cultura

"Segni di luoghi": post-lettura di Teresa Mariniello

domenica 12 dicembre 2010
di Teresa Mariniello

Quando ho terminato la lettura dei bei racconti di Laura Ricci questi mi sono apparsi come tenuti da due fili; leggeri, nel senso calviniano del termine, stavano sospesi su di me che li guardavo vibrare nell'aria, intrecciati eppure liberi tra loro.
Il primo filo riguarda le scelte di vita delle protagoniste: tutte, mosse da un'interiorità complessa e ricca, tutte, in ricerca di una giusta espressione di sé, sono senza un compagno di vita. Eccetto la prima, appaiono mano a mano vedove, nubili, single, amanti, separate, e nessuna di queste è felicemente, o meglio "pienamente", con un uomo.
Non si sente, in questa condizione, né il peso della rinuncia né quello della sofferenza, è come esprime bene Norma: ...e senza un forte e convinto desiderio non aveva nessuna intenzione di rinunciare, per un marito di comodo, a quel che riteneva il suo bene supremo: la sua piena, interiore libertà.

La libertà le protagoniste la vivono in luoghi cittadini, insieme a sentimenti come accoglienza, armonia, calore. Si tratta di città diverse tra loro ma, ogni volta, sono lo sfondo appropriato alla storia delle protagoniste e hanno nella piazza un segno del loro carattere; è qui che queste donne aprono il loro cuore, qui trovano conforto e confronto, qui affermano infine la loro identità.

La piazza ha comunemente connotati di apertura, dal latino platea "strada ampia", dal greco πλατύϛ "largo"; dall'antichità classica è luogo di scambio, di incontri, di rappresentazione del potere politico e religioso, è un possibile crocevia di genti, fino ad essere in tempi moderni, a partire dagli interventi di Haussmann a Parigi con la creazione dei famosi boulevards, snodo stellare in cui convergono lunghi assi stradali, e per agevolare i nascenti problemi di traffico e per offrire vedute prospettiche centrali su monumenti di rilievo.

Il secondo filo che tiene i racconti individua la piazza come luogo in cui si esprime l'interiorità delle protagoniste; i loro dubbi, percorsi, scoperte, decisioni, desideri.
E a prima vista sembra una contraddizione, ma la piazza è, oltre le cose dette, anche il luogo della memoria collettiva, della testimonianza delle vicende umane che si sono accumulate nel tempo e poi sedimentate e ancora accresciute per i tanti eventi pubblici e privati; tracciati di vie, segni di confini, costruzioni di guglie e lastricati, pozzi e lavatoi, angeli oranti e obelischi carichi di vittorie non sono altro che gli anelli di un grande albero che vive e respira.

La memoria è la coscienza della città e la percorre tutta come fosse linfa, così come accade a ogni persona.
La memoria è rinnovata ciclicamente dalla celebrazione dei riti, e questi mutano a seconda delle generazioni che si succedono, arricchendosi di nuovi elementi o trasfigurando i vecchi, ma lasciando sempre il nocciolo antico, la realtà primigenia che occorre ricordare.
E questa non è altro che la relazione particolare tra il sito e coloro che lo hanno scelto come proprio, che lì, precisamente lì, hanno edificato la casa collettiva, la città.

Esiste una vocazione del luogo a farsi architettura, esiste una relazione tra una situazione ambientale e la costruzione che sorgerà; il sito era, ma ancora oggi è a ben sentirlo, vissuto dal "genius loci", da un'antica divinità intermedia che presiede e cura quanto c'è e poi si svolgerà di ampiamente collettivo su quella terra appena arata.

I punti singolari e caratteristici sono ancora presenti nelle città, talvolta si tratta di un'altura con un bosco ombroso in cui è accaduto un avvenimento peculiare, oppure di un anfratto roccioso pieno di echi, o spesso di una polla d'acqua che diventa sorgente, che diventa fontana, che diventa punto focale di una piazza.
Non a caso vicino alla fontana Gaia in Piazza del Campo a Siena trova rifugio Chiara quando la sua anima è in pena, al cuore liquido e trasparente unisce il suo infiammato e frantumato, nel fluire lento e cheto si rasserena come in una vecchia ninna nanna; sembra quasi che senta le vecchie voci senesi che salutavano contente l'arrivo dell'acqua nella piazza e così la battezzavano. Gaia. In ricordo.
Così Chiara torna alle sue origini, all'essenza di sé, del sentimento difficile che in quel momento vive, accucciata nella forma di conchiglia della piazza prende forza per uscire dal conflitto con una nuova consapevolezza, ben allineata col forte senso civico di giustizia che sempre l'ha animata.

E in questo simile a Chiara è Norma, anche se distante nella cultura e negli anni; all'apparenza relegata in un ruolo antico è in realtà più autonoma e lucida nel compiere la scelta della sua vita, vivere non un solo amore fin troppo nobile, ma un sentimento caldo e allargato a quanti si affacciano alla sua esistenza.
La cornice è questa volta la Piazza Ducale di Vigevano, sobria e raccolta, elegante e uniforme nei suoi portici, geometricamente definita in un unicum intorno al vecchio foro di cui reca traccia l'invaso spaziale, ben adatto a diventare successivamente la splendida anticamera del Palazzo Ducale. L' abbraccio di Norma si rispecchia in quello dei portici, ritmati dall'interasse delle colonne e dai calmi passi quotidiani; come un'ombra leggera appare la figura della donna proiettata sull'acciottolato di sassi.

Così la vedo nella bella foto di Ambra Laurenzi che chiude i racconti e quasi ci saluta, mentre prima, seduta e immersa nella lettura, con ancora uno sfondo di superficie lavorata, ci invitava a fare altrettanto. Leggere e insieme godere delle immagini: piazze con lunghe proiezioni d'ombra che aiutano a percepire l'altezza degli edifici, fasci di colonne ornate da tralci di vite, figure allegoriche con sfondi di alti azzurri, timpani dorati che catturano luce.
Viste di scorcio, particolari enucleati meglio colgono i segni che caratterizzano una città, vicino è la voce di Italo Calvino nel suo dire: " ...la città non dice il suo passato, lo contiene come le linee di una mano, scritto negli spigoli delle vie, nelle griglie delle finestre, nei corrimano delle scale...".


Questa notizia è correlata a:

"Dodecapoli": 12 racconti di Laura Ricci con 26 tavole fotografiche di Ambra Laurenzi

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 24 gennaio

"Più o meno alle tre" con i Lettori Portatili. Andrej Longo presenta "L'altra madre"

Sabato 28 gennaio casting per il nuovo film di Alice Rohrwacher

Nello scavo della piramide di via Ripa Medici ritrovato il cibo degli Etruschi

Corso di Sociocrazia con Pierre Houben all'Auditorium

Orvieto, Via del Corso

L'Orvietana Rugby vince ancora al De Martino

Olimpieri (IeT): "Con Germani il Comune torna a privatizzare"

Prima seduta del nuovo Consiglio Provinciale, convalida degli eletti e giuramento del presidente

Ad aprile torna la Coppa degli Etruschi

Fabrizio Bentivoglio porta "L'ora di ricevimento" al Teatro Comunale di Todi

Imprese Creative, a disposizione 2,8 milioni di euro. Illustrati i criteri del primo bando regionale

Oltre 400 richieste in due mesi nei punti informativi di Sii, Ati e Assoconsumatori

Promozione turistica, l'Umbria presente per la prima volta all'Holiday World di Dublino

Atletica Libertas Orvieto, tanti gli eventi e le manifestazioni in arrivo nel 2017

Seduta plenaria della Pro Loco per l'approvazione dei bilanci

Prima seduta del consiglio comunale. In quindici punti l'ordine del giorno

Al Teatro Santa Cristina, il recital "...ed ora sono nel vento..."

Sisma, si riunisce comitato istituzionale. Marini: "Massimo supporto a sindaci dall'ufficio speciale ricostruzione"

Studenti in Comune per presentare "Testimoni della Memoria. Il nostro viaggio in Polonia"

Linea ferroviaria Orte-Foligno-Perugia, ripristinate due fermate

Cena a base di solidarietà. Serata speciale organizzata dai ragazzi dell'Oratorio San Filippo Neri e dagli studenti dell'Alberghiero

Donne vittime di violenza, in Regione firmato il protocollo per l'inserimento lavorativo e sociale

Sottoscritto il protocollo d'intesa tra Perugia e Orvieto per l'iscrizione delle Città Etrusche al Patrimonio Unesco

Al Teatro Boni va in scena "L'istruttoria" di Peter Weiss

"Viaggio nell'Operetta". Seconda tappa con Katia Ricciarelli e Andrea Binetti

Iaia Forte al Teatro Boni con "Tony Pagoda. Ritorno in Italia"

Benedizione dei Trattori a Ciconia. Gli agricoltori offrono il frutto del loro lavoro

"Comunicare speranza e fiducia nel nostro tempo". Il vescovo incontra i giornalisti per S.Francesco di Sales

Incontro su "La persecuzione in Europa e i suoi effetti anche a San Venanzo"

Uisp, la squadra Umbria Nuoto master cresce

Meteo

mercoledì 24 gennaio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 6.5ºC 72% buona direzione vento
15:00 11.6ºC 71% buona direzione vento
21:00 4.6ºC 94% buona direzione vento
giovedì 25 gennaio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 5.7ºC 92% buona direzione vento
15:00 10.5ºC 73% buona direzione vento
21:00 6.4ºC 97% buona direzione vento
venerdì 26 gennaio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 6.6ºC 92% buona direzione vento
15:00 9.5ºC 91% buona direzione vento
21:00 7.9ºC 96% buona direzione vento
sabato 27 gennaio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.0ºC 98% foschia direzione vento
15:00 10.2ºC 92% buona direzione vento
21:00 8.5ºC 97% buona direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni