cultura

Mostra "Cittaslow mail art" al Palazzo del Gusto nel complesso di San Giovanni

giovedì 19 aprile 2012
Mostra "Cittaslow mail art" al Palazzo del Gusto nel complesso di San Giovanni

Si terrà dal 29 aprile all'8 giugno al Palazzo del Gusto nel complesso architettonico di San Giovanni la mostra "CITTASLOW MAIL ART - Living fast/living slow, vivere veloce/vivere piano" dell'artista olandese Toon Joosen di Chaam che, domenica 29 aprile alle ore 18 sarà presente alla cerimonia di apertura.

La Mostra rimarrà aperta con orario 8,30 / 13 - 15 / 17 (altri orari su prenotazione).

"Mail art: l'arte della posta"
Pezzetti d'arte di tutto il mondo, vengono scambiati entro una rete alternativa di artisti. Mail art ha le sue origini nel movimento Flexus, che dagli anni ‘70 opera per avvicinare l'arte (figurativa) alla vita sociale. Si comunica con lettere, cartoline e tramite tutto ciò che richiede un francobollo. Il Museo, virtuale, di Instant Images, ha così costruito in 30 anni un archivio di migliaia di pezzi e viene gestito da Mr. Colori, pseudonimo con il quale Toon Joosen di Chaam è conosciuto nelle mail art networks di tutto il mondo.

Living fast/living slow (vivere veloce / vivere piano) è una presentazione internazionale di modi diversi sull'idea del vivere: con calma, slow oppure il suo contrario, veloce, fast.  Da oltre 30 paesi, 150 artisti hanno dato il loro contributo a questa esposizione di Orvieto. Il tema della mostra Living fast/living slow è riferito al messaggio internazionale di Cittaslow, la dinamica della vita moderna e la lentezza positiva che si trova nei villaggi, nella natura, e in campagna. Alla mostra parteciperanno artisti appartenenti ad una rete mondiale ai quali è stata chiesta una propria interpretazione del tema interpretato in tutti gli stili, tecniche, forme libere.

La rete è aperta a tutti e non conosce censure o giuria. Tutte le opere spedite tramite posta ordinaria e dal momento del ricevimento diventano proprietà dell'organizzatore. Una spedizione forma un unicum completo, sia il contenuto, come la presentazione della busta testimoniano la visione dell'artista: il risultato è una straordinaria gamma di interpretazioni da tutto il mondo attorno all'arte e il tema prescelto.
Cosa si aspettano in cambio i partecipanti? Su un weblog vengono pubblicate tutte le presentazioni, le opere sono messe i mostra, i partecipanti ricevono un catalogo complessivo con le opere, in modo che tutti possono farsi un'idea dell'insieme dei contributi al progetto.

La prima mostra ha avuto luogo a Settembre 2011 nella QS Gallery del Museum of Instant Images a Chaam (Cittaslow olandese) e si muoverà in altre sedi in l'Olanda e Italia; inoltre, sarà poi diffusa lungo la rete dei Comuni Cittaslow (70 in Italia, 152 in 25 paesi). L'allestimento ad Orvieto è il primo in Italia ovvero nel luogo dove è stata ufficialmente fondata Cittaslow (il 15 Ottobre 1999al Teatro Mancinelli) e dove trova spazio la direzione generale e l'archivio dell'Associazione dalla sua nascita.

CITTASLOW MAIL ART
Cittaslow è una Rete di comuni a livello Internazionale (fino a 50.000 abitanti) nata in Italia nel 1999 dall'intuizione di Paolo Saturnini, allora Sindaco di Greve in Chianti, fatta propria dai Sindaci delle città di Bra, Orvieto e di Positano, e accolta da Carlin Petrini, Presidente di Slow Food. L'obiettivo era ed è quello di allargare la filosofia di Slow Food alle comunità locali e al governo delle città, applicando i concetti dell'eco-gastronomia alla pratica del vivere quotidiano.

I Comuni che aderiscono all'associazione sono: animati da individui curiosi del tempo ritrovato, dove l'uomo è ancora protagonista del lento, benefico succedersi delle stagioni; rispettosi della salute dei cittadini, della genuinità dei prodotti e della buona cucina; ricchi di tradizioni artigiane, di preziose opere d'arte, piazze, teatri, botteghe, caffè, ristoranti, luoghi dello spirito e paesaggi incontaminati; sono caratterizzati infine,della spontaneità dei riti religiosi, dal rispetto delle tradizioni, dalla gioia di un lento e quieto vivere. La qualità dell'ambiente di vita è l'altro elemento importante per un Comune Cittaslow che significa: perseguire con ogni mezzo un ambiente sano, una particolare attenzione alle qualità paesaggistiche, le infrastrutture per i servizi e la sostenibilità, investire a favore delle nuove generazioni.

Commenta su Facebook