guida della PA30 V8 Zytek Evo

Ultimi giorni per visitare la mostra "Etruschi à la carte" e una nuova esposizione di carattere archeologico

Spacciavano droga a minorenni, in manette giovani orvietani

Quaresima: la guarigione pericolosa

Operazione Albornoz, tutti i dettagli del blitz

Lavori pubblici, quasi mille imprese iscritte nell'elenco regionale

"Slow life / Slow city. Ambiente, architettura, paesaggi del cibo: le piccole città del buon vivere come modello per le comunità urbane"

Eccidio di Camorena, corteo cittadino e presentazione del libro "Gli uomini di Mussolini"

La droga veniva nascosta nelle batterie, le foto

"Mille giorni di fallimenti politici e di arroganza". Olimpieri (IeT): "Germani alla frutta"

"Respira Parrano", Comune ed Università avviano lo studio aerobiologico dell'aria

Provincia, mobilitazione no tagli. "Niente più risorse per le strade", venerdì iniziativa per le scuole

Marcia per l'Europa, nel 60esimo anniversario dei Trattati di Roma

Bellezza ferita dal sisma, visita alle opere d'arte custodite a Santo Chiodo di Spoleto

Convenzioni tra ospedali, ad Acquapendente due medici specialisti di Orvieto

Riunito il "Tavolo Verde", dai provvedimenti post-sisma forte accelerazione pagamenti Psr

Asd Pm Pertica Orvieto: Vice Campioni Nazionali al campionato italiano a staffetta di pentathlon moderno

Settimana dell'Arte all'Istituto di Istruzione Artistica Classica e Professionale

È @governo.it, bellezza!

Al via la terza edizione del Master per gli "investigatori dell'arte"

Terza edizione per il Festival Nazionale dell'Educazione

"Fiorito è bello". Laboratorio di Primavera alla Biblioteca Ragazzi

Dio

Porano

Ampliata l'offerta di trasporto pubblico tra San Venanzo e Marsciano