cultura

Risorgimento e "crisi" nella storia dell'Italia unita. Incontro con Simone Visciola organizzato dall'associazione ex alunni del Liceo Classico

sabato 20 novembre 2010

Lunedì 22 Novembre, alle ore 17.30, presso la Sala del Governatore - Palazzo dei Sette, l' Associazione ex Alunni del Liceo Classico di Orvieto celebrerà il 150° dell'Unità d'Italia con una conferenza del prof. Simone Visciola, Università di Firenze, sul tema: Risorgimento e "crisi" nella storia dell'Italia unita.

La storiografia si configura come una disciplina fortemente legata alla cultura, agli ideali, ai valori di una società. Gli storici, nel ricostruire il passato, si fanno portatori di idee generali e di opzioni politiche, promuovono cultura, animano correnti, intervengono nel dibattito pubblico. Ciò vale e continua a valere per gli storici di tutti i paesi e di tutte le epoche. Ma questa tendenza rappresenta il tratto peculiare della cultura storiografica italiana, la quale, dal Risorgimento fino ai nostri giorni, è stata segnata a fondo da un confronto/scontro di marca politico-ideologica: aspetto che ha qualificato la storiografia come espressione centrale della cultura politica del "belpaese". In altri termini, si può dire che il confronto fra gli storici in Italia abbia quasi sempre rappresentato una sorta di prolungamento sul terreno culturale della contrapposizione ingaggiata nell'agone politico.

Dal Risorgimento all'età liberale, dal difficile tornante di fine secolo alla Grande guerra, dal fascismo alla repubblica, il "corpo" della nazione, lo Stato, la società in Italia si sono trovati a verificare la propria tenuta coesiva sotto l'urto di diverse "crisi", le quali tuttavia non hanno avuto esclusivamente natura strictu sensu "politica". Vale a dire che non hanno necessariamente condotto ad un cambio di regime. Nella storia dell'Italia unita infatti sono altresì sopraggiunte crisi sociali, economiche, culturali e di costume: prove di difficoltà che hanno costretto da un lato lo Stato e la classe dirigente a trovare vie di uscita; dall'altro hanno fatto registrare la spinta della società civile, la quale, a diversi livelli, non ha evitato di avanzare richieste risolutive. Gli storici si sono resi partecipi delle diverse crisi, vivendole come spettatori e attori allo stesso tempo. Presi nel vortice di quelle crisi medesime, essi si sono caricati di un compito: comprenderne la natura, spiegarne gli effetti, cercarne le radici nel passato, risalendo al "problema d'origine", ossia al complesso processo storico che ha portato alla creazione dello Stato nazionale: il Risorgimento. Dal 1861 in avanti, interrogarsi, rileggere, reinterpretare, riscrivere il giudizio sul momento fondante dello Stato nazionale e sui suoi esiti ha significato per la cultura storiografica italiana la costante su cui far leva al sopraggiungere di ogni condizione "critica". Su quali basi e su quali presupposti l'Italia ha conquistato l'indipendenza e ha inaugurato il proprio cammino unitario? Su quali basi e su quali presupposti è stata data forma al nuovo sistema politico? Con quali modalità si è cercato di integrare il "corpo della nazione" nello Stato? Nel porsi queste domande, la cultura storiografica - attraverso differenti paradigmi e moduli interpretativi - ha offerto il proprio contributo volto a individuare nel passato gli aspetti da valorizzare e i difetti da correggere, nella ricerca della "chiave di volta" in grado di aprire l'uscio dal quale allontanare la crisi.

SIMONE VISCIOLA insegna Storia contemporanea nel corso di Laurea in Scienze Umanistiche per la comunicazione dell'Università degli Studi di Firenze. Già nominato Professeur Invité d'histoire contemporaine presso l'Université de Poitiers (France) nell'a.a. 2008-2009; svolge attualmente lezioni come Visiting Professor alla Stanford University - Palo Alto California (Campus in Florence). Si occupa di storia della storiografia; storia del Risorgimento; storia politica e sociale italiana ed europea fra Otto e Novecento. Sta lavorando alla biografia dello storico risorgimentista e antifascista Nello Rosselli al quale ha dedicato diversi saggi specifici. Fra i suoi lavori: I Rosselli : eresia creativa, eredità originale, con G. Limone (Napoli, Guida, 2005); Il volontariato nel Risorgimento e il mito di Garibaldi "condottiero della nazione", «Archivio Storico Italiano» (2007); Su Garibaldi e il volontariato. La "narrazione" della nazione, l'"invenzione dell'eroe", il mito. Fra storia, storiografia e questioni militari, in Garibaldi innamorato (Firenze, Polistampa, 2009); Carlo Rosselli. Scritti scelti di economia, con A. de Ruggiero (Firenze, Le Monnier 2010); Interpréter le Risorgimento pour sortir des crises, in J.Grévy (dir.), Sortie(s) de crise. (Rennes, PUR, 2010).

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 13 dicembre

Ludovico Cherubini strepitoso a Spoleto, fa suo l'Open Regionale Assoluto di Spada Maschile

Mostra collettiva d'arte per gli studenti del Gordon College

A grande richiesta al Mancinelli torna per il sesto anno "Canto di Natale"

All'Unitus si parla di "Evoluzione delle tecnologie in ambito digitale" e "Project Management"

Promozione della lettura, sì della Regione allo schema di protocollo d'intesa con l'Associazione italiana biblioteche

"Disagio e pregiudizio minorile", convegno in sala consiliare su bullismo e violenza

Un aquilone, forse

Di fiori

Il colonnello Maurizio Napoletano alla guida del Comando militare dell'Esercito Umbria

Concerto Baratto per la Caritas. Maurizio Mastrini al Teatro degli Avvaloranti

Un'ordinanza del sindaco vieta l'accesso alla frazione di Pornello per motivi di sicurezza

Consumo di alcolici, i dati dell'indagine "Passi" nel territorio

In sala consiliare c'è il convegno su minori stranieri non accompagnati

All'Auditorium Comunale va in scena "Il Presidente, una tragica farsa"

Ussi Umbria si conferma campione d'Italia. Finale dedicata a Dante Ciliani e ai terremotati

"Natale in Musica", tutti i concerti della Scuola Comunale di Musica "Adriano Casasole"

Paolo Maurizio Talanti rappresenta il Comune di Orvieto nel consiglio direttivo di Felcos Umbria

Via le auto da Piazza della Pace, c'è la pulizia straordinaria

"Venite Adoremus". Concerto in Duomo della Corale "Vox et Jubilum"

Giornata di Studio per la Polizia Locale, tanti gli argomenti affrontati

Sei incontri per "Stare bene a scuola e a casa". Via al corso promosso da Iisacp, Orviet'Ama e Sert

Milano, troppo Milano o forse no

Elegia per una morte cattiva

Percorrevo con te una assolata

"Lazio in gioco", l'Istituto "Leonardo da Vinci" per il contrasto alla dipendenza da gioco d'azzardo

"Natale sicuro", la polizia intensifica il controllo del territorio

Meteo

mercoledì 13 dicembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
21:00 3.7ºC 91% buona direzione vento
giovedì 14 dicembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.1ºC 95% foschia direzione vento
15:00 10.9ºC 92% buona direzione vento
21:00 7.5ºC 98% buona direzione vento
venerdì 15 dicembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.0ºC 95% scarsa direzione vento
15:00 10.4ºC 98% foschia direzione vento
21:00 7.0ºC 98% discreta direzione vento
sabato 16 dicembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 6.1ºC 97% scarsa direzione vento
15:00 6.6ºC 87% buona direzione vento
21:00 3.2ºC 94% buona direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni